La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corteccia cerebrale. Il Cervello e' suddiviso in due principali sezioni Destra e Sinistra, che nell'evoluzione si sono particolarmente differenziate modificando.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corteccia cerebrale. Il Cervello e' suddiviso in due principali sezioni Destra e Sinistra, che nell'evoluzione si sono particolarmente differenziate modificando."— Transcript della presentazione:

1 Corteccia cerebrale

2 Il Cervello e' suddiviso in due principali sezioni Destra e Sinistra, che nell'evoluzione si sono particolarmente differenziate modificando le infrastrutture neuronali degli Emisferi Cerebrali Superiori. Tale suddivisione del cervello in due sezioni rispecchia il fatto che anche il nostro corpo ha un articolazione binaria: abbiamo infatti due occhi, due orecchie, due buchi del naso, una lingua che differenzia il dolce dal salato... due mani due gambe e cosi via dicendo.

3

4 Le diverse funzioni dei due emisferi cerebrali: Un emisfero diventa dominante sullaltro nel momento in cui esplica una sua funzione che laltro non è in grado di eseguire altrettanto bene. Mentre parliamo la dominanza va allemisfero sinistro, per esempio, ma per fare un bel disegno, nel quale hanno importanza i rapporti spaziali tra gli oggetti, occorre la dominanza dellemisfero destro. Questa dominanza però non è automatica, nel senso che, a volte, la consuetudine o la cultura portano a elaborazioni non consone al compito da portare a fondo, e che quindi producono mediocri risultati. A questo proposito è interessante un lavoro di B. Edwards uninsegnante di disegno che afferma che chi disegna male spesso, disegnando con la mano destra, mantiene dominanti le elaborazioni dellemisfero sinistro a scapito di quelle dellemisfero destro. Nel suo lavoro insegna tecniche "di aggiramento delle funzioni sinistre" che permettono di trovare la giusta elaborazione complessiva. I due emisferi, pur separati, sono messi in comunicazione tra loro da un grosso fascio di fibre nervose, il corpo calloso, che permette al cervello di integrare le elaborazioni delle varie aree.

5 CORTECCIA CEREBRALE: L'encefalo ( cervello e cervelletto ) è costituito da cellule neuronali, i neuroni, che ne caratterizzano la funzione e da una massa di cellule di supporto ( astrociti, oligodendrociti ) che costituisce il tessuto gliale. Le connessioni all'interno dell'encefalo sono molteplici e vanno poi a costituire i nervi e il midollo spinale, che trasmettono i messaggi a tutto il corpo. Anche nel midollo spinale ci sono le stesse cellule che popolano l'encefalo. Encefalo e midollo spinale costituiscono il Sistema Nervoso Centrale (SNC), i nervi vanno a formare il Sistema Nervoso Periferico (SNP).Il SNC è il "centro" della nostra esistenza in quanto esseri viventi. Controlla la nostra personalità attraverso il pensiero, la memoria, l'intelligenza, il linguaggio parlato e scritto, la musica, le emozioni, la vita affettiva e sessuale. Controlla i sensi: vista, olfatto, udito, tatto, gusto. Regola le funzioni vitali: respiro, attività cardiaca, pressione arteriosa, metabolismo. Il tutto a fare sì che si possa interagire con l'ambiente e gli altri esseri viventi attraverso il movimento, l'equilibrio e la coordinazione. Pertanto il non funzionamento o il malfunzionamento del SNC altera quella complessa funzione che intendiamo per "vita". Le funzioni elencate sono quelle "interne" al sistema; la loro estrinsecazione e il rapporto con il mondo esterno avviene attraverso le funzioni "esterne": le capacità sensoriali e sensitive, le capacità motorie, il linguaggio, le espressioni artistiche, etc.. Non è possibile separare le funzioni interne da quelle esterne, e viceversa.cervellocervellettoneuronimidollo spinale

6 Pertanto è assolutamente importante il concetto filosofico di integrità della "mente" e della "ragione" e che le malattie dell' encefalo, ivi compresi i tumori, vanno ad interferire con il concetto di vita che il soggetto ha di se e con la rappresentazione del proprio corpo nel mondo esterno e del mondo esterno stesso.nel SNC le via motorie e sensitive incrociano tutte, anche se a differenti livelli. Solo per il cervelletto, nella pratica, il lato della lesione corrisponde al lato del disturbo avvertito la via motoria principale è costituita da due neuroni motori, uno situato nella corteccia, i cui assoni, che sono la via di trasmissione del neurone, terminano nel midollo spinale (m.s.). Gli assoni del secondo motoneurone, che è nel midollo spinale vanno a costituire il nervo periferico, che innerva i relativi muscoli. A ogni assone corrisponde un numero di cellule muscolari, a costituire l'unità motoria. Tanto più un movimento è raffinato: movimenti oculari, dita della mano, labbra, lingua, corde vocali, tanto più sono necessarie unità motorie indipendenti. Le vie motorie principali sono influenzate nel loro decorso da tutti gli stimoli che provengono dalle altre parti del SNC, al fine di compiere un movimento coordinato e congruo con la motivazione. La stimolazione delle zona motoria, indipendentemente dall'attività del resto del cervello, evoca solo un movimento bruto e non finalistico.cervellettoneuronimidollo spinale cervello

7 Le vie sensitive sono invece schematicamente caratterizzate da 3 neuroni: il più periferico è nel ganglio del nervo periferico, adiacente al midollo spinale; un secondo, intermedio, si trova nel talamo; il terzo è nella corteccia sensitiva (lobo parietale). La sensibilità generale somatica va differenziata dalla sensibilità specifica visiva, acustica, gustativa e olfattiva che viaggia su vie indipendenti.In presenza di eventi emozionali, fisici, di stress, riproduttivi e sessuali, sensitivi; gli stimoli che partono dall'ipotalamo alterano lo stato di riposo ed equilibrio del sistema per adattare tutto il corpo alla nuova situazione. Il SNC è in continuo collegamento con l'esterno e con l'ambiente, con il resto del corpo e con i visceri. Per compiere un'azione, anche banale, devono essere coinvolte molteplici strutture. Ad esempio, per sedersi a tavola e mangiare, si deve sentire lo stimolo della fame, avere la motivazione per sedersi ed alimentarsi, essere materialmente in grado di farlo correttamente e con la necessaria coordinazione. neuroni midollo spinale L'area più grande dell'encefalo è il cervello che consiste in due emisferi, destro e sinistro. Il destro controlla il lato sinistro del corpo e il sinistro il lato destro. Uno dei due è dominante: in questo, il sinistro nei destrimani e il destro nei mancini, si trovano le aree di integrazione superiore delle sensibilità e dei sensi, oltre che le aree delle funzioni psichiche superiori (linguaggio, calcolo, parola scritta etc.). Ogni emisfero è diviso in quattro parti dette lobi: frontale, parietale, temporale e occipitale.

8 Lobi cerebrali: Lobi cerebrali: Grossolanamente ogni lobo controlla uno specifico gruppo di attività. Nella parte posteriore del lobo frontale vi sono i neuroni motori, nella parte anteriore del parietale i neuroni sensitivi, il lobo occipitale presiede alla vista, i lobi temporali hanno funzioni psichiche così come la parte anteriore dei lobi frontali. La parte esterna del cervello, mantello corticale o corteccia, è costituito da sostanza grigia, ovvero neuroni. Altre zone di sostanza grigia sono dislocate in aree più profonde. La parte interna del cervello è costituita da sostanza bianca, ovvero gli assoni e i dendriti, che sono le fibre che partono e/o arrivano ai neuroni e che trasportano le informazioni attraverso impulsi elettrici e/o sostanze chimiche (neurotrasmettitori). Le fibre sono rivestite da una sostanza grassa detta mielina.

9 Suddivisione delle aree

10 Cervelletto E la seconda area più vasta dell'encefalo. E' costituito da due emisferi e da una porzione mediana, detta verme. E' attaccato al tronco dell'encefalo mediante i peduncoli cerebellari, alloggiato al di sotto degli emisferi cerebrali, nella fossa cranica posteriore. Svolge importanti funzioni per l'equilibrio e la coordinazione dei movimenti. Neuroni Sono le cellule pensanti, collegate fra di loro da assoni e dendriti. Sono estremamente specializzati: motori, sensitivi, visivi, di coordinazione ecc. Di fatto sono la materia costituente dell'organismo più complesso che esista. Glia La glia è il tessuto di supporto dell'encefalo. Le sue cellule sono dette gliali. Le più comuni sono gli astrociti e gli oligodendrociti. Le cellule ependimali, che rivestono le pareti dei ventricoli cerebrali sono un'altra forma di glia. Gli astrociti sono coinvolti con l'apporto di sangue all'encefalo e con il suo metabolismo, gli oligodendrociti contribuiscono al mantenimento della melina, che è fondamentale per la trasmissione dell'impulso nervoso. Le cellule gliali, al contrario dei neuroni, sono in grado di riprodursi. Dalle cellule gliali hanno origine la maggior parte dei tumori cerebrali.

11 Come ragionano uomini e donne: Uomini e donne hanno la stessa intelligenza, ma ragionano con parti differenti del cervello. A parità di quoziente intellettivo gli uomini hanno sei volte e mezzo la materia grigia delle donne, che è collegata all'intelligenza generale, mentre le donne hanno dieci volte la materia bianca dell'uomo, che ha la funzione di relazionare le aree cerebrali Questo suggerisce quasi che nel corso dellevoluzione umana si siano sviluppati due differenti tipi di cervelli ed entrambi sono stati in grado di adattarsi e di affrontare la vita sul nostro pianeta. A sostenere la tesi anche il fatto che le donne utilizzano in maniera dominante il lobo frontale, invece l'uomo è tendenzialmente portato a coinvolgere, nel processo di ragionamento, una zona più vasta di corteccia. Per portare a termine la ricerca, Richard Haier e la sua equipe hanno impiegato dei sofisticati scanner per la risonanza magnetica, incaricati di osservare le zone del cervello coinvolte durante i test intellettivi e gli stimoli a cui sono stati sottoposti i volontari dello studio. Con tale metodologia di lavoro e grazie anche a software avanzati, gli scienziati dell'Università della California sono così riusciti ad ottenere una mappatura delle zone cerebrali coinvolte nel processo di ragionamento e a seguire l'attivazione dei neuroni in relazione a stimoli diversi

12 Il tuo cervello è di destra o sinistra? In quale senso ruota la ballerina? Orario o Antiorario?

13 Se vedi girarla in senso orario utilizzi maggiormente l'area destra del cervello Se vedi girarla in senso antiorario utilizzi in prevalenza l'area sinistra del cervello. Chi utilizza l'area sinistra è più avvezzo a: - usare la logica - matematica e scienze - parole e linguaggio - basarsi sulla realtà - ragionare secondo modello - alla sicurezza - alle cose pratiche - ecc Chi utilizza l'area destra è più avvezzo a: - usare i sentimenti - usare l'immaginazione - filosofia e religione - percezione spaziale - basarsi sulla fantasia - essere impetuoso - assumersi i rischi - ecc - ecc


Scaricare ppt "Corteccia cerebrale. Il Cervello e' suddiviso in due principali sezioni Destra e Sinistra, che nell'evoluzione si sono particolarmente differenziate modificando."

Presentazioni simili


Annunci Google