La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LUOMO, ESSERE MORALE Luomo è ununità indissolubile di anima e corpo è costituito da organi fisici e da facoltà spirituali (intelligenza, volontà, sentimento)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LUOMO, ESSERE MORALE Luomo è ununità indissolubile di anima e corpo è costituito da organi fisici e da facoltà spirituali (intelligenza, volontà, sentimento)"— Transcript della presentazione:

1

2 LUOMO, ESSERE MORALE

3 Luomo è ununità indissolubile di anima e corpo è costituito da organi fisici e da facoltà spirituali (intelligenza, volontà, sentimento) che sono in armonia e cooperano. Male fisico e male morale Lessere umano, a differenza degli altri esseri viventi, non soltanto può avere dei mali, ma può star male dentro

4 Male fisico e male morale Il dolore fisico (il male che si ha): può essere rimosso o alleviato es. disinfettare la ferita, mettere un cerotto, prendere un anti- dolorifico ha una sua logica: è prodotto da cause naturali perlopiù comprensibili e prevedibili es. il bambino è caduto dalla bicicletta e si è graffiato il ginocchio sullasfalto ha durata e intensità in buona misura prevedibili e controllabili es. non muovere la gamba lesa per una settimana, la ferita rimarginando farà meno male

5 Male fisico e male morale Il dolore morale (il male interiore): non ha un facile rimedio per contrastarlo luomo cerca i piaceri, ma non sono tutti e sempre efficaci es. ubriacarsi o scatenarsi in discoteca per una delusione damore; non cè una pozione magica! non ha durata e intensità prevedibili, perché dipende dallimpatto che ha sulla persona (profondità, reazione, coinvolgimento altrui) può essere causato da unazione compiuta in prima persona il pentimento non è sufficiente per eliminarlo es. la menzogna detta ai genitori per ottenere un permesso altrimenti negato

6 Male morale: il pentimento Dinamica del pentimento 1. è male Considero un mio atto volontario ed emetto tre giudizi: 2. lho fatto io 3. Non voglio farlo più rimorso e disperazione speranza e consolazione

7 Male fisico e male morale genera un cambiamento interiore es. lamico traditore si pente e si scusa, ma la fiducia nei suoi confronti non sarà più completa Ho capito il mio errore. Ti chiedo perdono! Mi tradirà di nuovo? Non posso più fidarmi … può essere causato dall azione di unaltra persona il comportamento altrui è imprevedibile, non cè tutela es. il tradimento di un amico

8 Male fisico e male morale Il male morale ferisce di più del male fisico! E coinvolge gli atti liberi delluomo e la relazione fra persone Le esigenze del vivere personale e sociale sono studiate dalletica Chiama in causa una serie di esigenze morali, ovvero di valori oggettivi che concernono il rispetto dei diritti fondamentali e dei diritti particolari di ciascuna persona (es. giustizia, verità, libertà)

9 Letica o morale descrive i costumi e i modi di agire? stabilisce le leggi che regolano i sentimenti morali delle culture? è una logica del discorso morale? è una disciplina di carattere normativo degli atti umani? Che cosè letica? Contengono elementi utili a rispondere ma non sono esaustive Individua loggetto proprio e il metodo della disciplina etica Gli atti umani (oggetto) richiedono unanalisi sistematica (metodo) per poter essere compresi e orientati letica vuole spiegare i comportamenti umani e guidare lazione

10 È una scienza, perché è sistematica e ha un oggetto e un metodo propri È speculativa, perché studia le regole e i principi che governano il giudizio morale È pratica, perché è rivolta allazione È normativa, perché propone regole e ammonimenti per indirizzare luomo al vivere bene Che cosè letica? OBIETTIVO Significa vivere secondo ciò che conviene alluomo, cioè che realizza pienamente la natura umana letica studia ciò che è bene per luomo e indica ciò che deve fare per realizzarlo è strutturalmente aperta alla verità e al bene Letica è una scienza che si occupa degli atti umani Che cosa significa vivere bene?

11 Che cosè letica? Letica è la scienza di ciò che luomo deve fare per vivere come deve, ovvero per realizzare ciò verso cui e per cui esiste = fine supremo letica è una scienza categoricamente normativa Letica o morale è la scienza categoricamente normativa degli atti umani, secondo la luce naturale della ragione

12 Che cosè letica? ? Quando nasce letica È sempre esistita, perché ha a che fare con la coscienza naturale e spontanea delluomo: luomo si interroga sul senso di quello che è e che fa. Implicitamente, luomo accede alletica attraverso problemi particolari, che lo richiamano al senso della sua esistenza: si domanda il perché dellamore, del dolore, della morte ecc. a riflettere sul nostro agire a comprendere meglio quello che ci accade a migliorare il nostro comportamento a conoscere e a usare sempre meglio la nostra libertà come base per imparare larte di decidere A che cosa serve letica ?

13 Gli atti umani Operazioni della vita vegetativa, gesti istintivi o irriflessi: non sono atti esclusivi delluomo in quanto simili a quelli degli altri esseri viventi Gesti compiuti sotto costrizione, suggestione ipnotica, demenza: sono atti imposti dalla volontà di altri (manca il fine liberamente scelto) Alcuni atti spirituali come pensare, avere evidenze, essere spontaneamente attratti dal bene: derivano direttamente e automaticamente dalla natura umana Nellatto umano entra in gioco la volontà, ovvero la scelta libera, che abbraccia vari elementi: oggetto dellatto (che cosa voglio) fine dellatto (perché lo voglio) mezzi (come lo voglio) circostanze (quando e dove lo voglio)

14 Gli atti umani Latto veramente umano è quello che luomo pone in quanto uomo e che porta quindi limpronta della sua differenza specifica. È solo latto libero, cioè quello compiuto attraverso la volontà del soggetto. QUINDI Sì, sono molti, perché avvengono a catena: un atto umano di decisione, di promessa, dimpegno, determina una serie di atti (umani) conseguenti per mantenere la propria volontà coerente con il primo atto: una volta scelti il fine e i mezzi si accettano anche le conseguenze. Sono molti gli atti umani ? Es. Prometto alla mamma di riordinare tutta la mia camera: la promessa implica la rinuncia a uscire con i miei amici e la messa in opera di una serie di azioni.

15 Gli atti umani Lazione delluomo è qualificata moralmente dallintenzione con cui viene condotta una medesima azione dal punto di vista esterno può essere in realtà profondamente diversa perché animata da intenzioni opposte ? Come si giudicano moralmente gli atti umani Per agire in modo moralmente buono è necessario dunque volere il bene ed evitare il male Es. Un ragazzo decide di aiutare unamica a studiare; sa che questo lo rallenterà, ma i due sono legati da una vera amicizia. Es. Un ragazzo decide di aiutare unamica a studiare; sa che questo lo rallenterà, ma spera di far colpo su di lei!

16 Il bene e la felicità Lideale della realizzazione piena della natura umana – che letica persegue - si accorda con laspirazione universale alla felicità piacere, utilità, vantaggio svincolati da ogni principio e indipendenti dai mezzi = adesione al bene oggettivo delluomo VS = realizzazione della propria natura per luomo non è sempre spontanea, ma va conosciuta e voluta il bene è il da farsi delluomo. La percezione del bene cresce e si educa: più luomo riflette su se stesso e sul mondo, più capisce ciò che lo realizza in quanto uomo ciò che egli deve fare per essere pienamente se stesso non è un dovere estrinseco (una legge positiva), ma un dovere intrinseco nella sua natura, ovvero una legge interiore.

17 = legge interiore che indica i precetti per ordinare lazione al bene luomo è in grado di scoprirla con lintelligenza e di rispettarla con la volontà Devono sorreggere dallesterno linstaurarsi o il permanere dellordine morale interiore funzione pedagogica delle leggi e dipendenza del diritto positivo dal diritto naturale Il bene e la felicità Legge morale naturale Ma allora a che cosa servono le regole (descritte dalletica) ? LEGGE MORALE NATURALE

18 Il bene e la felicità Legge morale naturale I suoi precetti caratterizzano trasversalmente e universalmente le culture e i tempi sono fondamentali per la costruzione di una società ordinata Le religioni Ebraica e Cristiana, per esempio, li riassumono nei 10 comandamenti, che prescrivono di: 1.Non avrai altro Dio fuori di me 2.Non nominare il nome di Dio invano 3.Ricordati di santificare le feste 4.Onora tuo padre e tua madre 5.Non uccidere 8.Non dire falsa testimonianza 7.Non rubare 10.Non desiderare la roba daltri 6.Non commettere atti impuri 9.Non desiderare la donna daltri essere fedele rispettare la famiglia e la libertà religiosa non essere schiavo delle passioni sensuali rispettare la giustizia dando a ciascuno il suo non fare volontariamente male ad alcuno

19 Libertà e responsabilità Per scegliere e perseguire il bene oggettivo promosso dalla legge interiore, luomo impegna la sua libertà = è la possibilità di scegliere il bene o il male, di agire o non agire esercitando le facoltà dellintelletto e della volontà Scegliere il bene e il vero rende maggiormente liberi, perché più capaci di non dipendere da condizionamenti interiori (le passioni) o esteriori (le conseguenze delle passioni) La libertà rende luomo responsabile dei suoi atti La dipendenza dai propri impulsi rende luomo tanto poco libero quanto la dipendenza dalla volontà altrui (John Dewey)

20 Le virtù naturali È libero luomo che sa esercitare le virtù naturali = abiti morali delluomo buono, attitudini ferme dellintelligenza e della volontà che regolano gli atti delluomo, ne ordinano le passioni e ne guidano la condotta verso la sua piena realizzazione Sono il frutto di atti moralmente buoni vengono acquisite nel tempo Luomo virtuoso è colui che liberamente e agevolmente pratica il bene Sono 4 le virtù cardinali (hanno funzione di cardine e tutte le altre si raggruppano intorno a esse) e sono disposte in gerarchia: prudenza, giustizia, fortezza e temperanza. Virtù non è sinonimo di correttezza o costumatezza di una singola azione, ma si riferisce alla totalità dellagire umano: luomo virtuoso è giusto.

21 Le virtù naturali Dispone la ragione a riconoscere in ogni circostanza il bene (comprensione della situazione) e a scegliere i mezzi adeguati per compierlo guida il giudizio di coscienza: permette di applicare i principi morali alle situazioni particolari. La conoscenza oggettiva della realtà diventa normativa per lazione ogni altra virtù dipende dalla prudenza. Solo luomo prudente può essere buono. Es. Dormire unora in più al mattino (mezzo) se la sera sono rientrato tardi di certo è un bene per me (fine: riposarmi), ma se implica saltare una lezione importante (circostanza reale), diventa un bene secondario. PRUDENZA

22 Le virtù naturali Consiste nella costante e ferma volontà di dare a ciascuno ciò che gli è dovuto dispone a rispettare i diritti di ciascuno e a stabilire larmonia nelle relazioni umane promuove lequità e il bene comune. È la forma più alta e più autentica della bontà. Es. Un datore di lavoro è giusto se retribuisce i suoi dipendenti proporzionalmente alla mansione loro affidata e non in base alla simpatia personale. GIUSTIZIA

23 Assicura la fermezza e la costanza nella ricerca del bene rende capaci di vincere la paura, di affrontare le prove e di resistere alle tentazioni. È legata per natura alla volontà della giustizia: una volta riconosciuto il bene (prudenza) e aver impegnato la propria volontà per perseguirlo (giustizia), ci si dispone a realizzarlo accettando la possibilità di riportare delle ferite (fortezza)! Es. La mia nonna vive sola e ha piacere ad avere visite. Decido di andare a trovarla e non mi lascio sedurre dalla proposta di andare al cinema, né mi lascio scoraggiare dal fatto che il motorino è senza benzina! FORTEZZA Le virtù naturali

24 Modera lattrattiva dei piaceri e rende capaci di equilibrio nelluso dei beni materiali assicura il dominio della volontà sugli istinti e li orienta al bene. È la più privata fra le virtù cardinali, perché riguarda il rapporto delluomo con le sue passioni. Es. Tipico delle discussioni animate è offendere linterlocutore, spesso con affermazioni e argomenti che non centrano niente! TEMPERANZA

25 Cè una voce nella mia vita, che avverto nel punto che muore; voce stanca, voce smarrita, col tremito del batticuore (G. Pascoli La voce)


Scaricare ppt "LUOMO, ESSERE MORALE Luomo è ununità indissolubile di anima e corpo è costituito da organi fisici e da facoltà spirituali (intelligenza, volontà, sentimento)"

Presentazioni simili


Annunci Google