La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. Guido Baldoni Prof. Guido Baldoni Fasi dellinsilamento In Italia ~ 3,5 milioni t di insilati, soprattutto trinciato di mais Fasi 1.Sfalcio 2.Trinciatura.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. Guido Baldoni Prof. Guido Baldoni Fasi dellinsilamento In Italia ~ 3,5 milioni t di insilati, soprattutto trinciato di mais Fasi 1.Sfalcio 2.Trinciatura."— Transcript della presentazione:

1 Prof. Guido Baldoni Prof. Guido Baldoni Fasi dellinsilamento In Italia ~ 3,5 milioni t di insilati, soprattutto trinciato di mais Fasi 1.Sfalcio 2.Trinciatura 3.Trasporto nel silos 4.Compattamento nei silos 5.Chiusura ermetica del silos Tipi di silos Silos orizzontali (a fossa) Silos orizzontali (a fossa) Silos verticali (a torre) Silos verticali (a torre) Silos a platea (a cumulo) Silos a platea (a cumulo) Rotoballe fasciate Rotoballe fasciateProcessi Respirazione aerobica (nociva) Respirazione aerobica (nociva) Avviene con O 2 Avviene con O 2 Fermentazione anaerobica (benefica) Fermentazione anaerobica (benefica) Avviene senza O 2 ad opera di batteri lattici (OK), oppure butirrici e propionici Avviene senza O 2 ad opera di batteri lattici (OK), oppure butirrici e propionici Zuccheri Acidi pH 3,8 - 4 Sterilizzazione del foraggio Perdite minime (~ 2 - 3% della sostanza secca) se in condizioni ottimali A volte 1 sola operazione Foraggere – Conservazione – Insilamento

2 Prof. Guido Baldoni Prof. Guido Baldoni Gestione del processo Composizione del foraggio Basso rapporto C/N fermentazione + difficile Leguminose (C/N ~1/5) meno fermentescibili Graminacee (C/N ~1/1) più fermentescibili Lunghezza del trinciato + corta x foraggio + secco (facilita la compressione) es. x Silomaiss.s. < 35 % OK 1-2 cm s.s. > 35 % OK 0,5-1 cm s.s. > 35 % OK 0,5-1 cmTemperatura Esterna in trinciatura Nociva (+ caldo + respiraz.) Interna nellinsilato T > 35°C cattiva fermentazione Umidità del foraggio OK ~ % di H 2 O + umido + perdite meccaniche e meno resa + secco - comprimibile e cattiva fermentazione Nei foraggi secchi partono subito batteri indesiderati (es. Clostridi) che compiono fermentazioni nocive, emettendo NH 3, che alza il pH ( acidi propionico e butirrico, puzza). Nei foraggi umidi sono favoriti i batteri lattici, che tengono basso il pH ( acido lattico, OK). Fermentazioni indesiderate Insilato instabile Insilato stabile Foraggere – Conservazione – Insilamento

3 Prof. Guido Baldoni Prof. Guido BaldoniAccorgimenti Accorgimenti Chiudere subito il silos, specialmente col caldo estivo Chiudere subito il silos, specialmente col caldo estivo Favorire la fermentazione con aggiunta di: + Sostanze zuccherine (es. melasso, polpe di bietola) + Colture batteriche o enzimi (costosi, spesso inutili) Favorire la fermentazione con aggiunta di: + Sostanze zuccherine (es. melasso, polpe di bietola) + Colture batteriche o enzimi (costosi, spesso inutili) Limitare lo spessore di desilatura giornaliera nei silos orizzontali < cm per giorno Limitare lo spessore di desilatura giornaliera nei silos orizzontali < cm per giorno Costruire il silos in funzione del numero di capi bovini mediamente presenti in stalla Costruire il silos in funzione del numero di capi bovini mediamente presenti in stalla Foraggere – Conservazione – Insilamento


Scaricare ppt "Prof. Guido Baldoni Prof. Guido Baldoni Fasi dellinsilamento In Italia ~ 3,5 milioni t di insilati, soprattutto trinciato di mais Fasi 1.Sfalcio 2.Trinciatura."

Presentazioni simili


Annunci Google