La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Verso la città sostenibile: dal Progetto Lumière alla Smart city Risparmio ed efficienza energetica nellIlluminazione Pubblica verso una città intelligente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Verso la città sostenibile: dal Progetto Lumière alla Smart city Risparmio ed efficienza energetica nellIlluminazione Pubblica verso una città intelligente."— Transcript della presentazione:

1 Verso la città sostenibile: dal Progetto Lumière alla Smart city Risparmio ed efficienza energetica nellIlluminazione Pubblica verso una città intelligente al servizio dei cittadini Il percorso verso la riqualificazione energetica degli impianti Linee Guida per la redazione dei documenti di gara per la riqualificazione degli impianti di illuminazione pubblica Roma, 7 giugno

2 2 EFFICIENZA ENERGETICA SAVING ECONOMICI E MIGLIORI CONDIZIONI AMBIENTALI NON SOLO RIDUCENDO I CONSUMI A PARITA DI CONDIZIONI DELLE PERFORMANCES RICHIESTE; MA ANCHE CONSUMANDO MEGLIO ED UTILIZZANDO IN MISURA TECNICAMENTE ED ECONOMICAMENTE EQUILIBRATA IL MIX DI FONTI ENERGETICHE NECESSARIE E DI TECONOLOGIE; Roma, 7 giugno 2012

3 3 EFFICIENZA ENERGETICA Un Paese può raggiungere importanti obbiettivi di EFFICIENZA ENERGETICA solo se riesce a : INDIVIDUARE UNA STRATEGIA ENERGETICA DI MEDIO/LUNGO TERMINE, CON UN MIX. EQUILIBRATO DI FONTI ENERGETICHE E REGOLAMENTAZIONI CHIARE E STABILI FARE SISTEMA FRA I VARI SETTORI OPERATIVI PREDISPORRE MODELLI OPERATIVI E PROCESSI SISTEMIZZATI ATTIVARE ED INTEGRARE I FINANZIAMENTI NECESSARI Roma, 7 giugno 2012

4 4 Cliente Pubblico ESCO certificata ed Operatori della Filiera Sistema Finanziario/ Assicurativo soggetti interessati ad attivarsi scegliendo di investire in proprio o cedere lobbligo ad una ESCO Soggetti disposti ed interessati a proporre interventi per migliorare Efficienza Energetica Rispondono in solido verso il Cliente Finale Pubblico Privato per il target non raggiunto. Devono svolgere una maggiore azione di diffusione sulla Efficienza Energetica Supporta il modello di efficienza energetica fornendo credito e garanzie sulla solvibilità della ESCO o del Cliente Finale oltre a credito e garanzie per la realizzazione delle iniziative SOGGETTI OBBLIGATI BISOGNA FARE SISTEMA ANCHE PER ATTIVAZIONE FINANZIAMENTI 4 Patto dei Sindaci: Programmazione Aggregazione-Sinergie Coordinamento Fonti finanziamento europei ed incentivi a livello nazionale AREA PARTNERSHIP PP PER PREDISPOSIZIONE DATI E PROGETTI RICHIESTA FINANZIAMENTO PARTNERSHIP ISTITUZIONI TECNICHE E DI CONTROLLO soggetti incaricati di verificare il corretto bilanciamento tra domanda ed offerta di servizi e la congruità dei risparmi ottenuti per il riconoscimento Titoli EE ;linee guida sulla efficienza energetica Roma, 7 giugno 2012

5 E NECESSARIO FAVORIRE MODELLI SISTEMICI DI INTERVENTO SETTORIALI E NECESSARIO FAVORIRE MODELLI SISTEMICI DI INTERVENTO SETTORIALI ATTRAVERSO LINEE GUIDA PER LEFFICIENZA ENERGETICA SETTORE TERZIARIO SETTORE RESIDENZIALE SETTORE PUBBLICO Uffici, Scuole, Musei,Social Housing Illuminazione Pubblica Trasmissione dati Informazioni (Smart City) 5 OGNI SETTORE DEVE INDIVIDUARE I PROPRI MODELLI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO SETTORE INDUSTRIALE Roma, 7 giugno 2012

6 6 IL PROGETTO LUMIERE SI E POSTO QUESTO PRECISO OBIETTIVO: RIUSCIRE A FORNIRE A TUTTE LE ISTITUZIONI TERRITORIALI UNA GUIDA PRATICA PER ATTIVARE LE INIZIATIVE NECESSARIE PER MIGLIORARE LEFFICIENZA ENERGETICA NECESSARIE PER MIGLIORARE LEFFICIENZA ENERGETICA DEI PROPRI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA Roma, 7 giugno 2012

7 7 UN PROGETTO RIVOLTO E DEDICATO PRINCIPALMENTE AI SINDACI E LORO AMMINISTRATORI E TECNICI MA AL QUALE SONO INVITATI AD ADERIRE E COLLABORARE TUTTI COLORO CHE DIRETTAMENTE O INDIRETTAMENTE OPERANO NEL SETTORE E SI IDENTIFICANO IN PROMOTORI DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE. ENEA - PROGETTO LUMIÈRE PUBBLICA ILLUMINAZIONE ENEA ASSOCIAZIONI (E.S.Co.)/AGESI CONSIP MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO UNIVER SITA' Roma, 7 giugno 2012

8 8 IL CONTENUTO DELLE LINEE GUIDA EFFICIENZA ENERGETICA NELLILLUMINAZIONE PUBBLICA ENERGIA E ILLUMINAZIONE PUBBLICA IL PERCORSO VERSO LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI IMPIANTI FINANZIAMENTI E TEE (Certificati Bianchi) LE LINEE GUIDA Roma, 7 giugno 2012

9 9 IL RISCATTO DELLIMPIANTO BARRIERE E PROBLEMATICHE NELLA INNOVAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE IL PROCESSO PER PROCEDERE NONOSTANTE TUTTE LE DIFFICOLTA DI PARTENZA LE LINEE GUIDA Roma, 7 giugno 2012

10 Servizi adeguati/sicurezzaServizi adeguati/sicurezza –ottimizzazione dei costi di gestione –concentrazione sulla pianificazione –Sicurezza cittadini e riduzione inquinamento; –Vivibilità –Priorità ai servizi sociali ed alla persona Conoscenza e applicazione normativaConoscenza e applicazione normativa –sicurezza –emissioni –energy management (EN16001, …) Policy di sostenibilitàPolicy di sostenibilità –per obiettivi fissati da Direttive Efficienza Energetica –per esigenze del cittadino Disponibilità di capitaleDisponibilità di capitale –Limitatissima e con tempi lunghi acquisizione; –Complessità amministrative Competenze specifiche e tecnicheCompetenze specifiche e tecniche –calcolo della convenienza su investimenti –effetti economici dello sviluppo della normativa rilevante –capacità di selezione delle tecnologie –capacità di project management –capacità di realizzazione e manutenzione diretta degli interventi Gap organizzativoGap organizzativo –Conoscenza e formazione per lefficienza –Organizzazione per la sostenibilità e lefficienza ESIGENZE E LIMITI DELLA DOMANDA SETTORE PUBBLICO ESIGENZELIMITI 10 Roma, 7 giugno 2012

11 11 CE UN PROBLEMA DI DIFFICOLTA FINANZIARIE RITENIAMO CHE SI POSSA SOLO INTERVENIRE IN PRESENZA DI SOLI SISTEMI INCENTIVANTI CE UN PROBLEMA DI REGOLE E NORME I FONDI EUROPEI DI FINANZIAMENTO SONO DIFFICILMENTE OTTENIBILI E CON MECCANISMI CHE NON CONSENTONO DI POTER DISPORRE DI QUESTE RISORSE IN LINEA TEMPORALMENTE CON LE FASI DI SPESA IL SENTIRE COMUNE E LO STATO DI FATTO I L PERCORSO VERSO LA RIQUALIFICAZIONE Roma, 7 giugno 2012

12 12 LE DIFFICOLTA FINANZIARIE POSSONO ESSERE SUPERATE SI RIESCA AD OPERARE ATTRAVERSO UNA SISTEMIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI SIA DA PARTE DELLA DOMANDA CHE DELLOFFERTA SI DEFINISCANO MODELLI DI INTERVENTO CHE COINVOLGANO I CAPITALI PRIVATI; SI ATTIVI UNA FORTE COMPETITIVITA ATTRAVERSO LA LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO PURCHE I L PERCORSO VERSO LA RIQUALIFICAZIONE Roma, 7 giugno 2012

13 13 NECESSARIO UN INTERVENTO DA PARTE DELLE ISTITUZIONI PER GARANTIRE IL PAGAMENTO DEGLI INVESTIMENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA E SERVIZI PRESTATI ALLE E.S.Co. NEI TEMPI PREVISTI DALLA DIRETTIVA EUROPEA (60 gg max.) POTREBBE ATTIVARE UN FORTE INCREMENTO DEGLI INVESTIMENTI DIRETTI DA PARTE DEI PRIVATI Roma, 7 giugno 2012

14 14 Audit energetico e tecnologico del Sistema di Illuminazione; Lanalisi dei risultati dello studio La predisposizione di uno studio di fattibilità tecnico-economico che comprenda una analisi economica per ottimizzare il rapporto costi- beneficio per tutta la durata di vita utile degli interventi effettuati; Il progetto definitivo La definizione della partnership degli operatori della Filiera Il reperimento delle risorse finanziarie ( E.S.CO. ed Operatori di tutta la Filiera : Finanziamento tramite Terzi,Banche, incentivi – TEE); La definizione e la stipula degli atti contrattuali; I L PERCORSO INDISPENSABILE VERSO LA RIQUALIFICAZIONE Roma, 7 giugno 2012

15 15 La realizzazione degli interventi strutturali / impiantistici /processo Il Servizio Energia comprendente la fornitura dellenergia elettrica e lesercizio degli impianti La manutenzione ordinaria e straordinaria e monitoraggio consumi/risparmi. Garanzia Risulta to I L PERCORSO INDISPENSABILE VERSO LA RIQUALIFICAZIONE Roma, 7 giugno 2012

16 16 Agire per intervento diretto, nella eventualità in cui si disponga di risorse economiche e gestionali proprie, per effettuare direttamente gli interventi richiesti, gestire gli impianti e approvvigionare lenergia elettrica necessaria; Disporre di una E.S.Co. mista pubblico-privata che comunque comporterà per lEnte la disponibilità di risorse finanziarie, quanto meno, per lEquity e per garantire eventuali necessità finanziarie che si dovessero attingere presso il sistema bancario ove lEquity non fosse sufficiente; Avvalersi di una Convenzione Consip Ricorrere ad un soggetto E.S.Co. privato in grado di prefinanziare gli interventi con propri capitali o reperiti comunque direttamente sul mercato FTT LE DIVERSE MODALITA DI INTERVENTO PER REALIZZARE LEFFICIENZA ENERGETICA Roma, 7 giugno 2012

17 ENTE AFFIDATARIO PROVINCIA O ALTRI SOCI PUBBLICI IMMOBILI ENTE+ IMMOB. ALTRI FUTURI SOCI PUBBL. SE LA COSTITUENDA SOCIETÀ AVRÀ LONERE DI VERIFICARE E GARANTIRE AGLI ENTI AFFIDANTI, LECONOMICITÀ E LA VALENZA AMBIENTALE DEI SERVIZI FORNITI. POTRA FARLO SOLO SE DOTATA DI PROPRIE STRUTTURE TECNICHE E STRUMENTALI DIVERSAMENTE DOVRA EFFETTUARE GARE PUBBLICHE ALLE QUALI IL PARTNER PRIVATO DELLA E.S.Co. PP NON POTRA PARTECIPARE PER CONFLITTO DI INTERESSE NEW CO. 28% PARTN.PRIVATO- SOC.COMUN- PARTN.PRIVATO- FINANZ./BANCA? 2% 10% 40% 60% RIQUALIFICAZIONI E SERVIZI: CON QUALI RISORSE UMANE, STRUMENTALI,???? QUELLE DEL PARTNER PRIVATO????? ? AFFIDAMENTO DIRETTO IN GESTIONE 17 Un Modello di E.S.Co mista PP da non seguire PARTNER PRIVATO-ESCO Roma, 7 giugno 2012

18 18 Lo schema delle linee guida per la predisposizione di una gara Le possibili azioni da effettuare per raggiungere lobiettivo dellefficientamento energetico attraverso la messa a norma degli impianti dal punto di vista dei livelli illuminotecnici, della sicurezza, dellefficienza energetica e dellEsercizio adeguato partendo dalla situazione in cui si trova lAmministrazione Situazioni tipiche dello stato di fatto e difficoltà strutturali delle Amministrazioni Azioni per attivare una procedura di gara ai sensi del DLgs 163/2006 per contratti pubblici di lavori-forniture- servizi Schemi Legislativi Applicabili per I Singoli Casi ed Esempi Pratici Lo schema delle linee guida per la predisposizione di una gara Roma, 7 giugno 2012

19 19 MACROFASE PRE-GARA Impostazione preliminare dellaffidamento dei servizi Programma e Pianificazione-PRIC Piano Operativo Studio di Fattibilità interventi Programma Annuale dei servizi Documento di Indirizzo Preliminare NORME COGENTI Codice Contratti Pubblici (D.Lgs. 163/2006) Regolamento Attuativo (D.P.R. 207/2010) NORME VOLONTARIE UNI EN 15331:2011 – UNI 11257:2007 – UNI 11136:2004 – UNI 10951:2001 – 10874:2000 Fonte : Libro Bianco 2012 Patrimoni PA Net Lo schema delle linee guida per la predisposizione di una gara Roma, 7 giugno 2012

20 20 MACROFASE DI GARA Impostazione della richiesta di offerta Progetto dei servizi (Committente) Disciplinare tecnico/Lettera di invito Fascicolo virtuale Offerta tecnica (impresa) Offerta economica (impresa) NORME COGENTI Codice Contratti Pubblici (D.Lgs. 163/2006) Regolamento Attuativo (D.P.R. 207/2010) NORME VOLONTARIE UNI EN 15331:2011 – UNI 11257:2007 – UNI 11136:2004 – UNI 10951:2001 – 10874:2000 Impostazione della offerta Valutazione e selezione dellofferta Bando di gara Schema di contratto/Capitolato Tecnico Dichiarazione di aggiudicazione provvisoria/definitiva Guida di valutazione Fonte : Libro Bianco 2012 Patrimoni PA Net Lo schema delle linee guida per la predisposizione di una gara Roma, 7 giugno 2012

21 21 MACROFASE POST GARA Contrattualizzazione Contratto Strumenti di pianificazione e programmazione Strumenti di monitoraggio e controllo Strumenti di rendicontazione NORME COGENTI Codice Contratti Pubblici (D.Lgs. 163/2006) Regolamento Attuativo (D.P.R. 207/2010) NORME VOLONTARIE UNI EN 15331:2011 – UNI 11257:2007 – UNI 11136:2004 – UNI 10951:2001 – 10874:2000 Sviluppo a regime del contratto Chiusura del contratto Strumenti di governo Attestazione e Regolazione Esecuzione/ Certificato di Conformità/ Certificato di Esecuzione Prestazioni Avviamento del contratto Fonte : Libro Bianco 2012 Patrimoni PA Net Lo schema delle linee guida per la predisposizione di una gara Roma, 7 giugno 2012

22 22. LE POSSIBILI FORME I riferimenti normativi sono largamente individuati allinterno del DLgs n.163/2006: Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE. 1. Linee guida per il Disciplinare di Gara Oggetto dellappalto Soggetti ammessi Documenti di Gara Sopraluoghi Chiarimenti Subappalto Modalità di presentazione delle Offerte Criteri di aggiudicazione Offerte anormalmente basse Adempimenti richiesti allimpresa aggiudicataria Lo schema delle linee guida per la predisposizione di una gara Roma, 7 giugno 2012

23 23 2. Linee guida per il Capitolato Tecnico I riferimenti normativi sono largamente individuati allinterno del DLgs n.163/2006: Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE. Parte 1 – Oggetto e modalità di erogazione dei servizi Definizioni e riferimenti legislativi Oggetto dellappalto Durata contrattuale Oneri ed obblighi dellappaltatore Responsabilità dellAppaltatore Disposizioni in merito al Contratto Domicilio e rappresentanza dellAppaltatore Penali Lo schema delle linee guida per la predisposizione di una gara Roma, 7 giugno 2012

24 24 2. Linee guida per il Capitolato Tecnico I riferimenti normativi sono largamente individuati allinterno del DLgs n.163/2006: Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE. Parte 2 – Condizioni particolari del Servizio Caratteristiche del Servizio a cura dellAppaltatore Risparmio Energetico Esercizio degli impianti Lo schema delle linee guida per la predisposizione di una gara Roma, 7 giugno 2012

25 25 2. Linee guida per il Capitolato Tecnico I riferimenti normativi sono largamente individuati allinterno del DLgs n.163/2006: Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE. Parte 3 – Consegna e riconsegna degli impianti Consegna degli impianti Riconsegna degli impianti Lo schema delle linee guida per la predisposizione di una gara Roma, 7 giugno 2012

26 26 2. Linee guida per il Capitolato Tecnico I riferimenti normativi sono largamente individuati allinterno del DLgs n.163/2006: Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE. Parte 4 – Progettazione-Consegna e riconsegna degli impianti Progettazione Finanziamento Direzione Lavori Consegna Lavori Documentazione Tecnica Collaudo Lo schema delle linee guida per la predisposizione di una gara Roma, 7 giugno 2012

27 l Linee guida per il Capitolato Tecnico I riferimenti normativi sono largamente individuati allinterno del DLgs n.163/2006: Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE. Parte 5 – Condizioni economiche Importo dellappalto Contabilizzazione dei servizi Canone. Indicizzazione e adeguamento Lavori extra canone ed ampliamenti della rete Liquidazione dei compensi Roma, 7 giugno 2012 Lo schema delle linee guida per la predisposizione di una gara

28 28 I "contratti" o i "contratti pubblici" sono i contratti di appalto o di concessione aventi per oggetto l'acquisizione di servizi, o di forniture, ovvero l'esecuzione di opere o lavori, posti in essere dalle stazioni appaltanti, dagli enti aggiudicatori, dai soggetti aggiudicatori. I settori ordinari dei contratti pubblici sono i settori diversi da quelli del gas, energia termica, elettricita', acqua, trasporti, servizi postali, sfruttamento di area geografica, come definiti dalla parte III del presente codice, in cui operano le stazioni appaltanti come definite dal presente articolo. I "settori speciali" dei contratti pubblici sono i settori del gas, energia termica, elettricita', acqua, trasporti, servizi postali, sfruttamento di area geografica, come definiti dalla parte III del presente codice. Gli "appalti pubblici" sono i contratti a titolo oneroso, stipulati per iscritto tra una stazione appaltante o un ente aggiudicatore e uno o piu' operatori economici, aventi per oggetto l'esecuzione di lavori, la fornitura di prodotti, la prestazione di servizi come definiti dal presente codice. I tipi di gare di appalto DLgs n.163/2006 Roma, 7 giugno 2012

29 INTERVENTO ATTRAVERSO LA E.S. 29. I tipi di gare di appalto DLgs n.163/2006 Gli "appalti pubblici di lavori" sono appalti pubblici aventi per oggetto l'esecuzione o, congiuntamente, la progettazione esecutiva e l'esecuzione, ovvero, previa acquisizione in sede di offerta del progetto definitivo, la progettazione esecutiva e l'esecuzione, relativamente a lavori Gli appalti pubblici di forniture" sono appalti pubblici diversi da quelli di lavori o di servizi, aventi per oggetto l'acquisto, la locazione finanziaria, la locazione o l'acquisto a riscatto, con o senza opzione per l'acquisto, di prodotti. Gli "appalti pubblici di servizi" sono appalti pubblici diversi dagli appalti pubblici di lavori o di forniture, aventi per oggetto la prestazione dei servizi di cui all'allegato II. Contratti misti sono contratti pubblici aventi per oggetto lavori e forniture;lavori e servizi; lavori, servizi e forniture e quindi nel caso specifico quelli impiegati per gli interventi di efficientamento delle reti di pubblica illuminazione e gestione delle stesse; Roma, 7 giugno 2012

30 30 Aggiudicazioni : I sistemi di aggiudicazione sono fondamentalmente basati su una valutazione Qualità-Prezzo /Offerta economicamente più vantaggiosa. Le linee guida: conterranno inoltre una serie di documenti di gare analoghe espletate e contrattualizzate con i riferimenti degli Enti territoriali che le hanno emesse per eventuali contatti, supporti, pareri. I tipi di gare di appalto DLgs n.163/2006 Roma, 7 giugno 2012

31 31 Conclusioni CE MOLTO DA LAVORARE ……….. POSSIAMO FARE MOLTO DI PIU E MEGLIO SE RIUSCIAMO A: IMPARARE AD ASCOLTARE …………………… RIFLETTERE …………………………………………… PROPORRE E REALIZZARE SOLUZIONI VALIDE SEGUENDO LE LINEE GUIDA LUMIERE!!!!!!! Roma, 7 giugno 2012

32 32 GRAZIE PER LATTENZIONE / Roma, 7 giugno 2012


Scaricare ppt "Verso la città sostenibile: dal Progetto Lumière alla Smart city Risparmio ed efficienza energetica nellIlluminazione Pubblica verso una città intelligente."

Presentazioni simili


Annunci Google