La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PSICOLOGIA COGNITIVA: DALLE ORIGINI AD OGGI La psicologia è la scienza che utilizza le evidenze introspettive e comportamentali per comprendere i processi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PSICOLOGIA COGNITIVA: DALLE ORIGINI AD OGGI La psicologia è la scienza che utilizza le evidenze introspettive e comportamentali per comprendere i processi."— Transcript della presentazione:

1 PSICOLOGIA COGNITIVA: DALLE ORIGINI AD OGGI La psicologia è la scienza che utilizza le evidenze introspettive e comportamentali per comprendere i processi che portano le persone a pensare e a comportarsi in una certa maniera nei diversi contesti della vita quotidiana.

2 PSICOLOGIA COGNITIVA: DALLE ORIGINI AD OGGI La psicologia cognitiva è quella parte della psicologia che si focalizza essenzialmente sui processi interni che implicano la manipolazione di forme di conoscenza

3 EUROPA AFRICA ASIA AMERICA Homo neanderthalensis Homo ergaster Homo antecessor Homo mauritanicus 2,0 1,8 1,6 1,4 1,2 1,0 0,8 0,6 0,4 0,2 0,0 Homo rhodesiensis Homo sapiens Homo heidelbergensis

4 PSICOLOGIA COGNITIVA: DALLE ORIGINI AD OGGI habilis erectus neanderthal sapiens

5 periodooggettiazioni Stadio 1--Oggetti già dotati delle caratteristiche necessarie per eseguire un compito (un ramoscello infilato nel nido delle termiti) Stadio 2Oltre 2 milioni e 600 mila anni Oggetti che hanno le caratteristiche per eseguire un compito ma queste non sono quelle dominanti (foglie assorbenti vengono usate come spugne per raccogliere acqua) Stadio 3Circa 2 milioni e 600 mila anni Oggetti che presentano la rimozione di scaglie ripetizione Gli stadi evolutivi nella produzione di artefatti (1)

6 Oggetti stadio 3

7 Gli stadi evolutivi nella produzione di artefatti (2) Stadio 42 milioni di anni Utensili di Oldowan, incisi tramite la rimozione ripetuta di scaglie per ottenere un bordo tagliente iterazione Stadio 51 milione e 500 mila anni Asce con il bordo curvo che va a formare una superficie bidimensionale iterazione

8 Oggetti stadio 4

9 Oggetti stadio 5

10 Gli stadi evolutivi nella produzione di artefatti (3) Stadio 6300 mila anniStrumenti realizzati per mezzo della tecnica Levallois: lazione è guidata dalla preparazione di un nucleo con lintento di produrre delle scaglie che vengono poi lavorate ulteriormente per produrre altri strumenti algoritmo Stadio 750 mila anniGli strumenti diventano tridimensionali e si realizzano oggetti taglienti già preparati per la produzione di altri oggetti taglienti ricorsione

11 a a bc e Oggetti stadio 6

12 Oggetti stadio 7

13 Allincirca anni fa gli artefatti diventano cognitivi, diventano strumenti di sostegno allattività umana permettendo la gestione della risorsa più importante: LA CONOSCENZA

14 PSICOLOGIA COGNITIVA: DALLE ORIGINI AD OGGI La filosofia greca, nelle massime espressioni di Platone e Aristotele, ha cercato di risolvere il problema del dualismo mente-corpo.

15 PSICOLOGIA COGNITIVA: DALLE ORIGINI AD OGGI Ad Aristotele si devono anche dei contributi fondamentali come laver stabilito che i modelli di pensiero dipendono da tre leggi di associazione: Contiguità Similarità Contrasto

16 PSICOLOGIA COGNITIVA: DALLE ORIGINI AD OGGI Dopo gli splendori greci la filosofia e soprattutto la psicologia suscitarono scarso entusiasmo. Fino allespressione del pensiero di R. Descartes ( ) il quale sostenne la differenza tra corpo e mente/spirito

17 PSICOLOGIA COGNITIVA: DALLE ORIGINI AD OGGI Nella concezione di Descartes, lanima non è materiale e non è indagabile

18 PSICOLOGIA COGNITIVA: DALLE ORIGINI AD OGGI La psicologia cognitiva come scienza sperimentale nasce nel 1879 a Lipsia, dove W. Wundt fondò il primo laboratorio di psicologia sperimentale. Prima di questa data ci si può riferire agli studi psicofisici Realizzati da studiosi quali Fechner e Weber

19 PSICOLOGIA COGNITIVA: DALLE ORIGINI AD OGGI I metodi utilizzati, erano Metodo delle più piccole differenze -gli stimoli crescono e decrescono finchè il soggetto riferisce di percepire la differenza- Metodo dei casi veri e falsi -due stimoli vicini sono paragonati e sono considerati diversi quando lo sono per il 75% dei soggetti- Metodo degli errori medi (o degli aggiustamenti) - I soggetti manipolano uno stimolo finchè non scelgono quello che pare loro uguale ad uno stimolo di confronto-

20 PSICOLOGIA COGNITIVA: DALLE ORIGINI AD OGGI Tutto ciò porto alla formulazione della famosa legge di Weber-Fechner Sensazione = K log S

21 PSICOLOGIA COGNITIVA: DALLE ORIGINI AD OGGI Più comune oggi la legge di Stevens S=cI b

22 Lassociazionismo e la riflessologia Lassociazionismo è unimpostazione teorica vecchia come luomo. Alla base vi è la concezione della mente come tabula rasa. Con lesperienza si strutturano delle reti di associazioni tra eventi. La riflessologia russa si basava su questo riferimento teorico

23 Lassociazionismo e la riflessologia La riflessologia può quindi essere considerata lorigine moderna di tale impostazione Pavlov è lo studioso che ha proposto la teoria del condizionamento classico.

24 Lassociazionismo e la riflessologia Stimolo neutro Risposta incondizionata prima del condizionamento Riflesso condizionato durante il condizionamento dopo il condizionamento Nessuna risposta Riflesso incondizionato Stimolo neutro Stimolo incondizionato Stimolo incondizionato Stimolo condizionato Risposta incondizionata Risposta condizionata

25 Lassociazionismo e il comportamentismo La nascita del comportamentismo può essere fatta risalire al secondo decennio del 1900, negli Stati Uniti. Watson nel 1913 pubblicò il manifesto del comportamentismo

26 Lassociazionismo e il comportamentismo Il primo grande esponente del comportamentismo è Thorndike che riferendosi a sperimentazioni con animali studiò lapprendimento per prove ed errori e propose la legge delleffetto.

27 Lassociazionismo e il comportamentismo

28 Un altro studioso, Skinner, è storicamente il principale esponente del comportamentismo. A lui si deve la concezione della Skinner-Box alla base della formulazione del condizionamento operante.

29 Lassociazionismo e il comportamentismo rinforzo positivo presentazione di uno stimolo che soddisfa un bisogno (cibo, acqua) rinforzo negativo cessazione di uno stimolo negativo (scossa, rumore) no rinforzo assenza di rinforzi positivi o negativi punizione presentazione di uno stimolo avversivo rinforzo intermittente il rinforzo è presentato solo ogni tanto con intervalli temporali fissi o variabili

30 Lassociazionismo e il comportamentismo diversi programmi di rinforzo intermittente (sempre, però, dopo che è stata fornita una risposta) Intervallo fisso rinforzo ogni X secondi intervallo variabilerinforzo ogni X secondi circa rapporto fissorinforzo ogni X risposte rapporto variabilerinforzo ogni X risposte circa

31 Lassociazionismo e il comportamentismo Discriminazione un comportamento è rinforzato solo quando è accompagnato da un certo stimolo lanimale impara a discriminare lo stimolo e produce il comportamento solo quando lo stimolo è presente Esempio: il ratto riceve cibo solo quando abbassa la leva in presenza di un tono di 1000 Hz Generalizzazione risposta a stimoli simili allo stimolo che è stato rinforzato Esempio: il ratto abbassa la leva anche in presenza di un tono di 500 Hz

32 Lassociazionismo e il comportamentismo Lapprendimento tramite sequenze di stimoli e risposte può portare alla creazione di catene associative che rendono conto di comportamenti complessi

33 Lassociazionismo e il comportamentismo Gli esperimenti di Tolman portarono alla considerazione di un paradigma S-O-R

34 Lassociazionismo e il comportamentismo Gli esperimenti di Tolman: Gruppo A >> no R Gruppo B >> R sempre Gruppo C >> R dopo 11 gg

35 Lassociazionismo e il comportamentismo Chomsky ha criticato duramente limpostazione comportamentista in quanto non in grado di rendere conto di fenomeni quali luso creativo del linguaggio.

36 La Psicologia della Gestalt Nata e sviluppata in Germania allinizio del secolo E la corrente di psicologia della percezione che ha maggiormente inciso nellindagine sperimentale. Alla base della teoria vi è unimpostazione che considera lesperienza non scomponibile nelle sue unità più semplici: il tutto è più della somma delle parti

37 La Psicologia della Gestalt Gli individui, organizzano lesperienza secondo la configurazione più semplice. Tale configurazione è determinata dai fattori percettivi gestaltici : vicinanza somiglianza chiusura buona formabuona continuazione

38

39

40

41

42

43 La Psicologia della Gestalt Campagna contro labuso minorile

44 La Psicologia della Gestalt

45

46 La psicologia della Gestalt ha ridimensionato il ruolo dellesperienza passata e ha enfatizzato la funzione svolta dal contesto…. Però…..

47 La Psicologia della Gestalt La psicologia della Gestalt ha ridimensionato il ruolo dellesperienza passata e ha enfatizzato la funzione svolta dal contesto

48

49

50

51 La Psicologia della Gestalt La psicologia della Gestalt si è anche occupata dei processi di pensiero e di apprendimento. La lezione che i gestaltisti hanno proposto non è stata ancora pienamente valutata. Molti psicologi gestaltisti, insieme con altri studiosi di psicologia della percezione si sono occupati anche dello studio delle illusioni percettive.

52 Illusione di Oppel Illusione Muller-Lyer

53 Illusione di Ponzo Illusione di Sander

54 Illusione di Zoellner Illusione di Hering

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66 La scuola storico-culturale sovietica Di ispirazione marxista ha tra i suoi esponenti Lurija, Leontev e Vygotskji

67 La scuola storico-culturale sovietica La nozione degli strumenti psicologici si basa sulla concezione marxista che afferma come lutilizzazione degli strumenti sia una caratteristica della vita umana Le funzioni psichiche si sviluppano in connessione con degli strumenti sviluppati nel corso dellevoluzione umana Esempi di strumenti sono i metodi di calcolo, le opere darte, le mappe….e soprattutto Il linguaggio

68 La scuola storico-culturale sovietica Per Vygotskji ogni funzione dello sviluppo culturale appare due volte: prima come attività collettiva, sociale poi come attività interna, individuale, intrapsichica Quindi lo sviluppo intellettuale del bambino dipende dal suo controllo dei veicoli sociali del pensiero, vale a dire dal linguaggio.

69 La scuola storico-culturale sovietica Il linguaggio, oltre a essere esso stesso strumento psicologico, ha il ruolo di rendere esplicito il significato la storia degli altri strumenti

70 La scuola storico-culturale sovietica La zona di sviluppo prossimale si riferisce alla distanza tra il livello attuale dello sviluppo, determinato dalla capacità di risolvere autonomamente un problema, al livello prossimale dello sviluppo, determinato dalla capacita di risolvere un problema sotto la guida di un adulto o in collaborazione con un compagno più abile. Gli adulti sono quindi mediatori di cultura.

71 La teoria dellelaborazione dellinformazione Il concetto di informazione si riferisce alla capacità di ridurre lignoranza o lincertezza in relazione ad uno stato di cose particolare. Il manifestarsi di una variabile dicotomica (vivo-morto, testa-croce, acceso-spento…) può essere informativo. Se la variabile può manifestarsi in più occorrenze allora si ha un grado di incertezza maggiore. Lunità di misura per linformazione è il bit. In generale al raddoppio delle alternative i bit aumentano di ununità.

72 La teoria dellelaborazione dellinformazione Laggancio alla teoria dellinformazione ha stimolato la ricerca sulle capacità comunicative e di elaborazione. Tra i primi studiosi in questo settore Miller, Galanter e Pribram (Piani e strutture del comportamento). Alla base della loro proposta vi è una considerazione del comportamento di tipo configurazionale, basato su piani che possono contenere unità di comportamento molari e molecolari.

73 La teoria dellelaborazione dellinformazione I piani sono strutturati con unità di monitoraggio TOTE (test-operate-test-exit)

74 La teoria dellelaborazione dellinformazione Laggancio alla teoria dellinformazione ha permesso anche di riferirsi alla metafora del computer. A proposito della similitudine tra il comportamento umano e quello esibito da un calcolatore adeguatamente programmato è interessante il test di Turing.

75 La teoria dellelaborazione dellinformazione il test di Turing non va confuso con la macchina di Turing

76 La teoria dellelaborazione dellinformazione Linsieme di queste argomentazioni è confluito nel libro di Neisser Cognitive Psychology pubblicato nel Neisser ha proposto la possibilità di utilizzare il computer come metafora dellelaborazione cognitiva. Come per il computer anche per luomo è possibile distinguere una parte hardware da una parte software. Lapproccio è fortemente caratterizzato da una considerazione sequenziale dellelaborazione delle informazioni.

77 La mente e lelaborazione delle informazioni I modelli relativi al funzionamento della mente maggiormente accettati e condivisi prevedono dei percorsi che dalla presenza di segnali fisici portano allelaborazione ti entità mentali (immagini, concetti…) Registro sensoriale Riconoscimento di pattern MBT MLT Segnali fisici Trasduzione sensoriale reiterazione Versione modificata di un modello generale proposto per illustrare il funzionamento della mente intesa come elaboratore di informazioni (Atkinson e Shiffrin, 1971)

78 La mente e lelaborazione delle informazioni I segnali fisici Registro sensoriale Riconoscimento di pattern MBT MLT Segnali fisici Trasduzione sensoriale reiterazione

79 La mente e lelaborazione delle informazioni I segnali fisici presenti nel mondo sono di varia natura e per poterli cogliere occorrono dei recettori specifici per ciascun tipo di segnale. Segnali fisici Ma anche nei casi in cui siamo dotati dei recettori necessari a percepire una certa tipologia di segnale fisico, non è garantito che si riesca a percepire tutte le possibili manifestazioni dello stesso. Le onde sonore, ad esempio sono misurate in Hz, e lorecchio umano riesce a percepire solo quelle comprese tra 20 e Hz.

80 La mente e lelaborazione delle informazioni Nel caso degli stimoli visivi, invece, si ritiene che la luce possa propagarsi anche attraverso il vuoto, in quanto consiste di particelle che si chiamano fotoni. Segnali fisici Se ci si sofferma sulle capacità ondulatorie delle radiazioni luminose si evidenzia come la luce percepibile dallocchio umana sia quella compresa tra 400 e 700 nm.

81 La mente e lelaborazione delle informazioni Segnali fisici Al di sotto di queste frequenze vi sono i raggi ultravioletti, mentre al di sopra vi sono i raggi infrarossi.

82 La mente e lelaborazione delle informazioni Registro sensoriale Riconoscimento di pattern MBT MLT Segnali fisici Trasduzione sensoriale reiterazione La trasduzione sensoriale

83 La mente e lelaborazione delle informazioni Il processo che fa sì che gli stimoli fisici, grazie alla presenza di recettori, vengano tradotti in differenze di potenziale trasmesse poi alle cellule nervose, viene chiamato trasduzione sensoriale. Ogni volta che lenergia dello stimolo appropriato raggiunge un recettore, questo altera le caratteristiche della sua membrana che diventa più permeabile agli ioni sodio e potassio (ioni che sono carichi elettricamente). Si genera così una differenza di potenziale che attiva il meccanismo di trasmissione delle differenze di potenziale tra le cellule nervose. Trasduzione sensoriale

84 La mente e lelaborazione delle informazioni Trasduzione sensoriale

85 La mente e lelaborazione delle informazioni Trasduzione sensoriale

86 La mente e lelaborazione delle informazioni Trasduzione sensoriale

87 La mente e lelaborazione delle informazioni

88

89 Registro sensoriale Riconoscimento di pattern MBT MLT Segnali fisici Trasduzione sensoriale reiterazione Il registro sensoriale

90 La mente e lelaborazione delle informazioni Una prima forma di memoria è stata scoperta in relazione agli stimoli che sono stati elaborati tramite la trasduzione sensoriale. Questa prima memoria, chiamata registro sensoriale è stata studiata sia in relazione alle sue capacità, e cioè quanti stimoli è in grado di elaborare in un dato momento, sia in relazione alla durata, cioè quanto tempo riusciamo a ricordare quegli stessi stimoli. Registro sensoriale

91 La mente e lelaborazione delle informazioni Una prima forma di memoria è stata scoperta in relazione agli stimoli che sono stati elaborati tramite la trasduzione sensoriale. Registro sensoriale

92 La mente e lelaborazione delle informazioni Nei diversi esperimenti condotti da Sperling (1960), i soggetti dovevano riferire le lettere presentate su di una matrice dopo che queste erano scomparse alla vista. Registro sensoriale T D R H U D P Q M Una delle matrici di lettere usate nellesperimento di Sperling (1960)

93 La mente e lelaborazione delle informazioni Nei diversi esperimenti condotti da Sperling (1960), i soggetti dovevano riferire le lettere presentate su di una matrice. Le lettere erano presentate solo per pochi msc, poi lo schermo veniva oscurato. In questi casi i soggetti che partecipavano allesperimento mediamente erano in grado di riferire 3-4 lettere Registro sensoriale T D R H U D P Q M Una delle matrici di lettere usate nellesperimento di Sperling (1960)

94 La mente e lelaborazione delle informazioni In una variazione dellesperimento, subito dopo la presentazione della matrice di lettere i soggetti ascoltavano un tono sonoro alto, medio o basso. Il loro compito, in questo caso, era di ripetere solo le lettere corrispondenti al tono. In questa condizione sperimentale i soggetti potevano ripetere tutte e tre le lettere che corrispondevano alla riga del tono sonoro. Registro sensoriale Esemplificazione della corrispondenza tra toni sonori e righe di lettere T D R H U D P Q M TONO ALTO TONO MEDIO TONO BASSO

95 La mente e lelaborazione delle informazioni Questi risultati indicano che il registro sensoriale può essere considerato illimitato nella sua capacità, vale a dire che possiamo percepire tutti gli elementi in una scena e ricordarli per qualche istante. Questi ricordi, però, non sono di lunga durata. E infatti nel primo compito bastava il tempo necessario a ripetere le prime lettere a cancellare dalla memoria gli altri stimoli. Cosa che invece non si verifica nella seconda condizione sperimentale. Registro sensoriale

96 La mente e lelaborazione delle informazioni Registro sensoriale Riconoscimento di pattern MBT MLT Segnali fisici Trasduzione sensoriale reiterazione Il riconoscimento di pattern

97 La mente e lelaborazione delle informazioni Le relazioni tra percezione e memoria sono invece analizzate dagli studi relativi al riconoscimento di pattern. Due le ipotesi: confronto tra sagome - il pattern è confrontato con la sagoma prototipica; Analisi delle caratteristiche - i tratti distintivi sono rilevati e integrati (v. il pandemonium di Selfridge, 1995) E Riconoscimento di pattern

98 La mente e lelaborazione delle informazioni In alternativa si può ritenere che gli elementi stimolo che si configurano come unità percettive siano riconosciuti grazie a confronti con sagome Contenute in un deposito di memoria dove teniamo le conoscenze consolidate, quelle che costituiscono la nostra enciclopedia mentale. Riconoscimento di pattern

99 La mente e lelaborazione delle informazioni L'idea di Pandemonium era che nel riconoscimento di qualcosa, ….. noi disponiamo di un piccolo demonio per ogni caratteristica, per ogni parte dell'immagine. I demoni, quando vedono un'immagine, gridano: "Quello sono io! Quello sono io!" Un demonio superiore ascolta questi altri demoni e decide chi grida più forte. Se si sta leggendo un carattere in una parola e il demonio superiore sente il demonio della lettera A gridare più forte, allora dice: "Ecco, questa è una lettera A". L'idea è di disporre di diverse reti neurali che rappresentano i demoni; ciò che essi gridano, cioè il loro output, corrisponde alla quantità di se stessi che essi riconoscono. (da unintervista a Selfridge, 1995) Riconoscimento di pattern

100 La mente e lelaborazione delle informazioni Riconoscimento di pattern

101 La mente e lelaborazione delle informazioni Analisi delle caratteristiche S S S S S S S S S S S (Navon, 1977) Riconoscimento di pattern

102 La mente e lelaborazione delle informazioni Ma, quale che sia lipotesi accettata, quello sul quale tutti gli studiosi concordano è che il sistema per il riconoscimento di pattern è in diretta relazione con almeno altri due sistemi, quello della memoria a breve termine e quello della memoria lungo termine. Riconoscimento di pattern Il primo sistema elabora poche informazioni per brevi periodi di tempo, mentre il secondo potenzialmente può contenere una quantità infinita di informazioni e per periodi ti tempo che possono durare anche lintera esistenza.

103 La mente e lelaborazione delle informazioni Dal sistema per il riconoscimento di pattern le informazioni, una volta riconosciute sono passate ad una memoria temporanea (MBT) che le sottoporrà ad elaborazioni ulteriori. Riconoscimento di pattern Le relazioni con la MLT sono tali per cui: o da questa sono recuperate le informazioni necessarie per interpretare il presente; oppure in essa sono immesse direttamente le informazioni, come nei casi di evidente sorpresa o forte motivazione.

104 La mente e lelaborazione delle informazioni Registro sensoriale Riconoscimento di pattern MBT MLT Segnali fisici Trasduzione sensoriale reiterazione La memoria a breve termine

105 La mente e lelaborazione delle informazioni La memoria a breve termine riceve informazioni sia dal sistema per il riconoscimento dei pattern sia dal sistema di memoria a lungo termine. La capacità di questo sistema è alquanto limitata. Può contenere poche informazioni alla volta e per piccole frazioni ti tempo. Uno di primi studiosi a occuparsi della determinazione dei limiti della MBT fu H. Ebbinghaus (1885) che condusse lunghi studi sulla memorizzazione di sillabe. MBT reiterazione

106 La mente e lelaborazione delle informazioni MBT reiterazione

107 La mente e lelaborazione delle informazioni Quasi tutte le ipotesi teoriche sul funzionamento Della MBT prevedono che questa sia anche un centro di controllo dei processi della mente: Attenzione – interpretabile come il controllo del flusso di informazioni dal deposito sensoriale al deposito a breve termine; Codificazione – controllo del passaggio delle informazioni dalla MBT alla MLT; Recupero – controllo del passaggio delle informazioni dalle MLT alla MBT E MBT reiterazione

108 La mente e lelaborazione delle informazioni Alcuni degli effetti maggiormente riscontrati negli studi sulla MBT si riferiscono ad un miglioramento dei ricordi per stimoli che, presentati sotto forma di lista, si trovano in posizione iniziale (effetto primacy), o in posizione finale (effetto recency) MBT reiterazione

109 La mente e lelaborazione delle informazioni Il primo di questi effetti sarebbe dovuto al fatto che nelle fasi iniziali del compito di memorizzazione, tutte le risorse della MBT sono dedicate ai primi stimoli, e quindi questi possono facilmente accedere alla MLT. Gli ultimi stimoli, invece, quelli presentati in fase finale, al momento del recupero sarebbero ancora contenuti nella MBT, e quindi facilmente recuperabili. MBT reiterazione

110 La mente e lelaborazione delle informazioni Nelle formalizzazioni più recenti la MBT è considerata come una memoria di lavoro, vale a dire un sistema dove vengono essenzialmente svolte delle elaborazioni finalizzate alla manipolazione degli stimoli. Questa si compone di quattro sottosistemi: Lesecutivo centrale – che ha il compito di gestire le risorse attenzionali e le modalità operative del sistema nel suo complesso; il loop articolario – deputato allelaborazione di stimoli verbali; la lavagna visuo-spaziale – deputata allelaborazione delle immagini. il buffer episodico MBT reiterazione

111 La mente e lelaborazione delle informazioni MBT reiterazione

112 La mente e lelaborazione delle informazioni MBT reiterazione In uno studio di Robbins et al (1996), giocatori di scacchi, più o meno esperti, dovevano eseguire in contemporanea uno dei seguenti compiti Tamburellare con le dita (controllo) Produrre dei numeri casuali (esecutivo centrale) Premere i tasti di una tastiera in senso antiorario (taccuino V-S) Ripetere rapidamente le parole see/saw (loop articolatorio

113 La mente e lelaborazione delle informazioni MBT reiterazione Controllo Loop art. Taccuino V-S esecutivo c. Non esperti Esperti Qualità della mossa

114 La mente e lelaborazione delle informazioni Registro sensoriale Riconoscimento di pattern MBT MLT Segnali fisici Trasduzione sensoriale reiterazione La memoria a lungo termine

115 La mente e lelaborazione delle informazioni Sebbene la reiterazione del materiale informativo possa portare con più probabilità a registrare delle informazioni allinterno della MLT, si possono verificare dei fenomeni che negano questa concezione. Oggi, infatti, gli studiosi tendono a considerare due tipi di ripetizioni diverse: la ripetizione di mantenimento; la ripetizione integrativa. La seconda è maggiormente funzionale al consolidamento delle informazioni allinterno della MLT. MLT

116 La mente e lelaborazione delle informazioni Quello che si apprende nel corso della nostra esistenza, nella maggior parte dei casi non è dovuto ad uno sforzo consapevole esercitato proprio al fine di imparare. E possibile dire, invece, che più è profonda la riflessione su una certa informazione e più saranno alte le possibilità di ricordarla. Questo viene definito ripetizione integrativa e si caratterizza per il fatto che il fine immediato non è quello che porta al ricordo del materiale informativo bensì quello relativo alla sua comprensione. MLT

117 La mente e lelaborazione delle informazioni Si può riferire di due diverse ipotesi in relazione al formato delle informazioni in memoria Memorie come tracce Memorie come schemi MLT

118 Per discriminare tra le diverse impostazioni sui formati delle informazioni nella memoria a lungo termine si può fare riferimento agli studi sui flash di memoria. Questi potrebbero sostenere lipotesi delle tracce di memoria in quanto darebbero prova del fatto che alcuni eventi possono essere registrati così come sono avvenuti. I flash di memoria sono, infatti, ricordi particolarmente vividi relativi a eventi di pubblica rilevanza. MLT

119 I primi e più importanti studi sono stati condotti da Brown e Kulik (1977) in relazione alla morte del presidente Kennedy. Lo studio è retrospettivo è ha messo in evidenza che i soggetti in relazione alla notizia dellevento riescono a ricordare anche dopo anni: il luogo cosa facevano chi lha riportata il proprio stato danimo cosa è accaduto dopo MLT

120 1KQ2-gTqFfA&feature=fvst H7ZGOmxV5Zk

121 La teoria elaborata al riguardo è quella del NOW PRINT Gli stadi sono quelli relativi 1 - alla sorpresa 2 - allimportanza 3 - alla produzione del flash di memoria (now print) 4 - alla reiterazione 5 - al resoconto del flash MLT

122 Altri studi però non sembrano confermare lesistenza dei flash di memoria. Lo studio di McCloskey et al (88) è stato condotto con questionari follow up (1- tre giorni e 2 - nove mesi dopo levento, lesplosione del Challenger). I risultati sono relativi a resoconti più generali e con errori di ricostruzione. MLT

123 Per Bohannon è limpatto emotivo a determinare la vividezza dei ricordi. Sono i ricordi con maggiore impatto emotivo e reiterati più frequentemente quelli che risultano più vividi. Ad ogni modo le caratteristiche dei flash di memoria sono continue e non tutto o nulla. Altri studi – che implicano una doppia procedura relativa a ricordi riferibili a compagni di studi e ad eventi pubblicamente rilevanti come linizio della guerra in Iraq (Weaver, 1993) - indicano che è il grado di fiducia dei soggetti in relazione al proprio ricordo ciò che varia tra ricordi ordinari e flash di memoria. MLT

124 La mente e lelaborazione delle informazioni Diverse ricerche hanno dimostrato che i ricordi si consolidano con più facilità quando gli stimoli sono presentati allinterno di circostanze logicamente coerenti. A sostegno di questi risultati anche quelli che evidenziano come lorganizzazione del materiale sia una strategia di memorizzazione intimamente legata alla ripetizione elaborativa. Questa, da un punto di vista strutturale può esplicitarsi nella ricerca di raggruppamenti; ordinamenti; gerarchie. MLT

125 La mente e lelaborazione delle informazioni La teoria degli schemi di memoria è stata elaborata a a partire dagli studi di Bartlett negli anni 30 Lo schema è una struttura organizzata e dinamica, capace di modificarsi a seconda delle esperienze correnti e pregresse MLT

126 La mente e lelaborazione delle informazioni Gli studi di Loftus e Palmer (74) hanno inquadrato le testimonianze oculari nellambito degli studi studi sugli schemi mentali MLT

127 La mente e lelaborazione delle informazioni Il concetto di Script si riferisce alla memoria di eventi, e pertanto si riferisce a schemi che hanno anche una dimensione temporale Script di eventi di eventi generalizzati situazionali intenzionali MLT

128 La mente e lelaborazione delle informazioni MLT

129 La mente e lelaborazione delle informazioni Infine, per quanto riguarda il formato delle rappresentazioni allinterno della MLT occorre distinguere quanto meno tra memoria dichiarativa e memoria procedurale. La prima è relativa a quelle conoscenze che siamo in grado di riferire, che hanno carattere enciclopedico, e possono essere abbastanza facilmente soggette a oblio. La seconda, invece, si riferisce al saper fare le cose, non è facilmente riferibile ed è molto più resistente. MLT

130 La teoria dellelaborazione dellinformazione La linearità di tale modello è rigettata in quello proposto da Broadbent (1984) Sistema di elaborazione centrale Memoria di Lavoro astratta Magazzino associativo a lungo termine Magazzino delle risposte motorie Registro sensoriale

131 La teoria dellelaborazione dellinformazione Lapprocccio di Gibson, detto approccio ecologico, invece, ha spostato laccento sulle capacità informative dellambiente: Le informazioni non sono solo ciò che viene elaborato dallindividuo, ma sono disponibili nellambiente, e tutto ciò che occorre è solo che lindividuo vi presti attenzione. Le invarianti strutturali sono la parte stabile dei percetti, sono queste che costituiscono linfomazione.

132 La teoria dellelaborazione dellinformazione

133 La teoria dellelaborazione dellinformazione Limpostazione data da Gibson ha permesso di considerare lindividuo come un organismo attivamente impegnato nel compito di rilevazione delle informazioni. Rilevante al riguardo il concetto di affordance.

134 Il Connessionismo Il connessionismo rappresenta una sorta di fusione tra lapproccio associazionista e quello informazionale.

135 Il Connessionismo Le reti connessioniste si auto-strutturano sulla base di esempi di apprendimento Ha quattro zampe Ha due zampe Non ha zampe Ha il pelo Ha le squame Ha le penne Ha la corazza GattoTartarugaRondineSeppiaUomoSqualoCervo

136 Il Connessionismo

137

138 Le rappresentazioni possono essere esplicitate tramite il ricorso alle hidden units Ha quattro zampe Ha due zampe Non ha zampe Ha il pelo Ha le squame Ha le penne Ha la corazza GattoTartarugaRondineSeppiaUomoSqualoCervo


Scaricare ppt "PSICOLOGIA COGNITIVA: DALLE ORIGINI AD OGGI La psicologia è la scienza che utilizza le evidenze introspettive e comportamentali per comprendere i processi."

Presentazioni simili


Annunci Google