La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I SERVIZI PER LE IMPRESE e PER I TERRITORI RURALI Firenze, 10-11 dicembre 2001 PROGETTAZIONE, MONITORAGGIO E VALUTAZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I SERVIZI PER LE IMPRESE e PER I TERRITORI RURALI Firenze, 10-11 dicembre 2001 PROGETTAZIONE, MONITORAGGIO E VALUTAZIONE."— Transcript della presentazione:

1 I SERVIZI PER LE IMPRESE e PER I TERRITORI RURALI Firenze, dicembre 2001 PROGETTAZIONE, MONITORAGGIO E VALUTAZIONE

2 Perché progettazione, monitoraggio e valutazione? a)Come metodologia per il cambiamento e di cambiamento innovazione gestionale; b)Come nuova cultura di ottimizzazione delle risorse pubbliche; c)Come strumento di concertazione.

3 Progettazione, monitoraggio e valutazione come sistema di qualità Per migliorare confrontandosi rispetto al tempo ed allo spazio Per evidenziare i punti critici di progetto, di servizio, di sistema, con un feedback continuo, al fine di controllare le cause di insuccesso ed eventualmente perpetuare e trasferire i fattori di successo Per fornire elementi di giudizio ai diversi livelli di decisione politica alimentando, in generale, il sistema delle conoscenze

4 …. E ancora un progetto deve essere considerato come strumento di lavoro in itinere gli attori devono essere coinvolti nel processo di apprendimento nei tre livelli a)Livello iniziale: definizione delle politiche e dei progetti b)Livello intermedio: adozione di strumenti correttivi c)Livello conclusivo: disseminazione dei risultati con analisi dei motivi di successo e di insuccesso

5 ….. Ma è solo teoria? In pratica occorre, Per monitorare: Coinvolgere gli attori nellattività di monitoraggio (raccolta di un flusso di informazioni sui servizi o sui singoli progetti) sviluppando i rapporti fiduciari con i tecnici Sviluppare misure di divulgazione dei risultati raccolti e di correzione delle iniziative in corso Per valutare: Fissare obiettivi misurabili allinterno dei progetti mediante luso di indicatori quantitativi e qualitativi Collegare la fase di monitoraggio a quella di valutazione Effettuare una valutazione interna al progetto Effettuare una valutazione esterna al progetto

6 Il primo passo per coinvolgere gli interessati…. sviluppare una domanda reale di servizi mediante attività diformazione tattica su argomenti e tematiche specifiche (anche forum). ampliare la rosa dei soggetti che potenzialmente potrebbero essere coinvolti allinterno della rete delle conoscenze fornire a tutti i soggetti (anche ai tecnici) un ruolo attivo nella predisposizione dei progetti

7 Il primo passo per coinvolgere gli interessati…. comprendere gli agricoltori/gli utilizzatori come stakeholders prioritari e principali e considerando il loro coinvolgimento come criterio di ammissibilità alla selezione del progetto; richiedere che gli indicatori di monitoraggio siano condivisi dal soggetto erogatore (il dato di monitoraggio deve essere facilmente reperibile ed il monitoraggio deve essere parte integrante della attività operativa, così da creare una cultura del monitoraggio).

8 Quali sono le caratteristiche di un buon progetto di intervento nel campo dei servizi? Deve essere strutturato. 1.Deve aver analizzato ed affrontato: le attese dellutilizzatore/i le esigenze della committenza lo studio delle alternative le correlazioni tra le attese dellutilizzatore e le specifiche del progetto

9 Quali sono le caratteristiche di un buon progetto di intervento nel campo dei servizi? Deve essere strutturato. 2.Deve contenere i seguenti elementi obiettivi e risultati previsti stakeholders coinvolti composizione gruppo di progetto tempi di realizzazione e messa a regime, metodologia di lavoro, strumenti di lavoro costi beneficiari benefici attesi quadro delle incertezze, dei vincoli e dei rischi set di indicatori metodologia e strumenti di M & V operativo

10 Dove è il problema? Negli indicatori Un indicatore è la grandezza attraverso la quale si misura un risultato e quindi deve essere significativo, deve dare informazioni in rapporto agli obiettivi assunti nella gestione (dove si vuole arrivare) e in funzione delle politiche (quale aspetto si vuole privilegiare). Fornire i dati degli indicatori non deve essere un adempimento: deve essere condivisa lutilità e quindi preventivamente la loro scelta.

11 Su che cosa avviare collaborazioni interregionali? Per il monitoraggio e la valutazione… 1.Messa a punto di metodologie di comunicazione; 2.Determinazione del set di indicatori necessari per tipologia di servizio; 3.Definizione di standard di progetto.


Scaricare ppt "I SERVIZI PER LE IMPRESE e PER I TERRITORI RURALI Firenze, 10-11 dicembre 2001 PROGETTAZIONE, MONITORAGGIO E VALUTAZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google