La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prima rilevazione sullo stato di attuazione della riforma degli ordinamenti nelle istituzioni scolastiche in LOMBARDIA Attuazione del D.L. 59/2003 a.s.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prima rilevazione sullo stato di attuazione della riforma degli ordinamenti nelle istituzioni scolastiche in LOMBARDIA Attuazione del D.L. 59/2003 a.s."— Transcript della presentazione:

1 Prima rilevazione sullo stato di attuazione della riforma degli ordinamenti nelle istituzioni scolastiche in LOMBARDIA Attuazione del D.L. 59/2003 a.s. 2004/05 Scuola Secondaria di 1 grado

2 Le domande Orario di funzionamentoOrario di funzionamento N. _____ scuole con orario di funzionamento settimanale a 27 ore in tutte le classi primeN. _____ scuole con orario di funzionamento settimanale a 27 ore in tutte le classi prime N. _____ scuole con orario di funzionamento settimanale a 30 ore in tutte le classi primeN. _____ scuole con orario di funzionamento settimanale a 30 ore in tutte le classi prime N. _____ scuole con orario di funzionamento settimanale a 33 ore in tutte le classi primeN. _____ scuole con orario di funzionamento settimanale a 33 ore in tutte le classi prime N. _____ scuole con orario di funzionamento settimanale da 27 a 40 ore, differenziatoN. _____ scuole con orario di funzionamento settimanale da 27 a 40 ore, differenziato nelle classi prime nelle classi prime OrganizzazioneOrganizzazione N._____ scuole in cui sono state introdotte nuove modalità organizzative in classe 1^ (laboratori,N._____ scuole in cui sono state introdotte nuove modalità organizzative in classe 1^ (laboratori, raggruppamenti alunni per specifiche attività) raggruppamenti alunni per specifiche attività) N._____ scuole in cui sono state parzialmente modificate le precedenti modalità organizzativeN._____ scuole in cui sono state parzialmente modificate le precedenti modalità organizzative N._____ scuole in cui non è stata introdotta nessuna variazioneN._____ scuole in cui non è stata introdotta nessuna variazione N._____ scuole in cui è stato conferito lincarico di docente-tutorN._____ scuole in cui è stato conferito lincarico di docente-tutor N._____ scuole in cui sono stati discussi i criteri per lindividuazione del docente-tutor,N._____ scuole in cui sono stati discussi i criteri per lindividuazione del docente-tutor, senza successiva formale assegnazione dellincarico senza successiva formale assegnazione dellincarico N._____ scuole in cui la funzione di docente-tutor è stata assunta in base a criteri diN._____ scuole in cui la funzione di docente-tutor è stata assunta in base a criteri di flessibilità (ad esempio, a rotazione) flessibilità (ad esempio, a rotazione) Indicazioni nazionali per i Piani di studio personalizzatiIndicazioni nazionali per i Piani di studio personalizzati N. _____ collegi docenti che hanno già avviato lapprofondimento delle Indicazioni nazionaliN. _____ collegi docenti che hanno già avviato lapprofondimento delle Indicazioni nazionali N. _____ collegi docenti che approfondiranno le Indicazioni nazionali nel corso dellanno, comeN. _____ collegi docenti che approfondiranno le Indicazioni nazionali nel corso dellanno, come argomento di formazione del personale docente argomento di formazione del personale docente Segnalare le parti delle Indicazioni nazionali maggiormente approfondite o discusse nei collegi docenti :Segnalare le parti delle Indicazioni nazionali maggiormente approfondite o discusse nei collegi docenti : A - Impianto complessivo e/o Obiettivi generaliA - Impianto complessivo e/o Obiettivi generali B - Obiettivi specifici di apprendimentoB - Obiettivi specifici di apprendimento C - Obiettivi formativi e Piani di studio personalizzatiC - Obiettivi formativi e Piani di studio personalizzati D - Portfolio delle competenze individualiD - Portfolio delle competenze individuali E - Valutazione alunniE - Valutazione alunni F - Assetti delle discipline dinsegnamentoF - Assetti delle discipline dinsegnamento G - Seconda lingua comunitaria (indicare se: inglese, francese, tedesco, spagnolo)G - Seconda lingua comunitaria (indicare se: inglese, francese, tedesco, spagnolo)

3 Scuola secondaria 1 grado * Bergamo e Cremona i dati si riferiscono ai plessi, non alle istituzioni scolastiche - * Lecco i dati si riferiscono a DD + IC

4 Orario funzionamento BGBSCOCRLCLOMNMIPVSOVA 27 ore % , ,7 6,9 - 2,6 30 ore % 12,9 23,7 22,5 25,5 21,4 24,2 5,0 6,9 - 7,9 33 ore % 64,5 50,0 42,5 74,5 85,7 28,6 63,6 24,5 37,9 77,3 65, ore differ % 22,6 50,0 40,0 21,3 50,0 30,3 69,8 48,3 22,7 31,6

5 Orario di funzionamento * Bergamo e Cremona i dati si riferiscono ai plessi, non alle istituzioni scolastiche - * Lecco i dati si riferiscono a DD + IC La percentuale è calcolata sul numero di risposte pervenute

6 Modalità organizzative – Secondaria 1° BG*BSCOCR*LC*LOMNMIPVSOVA nuove modalità % 67,7 76,3 80,0 80,9 85,7 69,7 77,0 89,7 95,5 89,5 parziali modifiche % 43,5 44,7 42,5 51,1 85,7 71,4 30,3 61,2 79,3 77,3 78,9 Senza variazioni % 4,8 2, ,1 - 3,6 3,4 9,1 5,3

7 Modalità organizzative * Bergamo e Cremona i dati si riferiscono ai plessi, non alle istituzioni scolastiche - * Lecco i dati si riferiscono a DD + IC La percentuale è calcolata sul numero di risposte pervenute

8 Modalità organizzative – docente tutor – secondaria 1° BG*BSCOCR*LC*LOMNMIPVSOVA docente-tutor % 11,3 7,9 22,5 - 42,9 21,2 15,8 44,8 54,5 36,8 Criteri individuazion e % 93,5 44,7 62,5 38,3 64,3 28,6 - 56,1 31,0 45,5 55,3 Funz.assunta collegialm % 6,5 10,5 12,5 23,4 28,6 14,3 18,2 18,0 17,2 4,5 23,7

9 Modalità organizzative: docente tutor * Bergamo e Cremona i dati si riferiscono ai plessi, non alle istituzioni scolastiche - * Lecco i dati si riferiscono a DD + IC La percentuale è calcolata sul numero di risposte pervenute

10 Indicazioni Nazionali – Secondaria 1° BG*BSCOCR*LC*LOMNMIPVSOVA Hanno approfond ito % 67,7 89,5 72,5 36,2 100,0 85,7 60,6 59,0 89,7 100,0 Approf. futuro % 96,8 84,2 40,0 21,3 100,0 57,1 66,7 41,0 89,7 95,5 89,5

11 Indicazioni nazionali – Secondaria 1° * Bergamo e Cremona i dati si riferiscono ai plessi, non alle istituzioni scolastiche - * Lecco i dati si riferiscono a DD + IC La percentuale è calcolata sul numero di risposte pervenute

12 Indicazioni nazionali – secondaria 1° * Bergamo e Cremona i dati si riferiscono ai plessi, non alle istituzioni scolastiche - * Lecco i dati si riferiscono a DD + IC La percentuale è calcolata sul numero di risposte pervenute

13 Temi discussi BG*BSCOCR*LC*LOMNMIPVSO A) Impianto complessivo e/o Obiettivi generali B) Obiettivi specifici di apprendimento C) Obiettivi formativi e Piani di studio personalizzati D) Portfolio delle competenze individuali E) Valutazione alunni F) Assetti delle discipline d'insegnamento G) Seconda lingua comunitaria (indicare se: inglese, francese, tedesco, spagnolo)

14 A) Impianto complessivo e/o Obiettivi generali B) Obiettivi specifici di apprendimento C) Obiettivi formativi e Piani di studio personalizzati D) Portfolio delle competenze individuali E) Valutazione alunni F) Assetti delle discipline d'insegnamento G) Seconda lingua comunitaria (indicare se: inglese, francese, tedesco, spagnolo) * Bergamo e Cremona i dati si riferiscono ai plessi, non alle istituzioni scolastiche - * Lecco i dati si riferiscono a DD + IC La percentuale è calcolata sul numero di risposte pervenute


Scaricare ppt "Prima rilevazione sullo stato di attuazione della riforma degli ordinamenti nelle istituzioni scolastiche in LOMBARDIA Attuazione del D.L. 59/2003 a.s."

Presentazioni simili


Annunci Google