La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 Lezione del 08/05/2009 Prof. ssa ROSSELLA PETRESCHI a cura del Dott. SAVERIO CAMINITI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 Lezione del 08/05/2009 Prof. ssa ROSSELLA PETRESCHI a cura del Dott. SAVERIO CAMINITI."— Transcript della presentazione:

1 Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 Lezione del 08/05/2009 Prof. ssa ROSSELLA PETRESCHI a cura del Dott. SAVERIO CAMINITI

2 Tecniche algoritmiche parallele di base Tecnica della prima metà: ad ogni passo si dimezza il numero di elementi su cui si esegue la computazione. Si lavora nella prima metà del vettore che da dimensione n si riduce progressivamente a dimensione n/2, n/4, … fino a raggiungere la soluzione in O(log 2 n) passi. (es. somma di n elementi, ricerca del massimo) Tecnica del salto del puntatore: in O(log 2 n) passi si ottiene la soluzione raddoppiando ad ogni passo la distanza fra le coppie di elementi su cui si opera. (es. somme prefisse, ricerca delle radici in una foresta, calcolo della posizione allinterno di una lista puntata) Tecnica del tour di eulero Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 2

3 Tour di Eulero Dato un grafo G, un Tour di Eulero (TDE) su G è un ciclo (cammino chiuso) che passa su ogni arco una e una sola volta. Non tutti i grafi ammettono un tour di Eulero, quelli in cui ogni nodo ha grado pari si. Dato un albero T = (V, E) è possibile costruire un grafo G = (V, E') con E' = (v,u), (u,v) : (u,v) E }. Per ogni nodo di G, il numero di archi entranti è uguale al numero di archi uscenti, quindi G contiene un circuito euleriano. Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 3 c h g e f b i da c h g e f b i da

4 4 La funzione TDE Il TDE è una sequenza ciclica di tutti gli archi del grafo costruita a partire da un qualunque nodo. Ad esempio: (c,i)(i,a)(a,d)(d,a)(a,i)(i,g)(g,i)(i,c)(c,f)(f,c)(c,h)(h,e)(e,h)(h,c)(c,b)(b,c) Per semplicità si può scrivere il TDE come: c i a d a i g i c f c h e h c b Si può vedere il TDE come una funzione che, per ogni arco, identifica il successore nel tour: TDE(c,i) = (i,a) TDE(i,a) = (a,d) TDE(a,d) = (d,a) TDE(d,a) = (a,i) TDE(a,i) = (i,g) ecc… c h g e f b i da

5 Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 5 Costruzione della funzione TDE Affinché tutti gli archi siano visitati, è fondamentale che, per ogni nodo v, fra lapparizione nel tour dellarco entrante (u,v) e quella dellarco uscente (v,u) siano presenti tutti gli archi relativi alla visita di tutti gli altri nodi adiacenti a v. Per garantire questa condizione è sufficiente considerare un ordinamento ciclico degli adiacenti di ogni nodo. Se si entra in v con larco (u,v) se ne esce seguendo il successore di u in tale ordinamento: TDE(u,v) = (v, next v (u)) dove next v (u) identifica il nodo che segue u tra gli adiacenti di v.

6 Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 6 Come costruire il TDE Vogliamo ora calcolare su una PRAM-EREW il TDE: a partire da un albero (rappresentato come elenco di archi), si vuole una struttura che permetta di identificare efficientemente il successore di ogni arco nel tour. Utilizziamo delle liste di adiacenza cicliche con un informazione addizionale: per ogni arco (u,v) manteniamo un puntatore allarco (v,u). In questo modo, dato larco (u,v) (nella lista di adiacenza di u), si potrà facilmente accedere allarco (v,u) e quindi al suo successore nella lista di adiacenza di v.

7 Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 7 Struttura dati per il TDE d c b a h c i e a a b c d e f g h i i ifh c g c (e,h) (h,c) (c,f) (c,b) (c,i) (i,g) (a,i) (a,d) c h g e f b i da

8 Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 8 Passo 1 Il processore i-esimo costruisce il reciproco dellarco i-esimo e imposta opportunamente i puntatori. (e,h) (h,c) (c,f) (c,b) (c,i) (i,g) (a,i) (a,d) (e,h) (h,e) (h,c) (c,h) (c,f) (f,c) (c,b) (b,c) (c,i) (i,c) (i,g) (g,i) (a,i) (i,a) (a,d) (d,a)

9 Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 9 Passo 2 Si ordina lessicograficamente il vettore degli archi. Nota: se nelleseguire lordinamento si spostassero realmente i dati in memoria tutti i puntatori agli archi reciproci verrebbero perduti. Per ovviare a questo problema la soluzione più semplice è quella di calcolare la sequenza ordinata degli indici che si userà poi per accedere al vettore come se fosse ordinato. (a,d) (a,i) (b,c) (c,b) (c,f) (c,h) (c,i) (d,a) (e,h) (f,c) (g,i) (h,c) (h,e) (i,a) (i,c) (i,g)

10 Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 10 Passo 3 Si creano le liste di adiacenza circolari per ogni nodo nella seguente maniera: si divida la lista in blocchi dallo stesso primo nodo dellarco; per ogni arco si imposti il puntatore al successivo nel blocco; lultimo arco di ogni blocco punti al primo. Tempo parallelo per la costruzione della struttura dati: Passo 1: costante Passo 2: logaritmico (per lordinamento) Passo 3: costante (a,d) (a,i) (b,c) (c,b) (c,f) (c,h) (c,i) (d,a) (e,h) (f,c) (g,i) (h,c) (h,e) (i,a) (i,c) (i,g)

11 Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 11 Radicare lalbero Input: Tour di Eulero (TDE) di un albero non radicato T, dato per liste di adiacenza. Output: Cammino di Eulero (CDE) di T radicato in r e T rappresentato tramite vettore di padri. Algoritmo: Sia v un qualunque adiacente di r, si spezza il TDE ponendo TDE (v,r) = 0. Ora, per distinguere, in ogni arco, un nodo padre e un nodo figlio, si assegna valore 1 ad ogni arco del cammino di Eulero ottenuto e si calcolano le somme prefisse S su tali valori. Si avrà p(w) = v sse S(v,w) < S(w,v) Nota: se analizziamo l'orientamento dato, vediamo che esso segue una visita di tipo DFS, ma ciò non vuol dire che abbiamo realizzato una DFS in parallelo che è anzi uno di quei problemi che restano inerentemente sequenziali.

12 Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 12 Calcolo di funzioni elementari Per calcolare le funzioni elementari su alberi radicati (dati in input con il loro CDE) adoperiamo il seguente schema. Considerando, per ogni vertice v, larco discendente (p(v),v) e larco ascendente (v,p(v)): si assegni, a seconda del problema in considerazione, un valore agli archi ascendenti e un valore agli archi discendenti; si eseguano le somme prefisse sulla sequenza di valori che si ottiene seguendo il Cammino di Eulero; a seconda del problema, si dia una funzione di lettura della soluzione.

13 Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 13 Visita in postorder Fatto: nella numerazione in postorder (FS,…,FD,R), ogni nodo v viene numerato quando la sua visita è completata, ovvero quando, con la tecnica del backtrack, si torna al padre p(v). Dato il CDE di un albero T radicato in r, per ottenere la numerazione dei nodi in postorder sfruttando il Fatto, assegniamo valore +1 ad ogni arco (v,p(v)) che risale dal figlio al padre e valore 0 ad ogni arco (p(v),v) che scende dal padre al figlio. Sulla sequenza così ottenuta eseguiamo poi le somme prefisse ottenendo S. La numerazione in postorder è data da: v rPost(v) = S(v,p(v)) v = rPost(v) = n Riprendendo lalbero precedentemente visto, consideriamolo radicato in h (per chiarezza riportiamo solo il primo nodo di ogni arco nel CDE). CDEhehcbciadaigicfc S vabcdefghi Post

14 Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 14 Visita in preorder Fatto: nella numerazione in preorder (R,FS….FD), ogni nodo v viene numerato la prima volta che viene incontrato durante la visita, ovvero quando si arriva a v dal padre p(v). Dato il CDE di un albero T radicato in r, per ottenere la numerazione dei nodi in preorder sfruttando il Fatto, assegniamo valore 0 ad ogni arco (v,p(v)) che risale dal figlio al padre e valore +1 ad ogni arco (p(v), v) che scende dal padre al figlio. Sulla sequenza così ottenuta eseguiamo poi le somme prefisse. La numerazione in preorder è data da: v = rPre(v) = 1 v rPre(v) = S(p(v),v) +1 Riprendendo lesempio abbiamo: CDEhehcbciadaigicfc S vabcdefghi Pre

15 Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 15 Livello di un vertice Fatto: Il livello di un nodo è quello del padre aumentato di 1, ovvero quello di un figlio diminuito di 1. Per calcolare il livello di ciascun nodo nellalbero assegniamo valore +1 ad ogni arco discendente e valore -1 ad ogni arco ascendente. Eseguite le somme prefisse, si ha: v = rl(v) = 0 v rl(v) = S(p(v),v) Riprendendo lesempio abbiamo: CDEhehcbciadaigicfc S vabcdefghi l(v)


Scaricare ppt "Algoritmi Paralleli e Distribuiti a.a. 2008/09 Lezione del 08/05/2009 Prof. ssa ROSSELLA PETRESCHI a cura del Dott. SAVERIO CAMINITI."

Presentazioni simili


Annunci Google