La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

la legge quadro 104/92 lintegrazione scolastica nella formazione professionale lavorativa sociale A L T R I D I R I T T I Il diritto alla mobilità Le.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "la legge quadro 104/92 lintegrazione scolastica nella formazione professionale lavorativa sociale A L T R I D I R I T T I Il diritto alla mobilità Le."— Transcript della presentazione:

1

2 la legge quadro 104/92 lintegrazione scolastica nella formazione professionale lavorativa sociale A L T R I D I R I T T I Il diritto alla mobilità Le agevolazioniPartecipazione e gestione dei servizi Se la diversità é la norma (e cioè la descrizione normale della condizione infantile e non solo infantile), la Scuola deve strutturarsi normalmente in modo da operare una discriminazione positiva e attiva nel senso che discrimina non già i soggetti cui si dirige ma la intensità e complessità del proprio intervento in ragione delle esigenze diverse cui deve dare risposte efficaci (POF scuola di Mi- Via Russo)

3 DEFINIZIONE ED INDIVIDUAZIONE LEGALE DELLA PERSONA HANDICAPPATA Definizione - art. 3 E persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva tale da determinare una difficoltà di apprendimento, di relazione, di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione La legge ha recepito la sequenza fissata dallO.M.S. Minorazione Disabilità handicap Il concetto di gravità - art. 3 comma 3 LQ ««Qualora la minorazione, singola o plurima, abbia ridotto lautonomia personale correlata alletà, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale e in quella di relazione, la situazione assume connotazione di gravità»» Estension e a stranieri ed apolidi La legge - quadro si applica anche a stranieri ed apolidi, residenti, domiciliati o aventi stabile dimora nel territorio nazionale. E una norma di grande civiltà giuridica, soprattutto se confrontata con i fenomeni risorgenti di razzismo nei confronti degli extracomunitari, degli albanesi,.... UNA NUOVA DEFINIZIONE DELLO.M.S.

4 La definizione dell'handicap comunemente accettata si deve all'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che nel 1980 pubblicò la "Classificazione Internazionale delle Menomazioni, delle Disabilità e degli Svantaggi Esistenziali". Essa distingueva tre livelli: Menomazione, intendendo qualsiasi perdita o anomalia permanente a carico di una struttura anatomica o di una funzione psicologica, fisiologica o anatomica (esteriorizzazione) Disabilità, intendendo qualsiasi limitazione o perdita (conseguente a menomazione) della capacità di compiere un'attività di base (quale camminare, mangiare, lavorare) nel modo o nell'ampiezza considerati normali per un essere umano (oggettivazione) Handicap si intende la condizione di svantaggio, conseguente ad una menomazione o ad una disabilità, che in un certo soggetto limita o impedisce l'adempimento di un ruolo sociale considerato normale in relazione all'età, al sesso, al contesto socio-culturale della persona (socializzazione).

5 Nel 1999 l'OMS ha pubblicato la nuova "Classificazione Internazionale delle Menomazioni, delle Attività personali (ex- Disabilità) e della Partecipazione sociale (ex handicap o svantaggio esistenziale)" (ICIDH-2), nella quale vengono ridefiniti due dei tre concetti portanti che caratterizzano un processo morboso: la sua esteriorizzazione: menomazione l'oggettivazione: non più disabilità ma attività personali le conseguenze sociali: non più handicap o svantaggio ma diversa partecipazione sociale Più precisamente: con attività personali si considerano le limitazioni di natura, durata e qualità che una persona subisce nelle proprie attività, a qualsiasi livello di complessità, a causa di una menomazione strutturale o funzionale. Sulla base di questa definizione ogni persona è diversamente abile.attività personali con partecipazione sociale si considerano le restrizioni di natura, durata e qualità che una persona subisce in tutte le aree o gli aspetti della propria vita (sfere) a causa dellinterazione fra le menomazioni, le attività ed i fattori contestuali.partecipazione sociale Si noti come, nella nuova Classificazione dell'OMS, il termine "handicap" venga definitivamente accantonato. Una persona - scrive Canevaro - è relativamente handicappata, cioè lhandicap è un fatto relativo e non un assoluto, al contrario di ciò che si può dire per il deficit. In altri termini, unamputazione non può essere negata ed è quindi assoluta; lo svantaggio (handicap) è invece relativo alle condizioni di vita e di lavoro, quindi alla realtà in cui lindividuo amputato è collocato. Lhandicap è dunque un incontro fra individuo e situazione. E uno svantaggio riducibile o (purtroppo) aumentabile

6 Lart.43 E di importanza notevole, in quanto abroga tre blocchi di norme : lart.230 del T.U. /1928 che riguardava laffidamento alle facoltà mediche del Regno del compito di promuovere gli studi di morfologia, psicologia, nonché laffidamento al Ministero della P.I. dellassistenza e dellistruzione dei fanciulli con handicap lart. 415 del Regolamento 1297/1928 che riguardava lallontanamento definitivo dellalunno con problemi psichici dalle normali classi e la sua assegnazione a classi differenziali i commi 2 e 3 dellart. 28 della legge 118/1971. Il comma 2 che fu preso a base giuridica per una infausta sentenza della Corte di Cassazione di diniego del diritto di un alunno h. di Livorno a frequentare la scuola comune) consentiva la possibilità di escludere dalle classi comuni i soggetti affetti da gravi deficienze intellettive o da menomazioni fisiche di tale gravità da impedire o rendere molto difficoltoso lapprendimento o linserimento.....; il comma 3 (che, per altro, era già stato reso inapplicabile meritoriamente dalla Corte Costituzionale) si limitava a facilitare invece che a garantire la frequenza degli alunni h. presso la scuola secondaria superiore

7 Gli artt e 14 Le norme di tali articoli enunciano in maniera inequivocabile il diritto allintegrazione scolastica di tutti i minori in situazione di handicap e si riferiscono, specificamente, al diritto alleducazione e allistruzione (art.12), agli strumenti per lintegrazione, che debbono essere messi a disposizione in maniera coordinata dalla Scuola, dagli Enti Locali e dalla ASL / USL (art. 13), alle modalità di attuazione dellintegrazione (art.14). Lart. 12 è un caposaldo del diritto allintegrazione, in quanto recepisce e trasferisce in norme giuridiche le più avanzate acquisizioni della cultura pedagogica in materia di inserimento nelle normostrutture Il primo comma dellart. 12, supera di getto le affermazioni importantissime, ma ancora timide della stessa legge 517/77, che si limitava ad assicurare linserimento nelle scuole dellobbligo. Qui si parla, giustamente, di diritto dei bambini handicappati da zero a 3 anni allinserimento negli asili-nido. Viene affermata una notevole cultura dellintervento precoce; purtroppo, come in molti altri passi della legge quadro, la norma manca del requisito dellacoercibilità : infatti nel successivo art. 13 si afferma che i Comuni e le USL possono (e, quindi, non debbono) attrezzare con materiale idoneo e personale specializzato gli asili-nido Analisi del- lart.12 Il 1° comma

8 Il secondo comma definisce in maniera decisamente limpida e senza possibilità di ulteriori fraintendimenti (-rafforzato dalle abrogazioni già segnalate ex art. 43-) il diritto soggettivo perfetto delle persone handicappate allinserimento nelle classi comuni delle scuole di ogni ordine e grado e nellUniversità. E importante soffermarsi, e valorizzarne la portata innovativa, sullutilizzo dellespressione classi comuni. Con questa espressione si spazza lequivoco della conservazione sempre in agguato : non cè più spazio oggi per la cosiddetta integrazione reale (la presenza di una o più classi speciali in un plesso scolastico ordinario - vedremo alcune ipotesi presenti nella stessa legge di riforma della scuola elementare), ma solo per la integrazione personale (lintegrazione della persona nelle classi comuni). E in palese contraddizione con la normativa di questo comma lesistenza, a tuttoggi, di scuole elementari speciali, che non avrebbero alcun diritto di cittadinanza, come vedremo meglio appresso, neppure invocando il concetto di gravità il 2° comma

9 lintegrazione scolastica ha come obiettivo lo sviluppo delle potenzialità della persona handicappata nellapprendimento, nella comunicazione, nelle relazioni e nella socializzazione La norma codifica legislativamente il percorso culturale sulla qualità dellintegrazione, che non può ridursi nè ad un mero fatto di inserimento né ad un pregiudiziale giudizio sulle capacità di apprendimento curriculare. Si tratta, infatti, di garantire il diritto allo studio della persona handicappata, che é concetto molto ampio e comprensivo di tutti i quattro parametri chiaramente elencati nel terzo comma della legge 104/92. La formulazione del presente comma rimanda direttamente al concetto della cosiddetta funzione terapeutica dellhandicap nel senso che lo sviluppo della relazionalità e della socializzazione acuisce anche nei normodotati la capacità di riconoscere e valorizzare la diversità e costringe gli operatori scolastici a porsi in maniera precisa lesigenza di programmazioni mirate il 3° comma E una delle disposizioni più importanti, in quanto senza equivoci afferma che lesercizio del diritto alleducazione e allistruzione non può essere impedito da difficoltà di apprendimento né da altre difficoltà derivanti dalle disabilità connesse allhandicap. Questa norma – ripeto - confligge palesemente con lesistenza delle scuole speciali Il 4° comma

10 I commi da 5 a 8 si occupano degli strumenti operativi idonei a garantire il successo dellintegrazione scolastica. In particolar modo si occupano di diagnosi funzionale profilo dinamico funzionale piano educativo individualizzato I com- mi da 5 a 8

11 Il documento si conclude con una diagnosi funzionale redatta in forma conclusiva e sintetica per i successivi adempimenti Cosè ? descrizione analitica della compromissione funzionale dello stato psicofisico dell'alunno in situazione di handicap Chi vi provvede? l'unità multidisciplinare : medico specialista nella patologia segnalata, neuropsichiatra infantile, terapista della riabilitazione, operatori sociali in servizio presso le ASL Da cosa deriva? dall'acquisizione di elementi clinici e di elementi psicosociali Gli elementi clinici Si acquisiscono tramite visita medica diretta + eventuale documentazione medica preesistente Gli elementi psicosociali Si acquisizione attraverso apposita relazione : -dati anagrafici del soggetto -dati relativi alle caratteristiche del nucleo familiare Articolazione della diagnosi funzionale a)anamnesi fisiologica e patologica prossima e remota del soggetto b)diagnosi clinica: fa riferimento all'eziologia ed esprime le conseguenze funzionali dell'infermità indicando la previsione dell'evoluzione naturale È finalizzata AL RECUPERO DEL SOGGETTO SITUAZIONE DI HANDICAP E DEVE TENER CONTO DELLE POTENZIALITA' REGISTRABILI NEI SEGUENTI ASPETTI : cognitivoLivello di sviluppo raggiunto e capacità di integrazione delle competenze affettivo - relazionale Livello di autostima e rapporto con gli altri lingustico Comprensione, produzione e linguaggi alternativi sensoriale tipo e grado di deficit con particolare riferimento alla vista, all'udito e al tatto motorio - prassico motricità (globale + fine) neuropsicologico memoria, attenzione e organizzazione spazio-temporale autonomia Personale e sociale

12 tempi è atto successivo alla diagnosi funzionale dopo un primo periodo di inserimento scolastico indica il prevedibile livello di sviluppo che l'alunno in situazione di handicap dimostra di possedere nei tempi brevi (sei mesi) e nei tempi medi (due anni). chi vi provvede ? 1.a)l'unità multidisciplinare che ha redatto la diagnosi funzionale 2.b)gli insegnanti curricolari e di sostegno, che riferiscono sulla base della diretta osservazione ovvero in base all'esperienza maturata in situazioni analoghe 3.c)con la collaborazione dei familiari dell'alunno contenuti del profilo dinamico funzionale Il pdf descrive in modo analitico i possibili livelli di risposta dell'alunno riferiti alle relazioni in atto e a quelle programmabili 1.a)descrizione funzionale dell'alunno in relazione alle difficoltà che dimostra di incontrare in settori di attività 1.b)analisi dello sviluppo potenziale dell'alunno a breve e medio termine, desunto dall'esame dei seguenti parametri :

13 cognitivo potenzialità esprimibili in relazione al livello di sviluppo raggiunto (normodotazione; ritardo lieve,medio,grave;disarmonia medio-grave; età mentale,...), alle strategie usate per la soluzione dei compiti propri della fascia di età, allo stile cognitivo, alla capacità di usare, in modo integrato, competenze diverse affettivo - relazionale potenzialità esprimibili rispetto all'area del sè, al rapporto con gli altri, alle motivazioni al rapporto comunicaziona le potenzialità esprimibili rispetto a: 1.mezzi privilegiati 2.contenuti prevalenti 3.modalità di interazione linguistico potenzialità esprimibili rispetto a: 1.comprensione 2.produzione 3.uso comunicativo 4.uso di linguaggi alternativi e/o integrativi

14 sensoriale 1.potenzialità esprimibili rispetto a: 1.funzionalità uditiva 2.funzionalità visiva motorio - prassico 1.potenzialità esprimibili rispetto a: 1.motricità globale 2.motricità fine 3.prassie semplici e complesse neuropsicologico 1.potenzialità esprimibili rispetto a: 1.capacità mnesiche 2.capacità attentive 3.organizzazione spazio-temporale autonomia 1.potenzialità esprimibili rispetto a: 1.autonomia personale 2.autonomia sociale apprendimento 1.potenzialità esprimibili rispetto a: 1.gioco e grafismo (in età prescolare) 2.lettura e scrittura (in età scolare) 3.uso spontaneo delle competenze acquisite 4.apprendimenti curricolari

15 cosé ? Il documento nel quale vengono descritti 1.gli interventi integrati ed equilibrati tra di loro predisposti per lalunno h 2.in un determinato periodo di tempo ai fini del diritto alleducazione e allistruzione chi vi provvede? 1.operatori sanitari individuati dallUssl 2.personale insegnante, curricolare e di sostegno e, se presente, loperatore psicopedagogico 3.in collaborazione con i genitori o gli esercenti la patria potestà contenuti del p.e.i. Sulla base dei dati derivanti dalla diagnosi funzione e dal profilo dinamico-funzionale, vanno descritti: 1.gli interventi educativi, sanitari, sociali integrati tra di loro 2.correlati alla disabilità dellalunno, alle sue conseguenti difficoltà e alle potenzialità comunque disponibili finalizzazione del p.e.i. piena realizzazione del diritto alleducazione, allistruzione ed integrazione scolastica dellalunno in situazione di handicap

16 DUE VOLTE FRANCES Descrizione curata dal medico specialista Disordine di sviluppo non identificato Difficoltà di apprendimento severe Epilessia intrattabile Disordini comunicativi Autismo Paralisi cerebrale Disordini nel movimento Tono muscolare povero (tassia) Disordini del sonno Intolleranza alimentare glutine e latticini Scoliosi lombare Andatura malferma; movimenti scomposti delle mani Coordinazione disarmonica Scarso controllo fine e grosso motorio Disordine nello sviluppo neurologico Comportamento sensibile agli stimoli non verbali Disordini genetici

17 Descrizione curata dalla famiglia CIAO.Sono Frances. Sono una bambina di 8 anni, una figlia, una sorella, una nipote e cugina.Ma posso anche essere unamica, una compagna COSE CHE MI PIACCIONO: Passeggiare. Giocattoli da abbracciare. Oggetti soffici. Mangiare(soprattutto le mele). La musica. Bere. Nuotare. Guardare le persone. Andare in città. Andare al caffè. Giocare sulla spiaggia. Andare a cavallo. COSE CHE TROVO DIFFICILI. Capire il linguaggio. Seguire le istruzioni. Percepire il pericolo. Vestirmi da sola. Nutrirmi da sola. Usare i servizi COME POSSO COMUNICARE CON TE. Dì il mio nome e guardami quando parli. Prenderò la tua mano per indicarti ciò che voglio. Talvolta indico con gli occhi quello che voglio COME PUOI AIUTARMI. Rendimi partecipe di tutto. Permettimi di muovermi liberamente in un luogo sicuro. Incoraggiami ad incontrare altri bimbi. Non iperproteggermi. Aiutami a fare le cose che mi piacciono (come nuotare, andare a cavallo, passeggiare). Aiutami ad avere nuovi amici. Crea nuove opportunità per me. QUELLO CHE DEVI CONOSCERE DI ME. Ho lepilessia : per favore impara quello che è necessario in caso di attacco. Ho una dieta senza glutine e latticini: per favore, chiedi ciò che posso mangiare. Quando ho poco equilibrio, devi usare le mie briglie perché non mi faccia male. Quando cammino devo indossare il mio elmetto protettivo. A volte sono un po agitata ma non posso dire perché. COSE CHE VOGLIO TU SAPPIA DI ME. Sono bravissima a tenere i segreti. Amo sentire raccontare le fiabe. Se vuoi ti posso condurre a fare un giro nel mio giardino. E se metti il mio braccio attorno al tuo collo posso anche darti un abbraccio.


Scaricare ppt "la legge quadro 104/92 lintegrazione scolastica nella formazione professionale lavorativa sociale A L T R I D I R I T T I Il diritto alla mobilità Le."

Presentazioni simili


Annunci Google