La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO (art. 2423-bis) clausola generaleprincipi di redazione punti o regole fondamentali Accanto alla clausola generale,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO (art. 2423-bis) clausola generaleprincipi di redazione punti o regole fondamentali Accanto alla clausola generale,"— Transcript della presentazione:

1 I PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO (art bis) clausola generaleprincipi di redazione punti o regole fondamentali Accanto alla clausola generale, il legislatore ha dettato dei principi di redazione del bilancio, cioè alcuni punti o regole fondamentali che i redattori devono osservare nel processo di formazione dei conti annuali. 1.Art bis Principi di redazione del bilancio 1.Art bis Principi di redazione del bilancio - Nella redazione del bilancio devono esser osservati i seguenti principi:Art bis Art bis principio della prudenza principio della continuitàprincipio della prevalenza della sostanza sulla formaprincipio della prudenza principio della continuitàprincipio della prevalenza della sostanza sulla forma) 1)La valutazione delle voci di bilancio deve essere fatta secondo prudenza e nella prospettiva della continuazione dellattività, nonché tenendo conto della funzione economica dell'elemento dell'attivo o del passivo considerato; (principio della prudenza), (principio della continuità) e (principio della prevalenza della sostanza sulla forma)principio della prudenzaprincipio della continuitàprincipio della prevalenza della sostanza sulla forma principio della prudenza principio della prudenza 2)Si possono indicare esclusivamente gli utili realizzati alla data di chiusura dellesercizio; (rafforza il principio della prudenza)principio della prudenza principio della competenza principio della competenza 3)Si deve tener conto dei proventi e degli oneri di competenza dellesercizio, indipendentemente dalla data dellincasso o del pagamento; (principio della competenza)principio della competenza principio della prudenza principio della prudenza 4)Si deve tener conto dei rischi e delle perdite di competenza dellesercizio, anche se conosciuti dopo la chiusura di questo; (rafforza il principio della prudenza)principio della prudenza principio della separatezza principio della separatezza 5)Gli elementi eterogenei ricompresi nelle singole voci devono essere valutatati separatamente; (principio della separatezza)principio della separatezza principio della costanza dei criteri di valutazione principio della costanza dei criteri di valutazione 6)I criteri di valutazione non possono esser modificati da un esercizio allaltro. (principio della costanza dei criteri di valutazione)principio della costanza dei criteri di valutazione 2.Deroghe al principio enunciato nel numero 6) del comma precedente nota integrativa 2.Deroghe al principio enunciato nel numero 6) del comma precedente sono consentite in casi eccezionali. La nota integrativa deve motivare la deroga e indicarne linfluenza sulla rappresentazione della situazione patrimoniale e finanziaria e del risultato economico.Deroghe

2 POSSIBILITÀ DI DEROGARE AI PRINCIPI DI REDAZIONE Le possibilità di deroghe ai principi dellart bis fattispecie prevista dal 6° comma criteri di valutazionenon possono essere modificati da un esercizio allaltro2° commaeventuali deroghe in casi eccezionalidevono essere motivate e quantificate nella Nota integrativa esempio classico Le possibilità di deroghe ai principi dellart bis sono limitate alla fattispecie prevista dal 6° comma: infatti dopo aver precisato al punto 6) del 1° comma, che i criteri di valutazione non possono essere modificati da un esercizio allaltro, nel 2° comma precisa che eventuali deroghe sono consentite solo in casi eccezionali e devono essere motivate e quantificate nella Nota integrativa. Un esempio classico di modifica di criterio di valutazione è quella del passaggio dalla configurazione di costo LIFO ad unaltra configurazione (FIFO o costo medio ponderato). articolo 2423-bis altri principi enunciatidella prudenza, della competenza, della continuità aziendale, della separata valutazione Tuttavia in casi eccezionali principio-cardinenel 4° comma dellart Il nuovo articolo 2423-bis apparentemente non concede alcuna possibilità di deroga agli altri principi enunciati (della prudenza, della competenza, della continuità aziendale, della separata valutazione). Tuttavia in casi eccezionali, è sempre possibile derogare anche a questi principi facendo ricorso esplicito al principio-cardine previsto nel 4° comma dellart art. 2423art bilanci imprudenti bilanci predisposti per cassa Questa osservazione potrà sembrare poco logica, perché deroghe ai principi dellart bis darebbero luogo alla pubblicazioni di bilanci imprudenti (deroga al principio della prudenza), a bilanci predisposti per cassa (deroga al principio della competenza), ecc. in casi eccezionali perché la deroga sia ragionevolmente sostenibileessere in presenza di forti e credibili piani di ristrutturazione Eppure in casi eccezionali, queste circostanze possono verificarsi: in queste situazioni, perché la deroga sia ragionevolmente sostenibile, è necessario essere in presenza di forti e credibili piani di ristrutturazione. INDIETRO

3 Art bis c.c. 1. Art bis Principi di redazione del bilancio 1. Art bis Principi di redazione del bilancio - Nella redazione del bilancio devono essere osservati i seguenti principi: 1)La valutazione delle voci di bilancio deve essere fatta secondo prudenza e nella prospettiva della continuazione dellattività, nonché tenendo conto della funzione economica dell'elemento dell'attivo o del passivo considerato; 2)Si possono indicare esclusivamente gli utili realizzati alla data di chiusura dellesercizio; 3)Si deve tener conto dei proventi e degli oneri di competenza dellesercizio, indipendentemente dalla data dellincasso o del pagamento; 4)Si deve tener conto dei rischi e delle perdite di competenza dellesercizio, anche se conosciuti dopo la chiusura di questo; 5)Gli elementi eterogenei ricompresi nelle singole voci devono essere valutatati separatamente; 6)I criteri di valutazione non possono essere modificati da un esercizio allaltro. 2.Deroghe al principio enunciato nel numero 6) del comma precedente sono consentite in casi eccezionali. La nota integrativa deve motivare la deroga e indicarne linfluenza sulla rappresentazione della situazione patrimoniale e finanziaria e del risultato economico.

4 1) Principio della prudenza principio della prudenza primo comma dellart bisLa valutazione delle voci di bilancio deve essere fatta secondo prudenza Il principio della prudenza viene enunciato genericamente al primo comma dellart bis con queste parole: La valutazione delle voci di bilancio deve essere fatta secondo prudenza.2423-bis escludere gli utili sperati partecipare alla formazione del reddito tutti i costi, gli oneri e le perdite anche se incerti o soltanto probabili. Lapplicazione di questo principio tende a evitare la distribuzione di utili che limpresa non ha effettivamente conseguito. Il principio della prudenza, in pratica, porta a escludere gli utili sperati, cioè gli incrementi patrimoniali che non siano certi e durevoli (nel riflesso dello S.P.), mentre induce a far partecipare alla formazione del reddito tutti i costi, gli oneri e le perdite anche se incerti o soltanto probabili. Lapplicazione di questo principio tende a evitare la distribuzione di utili che limpresa non ha effettivamente conseguito. Il secondo e quarto comma dello stesso articolo 2423 rafforzano, poi, il principio della prudenza: secondo comma dellart. 2423: secondo comma dellart. 2423: Si possono indicare esclusivamente gli utili realizzati alla data di chiusura dellesercizio; quarto comma dellart quarto comma dellart. 2423: Si deve tener conto dei rischi e delle perdite di competenza dellesercizio, anche se conosciuti dopo la chiusura di questo. Questa disposizione rafforza il principio di prudenza, riaffermando che: utili di bilancio sono soltanto quelli realizzati tale realizzo deve essersi già verificato entro la chiusura dellesercizio gli utili di bilancio sono soltanto quelli realizzati (e non quelli il cui realizzo è ancora incerto) e precisando che tale realizzo deve essersi già verificato entro la chiusura dellesercizio; rischi e le perdite se sono di competenza dellesercizio devono concorrere alla formazione del risultato economico mentre i rischi e le perdite se sono di competenza dellesercizio devono concorrere alla formazione del risultato economico (anche se conosciuti dopo la la sua chiusura). In pratica il bilancio di esercizio si redige, generalmente, entro i quattro mesi dellesercizio successivo: se si viene a conoscenza in ritardo di una perdita verificatasi nel mese di dicembre precedente, di essa bisognerà tener conto in bilancio. INDIETRO

5 2) Principio della continuità prospettiva di valutazione nella prospettiva della continuazione dellattività aziendalegoing concern Poiché i valori di bilancio possono essere diversi al mutare della prospettiva di valutazione, occorre capire da che punto di vista, secondo il legislatore italiano, si debbano fare le valutazioni di bilancio; la risposta è questa: dal punto di vista di un impresa che prevede di continuare a operare, cioè nella prospettiva della continuazione dellattività aziendale (in inglese going concern). principio della continuità aziendale prospettiva della continuazione dellattività aziendale funzionamento Il principio della continuità aziendale stabilisce che le valutazioni delle attività patrimoniali siano fatte nella prospettiva della continuazione dellattività aziendale: cioè nellipotesi di normale funzionamento e quindi escludendo ipotesi di liquidazione o di cessione e tenendo presenti le presumibili evoluzioni della gestione e i programmi operativi ai quali parteciperanno i beni che sono oggetto di valutazioni. Per esempio un impianto, per limpresa che lo ha acquistato (e lo sta utilizzando e e soprattutto ha le competenze per farlo funzionare), avrà, se lattività produttiva continua, un certo valore (che deriva dallutilità che ancora le può dare); ma se si pensa di cessare lattività, il criterio di valutazione dellimpianto cambierà completamente e, verosimilmente, anche il valore attribuito allimpianto. Dal principio della continuità discendono i criteri di valutazione delle voci di bilancio descritte allart c.c. Dal principio della continuità, conseguentemente, discendono i criteri di valutazione delle voci di bilancio descritte allart c.c. INDIETRO

6 3) Principio della prevalenza della sostanza sulla forma un nuovo principio prevalenza degli aspetti sostanziali su quelli formali Con la modifica dell'articolo 2423-bis del codice civile, il legislatore ha arricchito i postulati a fondamento della redazione del bilancio - ovvero le regole di carattere generale che chi elabora il documento di fine esercizio è chiamato a rispettare - di un nuovo principio, in base al quale la valutazione delle voci deve essere fatta... tenendo conto della funzione economica dell'elemento dell'attivo o del passivo considerato. Si è, in tal modo, voluto dare il giusto rilievo a un noto principio - quello della prevalenza degli aspetti sostanziali su quelli formali - già contenuto nei principi contabili nazionali (documento n. 11) e internazionali, nonché fortemente caldeggiato dal legislatore comunitario, che, nell'articolo 2 della direttiva 2003/51/Ce, sottolinea come gli Stati membri possono prevedere che nei conti di fine esercizio si tenga conto della sostanza dell'operazione o del contratto contabilizzare. Lo scopo del principio è quello di fornire un quadro quanto più possibile fedele della realtà economico-patrimoniale dell'impresa, dando indicazioni circa l'effettiva realtà che sottende gli aspetti giuridico-formali dei fatti di gestione. locazione finanziaria locazione finanziaria La sostanza delle operazioni, infatti, non sempre è coerente con ciò che appare da un loro esame formale: il principio della prevalenza degli aspetti sostanziali su quelli formali avrebbe potuto trovare concreta applicazione con riferimento ai contratti di locazione finanziaria.locazione finanziaria Il redattore del bilancio dovrà, pertanto, approntare il documento di fine anno tenendo conto di tale regola generale, laddove ciò non sia in contrasto con altre norme specifiche sul bilancio. INDIETRO

7 Operazioni di locazione finanziaria Il principio della prevalenza degli aspetti sostanziali su quelli formali avrebbe potuto trovare concreta applicazione con riferimento ai contratti di locazione finanziaria, mediante i quali un soggetto (locatario) si avvale della possibilità di utilizzare un determinato bene a fronte del pagamento di un canone periodico al proprietario dello stesso (concedente o locatore), con possibilità, al termine della locazione, di divenire proprietario del bene in parola dietro pagamento di un prezzo di riscatto prefissato. metodo finanziario, Già da tempo, la prassi contabile internazionale, in particolare lo Ias n. 17, raccomanda la contabilizzazione dei contratti in parola mediante l'utilizzo del metodo finanziario, fondato sulla rappresentazione della realtà che - di fatto - sottende un contratto di locazione finanziaria, ovvero l'acquisto di un bene strumentale sorretto da un corrispondente finanziamento. Da un punto di vista strettamente contabile, il metodo in parola impone all'utilizzatore del bene di iscrivere tra le immobilizzazioni dell'attivo patrimoniale il bene strumentale oggetto della locazione finanziaria, che andrà sistematicamente ammortizzato mediante imputazione nel conto economico delle relative quote di ammortamento. Nel passivo dello stato patrimoniale andrà poi iscritto il debito verso la società di leasing, il quale subisce variazioni in diminuzione per la parte corrispondente alla quota capitale di ciascun canone. Gli oneri finanziari previsti dal contratto e inclusi in ciascun canone, infine, andranno contabilizzati per competenza nell'apposita voce del conto economico. Il concedente, invece, è tenuto a contabilizzare per competenza nel conto economico i canoni percepiti, distinguendo tra quota capitale (da imputare tra i ricavi ordinari, voce A.1) e quota interessi (da imputare tra i proventi finanziari, voce C.16); nell'attivo patrimoniale dovrà, invece, essere iscritto il credito che la società di leasing vanta nei confronti dell'utilizzatore del bene, che subisce variazioni in diminuzione per la quota capitale contenuta in ciascun canone riscosso. metodo patrimoniale, Tale metodo si differenzia dal metodo patrimoniale, abitualmente in uso nella prassi del nostro Paese, che, al contrario, dà rilevanza agli aspetti puramente giuridici e formali dell'operazione, trattando la fattispecie come una mera locazione. Secondo tale metodo, la società concedente iscrive il bene tra le proprie immobilizzazioni, procedendo all'ammortamento sistematico dello stesso; provvede, inoltre, all'imputazione dei canoni tra i proventi ordinari nell'apposita voce del conto economico. L'utilizzatore del bene, invece, contabilizza per competenza i canoni pagati nel conto economico, tra i costi per il godimento dei beni di terzi, iscrivendo, inoltre, tra i conti d'ordine il debito corrispondente alla rate ancora da pagare al concedente. Solo al momento dell'eventuale riscatto, il bene potrà essere iscritto nell'attivo patrimoniale a un valore pari al prezzo di riscatto corrisposto. Il legislatore, in sede di riforma della normativa sulle società, intervenendo in tema di locazione finanziaria, si è limitato ad arricchire l'informativa (in NOTA INTEGRATIVA) da fornire in ordine ai contratti in parola; per la contabilizzazione degli stessi, resta, pertanto, in uso il metodo patrimoniale. Più in dettaglio, è previsto che nel bilancio del locatore si dia separata indicazione, tra le immobilizzazioni di cui alla macroclasse B dello stato patrimoniale, di quelle concesse in locazione finanziaria. prospetto Quanto al locatario, è necessario redigere in nota integrativa un prospetto con il quale descrivere gli effetti che avrebbe avuto sul bilancio l'adozione del metodo finanziario, fornendo, in particolare, informazioni circa il valore attuale delle rate non scadute (calcolato in base a tassi di interesse pari all'onere finanziario effettivo), l'onere finanziario gravante sull'esercizio, il valore al quale i beni sarebbero stati iscritti in bilancio se fossero stati considerati immobilizzazioni, con indicazione di ammortamenti, rettifiche e riprese di valore che sarebbero stati imputati. Circa il tasso d'interesse effettivo da utilizzare ai fini della determinazione del valore attuale delle rate non scadute Circa il tasso d'interesse effettivo da utilizzare ai fini della determinazione del valore attuale delle rate non scadute, il documento Oic 1 ha chiarito che esso è calcolato in funzione dei complessivi oneri finanziari che gravano sulla locazione, pari alla differenza tra l'ammontare complessivo delle somme da corrispondere a titolo di canoni anticipati e periodici e il valore di mercato del bene alla data di stipulazione del contratto.

8 4) Principio della competenza principio della competenza Il principio della competenza prevede che si debba tener conto dei: Proventi e degli oneri di competenza dellesercizio, indipendentemente dalla data di incasso o del pagamento Proventi e degli oneri di competenza dellesercizio, indipendentemente dalla data di incasso o del pagamento. attribuendo i costi e i ricavi alleserciziocui si riferiscono economicamente e non a quello in cui essi hanno la loro manifestazione finanziaria principio di correlazione tra costi e ricavi matching principle Il risultato di periodo, di conseguenza, va determinato attribuendo i costi e i ricavi allesercizio, cui si riferiscono economicamente e non a quello in cui essi hanno la loro manifestazione finanziaria, lapplicazione pratica si basa sul principio di correlazione tra costi e ricavi (o matching principle). competenza economica competenza economica manifestazione finanziaria In sintesi, il codice civile sottolinea che, agli effetti della redazione del bilancio, la competenza economica delle operazioni prevale sulla loro manifestazione finanziaria.competenza economica Poiché durante il periodo amministrativo la contabilità ha come punto di riferimento la manifestazione finanziaria, a fine esercizio si devono redigere le scritture di assestamento che, invece, mettono in linea i conti economici desercizio con la competenza economica. INDIETRO

9 Concetto di Competenza economica competenza economica principio di correlazionematching principlecollegamenti tra i costi e ricavi. In pratica, la competenza economica si stabilisce essenzialmente applicando il cosiddetto principio di correlazione (o matching principle), cioè cogliendo i collegamenti tra i costi e ricavi. Più esattamente, possiamo dare le seguenti definizioni: costi Sono costi di competenza: i costi per i quali nel corso del periodo si è verificata una delle seguenti condizioni: produzione ottenuta e venduta nelleserciziohanno incontrato il correlativo ricavo (competenza economica): rappresentano il valore dei fattori produttivi consumati nella produzione ottenuta e venduta nellesercizio; hanno fornito la loro utilità nel corso delleserciziosono maturati economicamente (competenza temporale): nel senso che, pur non essendo individuabile un correlativo ricavo, hanno fornito la loro utilità nel corso dellesercizio. ricavi Sono ricavi di competenza: i ricavi per i quali nel corso del periodo si è verificata una delle seguenti condizioni: ricavi che conseguiti (con la vendita) nel presente esercizio hanno pure visto, nel presente esercizio, il sostenimento dei costi necessari alla realizzazione del prodotto o del serviziodalla cui vendita scaturisconosono stati conseguiti e limpresa ha sostenuto i correlativi costi (competenza economica): cioè quei ricavi che conseguiti (con la vendita) nel presente esercizio hanno pure visto, nel presente esercizio, il sostenimento dei costi necessari alla realizzazione del prodotto o del servizio – o allacquisizione di merci - dalla cui vendita scaturiscono (es. i ricavi relativi alla vendita di merci il cui costo di acquisto è stato sostenuto nel corso dellesercizio); sono maturati economicamente (competenza temporale): sono quei ricavi (in genere riferiti a servizi) che hanno un riferimento temporale che appartiene al periodo preso in considerazione (esempio laffitto, linteresse, ecc.; si riferiscono ad un determinato arco temporale: per la parte che cade nel periodo amministrativo preso in considerazione sono considerati ricavi maturati economicamente nellesercizio).

10 5) Principio separatezza principio della separatezzadella valutazione separata Il principio della separatezza (o della valutazione separata) precisa che gli elementi eterogenei compresi nelle singole voci debbono essere valutati separatamente. divieto di compensi di partite lesposizione delle voci in bilancio Il principio della separatezza, che riguarda il momento valutativo, non deve essere confuso con il divieto di compensi di partite, che riguarda invece lesposizione delle voci in bilancio. Per esempio, se sotto la voce rimanenze di prodotti sono accolti più articoli per ciascuno di essi si dovrà procedere a una distinta valutazione: quindi può accadere che i vari articoli siano valutati secondo diversi metodi (costo LIFO, valore di mercato, ecc.). Tale disposizione tende principalmente a evitare che nella valutazione complessiva di una specifica voce patrimoniale, utilizzando un criterio unico generalizzato per le varie componenti delle singole voci, vengano compensate perdite presunte con utili non ancora realizzati, ma solo sperati). INDIETRO

11 6) Principio della costanza principio della costanzacriteri di valutazione non possono essere modificati da un esercizio allaltro significativa la comparazione temporale dei bilanci limita la possibilità di attuare le cosiddette politiche di bilancio Il principio della costanza stabilisce che i criteri di valutazione non possono essere modificati da un esercizio allaltro: ciò rende significativa la comparazione temporale dei bilanci da un esercizio allaltro e limita la possibilità di attuare le cosiddette politiche di bilancio, che derivano dallutilizzazione, da parte degli amministratori, di accorgimenti valutativi tendenti a pilotare i risultati economici desercizio. In pratica questo principio permette di: Rendere comparabili i dati di due esercizi; evitare che, attraverso la modifica dei criteri di valutazione, vengano alterati i risultati di bilancio. opportunamente motivate nella Nota integrativa Deroghe al principio di costanza sono consentite solo in casi eccezionali (art bis c.c. 2° comma) e devono, comunque, essere opportunamente motivate nella Nota integrativa, con lindicazione della relativa influenza sulla rappresentazione della situazione patrimoniale finanziaria e del risultato economico. INDIETRO

12 Art c.c. Redazione del bilancio - bilancio di esercizioStato patrimonialeConto economico Nota integrativaRedazione del bilancio - Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito dallo Stato patrimoniale, dal Conto economico e dalla Nota integrativa. chiarezza veritiero corretto Il bilancio deve essere redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società e il risultato economico dellesercizio. Se le informazioni richieste da specifiche disposizioni di legge non sono sufficienti a dare una rappresentazione veritiera e corretta, le informazioni complementari necessarie allo scopo. Se le informazioni richieste da specifiche disposizioni di legge non sono sufficienti a dare una rappresentazione veritiera e corretta, si devono fornire le informazioni complementari necessarie allo scopo. lapplicazione di una disposizione degli articoli seguentiè incompatibile con la rappresentazione veritiera e corretta, la disposizione non deve essere applicata. La nota integrativa deve motivare la deroga e deve indicarne linfluenza sulla rappresentazione della situazione patrimoniale, finanziaria e del risultato economico. Gli eventuali utili derivanti dalla deroga devono essere iscritti in una riserva non distribuibile se non in misura corrispondente al valore recuperato. Se, in casi eccezionali, lapplicazione di una disposizione degli articoli seguenti è incompatibile con la rappresentazione veritiera e corretta, la disposizione non deve essere applicata. La nota integrativa deve motivare la deroga e deve indicarne linfluenza sulla rappresentazione della situazione patrimoniale, finanziaria e del risultato economico. Gli eventuali utili derivanti dalla deroga devono essere iscritti in una riserva non distribuibile se non in misura corrispondente al valore recuperato. Il bilancio deve essere redatto in lire. a decorrere dal 1 gennaio 2002 "Il bilancio è redatto in unità di eurosenza cifre decimali Il bilancio deve essere redatto in lire. (comma aggiunto dal D. Lgs. 30 dicembre 1992, n. 526; a decorrere dal 1 gennaio art. 16 d. lgs 24 giugno 1998, n sarà così sostituito:) "Il bilancio è redatto in unità di euro, senza cifre decimali, ad eccezione della nota integrativa che può essere redatta in migliaia di euro.


Scaricare ppt "I PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO (art. 2423-bis) clausola generaleprincipi di redazione punti o regole fondamentali Accanto alla clausola generale,"

Presentazioni simili


Annunci Google