La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A scuola con Linux IC. PAGANELLI Cinisello Balsamo SCUOLA PRIMARIA BAUER Carlo Crippa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A scuola con Linux IC. PAGANELLI Cinisello Balsamo SCUOLA PRIMARIA BAUER Carlo Crippa."— Transcript della presentazione:

1 A scuola con Linux IC. PAGANELLI Cinisello Balsamo SCUOLA PRIMARIA BAUER Carlo Crippa

2 a.s. 2006/2007 a.s. 2008/2009 a.s. 2007/2008

3

4 4

5

6

7 7 Lanalisi dei numeri coinvolti ha portato molti osservatori del settore a ritenere FUSS come uno dei progetti di maggior importanza a livello europeo, oltre che a considerarlo come uniniziativa senza precedenti nel suo genere, soprattutto per la sua organizzazione e struttura in termini di elevato coinvolgimento degli insegnanti sotto il profilo partecipativo e della formazione tecnologica, che segna unevoluzione nei processi e nella storia dellutilizzo del software libero nella scuola in Italia

8 8 La modularità: la distribuzione FUSS Soledad può essere assemblata e scomposta per adeguarsi ai diversi ordini di scuola e ambiti formativi. Lindipendenza: la distribuzione è stata progettata per essere gestita in maniera autonoma dalle scuole e dal personale scolastico. Ladattabilità, ovvero la capacità di evolversi nel tempo ed adeguarsi alle necessità in continua variazione della didattica. La replicabilità: i risultati ed il materiale prodotti possono essere impiegati in qualsiasi contesto didattico, di qualunque ordine anche al di fuori della Provincia altoatesina

9 9 Dopo tre anni di sperimentazione del software Fuss e di utilizzo sistematico del laboratorio di informatica possiamo trarre alcune considerazioni : Avere un laboratorio con installato il medesimo software offre loccasione di supportare e integrare le attività curricolari. Il software didattico ha permesso lo svolgimento di attività individuali, per coppie di aiuto tra pari Laccesso ad internet dalle aule costituisce una finestra sul mondo, un potente strumento didattico.

10 10 una distribuzione specifica per la scuola sia Primaria che Secondaria di 1° Grado.

11

12 12

13 13

14

15

16

17 BILLINO DI TUTTI I COLORI Aquilino Billino è un bambino che gioca a pallone e sogna di essere un grande campione. È un po' me, mi piace giocare giocare a pallone è come volare. Un giorno giorno però così tutto a un tratto il suo colore cambiò, scappò pure il gatto. Billino ora non è più chiaro e rosa e da vedere è una bruttissima cosa è diventato verde brillante è come Hulk,quel grosso gigante. Mamma e dottore non sanno che dire è proprio un fenomeno da sbalordire. Lo mettono a nanna con ansia davvero sperando che dopo non diventi anche nero. Alla mattina del giorno seguente è azzurro chiaro e sembra gran mare ma che dirà tutta la gente quando a scuola dovrà poi andare

18

19 19 dalla Circolare sulladozione libri di testo …Per le prime tre classi della scuola primaria, le istituzioni scolastiche valuteranno l'opportunità e la praticabilità della progressiva introduzione di libri di testo in versione on line o mista. A tale proposito, è opportuno considerare che - come sottolineano autorevoli studi - il rapporto con la realtà e l'approccio alla conoscenza dei cosiddetti "nativi digitali", ovvero i nostri piccoli e grandi studenti, sono ormai significativamente diversi da quelli dei "figli di Gutenberg".

20 20

21 Classe 4A 23 alunni(11 stranieri) 15 pc desktop (17) 15 notebook (26) Psp 12 (15) Nintendo 18 (24) Cellulari 14 Televisori 5 (1 tv) (47) 4 alunni chattano

22 22

23 Secondo Prensky, i nativi digitali si destreggiano con naturalezza tra computer, telefoni cellulari e Internet e padroneggiano i nuovi linguaggi della comunicazione proprio come una popolazione indigena nel suo ambiente originario: raccolgono informazioni da molte fonti differenti e le elaborano rapidamente, prediligendo i video e le immagini alla fruizione dei testi e organizzando la conoscenza in connessioni reticolari anziché in sequenza. Lespressione digital natives, letteralmente nativi digitali, è stata coniata da Marc Prensky, scrittore statunitense e ideatore di videogiochi didattici, per riferirsi alle generazioni nate dopo lavvento delle tecnologie digitali.

24 In opposizione ai digital natives, Prensky definisce digital immigrants (immigranti digitali), le generazioni che hanno appreso in età adulta a utilizzare le tecnologie digitali. Gli immigranti, abituati a lavorare su carta e non sullo schermo, adattano i loro comportamenti acquisiti al nuovo ambiente digitale: ad esempio stampano documenti digitati al computer per revisionarli oppure telefonano al destinatario di una mail per avere conferma della ricezione. La generazione degli immigranti preferisce avere poche fonti di informazione selezionate, da elaborare in sequenza, e privilegia il testo scritto utilizzando immagini e video solo come complemento. 24

25

26 26 Per i digital immigrants: – Lingua digitale = L2 (spesso appresa da grandi) Per i digital natives: – Lingua digitale = L1 (ma naturalmente bilingui)

27

28

29

30

31

32

33 33 Notizie tratte da: Convegno: Nati digitali Digital media, dal consumo allintervento educativo –Rivoltella Digital Kids, una razza in via di apparizione – Ferri www. dschola.it /


Scaricare ppt "A scuola con Linux IC. PAGANELLI Cinisello Balsamo SCUOLA PRIMARIA BAUER Carlo Crippa."

Presentazioni simili


Annunci Google