La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Limportanza dellIdea e del Progetto Lungodegenza ospedaliera in Struttura Residenziale R.I.D. Elisabetta Guidi Inf. Coord. Silvia Nughini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Limportanza dellIdea e del Progetto Lungodegenza ospedaliera in Struttura Residenziale R.I.D. Elisabetta Guidi Inf. Coord. Silvia Nughini."— Transcript della presentazione:

1 Limportanza dellIdea e del Progetto Lungodegenza ospedaliera in Struttura Residenziale R.I.D. Elisabetta Guidi Inf. Coord. Silvia Nughini

2 Il punto di partenza (anno di riferimento 2005) Lospedale altamente tecnologico rappresenta il luogo per le cure e lassistenza al paziente in fase acuta Le strutture di degenza in ospedale (e nel territorio) costituiscono la risposta alla fase post- acuta I servizi residenziali, domiciliari ed ambulatoriali danno la risposta più appropriata ai bisogni sanitari e sociosanitari

3 Percorso Acuto Cronico Risposta Appropriata ed Efficace rispetto alle necessità delle Patologie affrontate Ogni utente deve essere indirizzato verso un percorso unico con riferimenti sanitari certi per favorire lappropriatezza nelluso delle strutture e delle risorse per unassistenza continua e personalizzata di presa in carico dellutente

4 Tracciabilità del percorso Per assumere impegni verso il paziente Per pianificare le risorse Per pianificare i processi di erogazione

5 Per la risposta Post-Acuta si è resa necessaria una riprogettazione dellintera area per ottenere una CONTINUITA DI CURA ed un APPROCCIO ASSISTENZIALE PERSONALIZZATO

6 Analisi del Territorio Motivi Organizzativi Doppia Struttura Aree Diversificate

7 Criticità rilevate UTILIZZO NON APPROPRIATO DEI POSTI LETTO UTILIZZO NON OTTIMALE DEI POSTI LETTO OFFERTA ASSISTENZIALE NON SFRUTTATA IN TUTTE LE SUE POTENZIALITA NON TRACCIABILITA DEL PAZIENTE

8 Ricerca di un nuovo modello assistenziale PAZIENTE ACUTO/CRONICO U.O. per Acuti U.O. non Acuti Strutture Residenziali

9 Destinatari del Progetto Paziente Post-Acuto Personale Sanitario Famiglia

10 Obiettivi del Progetto Elargizione di assistenza Facilitazione di accesso Miglioramento dellinformazione Mantenere la continuità assistenziale Miglioramento della salute Competenza tecnica Coordinamento centrale del percorso Miglioramento dellinformazione

11 Criteri di eleggibilità PAZIENTI IN FASE POST-ACUTA NON STABILIZZATI PAZIENTI IN FASE POST-ACUTA STABILIZZATI

12 Percorso di accesso e gestione del utente Gestione per Percorsi Modello Organizzativo dellattività assistenziale di tipo professionale Forte coordinamento centrale da parte del Coordinatore di Processo

13 Gestione per percorsi PazienteProfessionista Aspettative Maggiore attenzione ai bisogni Continuità assistenziale Conoscenze Rianalisi dei comportamenti Coordinamento fra i diversi livelli assistenziali

14 Ruolo del Coordinatore di Processo Infermiere con provata capacità di pianificazione del processo assistenziale con esperienza specifica nel settore geriatrico Formula in collaborazione con altre figure professionali un percorso per il paziente che vada dallospedale al territorio agevolando il rientro a domicilio Assicura la CONTINUITA SANITARIA

15 segue: Gestisce efficacemente léquipe assistenziale Gestisce la tempestività e continuità del percorso Assicura la presa in carico del paziente Cura lintegrazione di competenze istituzionali e professionali diverse Valuta in itinere il percorso

16 Funzioni Coordina i vari interventi assistenziali e ne definisce le priorità Partecipa alla consulenza pre-ammissione del paziente Identifica i bisogni assistenziali della persona Identifica gli obiettivi assistenziali Pianifica gli interventi Educa e supporta la famiglia per la continuità del Processo assistenziale

17 segue: Attiva la Rete dei Servizi Territoriali Valuta i risultati ottenuti Gestisce lintegrazione tra i vari componenti delléquipe assistenziale Coordina la discussione dei casi trattati allinterno della riunione déquipe Rileva sistematicamente i dati di interesse infermieristico per attivare la ricerca infermieristica

18 Valutazione del utente Criteri per il trasferimento Medico Responsabilità sulle condizioni del utente Infermieristico Individuazione del grado di dipendenza

19 Standard Sanitari/Assistenziali Elevata intensità assistenziale infermieristica (h.24) a fronte di una bassa intensità di assistenza medica Responsabilità organizzativa affidata al personale infermieristico Responsabilità sul funzionamento complessivo affidata al dirigente medico ospedaliero dellunità operativa di Post-Acuti in forte sinergia con altre componenti mediche specialistiche

20 Integrazione delle Figure Professionali La continuità assistenziale e terapeutica è garantita dallo strumento rappresentato dalla CARTELLA CLINICA INTEGRATA completa di PIANIFICAZIONE ASSISTENZIALE Tutti i professionisti sono responsabili di documentare i loro interventi

21


Scaricare ppt "Limportanza dellIdea e del Progetto Lungodegenza ospedaliera in Struttura Residenziale R.I.D. Elisabetta Guidi Inf. Coord. Silvia Nughini."

Presentazioni simili


Annunci Google