La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Rebecca Pera, Ph.D. Univer – Maggio 2013 CREATIVITA,INNOVAZIONEEMARKETING.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Rebecca Pera, Ph.D. Univer – Maggio 2013 CREATIVITA,INNOVAZIONEEMARKETING."— Transcript della presentazione:

1 Rebecca Pera, Ph.D. Univer – Maggio 2013 CREATIVITA,INNOVAZIONEEMARKETING

2 Obiettivi generali del corso Lobiettivo di questa sessione è comprendere che cosa sia la creatività, linnovazione ed il rapporto che esse hanno con marketing e la comunicazione nelle organizzazioni. Verranno presi in considerazione i seguenti argomenti: 1.il cambiamento: la creatività e la predisposizione al cambiamento nellindividuo; 2.la creatività: teorie e fasi; La Creatività, linnovazione e il cambiamento – Premessa ed Obiettivi

3 Approfondimenti Alcuni aspetti saranno affrontati in profondità: i tratti delle persone creative (motivazione, ambiente, abilità intellettive, conoscenza, stile di pensiero, personalità …); Lobiettivo è di fornire gli strumenti teorici ed applicativi sulla creatività ed il cambiamento sviluppando gli aspetti che la inibiscono e quelli che la stimolano

4 Definizioni della creatività Guilford (1950): Linsieme della fluidità, rapidità ideazionale, sensibilità ai problemi […]; flessibilità della mente, abilità sintetiche e analitiche, abilità di riorganizzazione e di ridefinizione, capacità di complessità delle strutture concettuali e infine valutazione.

5 Definizioni della creatività Sternberg e Lubart (1996) per i quali la creatività consiste fondamentalmente nella capacità di produrre qualcosa di nuovo (originale, inatteso) e appropriato (utile, adattabile al compito prefissato).

6 Unanalisi dei processi creativi in chiave storica Filoni di ricerca che in questo campo hanno prodotto i risultati più significativi. Possono essere integrati in ununica visione? Leredità psicoanalitica; Il comportamentismo; La psicologia della Gestalt; La psicologia cognitiva.

7 Lorigine della creatività Problemi Il metodo di studio psicobiografico è scientifico? La creatività è tipica delle persone insoddisfatte I processi creativi sono momenti unici e rari Lapproccio psicoanalitico considera la capacità creativa come una funzione inconscia, e quindi relativa alle nostre energie latenti, ai nostri sentimenti ed ai nostri affetti. esperienze primarie dell'individuo; i desideri insoddisfatti sono la forza motrice della fantasia – creatività; stretta correlazione tra genio e creatività, tra esperienza eccezionale e momento creativo.

8 Il ruolo dellambiente nella creatività La psicologia comportamentista spiega i processi psicologici come un insieme di associazioni tra stimoli e risposte con il supporto di rinforzi, partendo dallassunto per il quale lazione umana è governata essenzialmente da fenomeni esterni. Stretta correlazione tra il condizionamento strumentale (utilizzo massiccio del rinforzo) e pensiero divergente.

9 Gli individui creativi posseggono gerarchie piatte Sono in grado di produrre con maggior facilità associazioni remote La teoria sulla creatività di Mednick (1962), fornisce una spiegazione in termini di particolari associazioni tra stimoli e risposte, caratterizzati dal fatto che gli elementi vengano correlati in modo inusuale. Linusualità delle risposte

10 Nei termini della teoria associazionistica il pensiero creativo consiste nel fare nuove combinazione di elementi associativi, con la conseguenza che il processo creativo sarebbe facilitato da ogni situazione che tenda a portare al massimo, la contiguità ideazionale di idee altrimenti slegate. Nuove associazioni La creatività può essere spiegata con la sola capacità di effettuare associazioni remote?

11 Secondo questa ottica vi sono tre situazioni che favoriscono linsorgere del pensiero creativo: La Serendipity (combinazione casuale ma felice) La Somiglianza (relazione di contiguità tra gli elementi associativi) La Mediazione Condizioni che facilitano la Creatività Come possiamo misurare la creatività? Mednick ha formulato un test (RAT). Ex: Surprise Line Birthday Trovare una quarta parola legata a tutte le altre

12 Quattro fattori in grado di dare un'idea abbastanza accurata di quella che viene chiamata intelligenza divergente. Essi sono: Per fluidità si intende la capacità dimostrata da un soggetto di fornire il maggior numero possibile di risposte ad una domanda data; Per flessibilità il numero di categorie concettuali alle quali le risposte del soggetto possono essere ricondotte; IntelligenzaDivergente Intelligenza Divergente Quanto sono sviluppati questi fattori in voi?

13 Per originalità la facoltà di esprimere idee nuove e realmente innovative; Per elaborazione l'abilità del soggetto di dare una veste concreta ed operativa alle proprie idee. Quanto più questi fattori saranno presenti nell'individuo, tanto più egli si rivelerà dotato di intelligenza divergente o di capacità creativa. IntelligenzaDivergente Intelligenza Divergente Proviamo con un test di gruppo su usi alternativi di un oggetto comune: il mattone?

14 La creatività come capacità di effettuare associazioni remote Lapproccio comportamentista Integrazioni di attributi extra-categoriali (tra i tanti nodi)

15 Lapproccio comportamentista

16 Creatività ed associazioni tra aree semantiche. Come possiamo allontanarci dallarea semantica del problema? Associazionismo Fase divergente Associazioni comuni Fase convergente Area semantica mezzi di trasporto marini Area semantica mezzi di trasporto aerei Area semantica mezzi di trasporto spaziali e di fantascienza Area sem. dellautomobile Area semantica mondo animale Nuova area semantica dellautomobile

17 La creatività viene studiata dalla psicologia della Gestalt come pensiero produttivo. E necessario vedere una nuova struttura. Fondamentali i concetti di Insight e Ristrutturazione. Il pensiero produttivo La creatività è un processo che non è la mera riproduzione del passato

18 Insight e Ristrutturazione Insight e Ristrutturazione Se lapprendimento per i comportamentisti procedeva gradualmente per prove ed errori finché il successo rendeva stabile lassociazione tra il comportamento e il risultato positivo ottenuto, per i Gestaltici il momento decisivo per lapprendimento è quello in cui lanimale ristruttura la situazione problemica. Ex: Sultano – Apprendimento per insight Apprendimento per intuizione e non per prove ed errori. E sempre così? Possiamo davvero spiegare linnovazione come una scoperta/insight?

19 Problema (a) Un uomo in una certa cittadina degli Stati Uniti sposò venti donne dalla stessa città. Tutte le donne sono ancora in vita, nessuna si è divorziata, luomo non è un Mormone, eppure luomo non ha infranto nessuna legge. Come è possibile? Esempi di insight problems – è necessaria una veloce ristrutturazione Problema (b) Ieri, quando sono andato a dormire, ho spento la luce e poi sono entrata nel letto. Il mio letto è posizionato 5 metri dallinterruttore della luce, eppure sono entrata nel letto prima che la camera fosse al buio. Come è possibile?

20 La storia famosa del piccolo Gaus Trova il più velocemente possibile la somma aritmetica di: Esempi di insight problems – è necessaria una veloce ristrutturazione

21 Ristrutturazione logica e visiva Linsight non è la causa che porta alla ristrutturazione, ne è la conseguenza

22 Limmagine famosa Che cosa vedi? Chiudi gli occhi e prova di nuovo

23 Vedi un vecchio oppure due innamorati che si baciano? Altra immagine da ristrutturare

24 Insight e Fissità Il problema delle candele di Duncker Perché non riusciamo a pensare più frequentemente in modo creativo?

25 Il famoso problema dei nove punti Consideriamo questo altro noto problema: provate a coprire i nove punti della figura sottostante con quattro segmenti di retta senza staccare la penna dal foglio. Perché non riusciamo a pensare più frequentemente in modo creativo?

26 Risoluzione: Per risolvere il problema è necessario uscire dal quadro virtuale

27 Insight Problems Problema 1 Un mese dellanno è di 28 giorni. Quanti dei restanti 11 hanno 30 giorni? Problema 2 Come è possibile lanciare una palla con tutte le proprie forze e farla tornare indietro senza farla colpire qualcosa (muro, rete, parete, ecc.)? Esempi di insight problems – i vincoli spesso sono nella nostra mente

28 Problema 3 Il venditore di monete antiche, che te ne offre una marcata 35 Ante Christum. Ti imbroglia oppure ti offre unantica moneta romana? Problema 4 Sei ad una festa nella quale ci sono persone che dicono la verità e persone che mentono. Le persone che dicono la verità la dicono sempre, mentre i bugiardi mentono sempre. Incontri un nuovo amico. Ti dice che ha appena sentito una conversazione in cui una ragazza dice di essere una bugiarda. Il tuo amico è una persona che dice la verità o è un bugiardo? Insight problems logico matematici Esempi di insight problems – i vincoli spesso sono nella nostra mente e non nel problema

29 Problema 5 Una ricetta richiede quattro tazze di acqua. Nel tuo armadio in cucina hai solamente un contenitore da tre ed un altro da cinque. Come puoi arrivare a misurare, esattamente, le quattro tazze di acqua di cui hai bisogno solo con i contenitori in tuo possesso? Esempi di insight problems logico matematici – è necessaria una veloce ristrutturazione Insight problems logico matematici

30 Problema 6 Dan rientra a casa dal lavoro e trova Charlie morto steso per terra. Sul pavimento cè del vetro rotto e dellacqua. Cè anche Tom nella stanza. Dan da unocchiata alla stanza ed immediatamente capisce come Charlie è morto. Comè morto Charlie? Insight Problems Esempi di insight problems logico matematici – è necessaria una veloce ristrutturazione

31 Problema 7 Esempi di insight problems logico matematici – è necessaria una veloce ristrutturazione

32 Problema 8 Trova la parola da scartare. OVALTO DIESA POPETTA MORECCHINA Esempi di insight problems logico, linguistici, matematici – è necessaria una veloce ristrutturazione Problema 9 Completa la serie delle lettere VSOLF

33 Problema 10 Inserisci il numero omesso Problema 11 Inserisci la parola che completi la prima parola e che formi linizio della seconda COM (...) TINO Esempi di insight problems logico matematici – è necessaria una veloce ristrutturazione

34 Problema 12 Esempi di insight problems visivo spaziale – è necessaria una veloce ristrutturazione

35 Problema 13 Trova il numero omesso Problema 14 Trova la parola che non è una città garipi zavszire laopin nienva dalnro Esempi di insight problems logico, linguistico, matematici – è necessaria una veloce ristrutturazione

36 Problema 15 – Rappresentazione mentale di un problema La rappresentazione di un problema influisce sulla sua soluzione

37 Problema 15 – Rappresentazione mentale di un problema

38 Il Tangram Sono necessarie capacità combinatorie connesse allimmaginazione, alla creazione del nuovo

39 Il Tangram

40 Il Tangram: possibili combinazioni Alcune soluzioni che rispettano i vincoli relativi al compito

41 il mondo dal punto di vista di un insetto – compito svolto da bambini Disegno più creativo Multiprospettiva e visione ansiosa

42 il mondo dal punto di vista di un insetto – compito svolto da bambini Disegno meno creativo Visione ansiosa: prospettiva adottata dalla maggior parte dei bambini

43 Il pensiero laterale (De Bono,1967) Molti anni fa, ai tempi in cui un debitore insolvente poteva essere gettato in prigione, un mercante di Londra si trovò, per sua sfortuna, ad avere un grosso debito con un usuraio. Lusuraio, che era vecchio e brutto, si invaghì della bella e giovanissima figlia del mercante, e propose un affare. Lunico modo per giungere alla soluzione è procedere con il pensiero laterale

44 Il pensiero laterale Disse che avrebbe condonato il debito se avesse avuto in cambio la ragazza. Il mercante e sua figlia rimasero inorriditi della proposta. Perciò lastuto usuraio propose di lasciar decidere alla Provvidenza. Disse che avrebbero messo in una borsa vuota due sassolini, uno bianco e uno nero, e che poi la fanciulla avrebbe dovuto estrarne uno. Se fosse uscito il sassolino nero, sarebbe diventata sua moglie e il debito di suo padre sarebbe stato condonato. Lunico modo per giungere alla soluzione è procedere con il pensiero laterale

45 Se la fanciulla avesse estratto quello bianco, sarebbe rimasta con suo padre e anche in tal caso il debito sarebbe stato rimesso. Ma se si fosse rifiutata di procedere allestrazione, suo padre sarebbe stato gettato in prigione e lei sarebbe morta di stenti. Il mercante, benché con riluttanza, finì con lacconsentire. Lunico modo per giungere alla soluzione è procedere con il pensiero laterale Il pensiero laterale

46 In quel momento si trovavano su un vialetto di ghiaia del giardino del mercante e lusuraio si chinò a raccogliere i due sassolini. Mentre egli li sceglieva, gli occhi della fanciulla, resi ancor più acuti dal terrore, notarono che egli prendeva e metteva nella borsa due sassolini neri. Poi lusuraio invitò la fanciulla a estrarre il sassolino che doveva decidere la sua sorte e quella di suo padre. Qual è il modo corretto di procedere? Il pensiero laterale

47 La ricerca attuale La creatività non è più un sistema diverso di legami associativi ma un modo nuovo di ricevere, manipolare le associazioni e di combinare i dati per ricercare soluzioni efficaci. Il filone cognitivista considera la creatività come una funzione dell'io, come un insieme di abilità operative dell'uomo. Una prospettiva che integra teorie passate e si discosta da altre

48 Creatività e problem solving Questo filone di ricerca ha portato all'identificazione della creatività con la soluzione di problemi, alla cui base ritroviamo la constatazione che se la creatività coincide con determinate abilità, in funzione di processi cognitivi ordinari, allora la sua espressione per eccellenza si ritroverebbe proprio nella capacità di risolvere problemi e, in ultima analisi, coinciderebbe con essa. La creatività è solo problem solving?

49 Secondo gli studi attuali di Sternberg e Lubart (1996) la creatività consiste fondamentalmente nella capacità di produrre qualcosa di nuovo (originale, inatteso) e appropriato (utile, adattabile al compito prefissato). Due aspetti del prodotto creativo Definizione utilizzata nellintroduzione

50 Le risorse necessarie La creatività richiede la confluenza di sei risorse distinte, ma interrelate, ovvero: 1. 1.le capacità intellettive; 2. 2.la conoscenza; 3. 3.lo stile di pensiero; 4. 4.la personalità; 5. 5.la motivazione; 6. 6.lambiente. Quali elementi sono sotto il nostro controllo, quali avrebbero bisogno di sviluppo?

51 Blocchi alla creatività A volte la creatività non emerge, anche in individui potenzialmente creativi. Perché? BLOCCHI PERCETTIVO - COGNITIVO (Sinberg 71) Difficoltà di isolare un problema, nel disagio creato dalla sua eccessiva vicinanza, nellincapacità di definirne i termini, fissazione, nella difficoltà di vedere relazioni remote, di differenziare le cause dagli effetti… BLOCCHI EMOZIONALI La paura di sbagliare, leccessiva ricerca di un facile successo, la paura del giudizio o delle critiche, lassenza della motivazione necessaria a portare avanti unidea, progetto od attività…

52 Il processo creativo e le tecniche di creatività Osborn sostiene che il processo per giungere alla soluzione creativa dei problemi includa tre grandi fasi di scoperta: relativa ai dati; relativa alle idee; relativa alla soluzione. Forte bisogno di capacità logiche- razionali durante il processo creativo

53 Le fasi del processo creativo: 1. Preparazione. Durante questa fase il soggetto percepisce un determinato problema attraverso l'investigazione di ciò che lo circonda, dell'ambiente e della situazione. Analisi dei vincoli, e delle istanze del problema

54 Le fasi del processo creativo: 2. Incubazione. Sedimentazione e maturazione all'interno del soggetto. Allontanamento dal compito da risolvere, con lo scopo funzionale di collegare il problema stesso ad informazioni che altrimenti non sarebbero state direttamente associabili e quindi sfruttabili. E necessario un tempo di elaborazione non consapevole del problema

55 Le fasi del processo creativo: 3. Illuminazione. Intuizione, scoperta e soluzione del problema, che può anche essere inaspettata e fulminea. 4. Verifica. Sorge l'esigenza di convalidare l'idea illuminante attraverso un accurato lavoro di revisione e di valutazione che lo può condurre anche ad una modifica Eureka e Valutazione. Quante delle vostre idee non superano la fase 4?

56 Area dei processi inconsapevoli Inconscio Ambiente esterno Area di processi consapevoli Percezione del problema ed investigazione dellambiente tramite rapide e continue associazioni Allontanamento (almeno apparente) dal problema e digestione delle informazioni tramite combinazioni inusuali Intuizione improvvisa o progressiva della soluzione attesa in termini di scoperta Lavoro di completamento ed eventuale revisione di quanto focalizzato nellilluminazion e, tramite valutazione critica 1. Preparazione 2. Incubazione 3. Illuminazione 4. Verifica Visualizzazione poco scientifica delle fasi un processo creativo Visualizzazione delle fasi del processo creativo

57 La creatività come processo computazionale – le Teorie di Johnson- Laird Il minimo comune denominatore della creatività: è formato a partire da elementi esistenti, ma secondocombinazioni nuove per lindividuo; soddisfa dei criteri preesistenti; non è costruito meccanicamente o derivano mediante qualche altra procedura deterministica. Integrazione di aspetti presentati in precedenza sperimentati scientificamente

58 Larchitettura computazionale della creatività Strategia neo-darwiniana Quali sono i vantaggi di questa architettura? I limiti?

59 Larchitettura computazionale della creatività 2. Strategia neo-lamarckiana Quali sono i vantaggi di questa architettura? I limiti?

60 Larchitettura computazionale della creatività 3. Strategia multistadio Strategia che integra le prime due e che implica continue modifiche e che avviene per prova ed errore. Appare essere la più applicata nellinnovazione

61 Capacità intellettive Motivazione Personalità Ambiente Individuo e ambiente Se la creatività può essere del singolo, linnovazione è generata da un gruppo

62 Resistenze al Cambiamento RESISTENZE DELLINDIVIDUO RESISTENZE DELLORGANIZZAZIONE Abitudine e PersonalitàFocalizzazione limitata sul cambiamento Paura del non conosciutoMancanza di coordinamento e di collaborazione Paura di perdite personaliDifferenti obiettivi Mancanza di comprensione e di fiducia Relazioni di potere consolidati Cambiamento e Innovazione: alcune resistenze. Quali riconoscete maggiormente?

63 1. 1.Labilità divergente ci permette di rifuggire dal pensiero convenzionale; 2. 2.Labilità analitica ci permette di riconoscere la validità delle idee generate; 3. 3.Labilità pratico-contestuale ci permette di persuadere gli altri della bontà delle nostre idee. Abilità intellettive Quale abilità è più sviluppata in voi? Quale avrebbe bisogno di stimolo?

64 La Motivazione La motivazione è la natura e la forza di un desiderio quando si inizia unattività. Esprime solo lintenzione ad agire, non il conseguimento. 1. Motivazione intrinseca; 2. Motivazione estrinseca. Vi mai capitato di generare idee creative senza motivazione?

65 Anni prima Rossman (1931) chiese a 710 inventori che cosa li aveva motivati ad inventare. Le prime cinque motivazioni per il loro lavoro furono: lamore per linvenzione; desiderio per il miglioramento; guadagno economico; necessità o bisogno; desiderio di arrivare. La Motivazione Integrazione di fattori intrinseci ed estrinseci

66 Anche Amabile (1996), forte sostenitrice della motivazione intrinseca contro quella estrinseca, rivede la sua posizione iniziale definendo: Intrinseca: questa reazione può essere sperimentata nelle forme di : interesse; coinvolgimento; curiosità; soddisfazione; sfida positiva. Estrinseca: queste fonti possono includere diversi elementi: attesa della valutazione; focus sulla competizione; indicazioni esterne; riconoscimenti esterni... La Motivazione La motivazione estrinseca è davvero la stricnina per la creatività?

67 In quali fasi del processo creativo è più importante la motivazione intrinseca? In quali la motivazione estrinseca? 1234 Motivazione intrinseca ed estrinseca

68 Bisogni e Creatività La creatività appartiene ai bisogni di auto- realizzazione? Emerge solo se abbiamo appagato i bisogni precedenti?

69 Amabile (1996) ipotizza che alcuni tratti della personalità possano essere caratteristici di soggetti particolarmente creativi, in particolare si evidenziano: lindipendenza da giudizio; lauto-confidenza; lattrazione per la complessità; lorientamento estetico; la capacità di assumersi rischi. Alcuni tratti della personalità Quali tratti ritenete di avere di più?

70 Alcuni tratti della personalità Sono tratti sotto il controllo dellindividuo? Quale sembra essere indispensabile?

71 Variabiliambientali Variabili ambientali Quali elementi possono essere stimolati dallorganizzazione? Come gestire le idee prodotte?

72 Creatività di Gruppo I gruppi creativi I gruppi creativi: possono essere considerati come un insieme di individui, posti in essere per costrizione esterna (naturalmente con le dovute attenuazioni di significato che tale termine implica) dei processi di interazione sociale, fondati su forme di comunicazione, sulla base di interessi strumentali - uni funzionali o multi funzionali, a seconda che lo scopo per il quale essi si sono costituiti sia unico o multiplo. I meccanismi sono gli stessi di qualsiasi gruppo

73 IL PROCESSO INVENTIVO DEL SINGOLO Problema (input) Elaborazione mentale Soluzione (output) IL PROCESSO INVENTIVO NEL GRUPPO Problema (input) Elaborazione mentale soggetti A, B, C...n Soluzione (output) Creatività di Gruppo Il gruppo funziona meglio del singolo, sempre?

74 Le Sessioni Analitico - Creative Per sessione creativa si intende una seduta di gruppo, composto da un minimo di sei persone ad un massimo di quindici, condotta da un coordinatore, detto anche animatore o mediatore, della durata di diverse ore, con lo scopo di produrre delle idee, relative ad un dato problema, situazione o fenomeno che si desidera risolvere, mutare o trasformare. Focus group o sessioni creative?

75 Le fasi costitutive di una sessione creativa sono essenzialmente tre: 1. 1.la focalizzazione del problema; 2. 2.la produzione delle idee; 3. 3.la selezione delle proposte migliori. Le Sessioni Creative Quale strategia di Johnson-Laird è applicabile?

76 Nella fase di divergenza tutte le idee sono accettate e lorizzonte si allarga Nella fase di convergenza si selezionano le idee migliori e si focalizza un preciso tratto dellorizzonte Processo Divergente e Convergente Una fase è più importante dellaltra?

77 All'interno delle sessioni creative vengono utilizzate diverse tecniche per agevolare una più approfondita comprensione e riformulazione dell'oggetto o problema in test e per favorire la produzione creativa di idee. Proviamo a descrivere le tecniche comunemente più usate: 1) La tecnica della Mappa Cognitiva alla cui base vi è il modello della rete semantica Le Sessioni Creative– alcune tecniche Le Sessioni Creative – alcune tecniche Alcune tecniche - analitihe e creative - applicabili in settori diversi

78 Mappa cognitiva Colore Fruibile Suoni Aspetto spettacolare Musiche Interattivo Accogliente Materiale didattico per insegnanti Misterioso Dinamico Attivo Logo facilmente identificabile Aperto Struttura museale come simbolo Sito Interdisciplinare Sale con aromi, profumi, musica Filmografia (Cleopatra) Agevole Selezionare o dividere con vetrine Immaginario collettivo Emozionante Creare percorsi Tradizione Silenzio (i pavimenti scricchiolano) Ricollegare le cose (ricollocare) Contestualizzare la ricostruzione FrescoNumero massimo di visitatori per stanza Evocativo Gadget Storicizzare Percorso storico Collegamenti con arte contemporanea (piatto di picasso) Collegamenti con altri musei della città Collegamenti con altre collezioni Rapporto con le tecniche di archeologia MUSEO EGIZIO FUTURO

79 Mappa cognitiva La categorizzazione è il primo passo verso la conoscenza

80 2) La tecnica del Lettore Modello o utente ideale è tesa a far produrre ai membri del gruppo una descrizione particolareggiata di quello che potrebbe essere il cliente ideale delloggetto dellincontro. Viene chiamata una tecnica proiettiva in quanto emergono sentimenti e percezioni legate indirettamente al prodotto. Lettore modello Il gruppo si riconosce nel consumatore ideale? Come si trasferiscono i concetti dallutilizzatore al prodotto?

81 IL VISITATORE IDEALE DEL MUSEO DI TORINO DEL FUTURO GIOVANE 25/30 ANNI Progressista, studente Momento di aggregazione Prolungamento orari Viaggio di nozze (territorio conosciuto, promosso) Percepisce positivamente: Multimedialità Comodità Ludico (baruccio, cioccolato di Torino, bicerin) Museo grande, spazio Percepisce negativamente invece: Mancanza parcheggi Fatica; Sovraffolamento Lettore modello - esempio Queste caratteristiche devono essere rielaborate e trasferite sul prodotto sotto studio

82 Ex: le strategie di riconoscimento di un volto attraverso leye tracking Disegno Stilizzato ed Eye Tracking Disegno Stilizzato ed Eye Tracking Quali sono gli elementi maggiormente percepiti dal destinatario? 3) La tecnica del Disegno Stilizzato consiste nel chiedere ai soggetti di disegnare, nelle sue linee essenziali, il prodotto di test, in modo tale da avere una rappresentazione visiva dellimmagine che hanno delloggetto.

83 Ex: le strategie di riconoscimento di un volto attraverso la stilizzazione. Disegno Stilizzato Disegno Stilizzato Un modello mentale è la sintesi di elementi della realtà

84 Ex: le strategie di riconoscimento di uno scooter. Il tunnel come esaltatore di prestazionalità. Applicazione del disegno Stilizzato Quali sono i tratti segnici su cui i designer devono concentrarsi?

85 Collage Collage E necessaria una rielaborazione, attraverso la categorizzazione delle aree semantiche, ed una decodifica.

86 5) La tecnica delle Strutture Latenti, basata sulle associazioni di parole, riesce a rendere lemotività del gruppo legata al concetto in questione e quale siano le strutture profonde associate alla parola stimolo impiegata. Viene fornita una parola stimolo iniziale a cui si chiede di associarne delle altre, fino a formare una lista di circa venti o trenta parole... Strutture latenti Strutture latenti Le immagini prodotte diventano le parole-stimolo per le future associazioni

87 6) la tecnica del Ritratto Cinese consiste nel far compiere ai soggetti una trasformazione delloggetto/concetto in qualcosa che si presuppone tutti i partecipanti del gruppo possano conoscere, per comprendere il tipo di valenze che gli assegnano Ritratto cinese Ritratto cinese La tecnica stimola, nella fase divergente, ad associare il problema ad aree semantiche lontane

88 Carte creative La tecnica - che utilizza stimoli ambigui - aiuta a vedere il problema da una prospettiva diversa.

89 Una sintesi Fonte: Pera, 2005

90 Una sintesi Fonte: Pera, 2005

91 Rebecca Pera Rebecca Pera, italo-britannica, è Ricercatrice allUniversità del Piemonte Orientale. E dottore di ricerca in Cultura e Impresa. Insegna User Innovation e Consumer Behaviour in università sia italiane (Facoltà di Economia dellUniversità del Piemonte Orientale, Facoltà di Design del Politecnico di Milano e Facoltà di Architettura I del Politecnico di Torino) sia estere (European School of Management ESCP-EAP di Londra e California State Polytechnic University, Pomona – CA). Ha pubblicato numerosi articoli e due monografie, una con Utet Libreria nel 2005 dal titolo Intuizione creativa e generazione di nuove idee e lultima con Espress nel 2012 dal titolo Facilitare linnovazione. Rebecca Pera collabora con istituzioni e aziende nazionali ed estere svolgendo ricerca applicata relativa allanalisi dellutente (bisogni, valori, atteggiamenti, modelli mentali) applicando metodologie quali-quantitative di rilevazione. E consulente per il centro ILO (International Labour Organization – Nazioni Unite) per ciò che concerne la creatività applicata alla formazione. Infine è Direttore di Xplora-Lab, istituto di ricerche creative di mercato a Londra.


Scaricare ppt "Rebecca Pera, Ph.D. Univer – Maggio 2013 CREATIVITA,INNOVAZIONEEMARKETING."

Presentazioni simili


Annunci Google