La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Gestione delle Identità Digitali: dallEnterprise User Administration alla Federated Identity Catania, 22 Settembre 2006 Ing. Riccardo Valastro ICT Security.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Gestione delle Identità Digitali: dallEnterprise User Administration alla Federated Identity Catania, 22 Settembre 2006 Ing. Riccardo Valastro ICT Security."— Transcript della presentazione:

1 1 Gestione delle Identità Digitali: dallEnterprise User Administration alla Federated Identity Catania, 22 Settembre 2006 Ing. Riccardo Valastro ICT Security Manager

2 2 Cosa è una identità digitale? - Identity Management Identità digitale: insieme delle informazioni di un utente (dati anagrafici, eventuali dati aziendali, credenziali di accesso ai sistemi/applicazioni/servizi, autorizzazioni, profilazioni) necessarie per governare gli accessi, con i relativi privilegi, di un individuo ai diversi servizi ICT. Necessità di gestire il ciclo di vita di unidentità digitale Identity Management: l'insieme dei processi, procedure ed infrastrutture tecnologiche per la creazione, gestione/manutenzione ed utilizzo delle identità digitali.

3 3 Utenti (es: Mario Rossi) Sistemi/Applicazioni Amministratori/Abilitatori Scenario iniziale: gestione delle utenze sui sistemi/applicazioni UNIXSAP Windows e-proc IBM Z/OS Security Server (RACF) IBM Z/OS Applicazioni m.rossi 64333MR itd64333 rossim mario.rossi T0DISI1 0153MM

4 4 Criticità Proliferazione di Basi Dati per la gestione delle utenze Duplicazione delle attività e delle competenze Proliferazione di User-ID e Password diverse per lo stesso utente Complessità dei processi di gestione delle utenze in particolare nella gestione dei profili/ruoli Complessità dei processi di gestione utenze relativi alla sicurezza (es. revoca utenze contemporanea su tutte le piattaforme/applicazioni) Scarsa efficienza in termini di costi e tempi di risposta nella gestione delle autorizzazioni Complessità nel ricostruire le attività svolte dai singoli utenti sui diversi sistemi/applicazioni.

5 5 Utenti (es.: Mario Rossi) Sistemi/Appilicazioni Amministrarori/Abilitatori Evoluzione: Enterprise User Administration (EUA) UNIXSAP Windows e-proc IBM Z/OS Security Server (RACF) IBM Z/OS Applicazioni m.rossi 64333MR itd64333 rossim mario.rossi T0DISI1 0153MM EUA 64333MR My.pwd

6 6 Enterprise User Administration (EUA) Un sistema di Enterprise User Administration consente di - gestire i sistemi di sicurezza delle piattaforme che amministra - gestire le utenze delle persone che accedono al sistema informativo aziendale sulle varie piattaforme (creazione/cancellazione utenza, assegnazione/modifica ruolo/profilo, abilitazione/disabilitazione utenza, reset password, etc.) - assegnare e gestire differenti user-id per le varie piattaforme od ununica user-id per tutte le piattaforme, user-id associate/a alla persona - attivare meccanismi di password synchronization tra le piattaforme (cambiando la pwd su un sistema/applicazione, tale pwd viene propagata sulle altre piattaforme; le credenziali di accesso devono comunque essere digitate su ogni piattaforma) - attivare meccanismi di workflow per la gestione del processo di autorizzazione dei diritti accesso dellutente sulle piattaforme. La soluzione di EUA rende possibile assegnare a ciascun utente, tramite un unico strumento, un profilo autorizzativo sui sistemi ed applicazioni in relazione alle attività/mansioni che gli vengono assegnate. Gli Amministratori/Abilitatori di EUA assegnano opportune autorizzazioni sui sistemi ed applicazioni in modo trasparente. Lattivazione dellaccount viene effettuata con la possibilità di assegnare una user-iD univoca allutente per tutte le piattaforme target gestite dal sistema di EUA.

7 7 Identity Management (IM) Nei sistemi di Enterprise User Administration, così come venivano intesi inizialmente, gli Amministratori/Abilitatori creavano le utenze senza, nella maggior parte dei casi, ricevere successivamente informazioni sulle variazioni di profilo (abilitazioni con privilegi superiori a quelli effettivamente necessari) o sulla effettiva presenza della persona in azienda (presenza sui sistemi/applicazioni di utenze ancora attive legate a dipendenti che avevano già abbandonato lazienda). Per avere un vera gestione delle identità digitale (Identity Management) è necessario che venga attivato un flusso di provisioning anagrafico automatico che consenta di amministrare il ciclo di vita dellutenza. Attivazione di processi di provisioning anagrafico dalla base dati aziendale di Human Resource verso il sistema di Enterprise User Administration e da questo verso i sistemi/applicazioni target.

8 8 Identity Management: architettura User provisioning

9 9 Identity Management: vantaggi Diminuzione complessiva del numero dei centri per la gestione degli account su sistemi/applicazioni diversi attraverso un unico strumento ed un unico repository centrale Disponibilità di un unico punto di riferimento per lassegnazione/revoca ai dipendenti delle utenze nellambito del sistema informativo Incremento della sicurezza informatica (es.: riduzione utilizzo foglietti con elenco user-id e pwd) Revoca unica degli account su tutti i sistemi/applicazioni Gestione utenze da parte di una struttura (Abilitatori) opportunamente formata e responsabilizzata Efficace processo di reporting e monitoring delle attività svolte dagli Abilitatori ed utenti sui diversi sistemi/applicazioni (unica user-id personale e standard) Utilizzo di ununica user-id e password, attraverso il meccanismo di sincronizzazione delle password (UNICA CREDENZIALE), per lautenticazione su sistemi/applicazioni eterogenei Un interlocutore definito per la gestione delle anomalie: le problematiche che possono insorgere durante i processi di identificazione, autenticazione ed autorizzazione vengono demandate ad ununica struttura, invece di fare riferimento alle varie strutture che gestiscono gli account sui diversi sistemi/applicazioni Facilita lapplicazione Dlgs 196/2003 (adozione di procedure di gestione delle credenziali di autenticazione ed utilizzo di un sistema di autorizzazione).

10 10 Problematica: con quale criterio devono essere assegnati i privilegi di accesso dellutente? Discretionary Access Control (DAC): un soggetto (proprietario) può cambiare i diritti di accesso degli oggetti che possiede. Mandatory Access Control (MAC): la gestione del controllo accessi è affidata completamente all'amministratore ed i soggetti non possono in alcun modo modificare i diritti di accesso impostati dall'amministratore (laccesso degli utenti ad oggetti è limitato in base a livelli di sicurezza definiti). Role-Based Access Control (RBAC): prevede la definizione di tipologie di ruoli applicativi legati ai ruoli aziendali e quindi lassociazione tra utenti e profili autorizzativi basata sul ruolo posseduto dallutente allinterno dellorganizzazione. Il modello RBAC è quello che si cerca di utilizzare più frequentemente. La definizione/assegnazione di un ruolo secondo relazioni predefinite e limitate è estremamente potente e flessibile, ma anche piuttosto complessa da progettare. Chi decide chi è la persona che deve accedere ad un sistema/applicazione e che cosa deve fare? Decide il ruolo aziendale od il Responsabile della risorsa umana da attivare sulla piattaforma?

11 11 Identity & Access Management (IAM) Un sistema di Identity & Access Management è composto principalmente dai seguenti elementi: - Identity Management (comprensivo di provisioning anagrafico e degli user) - Access Control (componenti di authentication di authorization) - Repository delle identità digitali e delle policy/privilegi di accesso - Single Sign On (unica credenziale da digitare solo una volta per poter accedere a tutti i sistemi/applicazioni a cui si è abilitati con i profili autorizzativi assegnati) - Control & Audit & Reporting su chi accede a che cosa in ambienti eterogenei - eventuali meccanismi di strong authentication.

12 12 Identity & Access Management (IAM): architettura IAM Identity Management EUA Provisioning Identity&Access Policy Repository Risorse Applicazioni Sistemi Database Access Control Authorization Authentication SSO Audit Smart card, certificati X509, biometria, … Fase 1: Log on Fase 3: accesso alle risorse Fase 2: verifica autenticazione e autorizzazione, associazione privilegi di accesso

13 13 Federated Identity Le architetture di IAM sono nate principalmente per soddisfare il bisogno di governare in sicurezza le risorse interne di unazienda. Le aziende stanno avvertendo sempre più la necessità di scambiare/gestire informazioni critiche tra organizzazioni diverse e quindi anche quelle relative alle identità digitali associate. Nascono le Federated Identity o Identità Federate: tra aziende diverse vengono stipulati accordi (legali e contrattuali relativi alla fiducia ed alla privacy, diritto di audinting sui patner), applicati standard ed adottate tecnologie per condividere in sicurezza informazioni critiche e gestire opportunamente le identità digitali (Federated Identity Management, FIM). Un utente già autenticato, appartenente ad una Federazione, può accedere ad applicazioni/servizi di una o più organizzazioni diverse dalla propria, ma tutte appartenenti alla stessa Federazione, senza dover fornire nuovamente le proprie credenziali. Tale tipo di Federazione, detta Business to Consumer (B2C), è basata su accesso da portali, tramite normali browser. Un altro tipo di Federazione è di tipo Application to Application (A2A), dove applicazioni residenti in organizzazioni patner comunicano tra loro direttamente utilizzando Web Services sicuri (i Web Services sono applicazioni Web-based che utilizzano protocolli e standard per consentire ad altre applicazioni di scambiarsi informazioni su Intranet, Extranet od Internet). Anche in questo caso vi è la necessità della gestione di credenziali. Definizione di processi per la gestione congiunta di situazioni di crisi derivanti da emergenze in strutture ICT.

14 14 Federated Identity: standard Business Partner A Business Partner B Azienda Autenticazione Log on Utenti o Dipendenti Servizi/applicazioni Federated ID Federated ID Circle of Trust Il Federated ID consente allutente di essere riconosciuto e di accedere ai servizi offerti allinterno della Federazione senza doversi autenticare nuovamente Una Federazione implica la descrizione e comunicazione delle identità (token di sicurezza/Federated ID), lutilizzo di protocolli per tale scambio di informazioni, la definizione di relazioni di trust. Principali standard utilizzati: - SAML 2.0 (Security Assertion Markup Language), framework per lo scambio di informazioni (assertion) di autenticazione, autorizzazione ed attributi utente tra domini federati rilasciato dalla OASIS (Organization for the Advancement of Structured Informations Standard). Al momento, è il più supportato ed adottato - ID-FF Identity Federation Framemork (ID-FF) della Liberty Alliance - WS Federation (Web Services Federation), sviluppato da IBM, Microsoft, BEA, RSA e Verisign - WS Security 1.0 (Web Services Security), sviluppato inizialmente da IBM, Microsoft e Verisign e gestito oggi da OASIS.

15 15 Esempio di realizzazione: Poste Italiane S.p.A. È stato realizzato un sistema di Identity Management. Il sistema di IM si basa su unarchitettura centralizzata di user administration e di provisioning. Tramite un unico strumento si assegna a ciascun utente un profilo di permessi che valida laccesso a sistemi ed applicazioni in relazione alle attività/mansioni che devono essere assegnate agli utenti sul territorio. Il sistema permette: la gestione dei sistemi di sicurezza delle varie piattaforme target, in modo centralizzato attraverso un'unica interfaccia utente la gestione dei diritti di accesso delle persone al sistema informativo aziendale lintegrazione con le informazioni di Human Resource (HR): provisioning anagrafico aziendale Lassegnazione ad un dipendente di una determinata mansione comporta lattivazione da parte di utenti Abilitatori delle opportune autorizzazioni sui sistemi ed applicazioni da assegnare. Sono definiti tre livelli di Abilitatori: Abilitatore Periferico (gestisce gli account degli utenti dei S.I. di Poste) Abilitatore Master di 2° livello (assiste/gestisce gli Abilitatori Periferici) Abilitatore Master di 1° livello (supervisore di EUA, assiste/gestisce gli Abilitatori di II° livello).

16 16 Sistema di IM di Poste Italiane: architettura Uffici Postali Windows NT e-Procurement AribaBuyer Human Resource RACF IBM Z/OS Mainframe Il sistema di IM è in produzione dal 1 Settembre Le piattaforme target di Poste Italiane attualmente gestite sono: Windows NT Windows 2003 con Active Directory Controllo Accessi Applicativi RACF eProcurement/Ariba Buyer/iPlanet (Postecom) SAP BW SAP R/3. EUA Server EUA Gateway Directory Corporate Windows AD Sistema MS di Provisioning CAA IBM Z/OS SAP R/3 & BW EUA

17 17 Sistema di IM di Poste Italiane: caratteristiche La piattaforma realizzata in Poste Italiane è uno dei più grandi sistemi di Identity Management centralizzati in Europa; attualmente gestisce circa: persone utenti attivi utenze 1000 Abilitatori Più di transazioni giornaliere.

18 18 Sistema di IM di Poste Italiane: sincronizzazione password (unica credenziale di accesso) Win User: CN=mrossi EUA Server CAA/RACF User: mrossi eProcurement User: mrossi SAP User: mrossi Allineamento Pwd 5 2 Controllo Policy EuaPassfilt 3 Windows Agent EUA sulla piattaforma target Password On line Interceptor Evento di cambio password Cambia password da Windows 1 2 Controllo Policy 4 Comunica la pwd al Server EUA New pwd: x1k2K1q9 Pwd: x1k2K1q9

19 19 Sistema di IM di Poste Italiane: organizzazione

20 20 Evoluzione del sistema IM di Poste Italiane verso lo IAM username/passwordX.509TokenBiometrics AAA/SSO Obiettivi e finalità: definizione di una architettura di Identity&Access Management e SSO standard a livello di Gruppo Poste e che consenta di gestire le identità degli utenti interni allazienda e dei partner esterni, nonché, dei clienti, ovvero gestione unitaria e centralizzata dei profili automatizzazione dei meccanismi di workflow Single Sign On fra le applicazioni (inizialmente quelle Web) gestione dellaccesso multicanale. AAA: Authentication, Authorization, Accounting SSO: Single Sign On Global Catalog: repository centralizzato dei profili utente, ruoli organizzativi ed applicativi ed associazioni ruoli organizzativi/ruoli applicativi. EUA/User provisioning

21 21 Integrazione con i sistemi di strong authentication: autenticazione con smart card e certificati X.509 (Active Directory) Certification Autority CRL

22 22 Fattori critici di successo La tecnologia non è lunico fattore di successo di un progetto: senza unorganizzazione preparata che applichi correttamente le procedure di un processo, ogni soluzione tecnologica perde di efficacia o si rileva inutile. Alcune tematiche organizzative che devono essere affrontate: definizione della struttura degli Abilitatori definizione della struttura di Help Desk e delle relative procedure di intervento (verifica direttive aziendali, Call Center) definizione di un processo sicuro per la richiesta di abilitazione utenze e della relativa gestione definizione ed applicazione delle procedure, anche di sicurezza, che saranno emanate per il corretto funzionamento del processo di gestione utenze condivisione di processi e procedure tra le diverse strutture aziendali team di esperti per la gestione del sistema di IAM, con affiancamento già dalla fase di pre-esercizio alla Società che sviluppa, realizza e customizza il sistema di IAM secondo le specifiche tecniche/organizzative aziendali.

23 23 Conclusione, domande? Per informazioni: Ing. Riccardo Valastro Poste Italiane S.p.A. Chief Information Office ICT Security Viale Europa, 175 – Roma E se siete interessati alla sicurezza delle infrastrutture critiche, eseguite il download da


Scaricare ppt "1 Gestione delle Identità Digitali: dallEnterprise User Administration alla Federated Identity Catania, 22 Settembre 2006 Ing. Riccardo Valastro ICT Security."

Presentazioni simili


Annunci Google