La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Museo Civico di Crema e del Cremasco Sezione di ARCHEOLOGIA FLUVIALE Materiale didattico per le scuole.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Museo Civico di Crema e del Cremasco Sezione di ARCHEOLOGIA FLUVIALE Materiale didattico per le scuole."— Transcript della presentazione:

1 Museo Civico di Crema e del Cremasco Sezione di ARCHEOLOGIA FLUVIALE Materiale didattico per le scuole

2

3 Da tempo immemorabile fiumi, laghi e paludi sono stati solcati da barche, zattere, canoe e natanti di vario genere e dimensioni, utilizzati per gli spostamenti e in tutte le attività connesse con il commercio o lo sfruttamento delle risorse, dalla pesca, alla caccia, alla raccolta di canne e falaschi. Purtroppo possediamo pochissime fonti che ci illustrano questo aspetto fondamentale della frequentazione del fiume in epoca antica. Presso il Museo di Crema è depositata una delle più importanti collezioni italiane di imbarcazioni monossili, ricavate cioè dallo scavo di un unico tronco dalbero. A partire dal 2007 il Museo ha intrapreso, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica della Lombardia, un impegnativo programma di analisi, studio, catalogazione e restauro di questi manufatti.

4 La sezione di Archeologia Fluviale del Museo di Crema illustra questa particolare categoria di manufatti, recuperata tra mille difficoltà dalle acque dei fiumi Adda, Oglio e Po. Le piroghe costituiscono una delle principali testimonianze del ricco insieme di natanti che dalla Preistoria ai giorni nostri hanno consentito il movimento di merci, persone e idee lungo i fiumi, nei laghi e nelle paludi. Le più antiche imbarcazioni monossili italiane risalgono al Neolitico, ma le analisi hanno evidenziato una continuità duso di natanti simili attraverso i secoli. Nel territorio compreso tra Adda e Oglio le piroghe furono costruite ed utilizzate dalla Preistoria fino ad età Medievale. Incredibile pensare che lultimo esempio di imbarcazione realizzata con questa tecnica sia rappresentata in Italia dai cosiddetti zoppoli, con cui si navigava in mare a Trieste ancora fino agli anni 60. Queste ultime monossili europee erano impiegate per la pesca o per brevi spostamenti lungo il litorale ed erano caratterizzate dalla presenza di una lunga trave sul fondo, che permetteva di pagaiare stando in piedi sullo scafo.

5 Le imbarcazioni conservate a Crema possono essere distinte in due categorie: le imbarcazioni a fondo appiattito e i natanti con fondo arrotondato e ingrossato. Le piroghe con fondo appiattito potevano essere utilizzate in acque calme e basse. Quando la barca si inclina, lo scafo è asimmetrico e assicura maggiore stabilità alla rotta e minore tendenza alle oscillazioni. Il secondo tipo di imbarcazione ha il fondo molto arrotondato che segue loriginaria forma del tronco. È possibile che simili manufatti fossero realizzati per essere utilizzati in coppia, come piroga doppia. Alcune delle piroghe del Museo di Crema con queste caratteristiche presentano fori lungo la fiancata che potevano essere stati realizzati per appaiare lo scafo ad uno simile, ma speculare, a mezzo di traversine lignee. Quando i fori sono presenti sul fondo del natante, gli archeologi ritengono possano essere stati utilizzati per controllare lo spessore dello scafo in fase di lavorazione. Una volta terminato lo scavo dellimbarcazione i fori venivano otturati.

6 Particolare attenzione è stata prestata alla comunicazione dei contenuti, strutturata secondo un duplice binario: un sistema di tipo tradizionale, che prevede limpiego di pannelli e filmati, e un innovativo tappeto interattivo, che consentirà ai visitatori di acquisire le informazioni mediante la realizzazione di giochi multimediali, secondo i più moderni principi della comunicazione museale basata sulledutainment (educare divertendosi). Nel corso del 2010 lallestimento della nuova sezione sarà dotato di uno speciale percorso didattico sperimentale dedicato allinfanzia, strutturato secondo le teorie sullapprendimento del teorico dellistruzione americano Devid A. Kolb. Ideazione e realizzazione: Thea Ravasi Info: Museo Civico di Crema e del Cremasco Via Dante 49 – Crema (CR) Tel Mail


Scaricare ppt "Museo Civico di Crema e del Cremasco Sezione di ARCHEOLOGIA FLUVIALE Materiale didattico per le scuole."

Presentazioni simili


Annunci Google