La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL MIDOLLO OSSEO. LE CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL MIDOLLO OSSEO. LE CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO."— Transcript della presentazione:

1 IL MIDOLLO OSSEO

2 LE CELLULE STAMINALI

3 IL TRAPIANTO

4 COME SI PRELEVANO LE CELLULE STAMINALI PERIFERICHE

5 LAPLASIA

6 LA RICOSTITUZIONE EMATOLOGICA

7 LA SCELTA DEL DONATORE E LE BANCHE DI MIDOLLO OSSEO

8 GLI ANTIGENI DI ISTOCOMPATIBILITA HLA

9

10 Bone Marrow Donors Worldwide Il Bone Marrow Donors Worldwide è un progetto per la raccolta dei dati genetici pertinenti i potenziali donatori di midollo osseo e le unità di sangue cordonale crioconservate. Partecipano 51 Registri, situati in 37 nazioni, e 29 banche di sangue da cordone ombelicale. potenziali donatori volontari: n° unità di sangue cordonale: n°

11 BMDW: gestiti per registro BMDW (Update: 28-Dic-2001) Registro USA1 USA - NMDP D Germania - ZKRD GB Inghilterra - ANRC I Italia - IBMDR CND Canada - UBMDR TWTaiwan AUSAustralia JJapan GB4 Inghilterra - Bristol F Francia - FGM IL2 Israele - Rabin BMDR CY2Cipro BBelgio AAustria USA4 USA - Gift of Life USA3 USA - CRIR Brazil S Svezia - Tobias registry E Spagna - REDMO GB3 Inghilterra - Galles USA2 USA - ABMDR Caitlin Raymond TOTALE SIGLA % ABDR

12 Distribuzione dei donatori in Italia * Dati ISTAT 1998 ** x abitanti Regione TOTALE Donatori Sardegna Veneto Emilia-Romagna Liguria Lombardia Pr. di BZ e di TN Friuli-Venezia Giulia Valle d'Aosta Piemonte Toscana Marche Umbria Basilicata Abruzzo-Molise Puglia Calabria Lazio Sicilia Campania C.S. Sanità Esercito Popol.* Index** (30/09/2002)

13 TMO MUD in Italia IBMDR (Aggiornato al: 31-Dic-2002) 1382

14 Autologo Allogenico Prodotto libero da tumore Prodotto libero da tumore Graft versus umore Graft versus umore GVHD GVHD Contaminazione tumorale Contaminazione tumorale No graft versus tumore No graft versus tumore No GVHD No GVHD

15 Il Trapianto Allogenico si articola in QUATTRO FASI: PRIMA FASE: PRIMA FASE: somministrazione di farmaci chemioterapici ed immunosoppressori per preparare il paziente a ricevere le cellule del donatore. dura dai 2 ai 6 giorni, generalmente ben tollerata, solo modesta nausea SECONDA FASE: SECONDA FASE: inizia con l'infusione delle cellule del donatore, dura giorni Durante il periodo di aplasia elevato rischio di febbre, necessario trasfondere globuli rossi e piastrine.

16 TERZA FASE: TERZA FASE: caratterizzata dalla malattia da trapianto contro l'ospite (graft) che origina dall'attivazione dei linfociti del donatore contro il ricevente il paziente vive a casa, frequenti i controlli ambulatoriali. Il rischio principale è la comparsa di alterazioni cutanee, intestinali e disturbi al fegato. Aumentato rischio infettivo. Frequente riattivazione di un virus latente nell'organismo: il Citomegalovirus. QUARTA FASE: QUARTA FASE: dopo 4-12 mesi dal trapianto il sistema immunitario del donatore si adatta all'organismo del ricevente ed è possibile sospendere tutti i farmaci.

17 TRAPIANTO ALLOGENICO STANDARD Età <50 Mortalità da trapianto a 100 giorni30-50% GVHD cronica20% Remissione completa40% Risposta clinica85%

18 TRAPIANTO ALLOGENICO NON-MIELOABLATIVO Età <65 Mortalità da trapianto a 100 giorni15% GVHD cronica30% Remissione completa50% Risposta clinica80%

19 TRAPIANTO ALLOGENICO NON-MIELOABLATIVO Gruppo cooperatore: Seattle, Stanford, Denver, USA Leiptzig, Germany Torino, Italy N. pazienti52 Età mediana 52 (range 29-71) GVHD cronica46% Remissione completa57% Risposta clinica83% Mortalità da trapianto a 100 giorni9%

20 Effetto della GRAFT-VERSUS-MYELOMA LINFOCITI DEL DONATORE (10 5 CD3+) GVHD IV MESI DAL TRAPIANTO ALLOGENICO IMMUNOGLOBULINE M (g%)


Scaricare ppt "IL MIDOLLO OSSEO. LE CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO."

Presentazioni simili


Annunci Google