La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

OBESITA LOBESITA E IN CONTINUA E PROGRESSIVA ESPANSIONE COME IL DIABETE DI II TIPO GRAVITA DELLE LORO COMPLICANZE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "OBESITA LOBESITA E IN CONTINUA E PROGRESSIVA ESPANSIONE COME IL DIABETE DI II TIPO GRAVITA DELLE LORO COMPLICANZE."— Transcript della presentazione:

1 OBESITA LOBESITA E IN CONTINUA E PROGRESSIVA ESPANSIONE COME IL DIABETE DI II TIPO GRAVITA DELLE LORO COMPLICANZE

2 OBESITA In Italia 35% soggetti in sovrappeso In Italia 35% soggetti in sovrappeso Prevalenza del sesso maschile Prevalenza del sesso maschile Obesita 10% con prevalenza femminile, regioni meridionali Obesita 10% con prevalenza femminile, regioni meridionali Preoccupante aumento Preoccupante aumento Record europeo di bambini in sovrappeso (36%) od obesi (10-15%) Record europeo di bambini in sovrappeso (36%) od obesi (10-15%) Enorme impatto sociale (15 milioni sovrappeso e 5 milioni obesi) Enorme impatto sociale (15 milioni sovrappeso e 5 milioni obesi)

3 Lobesita e le malattie correlate implicano una riduzione della quantita e della qualita della vita nonche un incremento dei costi sociali diretti ed indiretti (attivita lavorativa nel pieno della maturita produttiva) Lobesita e le malattie correlate implicano una riduzione della quantita e della qualita della vita nonche un incremento dei costi sociali diretti ed indiretti (attivita lavorativa nel pieno della maturita produttiva) Costo sociale sorbitante Costo sociale sorbitante Entita della prevalenza in rapporto alleta e maggiore nella classi socio-economiche piu basse Entita della prevalenza in rapporto alleta e maggiore nella classi socio-economiche piu basse

4 Effetto negativo dovuto alle migliorate condizioni ambientali Effetto negativo dovuto alle migliorate condizioni ambientali Maggiore introito energetico e/o ridotto consumo energetico Maggiore introito energetico e/o ridotto consumo energetico Piu grassi si e e piu facile e ingrassare ulteriormente Piu grassi si e e piu facile e ingrassare ulteriormente Assenza di una corretta alimentazione e di un opportuno stile di vita Assenza di una corretta alimentazione e di un opportuno stile di vita se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, ne in difetto ne in eccesso, avremmo trovato la strada per la salute (Ippocrate) se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, ne in difetto ne in eccesso, avremmo trovato la strada per la salute (Ippocrate)

5 Fattori ambientali Fattori ambientali Predisposizione genetica Predisposizione genetica Fattori psicologici Fattori psicologici un bambino obeso che viva in una famiglia in cui vi sono degli obesi ha molte piu probabilita di diventare un adulto obeso

6 Obesita – classificazione, clinica e fisiopatologia Indice di massa Indice di massa corporea (dividere il Kg di peso corporeo per il quadrato dellaltezza) Normopeso BMI tra 18.5 e 25 Sovrappeso BMI tra 25 e 30 Obesita BMI >30 Obesita lieve (30-35), moderata (35-40), grave (>40) e superobesita (>50) Patologia cronica complessa caratterizzata da malattie associate spesso invalidanti la qualita e quantita di vita Il rischio e la entita di comorbilita aumentano con BMI Il rischio e la entita di comorbilita aumentano con BMI

7 Nelle persone obese aumenta di 3 volte il rischio di morte improvvisa, di 2 quello di ictus ed in modo significativo quello di patologie cardiovascolari, metaboliche, respiratorie, ormonali (ginecomastie, impotenza,irsutismo,turbe del ciclo mestruale, infertilita), osteo-articolari, maggiore incidenza di carcinomi del colon- retto e della prostata nelluomo e della colecisti,della mammella e dellapparato genitale nella donna Nelle persone obese aumenta di 3 volte il rischio di morte improvvisa, di 2 quello di ictus ed in modo significativo quello di patologie cardiovascolari, metaboliche, respiratorie, ormonali (ginecomastie, impotenza,irsutismo,turbe del ciclo mestruale, infertilita), osteo-articolari, maggiore incidenza di carcinomi del colon- retto e della prostata nelluomo e della colecisti,della mammella e dellapparato genitale nella donna

8 Sono osservati altresi frequentemente: iperuricemia, colelitiasi, nefrolitiasi, reflusso gastro-esofageo, ernie, alterazioni psicologiche Sono osservati altresi frequentemente: iperuricemia, colelitiasi, nefrolitiasi, reflusso gastro-esofageo, ernie, alterazioni psicologiche******* Circonferenza della vita e rapporto fra questa e quella dei fianchi

9 Obesita grave e superobesita La terapia chirurgica puo garantire un notevole calo ponderale e soprattutto il mantenimento nel tempo del risultato conseguito con notevole riduzione o scomparsa della comorbilita La terapia chirurgica puo garantire un notevole calo ponderale e soprattutto il mantenimento nel tempo del risultato conseguito con notevole riduzione o scomparsa della comorbilita

10 CHIRURGIA BARIATRICA INDICAZIONI INDICAZIONI Pazienti informati e motivati Pazienti informati e motivati Rischio accettabile, dopo fallimento di terapie non chirurgiche (dieta, esercizio fisico, terapie comportamentali) Rischio accettabile, dopo fallimento di terapie non chirurgiche (dieta, esercizio fisico, terapie comportamentali) BMI>40 BMI>40 BMI tra 35 e 40 con alto rischio di comorbilità o con problemi fisici che interferiscono con la qualità della vita BMI tra 35 e 40 con alto rischio di comorbilità o con problemi fisici che interferiscono con la qualità della vita Pazienti in grado di sottoporsi ai controlli post-chirurgici Pazienti in grado di sottoporsi ai controlli post-chirurgici Età fra i 18 e i 60 anni Età fra i 18 e i 60 anni BMI valido per lindicazione chirurgica, è quello massimo raggiunto nellanamnesi clinica BMI valido per lindicazione chirurgica, è quello massimo raggiunto nellanamnesi clinica

11 CHIRURGIA BARIATRICA CONTROINDICAZIONI CONTROINDICAZIONI Assenza di pregresse terapie mediche Assenza di pregresse terapie mediche Incapacità a sottoporsi a follow-up Incapacità a sottoporsi a follow-up Stati di psicosi, depressione severa, disturbi della personalità e del comportamento alimentare Stati di psicosi, depressione severa, disturbi della personalità e del comportamento alimentare Etilismo, tossicodipendenza Etilismo, tossicodipendenza Ridotta speranza di vita Ridotta speranza di vita Assenza di un adeguato supporto familiare Assenza di un adeguato supporto familiare

12 CHIRURGIA BARIATRICA Per quanto riguarda le indicazioni ai diversi tipi di intervento non vi è ancora un generale consenso né una pratica clinica diffusamente condivisa. Per quanto riguarda le indicazioni ai diversi tipi di intervento non vi è ancora un generale consenso né una pratica clinica diffusamente condivisa.

13 CHIRURGIA BARIATRICA La terapia ottimale non può prescindere dalla presenza di un team bariatrico interdisciplinare i cui componenti devono attuare la migliore selezione dellintervento terapeutico, della gestione post- operatoria precoce e del follow-up. La terapia ottimale non può prescindere dalla presenza di un team bariatrico interdisciplinare i cui componenti devono attuare la migliore selezione dellintervento terapeutico, della gestione post- operatoria precoce e del follow-up.

14 CHIRURGIA BARIATRICA VALUTAZIONE CLINICO – LABORATORISTICO – STRUMENTALE VALUTAZIONE CLINICO – LABORATORISTICO – STRUMENTALE

15 CHIRURGIA BARIATRICA Le pazienti devono essere informate sulla inopportunità di intraprendere una gravidanza durante il periodo di significativo calo ponderale e comunque entro i due anni dopo lintervento. Le pazienti devono essere informate sulla inopportunità di intraprendere una gravidanza durante il periodo di significativo calo ponderale e comunque entro i due anni dopo lintervento.

16 CHIRURGIA BARIATRICA Si opta per una terapia chirurgica allorquando la terapia dietetica e comportamentale sono fallite per un periodo di 5 anni ed i rischi operatori devono essere inferiori a quelli cui è sottoposto un paziente obeso non trattato. Si opta per una terapia chirurgica allorquando la terapia dietetica e comportamentale sono fallite per un periodo di 5 anni ed i rischi operatori devono essere inferiori a quelli cui è sottoposto un paziente obeso non trattato.

17 CHIRURGIA BARIATRICA INTERVENTI DI RESTRIZIONE GASTRICA INTERVENTI DI RESTRIZIONE GASTRICA INTERVENTI MALASSORBITIVI INTESTINALI INTERVENTI MALASSORBITIVI INTESTINALI INTERVENTI MISTI INTERVENTI MISTI

18 CHIRURGIA BARIATRICA CHIRURGIA GASTRORESTRITTIVA: CHIRURGIA GASTRORESTRITTIVA: Gastroplastica verticale Gastroplastica verticale Bendaggio gastrico Bendaggio gastrico

19 CHIRURGIA BARIATRICA CHIRURGIA FINALIZZATA AL MALASSORBIMENTO: CHIRURGIA FINALIZZATA AL MALASSORBIMENTO: Diversione bilio – pancreatica Diversione bilio – pancreatica Bypass bilio – intestinale Bypass bilio – intestinale Bypass - gastrico Bypass - gastrico

20 CHIRURGIA BARIATRICA CHIRURGIA GASTRORESTRITTIVA CHIRURGIA GASTRORESTRITTIVA Sazietà precoce per i cibi solidi

21 CHIRURGIA BARIATRICA Gli interventi gastrorestrittivi consentono risultati discreti (riduzione del peso corporeo tra il 40 e il 60%) Gli interventi gastrorestrittivi consentono risultati discreti (riduzione del peso corporeo tra il 40 e il 60%) Gli interventi malassorbitivi permettono risultati di calo ponderale più evidenti (50–70%). Non trascurabile la normalizzazione della colesterolemia e della glicemia. Gli interventi malassorbitivi permettono risultati di calo ponderale più evidenti (50–70%). Non trascurabile la normalizzazione della colesterolemia e della glicemia.

22 CHIRURGIA BARIATRICA Dopo interventi gastrorestrittivi si può verificare un eccessivo restringimento od una erosione della parete gastrica (bendaggio) oppure un cedimento della sutura della gastroplastica con fistolizzazione intragastrica; si può aggravare un reflusso gastro-esofageo; può infettarsi il reservoir del bendaggio gastrico. Dopo interventi gastrorestrittivi si può verificare un eccessivo restringimento od una erosione della parete gastrica (bendaggio) oppure un cedimento della sutura della gastroplastica con fistolizzazione intragastrica; si può aggravare un reflusso gastro-esofageo; può infettarsi il reservoir del bendaggio gastrico.

23 CHIRURGIA BARIATRICA Dopo terapia chirurgica malassorbitiva: Dopo terapia chirurgica malassorbitiva: Drastiche ed imponenti modificazioni dellalvo (diarrea) Drastiche ed imponenti modificazioni dellalvo (diarrea) Comparsa di patologie ano-perianali Comparsa di patologie ano-perianali Malnutrizione proteica, disvitaminosi Malnutrizione proteica, disvitaminosi

24 CHIRURGIA BARIATRICA Gli interventi malassorbitivi espongono al rischio di anemia sideropenica e da carenza di Vit. B12, osteoporosi da carenza di calcio, ulcere anastomotiche. Gli interventi malassorbitivi espongono al rischio di anemia sideropenica e da carenza di Vit. B12, osteoporosi da carenza di calcio, ulcere anastomotiche.

25 CHIRURGIA BARIATRICA Lintervento chirurgico bariatrico non può prescindere da un successivo regime dietetico appropriato. Lintervento chirurgico bariatrico non può prescindere da un successivo regime dietetico appropriato.

26 CHIRURGIA BARIATRICA Chirurgia funzionale con stimolazione elettrica delle pareti gastriche mediante pace-maker Chirurgia funzionale con stimolazione elettrica delle pareti gastriche mediante pace-maker Sazietà Ridotta assunzione di alimenti

27 CHIRURGIA BARIATRICA Palloncino gastrico (400 – 800 cc) per 6 mesi Palloncino gastrico (400 – 800 cc) per 6 mesi BMI> 30 BMI> 30 Necessita di terapia antisecretiva gastrica Necessita di terapia antisecretiva gastrica Complicanze correlate al palloncino Complicanze correlate al palloncino SAZIETA


Scaricare ppt "OBESITA LOBESITA E IN CONTINUA E PROGRESSIVA ESPANSIONE COME IL DIABETE DI II TIPO GRAVITA DELLE LORO COMPLICANZE."

Presentazioni simili


Annunci Google