La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Formatore nelle Organizzazioni TECNOLOGIE DELLA FORMAZIONE A.A.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Formatore nelle Organizzazioni TECNOLOGIE DELLA FORMAZIONE A.A."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Formatore nelle Organizzazioni TECNOLOGIE DELLA FORMAZIONE A.A Learning Object rivolto alle Direzioni del personale di professioni a rischio Cristina Bison Daniela Saccon Leonardo Sordo BURNOUT A cura di:

2 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO Sulla sinistra delle pagine successive si trovano i tasti di navigazione che consentono di muoversi nelle aree presentate secondo il proprio interesse. Questo Learning Object aiuterà a comprendere la sindrome del BURNOUT. E rivolto alle Direzioni del personale di professioni a rischio. approfondimenti Allinterno di ciascuna area è possibile vedere filmati esplicativi e accedere a diversiapprofondimenti di testo. Ora premete ENTER e… buona navigazione!

3 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO ALTRI APPROFONDIMENTI ALTRI APPROFONDIMENTI

4 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO Il burnout può essere considerato come una forma di stress occupazionale, il cui fattore caratteristico è la sua causa: linterazione sociale fra loperatore e il destinatario dellaiuto. La persona colpita si sente svuotata, sfinita, le sue risorse emozionali sono consumate e non cè una sorgente a cui attingere Comporta esaurimento emotivoesaurimento emotivo, depersonalizzazionedepersonalizzazione, ridotta realizzazione personaleridotta realizzazione personale.

5 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO Chi colpisce burnout burnout Il burnout è definito come una sindrome multidimensionale associata molto spesso alle professioni daiuto quali infermieri, medici, operatori nel sociale… e altre in cui il contatto diretto con il cliente assume un significato profondo ed emotivo. Il burnout si manifesta in tutte le professioni in cui è molto facile identificarsi con laltro e mettere in discussione le proprie qualità personali (e non professionali).

6 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO Le componenti Esaurimento emotivo: sensazione di essere in continua tensione, emotivamente inariditi e di non aver abbastanza energie per assolvere alla propria funzione. Depersonalizzazione: distacco ed ostilità nei confronti delle richieste daiuto, che portano a risposte negative o sgarbate nei confronti dei clienti. Ridotta realizzazione professionale: sensazione che la propria competenza e la propria motivazione diminuisca; fallimento e inadeguatezza.

7 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO ALTRI APPROFONDIMENTI ALTRI APPROFONDIMENTI

8 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO Le cause del burnout sulle quali bisogna agire in modo bilaterale (sullindividuo e sullorganizzazione) sono: 1) sovraccarico di lavoro (in qualità e quantità) 2) mancanza di controllo (o discrezionalità) 3) gratificazione insufficiente (morale ed economica) 4) crollo del senso di appartenenza comunitario, al quale spesso segue mancanza di supporto sociale 5) assenza di equità (mancanza di fiducia, lealtà e rispetto) 6) valori contrastanti (nelle azioni, nella politica e nelle comunicazioni) Le sei cause

9 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO ALTRI APPROFONDIMENTI ALTRI APPROFONDIMENTI

10 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO Talvolta queste aspettative irreali sono rafforzate da quella serie di atteggiamenti e convinzioni riguardanti i professionisti che si possono sintetizzare con lespressione Mistica professionale. NEXT Le 4 fasi nellevoluzione delle professioni daiuto sono: 1. Fase dellentusiasmo. Spesso la scelta di intraprendere una specifica professione daiuto poggia su una base di ottimismo che evidenzia i lati piacevoli e fortunati di una professione piuttosto che quelli scomodi o negativi. Viene spesso a mancare, una percezione realistica delle effettive difficoltà che lesercizio della professione comporta.

11 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO Se le problematiche emergenti in questa fase sono affrontate con lucidità e coraggio, è possibile che questo stadio sia superato senza troppi danni. Se invece lo stadio della stagnazione si prolunga senza essere adeguatamente affrontato, allora si entra nella fase successiva. Presto o tardi la fase dellentusiasmo iniziale si conclude. Di solito, questa fase ed il passaggio alla successiva si verificano quando il lavoratore giunge alla scoperta che i risultati del suo impegno sono incerti, aleatori e difficili da cogliere. Il professionista comincia a provare un sentimento di stallo e di noia come se non ci fossero più nuove esperienze e nuovi sforzi da fare. Quello che allinizio era una professione, o in certi casi, addirittura una missione, diventa un mestiere come un altro. NEXT 2. Fase della stagnazione.

12 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO Se lo scarto tra le aspettative ideali e la grigia realtà quotidiana si mantiene inalterato per lungo tempo, è inevitabile che il lavoratore entri in questo terzo stadio caratterizzato da rabbia e depressione. La crisi si manifesta quando il professionista comincia ad intuire che le proprie aspettative hanno poco a che fare con i bisogni reali degli utenti. Emerge allora un vissuto di inutilità e di vuoto oppure di rabbia mista a colpa nei confronti del proprio lavoro. E in questa fase che inizia la sindrome del burnout. NEXT 3. Fase della frustrazione.

13 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO Se nemmeno nel terzo stadio è stata tentata una qualche forma di intervento, si entra nella quarta fase, intesa come disimpegno affettivo conseguente ad una situazione frustrante. In un certo senso è questo lo stadio vero e proprio del burnout. Operatori che erano partiti preoccupandosi unicamente degli utenti, diventano ora preoccupati solo di se stessi, della propria salute, del proprio benessere economico, della propria sopravvivenza come categoria. 4. Fase dellapatia.

14 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO ALTRI APPROFONDIMENTI ALTRI APPROFONDIMENTI

15 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO Sintomi cognitivo/affettivi: Sensazione di fallimento, senso di colpa e disistima, atteggiamento sospettoso e paranoide, perdita di sentimenti positivi verso i pazienti, atteggiamento colpevolizzante verso gli utenti, rigidità intellettuale. Sintomi fisici: Frequenti raffreddori, influenze, mal di testa e disturbi gastrointestinali, disturbi del sonno, senso di stanchezza ed esaurimento. Sintomi comportamentali: Conflitti coniugali e familiari, abuso di psicofarmaci e alcool, impulsività e aggressività. Sintomi

16 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO Fattori di rischio legati alla persona Eccessivo impegno e dedizione Mancanza di consapevolezza dei propri limiti Mancanza di separazione tra lavoro e vita privata NEXT

17 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO Ruolo nellorganizzazione: mancanza di chiarezza rispetto al compito e conflitto di ruolo caratterizzato da richieste tra loro incompatibili. Relazioni di lavoro: difficoltà di relazionarsi con i colleghi, eccessivo direttivismo o esagerato permissivismo. Sviluppo di carriera: soggetti con particolari aspirazioni a raggiungere status socioeconomici elevati le cui ambizioni vengono deluse. Struttura e clima lavorativo: elementi fondamentali per fornire al lavoratore un senso di appartenenza allorganizzazione. Fattori socio-ambientali e lavorativi

18 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO ALTRI APPROFONDIMENTI ALTRI APPROFONDIMENTI

19 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO Gli interventi devono comprendere diversi livelli: 1.Il livello primario si fonda sulla prevenzione dei fattori di rischio. Prevede che il reclutamento e la selezione degli operatori si basi sullanalisi delle motivazioni, delle aspettative, dei livelli di consapevolezza. 2.Il livello secondario prevede la gestione dello stress, quindi unorganizzazione del lavoro e uno sviluppo e organizzazione dello staff. 3.Il livello terziario prevede programmi di assistenza al lavoratore. NEXT

20 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO ….alcuni esempi di interventi Fornire alloperatore unéquipe come spazio di appartenenza e di confronto, di supporto emotivo e di controllo. Accentuare lautonomia degli operatori e la partecipazione alle decisioni adottando obiettivi realistici. Aiutare gli operatori a sviluppare ed utilizzare meccanismi di controllo e feed-back sensibili a vantaggi a breve termine. Fornire frequenti possibilità di training e aggiornamento per incrementare lefficienza del ruolo. NEXT

21 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO Strutturare i ruoli in modo da permettere periodi di riposo quando è necessario. Pianificare la giornate in modo che le attività gratificanti e quelle non gratificanti siano alternate. Rendere gli obiettivi del centro chiari e compatibili. Mettere la formazione e la ricerca tra gli obiettivi principali. Condividere la responsabilità della cure e della terapia con i pazienti, le loro famiglie e la comunità sociale. Costruire varie fasi di carriera per tutto lo staff.

22 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO GRUPPO CRIDALEO Cristina Bison Daniela Saccon Leonardo Sordo Consulente di alcune cooperative sociali (Qualità, Formazione, Area Sociale, Organizzazione aziendale) Impiegata Volontaria nel sociale Consigliere Comunale Addetta allassistenza in un Centro Educativo Occupazionale Diurno per persone diversamente abili

23 HOME Tecnologie della Formazione A.A – IL BURNOUT BIBLIOGRAFI A BIBLIOGRAFI A PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO SINTOMI LE 4 FASI LE 4 FASI LE 6 CAUSE LE 6 CAUSE COMPONENTI CHI COLPISCE CHI COLPISCE DEFINIZIONE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO PRESENTAZIONE DEL GRUPPO AVANTI INDIETRO Sitografia http/it.wikipedia.org/wiki/burnout Le gif animate sono tratte da: I testi su cui sono stati fatti gli approfondimenti, i richiami veloci e di sintesi, sono tratti da: De Carlo A. (a cura di) Teorie & strumenti per lo psicologo del lavoro e delle organizzazioni Vol. 4 - Edizioni Franco Angeli Avallone F. e Paplomatos A. Salute Organizzativa nei contesti lavorativi - Edizioni Cortina A. Falco Psicologia del lavoro e delle Organizzazioni - appunti delle lezioni - A.A. 2005/2006


Scaricare ppt "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Formatore nelle Organizzazioni TECNOLOGIE DELLA FORMAZIONE A.A."

Presentazioni simili


Annunci Google