La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Www.patronato.acli.it LA RIFORMA PREVIDENZIALE introdotta dal Decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201 Disposizioni per la crescita, lequità e il consolidamento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Www.patronato.acli.it LA RIFORMA PREVIDENZIALE introdotta dal Decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201 Disposizioni per la crescita, lequità e il consolidamento."— Transcript della presentazione:

1 LA RIFORMA PREVIDENZIALE introdotta dal Decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201 Disposizioni per la crescita, lequità e il consolidamento dei conti pubblici convertito in Legge n. 214 del 22 dicembre 2011 Decreto legge 29 dicembre 2011 n. 216 (Decreto Milleproroghe) convertito in Legge n. 14 del 24 febbraio 2012

2 SISTEMA DI CALCOLO CONTRIBUTIVO IN PRO QUOTA PER LE ANZIANITÀ MATURATE A PARTIRE DALL (Art. 24, comma 2)

3 I criteri di calcolo che riguardano la misura delle prestazioni sono due: Retributivo (in vigore dal 1969) Contributivo (istituito dalla L. 335/95) Premessa

4 Differenze tra i due criteri Il retributivo si basa sulle retribuzioni pensionabili percepite dallassicurato in un determinato periodo di riferimento Il sistema contributivo è costruito sul montante individuale versato in tutta la vita lavorativa Premessa

5 Parliamo di calcolo misto quando la pensione risulta composta da due distinte quote, una retributiva e laltra contributiva. Premessa

6 Variabili del calcolo retributivo Anzianità contributiva Retribuzione pensionabile Aliquota di rendimento Premessa

7 La prestazione retributiva era caratterizzata da due distinte quote: Quota A: relativa allanzianità contributiva maturata al Quota B: relativa allanzianità contributiva maturata dal alla decorrenza di pensione Premessa

8 Quota A: relativa allanzianità contributiva maturata al Periodo di riferimento per i lavoratori dipendenti: ultimi 260 c.s. (5 anni non solari), calcolati a ritroso dallultimo contributo versato antecedente la decorrenza Premessa

9 Quota A: relativa allanzianità contributiva maturata al periodo di riferimento per i lavoratori autonomi: ultimi 520 c.s. calcolati a ritroso dalla decorrenza Premessa

10 Quota B: relativa allanzianità contributiva maturata dal periodo di riferimento per i lavoratori dipendenti: in linea di massima, ultimi 520 c.s. calcolati a ritroso dalla decorrenza Premessa

11 Quota B: relativa allanzianità contributiva maturata dal periodo di riferimento per i lavoratori autonomi: in linea di massima, ultimi 780 c.s. calcolati a ritroso dalla decorrenza Premessa

12 Variabili del calcolo contributivo Montante contributivo individuale Età dellassicurato Premessa

13 Montante contributivo individuale Non è composto da un effettivo accumulo di contributi sulla posizione individuale il nostro sistema previdenziale, infatti, è un sistema a ripartizione. Premessa

14 Sistema a ripartizione I contributi versati dai lavoratori in attività servono a pagare le prestazioni pensionistiche in essere Sistema a capitalizzazione I propri contributi vanno effettivamente ad alimentare il montante personale Premessa

15 Età dellassicurato E espressa dal coefficiente di trasformazione che cresce allaumentare delletà stessa (il coefficiente è collegato allattesa di vita del pensionando) Premessa

16 Il calcolo contributivo interessa … chi non ha anzianità contributiva antecedente al 1996 (1° iscrizione successiva al ) Premessa

17 Il calcolo contributivo interessava fino al … chi avesse meno di 18 anni al relativamente alla quota di pensione derivante dalla contribuzione afferente i periodi successivi a tale data (calcolo misto) Premessa

18 Estensione a tutti del calcolo contributivo a decorrere dal 1° gennaio 2012, con riferimento alle anzianità contributive maturate a decorrere da tale data, la quota di pensione corrispondente a tali anzianità è calcolata secondo il sistema contributivo. Viene abrogato il sistema di calcolo totalmente retributivo disciplinato dalla L.335/95, indirizzato ai lavoratori in possesso di unanzianità contributiva pari o superiore a 18 anni al

19 Estensione a tutti del calcolo contributivo Per i lavoratori che matureranno anzianità contributive a partire dall , i sistemi di calcolo pensionistico applicabili alle diverse fattispecie saranno di tre tipologie: sistema misto applicabile ai lavoratori in possesso di unanzianità contributiva inferiore a 18 anni alla data del : quota retributiva sulle anzianità maturate fino al e quota contributiva sulle anzianità successive

20 Estensione a tutti del calcolo contributivo Per i lavoratori che matureranno anzianità contributive a partire dall , i sistemi di calcolo pensionistico applicabili alle diverse fattispecie saranno di tre tipologie: sistema misto applicabile ai lavoratori in possesso di unanzianità contributiva pari o superiore a 18 anni alla data del : quota retributiva sulle anzianità maturate fino al e quota contributiva sulle anzianità successive;

21 Estensione a tutti del calcolo contributivo Per i lavoratori che matureranno anzianità contributive a partire dall , i sistemi di calcolo pensionistico applicabili alle diverse fattispecie saranno di tre tipologie: sistema interamente contributivo, applicabile ai lavoratori privi di anzianità contributiva, che si iscrivono a far data dal a forme pensionistiche obbligatorie ed a coloro che esercitano la facoltà di opzione per il sistema contributivo.

22 Estensione a tutti del calcolo contributivo tipologie di lavoratori sistema di calcolo pensionistico Lavoratore con anzianità contributiva inferiore a 18anni al 31 dicembre 1995 Calcolo misto Metodo retributivo quota A: contributi maturati al quota B: contributi maturati dal al Metodo contributivo quota C: contributi maturati dal 1996 in poi Quote del calcolo della pensione

23 Estensione a tutti del calcolo contributivo tipologie di lavoratori sistema di calcolo pensionistico lavoratore con anzianità contributiva pari o superiore a 18 anni al 31 dicembre 1995 Calcolo misto Metodo retributivo quota A: contributi maturati al quota B: contributi maturati dal al Metodo contributivo quota C: contributi maturati dal 2012 in poi Quote del calcolo della pensione

24 Estensione a tutti del calcolo contributivo tipologie di lavoratori sistema di calcolo pensionistico Lavoratore assicurato dal o che esercita lopzione al contributivo calcolo interamente contributivo Quote del calcolo della pensione

25 Estensione a tutti del calcolo contributivo Effetti dellestensione del calcolo contributivo per tutti Per i soggetti con almeno 18 anni al 1995 lanzianità contributiva eccedente i 40 anni, maturata dal 1° gennaio 2012 – eccedente i 40 anni – è comunque valutata nella quota calcolata con il sistema contributivo

26 IL MECCANISMO DI ADEGUAMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI ALLE SPERANZE DI VITA (Art. 24, commi 12 e 13)

27 Loriginalità di tale meccanismo consiste nei suoi effetti ripetitivi nel tempo: In pratica ogni tre anni dalla verifica effettuata sui dati Istat rispetto alla variazione della speranza di vita deriverà un aggiornamento dei requisiti per la pensione in maniera conseguente e soprattutto automatica

28 Ogni tre anni viene misurata la variazione della probabilità che un uomo e una donna di 65 anni abbiano di vivere ancora (la speranza di vita appunto): se la probabilità cresce anche letà di pensionamento si allontana della stessa misura, altrimenti i requisiti restano invariati.

29 Incremento requisito anagrafico Il sistema è stato introdotto dalla manovra destate del 2010 (dallart.12, comma 12 bis, del D.L. 78/2010) In origine doveva diventare operativo dal 2015 ed essere applicato solo ai requisiti anagrafici stabiliti per il diritto ai diversi trattamenti pensionistici (età e quota per le pensioni di anzianità, età per la vecchiaia e requisito anagrafico per AS) Per effetto di una disposizione del D.L. 98/2011, manovra di luglio del 2011, loperatività del sistema è stata anticipata al 1°gennaio 2013 Incrementi speranza di vita Gli adeguamenti alla speranza di vita

30 Incremento requisito anagrafico Il D.L.201, ha confermato loperatività, a partire dal 1° gennaio 2013, del meccanismo di adeguamento dei requisiti pensionistici alle variazioni della speranza di vita rilevate dallISTAT e ha introdotto ulteriori modifiche. Gli adeguamenti alla speranza di vita

31 Incremento requisito anagrafico In base a quanto disposto dal D.L. 201/2011 Il meccanismo di adeguamento interesserà non solo tutti i requisiti anagrafici richiesti per le diverse modalità di accesso al pensionamento in vigore dal 2012 sia nel sistema misto che in quello contributivo Ma anche lanzianità contributiva richiesta per il diritto alla pensione maturata con il solo requisito contributivo (pensione anticipata). Incrementi speranza di vita Gli adeguamenti alla speranza di vita

32 Incremento requisito anagrafico Il primo adeguamento verrà applicato al 1° gennaio 2013 Il secondo adeguamento dopo tre anni, nel 2016 I successivi adeguamenti (dal 2019 in poi) avranno cadenza biennale (2021, 2023, 2025, ecc.) La norma ha stabilito che in sede di prima applicazione lincremento non possa superare, in ogni caso, la misura di 3 mesi Incrementi speranza di vita Gli adeguamenti alla speranza di vita

33 Incremento requisito anagrafico In base alle rilevazioni Istat, la variazione della speranza di vita all'età di 65 anni e relativa alla media della popolazione residente in Italia, tra l'anno 2007 e l'anno 2010, è pari a 5 mesi. Il decreto ministeriale dispone che, a partire dal 1° gennaio 2013, i requisiti di accesso ai pensionamenti siano incrementati di tre mesi Incrementi speranza di vita Gli adeguamenti alla speranza di vita

34 Incremento requisito anagrafico Nella relazione tecnica allegata al D.L. 201, il governo ha stimato gli ulteriori incrementi sulla base dei dati ISTAT del 2007: - 4 mesi nel mesi nel mesi dal 2021 per ogni ulteriore biennio fino al mesi dal 2029 per ogni ulteriore biennio fino al 2050 Le tabelle di seguito proposte sono elaborate sulla base di questi valori provvisori Incrementi speranza di vita Gli adeguamenti alla speranza di vita

35 NUOVO REGIME PENSIONISTICO APPLICABILE A PARTIRE DALL (art. 24, commi 6 – 11)

36 Requisito età pensionabile nel sistema previgente (vecchiaia retributiva) Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti Gestioni lavoratori autonomi Art/Comm/CdCM 60 anni per le donne 65 anni per gli uomini

37 Requisito contributivo nel sistema previgente (vecchiaia retributiva) Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti Gestioni lavoratori autonomi Art/Com/CdCm Anzianità assicurativa: 20 anni Anzianità contributiva: 1040 ctr. sett. (20 anni)

38 Requisiti nel sistema previgente (vecchiaia contributiva) 1^ possibilità 5 anni di ctr. effettiva (esclusa quella figurativa) 60 anni di età per le donne 65 anni di età per gli uomini

39 Requisiti nel sistema previgente (vecchiaia contributiva) 2^ possibilità 35 anni di contributi 60 anni di età per i lav. dipendenti 61 anni di età per i lav. Autonomi E la quota (somma di età e contributi) 96 per dipendenti 97 per autonomi

40 Requisiti nel sistema previgente (vecchiaia contributiva) 3^ possibilità 40 anni di contribuzione (a prescindere dalletà anagrafica)

41 Requisiti nel sistema previgente (pensione di anzianità) 1^ possibilità 35 anni di contributi 60 anni di età per i lav. dipendenti 61 anni di età per i lav. Autonomi E la quota (somma di età e contributi) 96 per dipendenti 97 per autonomi

42 Requisiti nel sistema previgente (pensione di anzianità) 2^ possibilità 40 anni di contribuzione (a prescindere dalletà anagrafica)

43 Decorrenza nel sistema previgente Per chi maturava i requisiti a partire da gennaio 2011, la cosiddetta finestra: 12 mesi dopo la maturazione dei requisiti (per i lav. dipendenti); 18 mesi dopo la maturazione dei requisiti (per i lav. autonomi)

44 Incremento requisito anagrafico Salvaguardia del diritto Continua ad applicarsi la previgente disciplina pensionistica nei confronti dei lavoratori che maturino i previgenti requisiti (età/anzianità contributiva) entro il Essi possono accedere a pensione anche successivamente al 2011 sulla base dei previgenti requisiti/finestre Lavoratori esclusi dalle nuove regole

45 Incremento requisito anagrafico la Certificazione del diritto a pensione Possibilità di chiedere allEnte previdenziale di appartenenza una dichiarazione che certifichi lacquisizione del diritto secondo la previgente normativa semplice valore dichiarativo e non costitutivo del diritto Lavoratori esclusi dalle nuove regole

46 Incremento requisito anagrafico Per coloro che maturano i requisiti per il diritto a pensione a decorrere dal 1° gennaio 2012, sono previste due uniche tipologie di prestazioni: a) la pensione di vecchiaia b) la pensione anticipata I nuovi trattamenti di pensione

47 Incremento requisito anagrafico La norma sostituisce tutte le precedenti prestazioni pensionistiche (la pensione di vecchiaia, di vecchiaia anticipata e di anzianità) con queste due uniche tipologie valide sia per chi matura il diritto nel sistema previdenziale misto (già retributivo) che per coloro che lo maturano nel sistema previdenziale contributivo. I nuovi trattamenti di pensione

48 Incremento requisito anagrafico Tali prestazioni non prevedono più un regime di decorrenza differito rispetto alla data di maturazione del diritto (c.d. finestre) Si possono ottenere dal mese successivo alla data di maturazione del diritto o della presentazione della domanda I nuovi trattamenti di pensione

49 Incremento requisito anagrafico Le finestre mobili continuano ad applicarsi: a coloro che hanno maturato entro il il diritto alla pensione in base alla normativa precedente alle lavoratrici che conseguono la pensione di anzianità con il particolare regime, valido fino al 2015, chiamato opzione donne ai lavoratori che accedono al pensionamento con i benefici riconosciuti per svolgimento lavori usuranti ai lavoratori ammessi alla deroga ai nuovi requisiti I nuovi trattamenti di pensione

50 Incremento requisito anagrafico Ai fini dei requisiti e condizioni di accesso alle nuove prestazioni la norma opera una distinzione tra: lavoratori con contribuzione accreditata prima del 1996 lavoratori con primo accredito contributivo successivo al 31 dicembre I nuovi trattamenti di pensione

51 Incremento requisito anagrafico La pensione per gli optanti al sistema contributivo I lavoratori che esercitano lopzione, pur essendo soggetti alle regole che caratterizzano il sistema contributivo, sono considerati, ai fin delle condizioni di accesso alle nuove pensioni, lavoratori con contribuzione accreditata prima del I nuovi trattamenti di pensione

52 LA PENSIONE DI VECCHIAIA (commi 4, 6 e 7)

53 Incremento requisito anagrafico La riforma ridefinisce i requisiti minimi di età anagrafica e di anzianità contributiva per il diritto alla pensione di vecchiaia, sia nel sistema retributivo-misto che nel sistema contributivo. Requisiti minimi di età anagrafica: rendere uniforme letà pensionabile tra uomini e donne, dipendenti, autonomi e parasubordinati, appartenenti a tutti i regimi previdenziali (Inps, ex Inpdap, ecc …) Lequiparazione è prevista a partire dallanno 2018 La pensione di vecchiaia

54 Incremento requisito anagrafico Donne lavoratrici dipendenti (AGO e forme sostitutive) La pensione di vecchiaia ANNOREQUISITO ANAGRAFICO anni anni e 6 mesi anni dal anni

55 Incremento requisito anagrafico Donne lavoratrici dipendenti (AGO e forme sostitutive) La pensione di vecchiaia * valori presunti stimati dal Governo nella relazione tecnica allegata al decreto Anno Nuovi limiti di età Incrementi speranza di vita Requisito anagrafico con aumento mesi mesi mesi 3 mesi mesi mesi mesi mesi (*) mesi mesi (*) mesi mesi (*) mesi

56 Incremento requisito anagrafico Donne lavoratrici autonome (Art-Com-Cd/Cm) e iscritte alla Gestione separata La pensione di vecchiaia ANNOREQUISITO ANAGRAFICO anni e 6 mesi anni e 6 mesi anni e 6 mesi dal anni

57 Incremento requisito anagrafico Donne lavoratrici autonome e iscritte alla GS La pensione di vecchiaia * valori presunti stimati dal Governo nella relazione tecnica allegata al decreto Anno Nuovi limiti di età Incrementi speranza di vita Requisito anagrafico con aumento mesi mesi mesi mesi 3 mesi mesi mesi mesi mesi 7 mesi (*) mese mesi (*) mese mesi (*) mesi

58 Incremento requisito anagrafico Uomini lavoratori dipendenti e autonomi (Art-Com Cd/Cm, iscritti alla Gestione separata, forme sostitutive ed esclusive ) e Donne dipendenti del pubblico impiego La pensione di vecchiaia ANNOREQUISITO ANAGRAFICO anni

59 Incremento requisito anagrafico Uomini lavoratori dipendenti e autonomi (Art-Com- Cd/Cm, iscritti alla Gestione separata, forme sostitutive ed esclusive ) e Donne dipendenti del pubblico impiego La pensione di vecchiaia * valori presunti stimati dal Governo nella relazione tecnica allegata al decreto anno Nuovo limite di età Incrementi aspettativa di vita Requisito anagrafico con aumento anni mesi mesi mesi mesi mesi mesi mesi (*) mese mesi (*) mese mesi (*) mesi

60 Incremento requisito anagrafico requisito contributivo minimo richiesto per il diritto alla nuova pensione di vecchiaia 20 anni di contribuzione, validi sia per chi matura il requisito nel sistema misto, sia per chi lo matura nel sistema contributivo La decorrenza è fissata dal primo giorno del mese successivo a quello della maturazione dellultimo requisito (anagrafico o contributivo), semprechè a tale data si sia verificata la cessazione dellattività lavorativa dipendente La pensione di vecchiaia

61 Incremento requisito anagrafico Per i lavoratori con prima contribuzione successiva al 1995 Valgono gli stessi requisiti contributivi e anagrafici prima richiamati Inoltre… Prima del compimento del 70° anno di età il diritto alla pensione di vecchiaia è subordinato alla condizione che il relativo importo non risulti inferiore a 1,5 volte lAssegno Sociale La pensione di vecchiaia

62 Incremento requisito anagrafico Per lanno 2012 limporto soglia è pari a 643,50 Per gli anni successivi limporto del 2012 verrà rivalutato sulla base della variazione media quinquennale del PIL relativo al quinquennio precedente l'anno da rivalutare. Non potrà comunque essere inferiore, per un dato anno, all1,5 volte l'importo mensile dell'assegno sociale stabilito per il medesimo anno. La pensione di vecchiaia

63 Incremento requisito anagrafico Per i lavoratori con prima contribuzione successiva al 1995 Raggiunto il 70° anno detà è possibile accedere al pensionamento anche con soli 5 anni di contribuzione effettiva e prescindendo da qualsiasi limite di importo La pensione di vecchiaia

64 Incremento requisito anagrafico I lavoratori che optano … Chi esercita lopzione al contributivo, pur appartenendo al relativo sistema previdenziale, non è soggetto allimporto soglia e allulteriore possibilità di pensionamento dopo i 70 anni conseguono il diritto alla pensione di vecchiaia con gli stessi requisiti contributivi e anagrafici previsti per i lavoratori assicurati prima del 1996 La pensione di vecchiaia

65 Incremento requisito anagrafico Flessibilità nellaccesso alla pensione Il lavoratore potrà scegliere di posticipare il momento del pensionamento a partire dai nuovi limiti di età fissati per la pensione di vecchiaia fino al compimento dei 70 anni (e anche oltre, secondo lincremento della speranza di vita) In tal modo si potrà ottenere un importo di pensione più elevato (solo quota contributiva) determinato dal migliore coefficiente di trasformazione che verrà istituito fino a 70 anni a partire dal 2013 La pensione di vecchiaia Flessibilità e incentivazione

66 Incremento requisito anagrafico A decorrere dallanno 2021, letà minima per la pensione di vecchiaia non potrà in ogni caso essere inferiore a 67 anni. Ciò significa che qualora tale età minima non dovesse essere raggiunta per effetto degli adeguamenti alla speranza di vita, si dovrà provvedere alladeguamento mediante apposito decreto da emanarsi entro il La pensione di vecchiaia

67 Incremento requisito anagrafico Speciale accesso alla pensione di vecchiaia per le lavoratrici dipendenti del settore privato Condizioni: aver maturato entro il : - almeno 20 anni di contribuzione - e almeno 60 anni detà possibilità di accedere alla pensione di vecchiaia alletà di 64 anni, sempre che ciò risulti più favorevole rispetto ai nuovi limiti di età (pensione non soggetta a finestre) La pensione di vecchiaia

68 Incremento requisito anagrafico Speciale accesso alla pensione di vecchiaia per le lavoratrici dipendenti del settore privato per poter accedere allagevolazione è sufficiente far valere la qualifica di lavoratrice dipendente alla data del laccesso agevolato può essere riconosciuto anche alle lavoratrici dipendenti che liquidano la pensione a carico di una gestione dei lavoratori autonomi (ART, COM, CD/CM). La pensione di vecchiaia

69 Incremento requisito anagrafico La pensione di vecchiaia nate nel mese dietà richiestamaturazione requisitoin pensione dal gennaio del anni + 9 mesiottobre 20151° novembre 2015 febbraio del anni + 9 mesinovembre 20151° dicembre 2015 marzo del anni + 9 mesidicembre 20151° gennaio 2016 aprile del anniaprile 20161° maggio 2016 maggio del annimaggio 20161° giugno 2016 giugno del annigiugno 20161° luglio 2016 luglio del anniluglio 20161° agosto 2016 agosto del anniagosto 20161° settembre 2016 settembre del annisettembre 20161° ottobre 2016 ottobre del anniottobre 20161° novembre 2016 novembre del anninovembre 20161° dicembre 2016 dicembre del annidicembre 20161° gennaio 2017 Lavoratrici dipendenti del settore privato - nate nel che maturino unanzianità contributiva di almeno 20 anni entro il 2012

70 Incremento requisito anagrafico La pensione di vecchiaia Nate entro il mese di:requisito anagrafico richiesto: mese di maturazione del requisito anagrafico in pensione dal gennaio del anni + 9 mesiottobre 20151° novembre 2015 febbraio del anni + 9 mesinovembre 20151° dicembre 2015 marzo del anni + 9 mesidicembre 20151° gennaio 2016 aprile del anni + 7 mesinovembre 20171° dicembre 2017 maggio del anni + 7 mesidicembre 20171° gennaio 2018 giugno del anni + 11 mesimaggio 20191° giugno 2019 luglio del anni + 11 mesigiugno 20191° luglio 2019 agosto del anni + 11 mesiluglio 20191° agosto 2019 settembre del anni + 11 mesiagosto 20191° settembre 2019 ottobre del anni + 11 mesisettembre 20191° ottobre 2019 novembre del anni + 11 mesiottobre 20191° novembre 2019 dicembre del anni + 11 mesinovembre 20191° dicembre 2019 Lavoratrici dipendenti del settore privato - nate nel che maturino unanzianità contributiva di almeno 20 anni dopo il 2012

71 LA PENSIONE ANTICIPATA (commi 10 e 11)

72 Incremento requisito anagrafico Abolizione delle pensioni anzianità maturate secondo il sistema delle quote (requisito contributivo di almeno 35 anni, congiunto ad unetà minima e al raggiungimento di una quota determinata dalla somma di età anagrafica e anzianità contributiva) E prevista solo la pensione anticipata, che si ottiene raggiungendo una determinata anzianità contributiva minima a prescindere da qualsiasi requisito anagrafico La pensione di vecchiaia La pensione anticipata

73 Incremento requisito anagrafico Il requisito contributivo minimo varia a seconda del sesso nel 2012 sono richiesti: 42 anni e 1 mese per gli uomini, 41 anni e 1 mese per le donne Tali requisiti aumenteranno di un ulteriore mese nel 2013 e nel 2014 e saranno adeguati agli incrementi della speranza di vita. La pensione di vecchiaia La pensione anticipata

74 Incremento requisito anagrafico La pensione di vecchiaia La pensione anticipata * valori presunti stimati dal Governo nella relazione tecnica allegata al decreto Requisito contributivo per laccesso alla pensione anticipata anno Uomini Incrementi speranza di vita Requisito contributivo con aumento mese mesi3 mesi mesi mesi 3 mesi mesi mesi mesi mesi * mesi mesi * mesi mesi * mesi

75 Incremento requisito anagrafico La pensione di vecchiaia La pensione anticipata * valori presunti stimati dal Governo nella relazione tecnica allegata al decreto Requisito contributivo per laccesso alla pensione anticipata anno Donne Incrementi speranza di vita Requisito contributivo con aumento mese mesi3 mesi mesi mesi 3 mesi mesi mesi mesi mesi * mesi mesi * mesi mesi * mesi

76 Incremento requisito anagrafico La pensione di vecchiaia La pensione anticipata 1 mese4 settimane 2 mesi8 settimane 3 mesi13 settimane UominiDonne 42 anni e 1 mese2188 settimane41 anni e 1 mese2136 settimane 42 anni e 2 mesi2192 settimane41 anni e 2 mesi2140 settimane 42 anni e 3 mesi2197 settimane41 anni e 3 mesi2145 settimane jj

77 Incremento requisito anagrafico Contribuzione utile Per i lavoratori che rientrano nel sistema misto ai fini del perfezionamento del requisito contributivo sono utili tutti i contributi figurativi, anche quelli per DS e malattia e infortunio. Deve comunque risultare perfezionato il requisito di almeno 35 anni di contribuzione con esclusione della contribuzione figurativa per malattia e disoccupazione La pensione di vecchiaia La pensione anticipata

78 Incremento requisito anagrafico Decorrenza La decorrenza della pensione anticipata è fissata, in presenza del requisito contributivo, dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda, semprechè a tale data si sia verificata la cessazione dellattività lavorativa dipendente. La pensione di vecchiaia La pensione anticipata

79 Incremento requisito anagrafico Riduzione Per chi accede alla pensione anticipata ad unetà inferiore a 62 anni è prevista lapplicazione di una riduzione percentuale della quota di pensione maturata fino al 31/12/ % per i primi due anni mancanti ai 62 anni detà (60 e 61 anni) - 2% per ogni anno ulteriore di anticipo qualora si scelga di accedere al pensionamento con unetà inferiore a 60 anni La pensione di vecchiaia La pensione anticipata

80 Incremento requisito anagrafico Riduzione Nel caso in cui, al momento del pensionamento, gli anni mancanti alletà di 62 non siano interi, la percentuale di riduzione deve essere calcolata a mese La penalizzazione riguarda solo la quota retributiva del trattamento di pensione relativa alle anzianità contributive maturate al Il limite dei 62 anni non è soggetto allincremento per aspettativa di vita La pensione di vecchiaia La pensione anticipata

81 Incremento requisito anagrafico Riduzione Il Decreto Milleproroghe ha in parte attenuato la rigidità di questa misura, escludendo dalla riduzione della pensione coloro che maturino il requisito contributivo per la pensione anticipata entro il 2017 La pensione di vecchiaia La pensione anticipata

82 Incremento requisito anagrafico Riduzione La norma è applicabile solo se lanzianità contributiva è costituita da contribuzione versata in corrispondenza di effettivo lavoro oppure accreditata per periodi di astensione obbligatoria per maternità, servizio militare, infortunio, malattia o Cassa Integrazione Ordinaria (elenco tassativo!) La pensione di vecchiaia La pensione anticipata

83 Incremento requisito anagrafico Speciale accesso alla pensione anticipata per i lavoratori dipendenti del settore privato Condizioni: aver maturato entro il anzianità contributiva di almeno 35 anni - il requisito anagrafico minimo e la corrispondente quota richiesta dalla legge 247/2007 per lanno 2012 (quota 96 con unetà minima di 60 anni, per i lavoratori dipendenti, quota 97 con unetà minima di 61 anni, per gli autonomi) Possibilità di accedere alla pensione anticipata alletà di 64 anni (pensione non soggetta a finestre) La pensione di vecchiaiaLa pensione anticipata

84 Incremento requisito anagrafico Speciale accesso alla pensione anticipata per i lavoratori dipendenti del settore privato per poter accedere allagevolazione è sufficiente far valere la qualifica di lavoratore dipendente alla data del laccesso agevolato può essere riconosciuto anche ai lavoratori dipendenti che liquidano la pensione a carico di una gestione dei lavoratori autonomi (ART, COM, CD/CM). La pensione di vecchiaiaLa pensione anticipata

85 Incremento requisito anagrafico Per i lavoratori con prima contribuzione successiva al 1995 Sono richiesti gli stessi requisiti contributivi Sono utili tutti i contributi obbligatori, figurativi e da riscatto (anche il riscatto di laurea, dal 2008) con la sola esclusione dei contributi volontari I periodi di lavoro precedenti il raggiungimento del 18° anno detà sono moltiplicati per 1,5 La pensione di vecchiaia Pensione anticipata per gli assicurati dal 1996

86 Incremento requisito anagrafico Per i lavoratori con riferimento ai quali il primo accredito contributivo decorre successivamente al 1° gennaio 1996 è altresì previsto un ulteriore canale di possibile pensionamento anticipato (oltre a quello appena specificato) La pensione di vecchiaia Pensione anticipata per gli assicurati dal 1996

87 Incremento requisito anagrafico Requisiti minimi e condizioni: 63 anni di età (requisito anchesso soggetto ad incremento, a partire dal 2013, per adeguamento alle speranze di vita), 20 anni di contribuzione effettiva (no figurativa); importo minimo della prima rata di pensione non inferiore a 2,8 volte lammontare mensile dellAssegno Sociale ( 1.201,26 per il 2012) La pensione di vecchiaia Pensione anticipata per gli assicurati dal 1996

88 Incremento requisito anagrafico La pensione di vecchiaia Pensione anticipata per gli assicurati dal 1996 anno Requisito contributivo Requisito anagrafico minimo Incrementi speranza di vita Requisito anagrafico con aumento importo minimo di pensione anni di contribuzione effettiva 63 anni - 2,8 volte lAssegno sociale mesi mesi mesi mesi mesi mesi mesi * mesi mesi * mesi mesi * mesi mesi * mesi mesi * mesi anno+2 mesi * mesi * valori presunti stimati dal Governo nella relazione tecnica allegata al decreto

89 Incremento requisito anagrafico Per lanno 2012 limporto soglia è pari a 1.201,26 Per gli anni successivi limporto soglia del 2012 verrà rivalutato sulla base della variazione media quinquennale del PIL relativo al quinquennio precedente l'anno da rivalutare. Non potrà comunque essere inferiore, per un dato anno, al 2,8 volte l'importo mensile dell'assegno sociale stabilito per il medesimo anno. La pensione di vecchiaia Pensione anticipata per gli assicurati dal 1996

90 Incremento requisito anagrafico I soggetti che esercitano lopzione al sistema contributivo sono considerati alla stregua dei lavoratori con primo accredito contributivo antecedente al 1996, e quindi non hanno accesso a questa possibilità di pensionamento La pensione di vecchiaia Pensione anticipata per gli assicurati dal 1996

91 LE DEROGHE ALLA APPLICAZIONE DELLA NUOVA DISCIPLINA delle PENSIONI DI VECCHIAIA e delle PENSIONI ANTICIPATE (commi 14, 15 e 18)

92 Incremento requisito anagrafico Continua ad applicarsi la previgente disciplina pensionistica (pensione di vecchiaia e pensione di anzianità, relativa disciplina dei requisiti per il diritto e regime delle decorrenze) nei confronti delle seguenti categorie: soggetti che abbiano maturato i previgenti requisiti (età/anzianità contributiva/eventuale quota) entro il ; La pensione di vecchiaia Deroghe alla nuova disciplina

93 Incremento requisito anagrafico In tutti i casi in cui un soggetto, pur rientrando nella salvaguardia del diritto, ottenga in base ai nuovi requisiti una decorrenza più favorevole rispetto a quella garantita dalla normativa precedente, potrà accedere al pensionamento con la decorrenza più vantaggiosa. La pensione di vecchiaia Deroghe alla nuova disciplina

94 Incremento requisito anagrafico La pensione di vecchiaia Deroghe alla nuova disciplina Lavoratori autonomi nati nel mese di dec. previgente normativa raggiungimento nuovo requisito anagrafico pensionamento a partire da gennaio del 19461° agosto 2012gennaio 20121° febbraio 2012 febbraio del 19461° settembre 2012febbraio 20121° marzo 2012 marzo del 19461° ottobre 2012marzo 20121° aprile 2012 aprile del 19461° novembre 2012aprile 20121° maggio 2012 maggio del 19461° dicembre 2012maggio 20121° giugno 2012 giugno del 19461° gennaio 2013giugno 20121° luglio 2012 luglio del 19461° febbraio 2013luglio 20121° agosto 2012 agosto del 19461° marzo 2013agosto 20121° settembre 2012 settembre del 19461° aprile 2013settembre 20121° ottobre 2012 ottobre del 19461° maggio 2013ottobre 20121° novembre 2012 novembre del 19461° giugno 2013novembre 20121° dicembre 2012 dicembre del 19461° luglio 2013dicembre 20121° gennaio 2013 gennaio aprile 20131° maggio 2013

95 Incremento requisito anagrafico Continua ad applicarsi la previgente disciplina pensionistica nei confronti delle seguenti categorie: donne che accedono a pensione di anzianità con i requisiti in vigore prima del 2008 (57 anni detà e 35 di contributi se dipendenti, ovvero 58 anni e 35 di contributi se autonome) optando, al momento del pensionamento, per la liquidazione del trattamento secondo le regole del calcolo contributivo (c.d. opzione donna); la decorrenza deve essere compresa entro il 31 dicembre La pensione di vecchiaia Deroghe alla nuova disciplina

96 Incremento requisito anagrafico Entro un limite massimo di beneficiari da determinare con un decreto attuativo la previgente disciplina pensionistica continua ad applicarsi ai soggetti che, pur maturando i requisiti dopo il 2011, si trovano nelle seguenti condizioni: lavoratori collocati in mobilità ordinaria sulla base di accordi sindacali stipulati anteriormente al , e che perfezionino i requisiti (previgenti) entro il periodo di fruizione dellindennità di mobilità; La pensione di vecchiaia Deroghe alla nuova disciplina

97 Incremento requisito anagrafico Entro un limite massimo di beneficiari da determinare con un decreto attuativo la previgente disciplina pensionistica continua ad applicarsi ai soggetti che, pur maturando i requisiti dopo il 2011, si trovano nelle seguenti condizioni: lavoratori collocati in mobilità lunga sulla base di accordi collettivi stipulati entro il ; La pensione di vecchiaia Deroghe alla nuova disciplina

98 Incremento requisito anagrafico Altri soggetti che possono rientrare nella deroga: lavoratori che, alla data del , siano già titolari di prestazione straordinaria a carico dei fondi di solidarietà di settore, o per i quali sia previsto il diritto di accesso ai predetti fondi di solidarietà sulla base di accordi collettivi stipulati entro la medesima data (4 dicembre 2011). (banche, poste, ecc.) …. La pensione di vecchiaia Deroghe alla nuova disciplina

99 Incremento requisito anagrafico Altri soggetti che possono rientrare nella deroga: …In questa seconda ipotesi, i lavoratori in esodo dovranno rimanere a carico dei predetti fondi fino al compimento minimo dei 60 anni di età, anche nel caso in cui maturino i requisiti di accesso al pensionamento, secondo le previgenti disposizioni, prima del compimento di tale limite di età; La pensione di vecchiaia Deroghe alla nuova disciplina

100 Incremento requisito anagrafico Altri soggetti che possono rientrare nella deroga: lavoratori autorizzati ai versamenti volontari in data anteriore al ; La pensione di vecchiaia Deroghe alla nuova disciplina

101 Incremento requisito anagrafico Altri soggetti che possono rientrare nella deroga: lavoratori il cui rapporto di lavoro si sia concluso entro il in forza di accordi individuali o di accordi collettivi di incentivo allesodo, a condizione che i requisiti per la pensione di anzianità siano maturati garantendo la decorrenza della prestazione entro il La pensione di vecchiaia Deroghe alla nuova disciplina

102 Incremento requisito anagrafico Altri soggetti che possono rientrare nella deroga: lavoratori che, alla data del 31 ottobre 2011, fossero in congedo straordinario ai sensi dellart.42 del D. lgs. 151/01 per assistere figli con disabilità grave, a condizione che maturino i 40 anni di anzianità contributiva entro 24 mesi dallinizio del congedo. La pensione di vecchiaia Deroghe alla nuova disciplina

103 Incremento requisito anagrafico I criteri e il numero dei lavoratori derogati dai nuovi requisiti saranno stabiliti da un decreto interministeriale attuativo dovrà essere emanato entro il 30 giugno 2012, sulla base delle risorse predeterminate dalla norma. Agli Enti previdenziali spetterà il compito di monitorare laccesso ai trattamenti pensionistici in deroga, con lobbligo di bloccare laccoglimento di ulteriori domande nel caso venga raggiunto il limite numerico corrispondente ai tetti annui di spesa. La pensione di vecchiaia Deroghe alla nuova disciplina

104 Incremento requisito anagrafico Nei confronti di tutti i soggetti derogati continua ad applicarsi il regime delle c.d. finestre mobili … e trovano comunque applicazione, dal 2013, le disposizioni riguardanti ladeguamento dei requisiti per laccesso ai trattamenti pensionistici agli incrementi della speranza di vita La pensione di vecchiaia Deroghe alla nuova disciplina

105 Incremento requisito anagrafico Non sono confermate le deroghe al requisito contributivo che consentivano di accedere alla pensione di vecchiaia con soli 15 anni di contributi (in forse gli autorizzati ai VV entro il 1992) Conferma dei requisiti anagrafici in vigore al per i lavoratori non vedenti e gli invalidi in misura non inferiore all'80%; La pensione di vecchiaia Altri soggetti esclusi dalle nuove regole

106 Incremento requisito anagrafico Ai trattamenti pensionistici riconosciuti sulla base delle sopra ricordate deroghe si applica comunque il regime delle decorrenze (finestra mobile). Rimane da chiarire se i requisiti anagrafici siano soggetti o meno allincremento per aspettativa di vita. La pensione di vecchiaia Deroghe alla nuova disciplina

107 LADEGUAMENTO DEI COEFFICIENTI DI TRASFORMAZIONE DEL MONTANTE CONTRIBUTIVO FINO A 70 ANNI (comma 16)

108 Incremento requisito anagrafico Con effetto dal 1 gennaio 2013, i coefficienti di trasformazione del montante contributivo in pensione contributiva, attualmente previsti fino alletà massima di 65 anni, vengono estesi anche per le età ricomprese tra i 66 ed i 70 anni La pensione di vecchiaia I coefficienti di trasformazione del montante

109 Incremento requisito anagrafico Tali coefficienti, ed il limite massimo di 70 anni, subiranno altresì aggiornamenti per adeguamento alle speranze di vita secondo la medesima tempistica prevista per ladeguamento dei requisiti pensionistici (nel 2016, nel 2019 e poi, di lì in poi, a cadenza biennale). Saranno inoltre estesi anche oltre i 70 anni quando, per effetto di tale adeguamento, risulterà superato di uno o più anni il limite dei 70 indicato come base di partenza dal La pensione di vecchiaia I coefficienti di trasformazione del montante

110 MODIFICHE ALLA DISCIPLINA SULLA TOTALIZZAZIONE EX D.LGS 42/2006 (comma 19)

111 Incremento requisito anagrafico Viene abrogato, con effetto dall , il requisito contributivo minimo di 3 anni richiesto per la cumulabilità, ai fini della pensione di vecchiaia e di anzianità in totalizzazione, delle singole gestioni previdenziali Tale abrogazione riguarda pertanto i soli diritti pensionistici che vengono a maturazione a partire dall in poi La pensione di vecchiaia Totalizzazione ex D.lgs. 42/2006

112 Incremento requisito anagrafico I requisiti di accesso alle pensioni di vecchiaia e anzianità in totalizzazione non hanno subito modificazioni - pensione di vecchiaia in totalizzazione: almeno 20 anni di contributi con 65 anni di età (sia per gli uomini che per le donne), - pensione di anzianità in totalizzazione rimangono i 40 anni di contributi. I trattamenti sono soggetti alla finestra dei 18 mesi dalla maturazione dei requisiti; i 65 anni e i 40 di contributi sono soggetti al meccanismo di adeguamento alla speranza di vita La pensione di vecchiaia Totalizzazione ex D.lgs. 42/2006

113 LA RIVALUTAZIONE DELLE PENSIONI (comma 25)

114 Perequazione automatica delle Per gli anni 2012 e 2013 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici in base alle variazioni del costo della vita è riconosciuta solo per i trattamenti pensionistici dimporto complessivo fino a tre volte il trattamento minimo ( 1.405,05 mensili), nella misura del 100%. Rivalutazione delle pensioni

115 Perequazione automatica delle Nel 2012, laumento delle pensioni, fissato nella misura del 2,6%, spetta solo sugli assegni di importo fino a 1.405,05 euro mensili. Trattamento minimo definitivo 2011: 468,35 x 3 Rivalutazione delle pensioni

116 Perequazione automatica delle La norma prevede, inoltre, un correttivo Qualora limporto complessivo delle pensioni sia superiore a tre volte il trattamento minimo, ma risulti inferiore a questo limite incrementato dallaumento della rivalutazione spettante (1.405,05 x 2,6% = 1.441,58), va comunque garantito un incremento fino a concorrenza di tale limite maggiorato Rivalutazione delle pensioni

117 Perequazione automatica delle La norma prevede, inoltre, un correttivo Nel 2012, quindi, alle pensioni dimporto compreso tra 1.405,05 e 1.441,58 euro viene riconosciuto (a partire dalla rata di febbraio, compresi gli arretrati di gennaio) laumento di rivalutazione fino a concorrenza del limite di 1.441,58 Rivalutazione delle pensioni

118 Perequazione automatica delle Per gli assegni superiori a 1.441,58 euro al mese è previsto il blocco totale della perequazione automatica, non spetta alcuna rivalutazione Rivalutazione delle pensioni

119 Perequazione automatica delle Aumento delle pensioni superiori al minimo per lanno 2012 Importo mensile in pagamento a dicembre 2011 Percentuale di rivalutazione 2012 fino a 1.405,05 euro2,6% da 1.405,05 fino a 1.441,58 euro laumento di rivalutazione spetta fino a concorrenza del limite di 1.441,58 oltre a 1.441,58 euronessuna rivalutazione Rivalutazione delle pensioni

120 Perequazione automatica delle Per i pensionati titolari di due o più pensioni la perequazione avviene in modo unificato, cioè il calcolo dellaumento è effettuato sulla somma dei trattamenti pensionistici corrisposti sia dallInps che da altri enti previdenziali, presenti nel Casellario centrale. Laumento spettante è ripartito tra i diversi trattamenti di pensione in proporzione agli importi Rivalutazione delle pensioni

121 CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA PER LE PENSIONI OLTRE i euro (comma 31 bis)

122 Contributo di solidarietà La manovra di luglio (DL98/2011) ha previsto, dal 1° agosto 2011 e fino al 31 dicembre 2014 un prelievo straordinario sulle pensioni di importo superiore a 90mila euro La trattenuta, già operante da agosto 2011, è pari al 5% sulla fascia di pensione compresa tra 90 e 150 mila euro lordi annui e del 10% sulla parte eccedente i 150 mila euro. Il contributo di solidarietà

123 Contributo di solidarietà Il Decreto Monti (D.L. 201) ha introdotto un ulteriore incremento del contributo di solidarietà, nella misura del 15%, sulla quota di pensione eccedente i 200 mila euro. Il contributo di solidarietà

124 Contributo di solidarietà Dal 1° agosto 2011 al 31 dicembre 2014 fino a 90 mila euronessuna trattenuta da 90 a 150 mila eurotrattenuta del 5% Dai 150 ai 200 mila euro trattenuta del 10% Oltre 200 mila eurotrattenuta del 15% Il contributo di solidarietà

125 Contributo di solidarietà Per la formazione del limite dei 90/150/200 mila euro concorrono tutte le pensioni erogate da enti gestori di previdenze obbligatorie, comprese le forme integrative. Nel caso di titolarità di più trattamenti ogni ente, acquisita lindicazione da parte dellINPS, opera la trattenuta in proporzione allimporto della pensione erogata Il contributo di solidarietà

126 Contributo di solidarietà fondi speciali Il prelievo viene effettuato sul rateo mensile del trattamento di pensione, salvo eventuali conguagli a conclusione dellanno di riferimento. Il contributo di solidarietà


Scaricare ppt "Www.patronato.acli.it LA RIFORMA PREVIDENZIALE introdotta dal Decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201 Disposizioni per la crescita, lequità e il consolidamento."

Presentazioni simili


Annunci Google