La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INTRODUZIONE Conoscere la distribuzione dei fattori di rischio cardiovascolare (CV) nella popolazione assume un ruolo chiave nella programmazione di iniziative.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INTRODUZIONE Conoscere la distribuzione dei fattori di rischio cardiovascolare (CV) nella popolazione assume un ruolo chiave nella programmazione di iniziative."— Transcript della presentazione:

1 INTRODUZIONE Conoscere la distribuzione dei fattori di rischio cardiovascolare (CV) nella popolazione assume un ruolo chiave nella programmazione di iniziative di prevenzione mirate al livello di rischio di ciascun assistibile. OBIETTIVI istituire un laboratorio del rischio CV nellambito della MG dellASL 20 di Verona, al fine di individuare tutti i soggetti di età compresa tra i anni con un rischio CV reale >10%; ottimizzarne la presa in carico e ridurre il numero di eventi CV nella popolazione veronese nei prossimi 5 anni. CONCLUSIONI La proposta di prendere in carico il problema del rischio CV della popolazione veronese ha trovato daccordo la direzione strategica dellASL, quella dellAzienda Ospedaliera, i MMG e gli specialisti di II° livello. Si tratta di un progetto in linea con le strategie di intervento/prevenzione promosse dalla Regione Veneto e dal Ministero della Salute in ambito CV (Progetto Rischio Assoluto Cardiovascolare Epidemiologia: implementazione dellutilizzo delle carte del rischio CV italiane) e di un importante sfida per la MG che rende la ricerca parte integrante della propria pratica assistenziale. MATERIALI E METODI modello per il calcolo del rischio CV teorico di tutti gli assistibili di età compresa tra i anni dellASL, basato sui dati del Progetto Verona; analisi dei costi per ricoveri e terapie farmacologiche in pazienti a rischio CV lista dei soggetti con rischio CV teorico 10% predisposta dal Servizio Farmaceutico per ciascun MMG; carte del rischio italiane utilizzate dal MMG per calcolare il rischio CV reale degli assistibili selezionati; percorsi diagnostico-terapeutici condivisi tra medici di I° e II° livello per la gestione di ipertensione, diabete e scompenso cardiaco. IL LABORATORIO SUL RISCHIO CARDIOVASCOLARE NELLASL 20 DI VERONA Joppi R 2*, Bastarolo D 1, Confente A 1, Lombardo G 3, Mirandola M 4, Mezzalira L 2, 1 Farmacista - Servizio Farmaceutico Territoriale - ULSS 20 Verona, 2 Farmacista - Centro di Riferimento Regionale sul Farmaco - Regione Veneto, 3 MMG - Centro di Riferimento Regionale sul Farmaco - Regione Veneto, 4 Statistico - Centro di Riferimento Regionale sul Farmaco - Regione Veneto * RISULTATI Quanto rischiano i Veronesi (età 35-74: soggetti) Spesa (DRG) per eventi CV nellASL 20 - anno DIAGNOSI IMA, ICTUS, ANGINA, TIA, arteropatie periferiche INTERVENTI by pass, angioplastica , ,05 TOTALE , ,63 DIAGNOSI Scompenso Cardiaco ,70 Diabete ,13 Ipertensione ,00 TOTALE , ,83 Spesa totale per ricoveri (DRG) in pazienti a rischio CV nellASL 20 - anno ,46 Spesa farmaceutica per i trattati non a goal Anti-ipertensivi Ipolipemizzanti Ipoglicemizzanti TOTALE TOTALE Spesa farmaceutica prevista per i potenziali nuovi pazienti (individuati, ma non confermati) Anti-ipertensivi Ipolipemizzanti Ipoglicemizzanti TOTALE TOTALE (Hp ASL: ) NUOVI IPERTESI 511 (Hp ASL: ) (Hp ASL: 4.346) NUOVI DIABETICI 59 (Hp ASL: 4.346) (Hp ASL: ) NUOVI IPERCOLESTEROLEMICI 356 (Hp ASL: ) Rischio CV a Verona - anno Attraverso il Progetto Verona e stato possibile identificare su soggetti reclutati: Gli strumenti: I pazienti: 227 pz/MMG Spesa (DRG) per altri ricoveri in pazienti a rischio CV nellASL 20 - anno


Scaricare ppt "INTRODUZIONE Conoscere la distribuzione dei fattori di rischio cardiovascolare (CV) nella popolazione assume un ruolo chiave nella programmazione di iniziative."

Presentazioni simili


Annunci Google