La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Comunicazione Multimediale 01/03/2006 CONCETTI DI BASE E TERMINOLOGIA SPECIFICA Ipertesto DefinizioneDefinizioneDefinizione OriginiOriginiOrigini RetoricaRetoricaRetorica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Comunicazione Multimediale 01/03/2006 CONCETTI DI BASE E TERMINOLOGIA SPECIFICA Ipertesto DefinizioneDefinizioneDefinizione OriginiOriginiOrigini RetoricaRetoricaRetorica."— Transcript della presentazione:

1 Comunicazione Multimediale 01/03/2006 CONCETTI DI BASE E TERMINOLOGIA SPECIFICA Ipertesto DefinizioneDefinizioneDefinizione OriginiOriginiOrigini RetoricaRetoricaRetorica CaratteristicheCaratteristicheCaratteristiche Multimedialità Ipermedialità La città come metaforaLa città come metaforaLa città come metaforaLa città come metaforaIpertestualità

2 Comunicazione Multimediale 01/03/2006 Ipertesto Ogni unità di testo, viene detta nodo, mentre i collegamenti associativi partono da frammenti evidenziati (testuali o grafici) detti bottoni e tramite un legame (link) puntano ad un altro nodo. Un testo non lineare, cioè non strutturato secondo il consueto schema della successione di pagine numerate o di schede ordinate, ma secondo il modello della rete.

3 Comunicazione Multimediale 01/03/2006 Ipertesto Un ipertesto è una rete formata da nodi tra loro collegati da links. Il modello più naturale e immediato di un ipertesto è un grafo orientato. Un nodo è un oggetto che contiene un frammento unitario di informazione; tale frammento può essere un testo molto lungo, un breve testo esplicativo, un'immagine, un filmato, un commento parlato ecc... Un link è un collegamento tra due nodi stabilito dall'autore dell'ipertesto; tale collegamento può connettere due nodi completi o due frammenti di nodi scelti liberamente sulla base di un preciso significato, ad esempio una zona di una illustrazione con un testo.

4 Comunicazione Multimediale 01/03/2006 Ipertesto LE ORIGINI Lamericano Vannevar Bush, allinizio degli anni 30, teorizza che alla base dell'attività cognitiva c'è il pensiero associativo che opera attraverso la costruzione di reti e di percorsi tra concetti, ricordi e nozioni. (associatività delle idee) Memex dovrebbe essere una macchina destinata a simulare i comportamenti cognitivi del cervello umano, ma resterà un progetto utopico. (macchine cognitive) 1962 Englebart realizza NLS (for oN-Line System) un archivio per la documentazione tecnica con possibilità di accesso veloce mediante riferimenti incrociati, il primo esempio di utilizzo concretamente ipertestuale del computer nonostante le caratteristiche decisamente primitive e prima della cosciente messa a fuoco del concetto di ipertesto.

5 Comunicazione Multimediale 01/03/2006 Ipertesto LE ORIGINI Il progetto Xanadu (1965) di Ted Nelson continua il filone "visionario" e teorizza la costruzione di una grande rete ipertestuale destinata ad avvolgere il nostro pianeta e a contenere tutto ciò che è stato scritto in ogni tempo. A partire dai primi anni '70 iniziano realizzazioni concrete: i programmi e le applicazioni ipertestuali vengono utilizzati dai loro ideatori, industrie e istituzioni di ricerca, come strumento di gestione della documentazione. Ma a partire dalla metà degli anni '80 cominciano ad apparire, con frequenza crescente, prodotti destinati al mercato.

6 Ipertesto: la Retorica retorica della navigazione (dove mi trovo? ) retorica della navigazione (dove mi trovo? ) retorica della navigazione retorica della navigazione retorica della partenza (dove vado?) retorica della partenza (dove vado?) retorica della partenza retorica della partenza retorica dell'arrivo (dove sto entrando?) retorica dell'arrivo (dove sto entrando?) retorica dell'arrivo retorica dell'arrivo

7 Ipertesto: Retorica della navigazione Immediata accessibilità del contesto regola 1si usi un link ogni volta che si vuole costruire una relazione concettuale significativa; regola 2si eviti l'uso di links poco significativi; regola 3si usino artifici che, enfatizzando i links, invoglino il lettore ad esplorare il contesto; regola 4si usino strumenti che consentano una navigazione facile e stimolante; regola 5il lettore sia in grado di: * capire la posizione attuale * capire la relazione concettuale con l'ambiente e il materiale attivo * ritornare al punto di partenza * raggiungere il materiale non dirett. collegato al materiale attivo; regola 6se si sovrappone un ipertesto a materiale tradizionale si conservi la struttura precedente facendola convivere con la nuova, non è possibile privare il lettore della possibilità di lettura tradizionale del testo, ci si abitua lentamente alla ipertestualità.

8 Ipertesto: Retorica della navigazione Immediata accessibilità del contesto Nella costruzione di un ipertesto è importante l'elaborazione di mappe attive, in grado di indicare immediatamente la posizione attuale in relazione all'ambiente e supportare il prodotto con un apparato di icone in grado di consentire al lettore spostamenti rapidi e intuitivi (BackTrack, raggiungimento dei nodi principali, accessibilità immediata degli indici globali e locali, help...).mappe attive

9 Ipertesto: Retorica della partenza Classificazione concettuale dei bottoni Bottone di sviluppoil cui fine è quello di immergere un nodo in un contesto più ampio in grado di fornire un supporto concettuale (soluzione di equazioni algebriche ->teorema generale dellalgebra); Bottone di approfondimentoche consente di attivare nozioni specialistiche relative ad un certo argomento (tappe percorse da Galileo per la legge della caduta dei gravi ->teoria trattata dal punto di vista matematico); Bottone cronologicoil cui fine è quello di creare una sequenza temporale di eventi (time line); Bottone di esempioche presenta riferimenti a situazioni "concrete" in relazione ad un certo argomento;concrete Bottone interdisciplinare che realizza un salto ipertestuale tra argomenti collegati da elaborate relazioni concettuali.relazioni concettuali

10 Ipertesto: Retorica della partenza Classificazione concettuale dei bottoni regola 7si evitino link il cui fine è solo quello di fornire un comodo punto di partenza senza informare sulla relazione concettuale; regola 8si costruiscano bottoni nei quali la natura del punto di arrivo sia chiaramente indicata; regola 9ogni bottone sia preceduto da un testo che faccia sorgere la necessità di un link.

11 Ipertesto: Retorica dellarrivo l'uso di immagini all'interno di un ipertesto regola 10quando possibile si corredi una pagina puntata da un link con materiale grafico; regola 11il testo associato a un'immagine illustri il significato della relazione e non venga usato solo come didascalia; regola 12se possibile o necessario si usi l'immagine (o alcune sue parti.) come bottone di partenza per nuovi links.

12 Ipertesto: caratteristiche percorsi di lettura scelti dallutente percorsi di lettura scelti dallutente non linearità (testo a n dimensioni) non linearità (testo a n dimensioni) navigazione ipertestuale navigazione ipertestuale disorientamento cognitivo disorientamento cognitivo granularità / disorientamento granulare granularità / disorientamento granulare hotword (parola attiva): rende evidente il link fra due pagine hotword (parola attiva): rende evidente il link fra due pagine hotword testuale: una porzione del testo stesso; parole, frasi, immagini hotword testuale: una porzione del testo stesso; parole, frasi, immagini hotword procedurale: extra-testo (cornice ipertestuale); menù, pulsanti (vai alla prossima pagina); ripetitività hotword procedurale: extra-testo (cornice ipertestuale); menù, pulsanti (vai alla prossima pagina); ripetitività

13 Comunicazione Multimediale 01/03/2006 Multimedialità Detto di forma di comunicazione che integra tecniche espressive diverse, come testo, grafica, animazione, suono. multimedialità debole: parlare, guardare immagini, ascoltare musica multimedialità intrinseca: fumetti multimedialità additiva: film muti con pianista in sala; film/opere con sottotitoli multimedialità ristretta: coesistenza di formati digitali per audio, video, testo; enciclopedie su CD; web multimedialità interattiva: ipertestualità; video/libro game video on demand; navigatore di bordo; realtà virtuale

14 Comunicazione Multimediale 01/03/2006 IperMedialità Una macchina multimediale di tipo interattivo, in grado di generare ipertesti formati da nodi multimediali, ovvero strutture ipermediali. In una rete ipermediale un link non porta necessariamente a un testo o a una immagine ferma, ma può anche attivare un filmato, una animazione, una musica, un commento parlato o tutte queste cose assieme

15 Comunicazione Multimediale 01/03/2006 IperMedialità LA CITTA COME METAFORA DELLIPERTESTO La città è una metafora che rappresenta in modo articolato la ricchezza e la complessità delle relazioni umane così come delle conoscenze. Si pensi a come ci si orienta e ci si comporta nel conoscere e usare una città nuova e sconosciuta per ricavare tutte le informazioni necessarie a saper usare la città.

16 Comunicazione Multimediale 01/03/2006 IperMedialità LA CITTA COME METAFORA DELLIPERTESTO PERDERSI e RITROVARSI 1- La pianta di una città non è lineare, però è possibile costruire percorsi lineari, ossia andare da un punto allaltro con un passo che segue laltro, senza salti o vie indefinite. Linsieme dei percorsi possibili è un insieme indefinito e teoricamente di numerosità infinita. Nel testo ipermediale questa, che è una caratteristica del reale e del sapere può essere rappresentata con il massimo del realismo, fino alla possibilità di smarrirsi e di naufragare nel mare delle infinite possibilità: senza il rischio di perdersi, di andare oltre il limite lavventura non è più tale, il sapere diventa pura assunzione di notizie preconfezionate e senza sapore.

17 Comunicazione Multimediale 01/03/2006 IperMedialità LA CITTA COME METAFORA DELLIPERTESTO PERDERSI e RITROVARSI 2 - Nella scoperta dei percorsi non si è guidati dalla ragione, ma dalla passione: ci appassioniamo ad un obiettivo per motivi che immediatamente ci sfuggono, ed usiamo la ragione per raggiungerlo o per ritrovarlo. Nel testo ipermediale linterazione delle diverse forme di comunicazione, serve a restituire una rappresentazione del reale ricca di connotazioni ed è quindi uno strumento che fa sì che i percorsi siano attraenti nel senso etimologico del termine attirare a sé.

18 Comunicazione Multimediale 01/03/2006 IperMedialità LA CITTA COME METAFORA DELLIPERTESTO PERDERSI e RITROVARSI La capacità attrattiva, realizzata attraverso linguaggi multimediale e percorsi scelti dal lettore, rende il testo accessibile indipendentemente dal livello di padronanza del linguaggio verbale: Lutente che non sa neppure leggere, potrebbe navigare a vista lasciandosi guidare esclusivamente dalle suggestioni visive o sonore, e operare una lettura impressionistica; Lutente competente nella lettura potrà seguire le più articolate indicazioni verbali; lutente con un buon retroterra culturale potrà reinterpretare ed approfondire conoscenze troppo spesso frammentarie e isolate nei singoli ambiti disciplinari.

19 Comunicazione Multimediale 01/03/2006 IperMedialità LA CITTA COME METAFORA DELLIPERTESTO PERDERSI e RITROVARSI 3 - Bisogna imparare a perdersi nella città: occorre uscire dai percorsi prestabiliti, lasciarsi affascinare dalle mete, farsi prendere dal desiderio di scoperta. Occorre anche sapersi ritrovare, individuare il punto in cui ci si trova, saper ritrovare la strada di casa. Nella scoperta di una città portiamo una mappa ed un libro guida per riconoscere dove siamo, o come raggiungere una meta, o per ritornare a casa. La ragione e lintelligenza guidano la ricostruzione dei percorsi: qui la passione non è al primo posto, occorre avere e conquistarsi una conoscenza razionale di ciò che abbiamo fatto. I sassolini e non le bricioline, che Pollicino lascia cadere per strada, servono a ricostruire i percorsi, ad ancorare la memoria della strada e del sé ad un riferimento che non sia labile e che insieme sia significativo e leggibile.


Scaricare ppt "Comunicazione Multimediale 01/03/2006 CONCETTI DI BASE E TERMINOLOGIA SPECIFICA Ipertesto DefinizioneDefinizioneDefinizione OriginiOriginiOrigini RetoricaRetoricaRetorica."

Presentazioni simili


Annunci Google