La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA STRUTTURA DEL PASSIVO. DIPENDE: 1- Dal patto di governance tra il management e la proprietà; 2- Dal tasso di crescita che si imprime allimpresa e dalla.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA STRUTTURA DEL PASSIVO. DIPENDE: 1- Dal patto di governance tra il management e la proprietà; 2- Dal tasso di crescita che si imprime allimpresa e dalla."— Transcript della presentazione:

1 LA STRUTTURA DEL PASSIVO

2 DIPENDE: 1- Dal patto di governance tra il management e la proprietà; 2- Dal tasso di crescita che si imprime allimpresa e dalla consistenza dellautofinanziamento;

3 3- Dai rapporti funzionali tra lincremento dei ricavi e lincremento delle fonti finanziarie; 4- Dalle strategie adottate sul mix finanziario e sulla liquidità.

4 INOLTRE I VINCOLI CLASSICI DI OGNI COMPARTO CHE CONDIZIONANO I 4 PUNTI SONO: Il Tempo necessario per il processo produttivo; Il Valore delle tecnologie e il Bp; Il Rapporto tra gli affidamenti fornitori ed il credito clienti; La Velocità di rinnovo del magazzino; Le Politiche organizzative interne e quelle adottate per gli stakeholders (la vera catena del valore);

5 1- Il patto di governance tra il management e la proprietà;

6 VALORE AGGIUSTATO AL RISCHIO m impieghi finanziari mercato senza rischio equity risk index (specifico di settore) p premio di rischio imprenditoriale V = m + + p Oggi il valore percentuale minimo è circa: V = 3,5 + 1, = 12% circa

7 Il tasso di crescita che si imprime allimpresa spesso lo decide il mercato ed i guai cominciano quando lautofinanziamento non è adeguato alla crescita (overtrading) impressa al sistema azienda 2

8 Ricavi K K Costi Mp Fr Ba K OVERTRADING Ba Fr Cf Mp+CF = Mp Fr Ba K

9 3 I rapporti tra lincremento dei ricavi e lincremento delle fonti finanziarie sono di natura funzionale;

10 ATTIVO PASSIVO IMMOBILIZZI I MEZZI PROPRI Mp MAGAZZINO Mg FORNITORI Fr CREDITI Cr BANCHE Ba CASSA Ca K K FONTI BILANCIO DI ESERCIZIO Ricavi + Σ (p* qx) Costi variab. - Σ (Cv*qx) Costi fissi - Cf (Ammort. Am) Risul. Operat. +,- Ro Oneri Finanziari - Of Oneri Tributari - Ot Utile d Esercizio +,- Ud

11 Settore Commerciale ATTIVO PASSIVO IMMOBILIZZI I MEZZI PROPRI 20 MAGAZZINO Mg FORNITORI,DEB. 50 CREDITI Cr BANCHE 30 CASSA Ca K 100 ATTIVO PASSIVO IMMOBILIZZI I MEZZI PROPRI 40 MAGAZZINO Mg FORNITORI,DEB 30 CREDITI Cr BANCHE 40 CASSA Ca K 100 Settore Manifatturiero Esempio di riequilibrio della struttura del passivo con lautofinanziamento

12 Ricavi + Σ (p* qx) 250 Costi variab. - Σ (Cv*qx) 200 Costi fissi - Cf 40 (Ammort. Am = 5) Risul. Operat. +,- Ro 10 Oneri Finanziari - Of 2 Oneri Tributari - Ot 3 Utile d Esercizio +,- Ud 5 Ricavi + Σ (p* qx) 110 Costi variab. - Σ (Cv*qx) 60 Costi fissi - Cf 34 (Ammort. Am= 15) Risul. Operat. +,- Ro 16 Oneri Finanziari - Of 3 Oneri Tributari - Ot 4 Utile d Esercizio +,- Ud 9 Settore Commerciale Settore Manifatturiero Cash Flow = 10 Cash flow = 24

13 Settore Commerciale Per portare i Mezzi Propri Da 20 a 40 (+ 20) occorrono due anni di Cash flow Settore manifatturiero Per portare i Mezzi Propri da 40 a 55 (+ 15) occorrono 7 mesi di Cash Flow

14 4- le strategie adottate sul mix finanziario possono favorire i rendimenti dei mezzi propri (ROE), ma devono essere coordinate con la liquidità.

15 Ricavi-Costi var.-Costi fissi(Am)-Oneri fin-tasse ROE = K-Fornitori-Banche Roi*K-ib*Ba-Ot K-Fr-Ba Σ(pv*qx)-Σ(Cv*qx)-Cf(Am)-Of-Ot Ro- Of - Ot ROE = = K-Fr-Ba K – Fr - Ba ROI = Ro/K; Ro = ROI*K Of = ib* Ba ROE = = (1-Ot) * Roi*K-ib*Ba K-Fr-Ba

16 Stato Patrimoniale PASSIVO ( Fonti ) Mezzi Propri Mp Fornitori 18 Banche Ba Conto Economico Ricavi 110 (-) Costi 85 Ro 25 (-) 0,04*Ba (-) Ot Ud 25 ROI = ---- ; Ro = ROI*K *100 – 0.04Ba ROE =(1-Ot) – 18 – Ba Esercitazione di ROE

17 Ba = 5, 30 Fr = 18 Mp = 77, 52 K = 100 Ot = 0.10,0.55 ROE = da 0.28 allo 0.30 Ba Ot ROI = 0.25 ib = 0.04

18 Ba = Fr = 18 Mp = K = 100 Ot = 0.20,0.55 ROI = 0.05 ib = 0.10 ROE = 0.05 – 0.02 Ba Ot

19 ROE e Breakevenpoint finanziario ROI*K – ib*Ba > 0 ROE = K – Fr – Ba > 0 ROI*K – ib*Ba >0 ROI Ba < K ib

20 Ib-ROI 0.10 – 0.05 Fr = * K ; = 50 ib 0.10 LAFFIDAMENTO FORNITORI CHE INVERTE LANDAMENTO DEL ROE

21 Ba = Fr = 58 Mp = K = 100 Ot = 0.10,0.55 ROI = 0.05 ib = 0.10 ROE = 0.05 – 0.02 Ba Ot

22 Se simuliamo unanalisi sulloscillazione del ROI e dei Fornitori (Fr) otteniamo una ulteriore chiara dimostrazione della importanza del credito di fornitura sulla curva del ROE.

23 Ba = 25 Fr = Mp = K = 100 Ot = 0.33 ROI = 0.05 – 0.25 ib = 0.10 ROE = 0.0 – Fr ROI

24 4 Le scelte del passivo dalla visuale della liquidità: Le strategie

25 ATTIVO PASSIVO IMMOBILIZZI I MEZZI PROPRI Mp MAGAZZINO Mg FORNITORI Fr CREDITI Cr BANCHE Ba CASSA Ca K K FONTI BILANCIO DI ESERCIZIO Ricavi + Σ (p* qx) Costi variab. - Σ (Cv*qx) Costi fissi - Cf (Ammort. Am) Risul. Operat. +,- Ro Oneri Finanziari - Of Oneri Tributari - Ot Utile d Esercizio +,- Ud

26 DISPONIBILITA IMPEGNI CREDITI Cr FORNITORI Fr CASSA Ba,Ca BANCHE ìbBa LK IK BILANCIO DI LIQUIDITA Ricavi liquidi + i Σ (p* qx) Costi variab.p - p Σ (Cv*qx) Costi fissi p - p Cf Oneri Finanziari - ibBa Oneri Tributari - pOt (t 0 )(t 1 )

27 ibBa Fr Ca,Ba Cr K K LK K LA LIQUIDITA POTENZIALE CONSENTE LA CRESCITA LfBa


Scaricare ppt "LA STRUTTURA DEL PASSIVO. DIPENDE: 1- Dal patto di governance tra il management e la proprietà; 2- Dal tasso di crescita che si imprime allimpresa e dalla."

Presentazioni simili


Annunci Google