La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Io ritengo che fin dalla nascita si è a contatto con il mondo della matematica in quanto tutto ciò che ci circonda rimanda a una logica di forme, figure,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Io ritengo che fin dalla nascita si è a contatto con il mondo della matematica in quanto tutto ciò che ci circonda rimanda a una logica di forme, figure,"— Transcript della presentazione:

1

2 Io ritengo che fin dalla nascita si è a contatto con il mondo della matematica in quanto tutto ciò che ci circonda rimanda a una logica di forme, figure, dimensioni, corpi, numeri, e ai concetti di spazio, tempo, quantità, durata.

3 Il mio primo approccio è avvenuto sia attraverso losservazione della realtà sia tramite forme di gioco. Tra queste ultime mi ricordo in particolare le costruzioni che alimentavano la mia fantasia e creatività, stimolando anche le capacità visivo- spaziali, di sintesi e di deduzione.

4 Nella scuola dinfanzia ho vissuto diverse opportunità di apprendimento della matematica. A mio parere le principali attività con le quali esso avviene sono: -riconoscere le proprietà degli oggetti (classificazioni di forme, dimensioni..); -avvio al numero (confronti, conteggi,ordinamenti..); -avvio alla misura (confronti e prime quantificazioni); -orientamento e organizzazione del tempo; -orientamento e organizzazione dello spazio -attività ludiche specifiche ( costruzioni, oggetti geometrici..)

5 In altre parole far matematica durante la prima infanzia, significa iniziare a costruire una larga base esperienziale di fatti, fenomeni, situazioni e processi, sulla quale poi sviluppare le conoscenze intuitive, i procedimenti di calcolo e le più elementari formalizzazioni del pensiero matematico.

6 Ricordo in particolare che amavo molto lutilizzo dei regoli e dellabaco, che ritengo strumenti didattici importanti in quanto consentono al bambino di imparare facendo e al tempo stesso di divertirsi scoprendo la matematica in modo attivo e dinamico. La mia prima maestra di matematica, Stella, favoriva lapproccio a tale materia attraverso forme di gioco, esercizi, lavori in piccoli gruppi e laboratori creativi.

7 In classe svolgevamo diverse attività con materiale specifico ( righelli, forme geometriche, cartoncini colorati, schede didattiche, cartelloni riassuntivi). Inoltre ricordo che lutilizzo della calcolatrice per le operazioni matematiche non era permesso, se non in alcuni casi dove era linsegnante stessa a richiederla per mostrarci come poteva esserci utile e in quali casi.

8 A mio parere il pensiero matematico nella scuola elementare è caratterizzato dalla attività di risoluzione di problemi; ciò è in sintonia con la propensione del bambino a porsi domande e a cercare di darsi risposte. Le nozioni matematiche di base vanno costruite partendo da situazioni problematiche concrete, che scaturiscano da esperienze reali del fanciullo e che offrano anche l'opportunità di accertare quali apprendimenti matematici egli ha realizzato con quali strumenti,quali strategie risolutive utilizza e quali sono le difficoltà che incontra.

9 Durante i tre anni di scuola superiore di primo grado (media) ho riscontrato le mie prime difficoltà in matematica.

10 In particolare in terza media ho iniziato a fare ripetizioni di matematica e geometria in quanto riscontavo lievi carenze nei meccanismi di calcolo di alcune tipologie di problemi. Nonostante la media in matematica era buona io mi ostinavo a ripetere esercizi a casa e a ripetizione in quanto volevo capire la ragione dei miei errori.

11 Inoltre ricordo, dato che avevamo cambiato professoressa di matematica in terza media, che spesso mi domandavo se le difficoltà che incontravo fossero anche dovute a un cambiamento nelle metodologie di insegnamento della materia. A mio parere questo fatto ha sicuramente inciso nel mio apprendimento in quanto la lezione di matematica era diventata la classica lezione frontale di spiegazione, mentre con linsegnante precedente si svolgevano diverse attività in cui noi allievi eravamo protagonisti e creatori attivi della della lezione di matematica.

12 Una delle attività innovative ed efficaci era lutilizzo del computer in alcune lezioni di matematica; Esso è uno strumento fondamentale per stimolare la capacità di sintesi, connessione, ragionamento logico e permette di apprendere contenuti in modo interattivo ed entusiasmante!

13 Come scuola superiore di secondo grado ho scelto il Liceo Socio Psico Pedagogico. Questa decisione lho presa in autonomia dando ascolto alla mia passione verso la professione di insegnante. I miei genitori non mi hanno ostacolata, anzi mi hanno sempre dato sostegno e stima.

14 Durante questi cinque anni, il mio approccio con la matematica ha subito notevoli cambiamenti. Infatti si alternavano periodi molto positivi in cui il rendimento era ottimo a periodi più bui, nei quali constatavo diverse difficoltà riguardo a specifici argomenti ( espressioni complesse, seno e coseno, logaritmi..)

15 Nel ciclo dei cinque anni di liceo ho cambiato due volte professoressa di matematica. In generale il mio rapporto con tutte e tre le insegnanti si è basato sulla fiducia, sulla stima e sul rispetto, nonostante i periodi in cui il mio rendimento in materia non era ottimo.

16 In sintesi erano delle insegnanti disponibili e attente, precise ed esaurienti. Inoltre avevano la stessa modalità di insegnamento, infatti alternavano lezioni frontali, lavori di gruppo e laboratori interattivi. Penso che sia anche per tutti questi fattori che non ho riscontrato difficoltà con ognuna di loro nellapprendimento della matematica. I periodi meno brillanti, che penso sia normale avere, ritengo fossero dovuti a un mio approccio alla materia e, una volta compreso cosa andava storto riuscivo felicemente a superarli.

17 Nonostante alcuni momenti tortuosi il mio rapporto con la matematica non si è arrestato, anzi è stato anche grazie questi periodi che ho potuto accrescere le mie potenzialità. La matematica è stata per me anche una sfida costruttiva che tuttora mi mette in gioco!

18 Al liceo ho quindi approfondito la mia relazione con la matematica e ho compreso che anche se non mi sento un genio in tale materia, essa fa e farà sempre parte della mia vita. Questo perché tutto ciò che ci circonda rimanda a fenomeni complessi e a situazione problematiche, a cui si può trovare una soluzione solo se si possiede una mente matematica, ossia aperta, elastica e ragionevole al tempo stesso.

19 ..in quanto uno fa parte dellaltro. Universo e matematica sono per me strettamente connessi..

20 Durante il secondo anno di Scienze della Formazione Primaria è previsto il corso di matematica, che ho deciso di frequentare. Sin dalla prima lezione il prof.G. Lariccia ci ha presentato un metodo di fare matematica molto innovativo, creativo e dinamico, che fa sentire noi alunni i protagonisti delle varie attività. Ho molto apprezzato questo aspetto in quanto ritengo che la matematica va vissuta mediante unesperienza diretta, non come qualcosa di troppo astratto e complesso

21 Le lezioni si svolgono nellaula computer, questo perché è fondamentale lutilizzo di tale strumento nellapprendimento della matematica. Esso ci consente di utilizzare programmi divertenti ed efficaci che possono essere proposti anche nelle scuole dinfanzia e primaria dove andremo ad insegnare!

22 In conclusione ci tengo a sottolineare che per me la matematica è anche un fare pratico non solo un sapere teorico; infatti essa è frutto di osservazioni, sperimentazioni e ideazioni. Spero per il mio futuro di essere uninsegnante nella scuola elementare e riguarda allinsegnamento della matematica mi impegnerò con tutta me stessa al fine di rendere questa materia non monotona, noiosa e complessa, ma originale, indispensabile ed entusiasmante! A cura di Frasconi Giulia


Scaricare ppt "Io ritengo che fin dalla nascita si è a contatto con il mondo della matematica in quanto tutto ciò che ci circonda rimanda a una logica di forme, figure,"

Presentazioni simili


Annunci Google