La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LINSEGNAMENTO LINGUISTICO NELLEUROPA PLURILINGUE F.Sabatini PERCHÉ È NECESSARIO UN FONDAMENTO SCIENTIFICO DELLANALISI DELLA LINGUA F.Sabatini LO SVILUPPO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LINSEGNAMENTO LINGUISTICO NELLEUROPA PLURILINGUE F.Sabatini PERCHÉ È NECESSARIO UN FONDAMENTO SCIENTIFICO DELLANALISI DELLA LINGUA F.Sabatini LO SVILUPPO."— Transcript della presentazione:

1 LINSEGNAMENTO LINGUISTICO NELLEUROPA PLURILINGUE F.Sabatini PERCHÉ È NECESSARIO UN FONDAMENTO SCIENTIFICO DELLANALISI DELLA LINGUA F.Sabatini LO SVILUPPO DELLAPPRENDIMENTO SEMANTICO-LESSICALE R.Ducati ATTIVITA LAPPRENDIMENTOSEMANTICO-LESSICALE NELLAMBITO DI UN APPROCCIO SCIENTIFICO ALL INSEGNAMENTO DELLA LINGUA LAPPRENDIMENTOSEMANTICO-LESSICALE

2 LINSEGNAMENTO LINGUISTICO NELLEUROPA PLURILINGUE Dal testo La parità delle lingue nella Comunità Europea, F. Sabatini, 2003 Numerose Accademie e Istituti linguistici europei lavorano insieme alla promozione delle lingue standard/nazionali/ufficiali, partendo dall'idea che il plurilinguismo europeo sia una realtà preziosa da difendere per il futuro. Un punto fermo è stato fissato nei convegni di Mannheim, dicembre 2000, presso lo Institut für Deutsche Sprache, e di Firenze, ottobre 2001, presso l'Accademia della Crusca e l'Opera del Vocabolario Italiano. In queste due occasioni è stato discusso e definitivamente approvato il testo delle Raccomandazioni di Mannheim-Firenze per la promozione delle lingue standard/nazionali/ufficiali d'Europa.

3 RACCOMANDAZIONI DI MANNHEIM-FIRENZE per la promozione delle lingue standard/nazionali/ ufficiali dEuropa Dal Testo delle Raccomandazioni di Mannheim, Le varietà linguistiche, usate nei rispettivi Paesi come lingue standard, garantiscono allinterno del loro dominio il massimo di funzioni linguistiche e assicurano lidentità culturale di coloro che le parlano. Lidentità Europea può essere salvaguardata solo mantenendo la diversità linguistica del continente e quindi curando lo sviluppo delle singole lingue e il loro adattamento ai bisogni di comunicazione del mondo moderno. Premessa

4 Compiti Conferire una sicura padronanza della lingua materna, aiutare gli immigrati ad apprendere la lingua del Paese in cui vivono Insegnare almeno due lingue straniere europee Scopi Consentire la piena partecipazione alla vita sociale del proprio Paese o del Paese nel quale si vive Conservare la diversità linguistica europea e comunicare con efficacia LE RACCOMANDAZIONI

5 Rinforzare la coscienza linguistica, comprendere e trasmettere il patrimonio culturale europeo, riflettere sulluniversalità e sulla diversificazione del fenomeno lingua, trarre il massimo vantaggio dalla cooperazione tra i diversi Paesi europei Curare e potenziare lo sviluppo permanente della lingua Scambiare informazioni su obiettivi e metodi delle azioni di politica linguistica Incoraggiare lo studio delle lingue classiche, comparare le lingue, insegnare la storia della lingua, potenziare gli scambi scolastici di alunni e insegnanti, potenziare le ricerche sullinsegnamento della lingua primaria e delle lingue straniere Procurare descrizioni scientifiche di ciascuna lingua standard Creare un Consiglio permanente delle istituzioni linguistiche centrali dei diversi Paesi CompitiScopi

6 PERCHE E NECESSARIO UN FONDAMENTO SCIENTIFICO PER LANALISI DELLA LINGUA. 1 Francesco Sabatini,, 2007, in Didattica del Lessico tra grammatica edizionari,, Lettera sul Ritorno alla Grammatica Accademia della Crusca, Firenze 1)Non è possibile usare in modo consapevole e appropriato la lingua, senza conoscere analiticamente il suo funzionamento. 2) Questa conoscenza aiuta certamente anche nellapprendere le altre lingue. 3) Lanalisi della lingua è indagine sui nostri processi mentali, sui nostri rapporti sociali e sulla nostra storia culturale. Il professor Francesco Sabatini è stato Presidente dellAccademia della Crusca dal 2000 al 2008, ha partecipato ai lavori dai quali sono scaturite le Raccomandazioni di Mannheim-Firenze, ha dato notevole impulso alla ricerca nel campo della storia e delluso attuale della lingua italiana, potenziando tra laltro i rapporti dellAccademia con il mondo della Scuola.

7 PERCHE E NECESSARIO UN FONDAMENTO SCIENTIFICO PER LANALISI DELLA LINGUA. 2 Francesco Sabatini,, 2007, in Didattica del Lessico tra grammatica edizionari,, Lettera sul Ritorno alla Grammatica Accademia della Crusca, Firenze Cerchiamo dunque di tener vivo e sviluppare, in tutto il percorso dellistruzione scolastica, insieme con le fondamentali pratiche che alimentano e ampliano le abilità linguistiche, quelle attività che vanno sotto il nome di studio riflessodella lingua. Solo le spiegazioni ben fondate scientificamente reggono alla verifica degli usi reali della lingua, sono utilizzabili anche nelluso personale e generano interesse

8 PERCHE E NECESSARIO UN FONDAMENTO SCIENTIFICO PER LANALISI DELLA LINGUA. 3 Francesco Sabatini,, 2007, in Didattica del Lessico tra grammatica edizionari,, Lettera sul Ritorno alla Grammatica Accademia della Crusca, Firenze Per comprendere il funzionamento della lingua dobbiamo tener presenti due prospettive, distinte ma da collegare nel modo giusto: la prospettiva grammaticale e quella comunicativa, detta anche pragmatica o testuale. Nellinsegnamento della lingua bisogna rifarsi a un modello esplicativo, come avviene ad esempio con la grammatica cosiddetta valenziale, che affronta lo studio della sintassi della frase. Occorre lavorare con un metodo, ricorrendo cioè a costruzioni che presentino tutti gli elementi richiesti dalle regole generali della lingua.

9 IL RUOLO DEL LESSICO NELLAPPRENDIMENTO DELLA LINGUA Rosanna Ducati, Lo sviluppo della competenza semantico lessicale Gli stimoli a riconsiderare il ruolo del lessico sono venuti da più direzioni, ma grande importanza hanno avuto le informazioni provenienti dalla linguistica dei corpora, grazie alle quali è aumentata enormemente la consapevolezza che lessico e sintassi sono interdipendenti e che le parole non possono essere studiate indipendentemente dal loro contesto. Sequenze lessicali prefabbricate/complesse (espressioni fisse o semi-fisse, forme composte, frasi idiomatiche, collocazioni fisse dette anche unità lessicali polirematiche, ecc) hanno cominciato ad attirare lattenzione che meritano, dando il via a riflessioni variamente articolate sulla struttura del lessico e sulle valenze comunicative della lingua.

10 La competenza semantico-lessicale La conoscenza e la capacità di usare il lessico di una lingua La consapevolezza e il controllo che lapprendente ha sullorganizzazione del significato Lessicovocabolario Il sistema complessivo delle forme delle parole e lo studio della formazione delle parole nelle lingue. Il sistema interiorizzato di conoscenze al quale attingiamo per riconoscere o per utilizzare le parole sia in discorsi orali sia scritti. Si riferisce a un elenco o a un insieme di parole di una particolare lingua Si riferisce a un elenco o ad un insieme di parole che parlanti specifici di una lingua possono usare. Competenza lessicale competenza semanticae e

11 Detti anche lessemi, comprendono sia parole singole, alcune delle quali possono avere diversi significati (polisemia), sia sequenze lessicali complesse, formate da più parole che costituiscono un insieme semantico unico, e vengono usate e apprese in blocco. La natura del lessico Gli elementi lessicaligli elementi grammaticali Detti anche funzionali, appartengono a classi chiuse, e sono, ad esempio per litaliano: gli articoli, i dimostrativi, numerali, possessivi, indefiniti, i pronomi personali (relativi, interrogativi, indefiniti, ecc), le preposizioni, i verbi ausiliari e modali; le congiunzioni, le interiezioni. e

12 Parole che si riferiscono allambiente, alle abitudini, alle istituzioni, ai valori, al cibo, alle relazioni familiari, alla cortesia Il lessico è una spia della cultura grassovecchio Espressioni fisse, quali similitudini, proverbi, metafore Nella nostra cultura: usare con cautela quando ci si riferisce a qualcuno presente In altre culture: sono complimenti: grasso = benestante vecchio = saggio e

13 -il mezzo utilizzato per la comunicazione (scritto/orale) -il contesto comunicativo e il rapporto tra i comunicanti -la classe sociale e i livelli di istruzione, letà, il sesso -larea geografica, la cultura e i suoi valori -la frequenza duso Piano sincronicoPiano diacronico -levoluzione storica e sociale -i mutamenti culturali e di valori - i cambiamenti dovuti a nuove scoperte scientifiche e tecnologiche -il cambiamento di significato di alcune parole - lintroduzione di neologismi e Il lessico è un sistema dinamico, sensibile e aperto, soggetto a variazioni varietà sincronichevariazioni diacroniche

14 -Percezione sensoriale -Acquisizione -Immagazzinamento -Recupero Lessico mentale e memoria Strategie per lapprendimento Fasi di acquisizione del lessico Lacquisizione del lessico -Notare -Recuperare -Creare -Di determinazione ( uso del dizionario) -Sociali (chiedere) -Mnemoniche ( fare collegamenti, mappe, raggruppamenti, scrivere, ripetere, …) -Cognitive -Metacognitive Agganciare il nuovo al pre-esistente Acquisizione intenzionale (insegnamento esplicito) Acquisizione incidentale (coinvolgimento comunicativo)

15 1. capirla quando la vedo scritta 2. capirla quando la sento dire 3. ricordarla quando mi serve 4. usarla con il significato giusto 5. usarla correttamente sotto il profilo grammaticale 6. pronunciarla correttamente 7. scriverla correttamente 8. usarla in modo appropriato al contesto (formale o informale) 9. sapere se ha connotazioni positive o negative e, se ne ha, quali sono 10. spiegare precisamente cosa vuol dire 11. riconoscere tutti i significati 12. dirne letimologia/da cosa deriva Che cosa significa conoscere una parola? Cariani, Ducati, Leone Lo sviluppo della competenza semantico-lessicale nella classe plurilingue

16 Es. n. 1 a)Evidenziare con uno sfondo comune le parti che meglio evidenziano il legame fra le tre sezioni di questa presentazione (le Raccomandazioni di Mannheim, la Necessità di un fondamento scientifico, il Ruolo del lessico nellapprendimento di una lingua) e il tema del corso: Come il lessico codifica la realtà. b)Costruire un grafico a ovali intitolato Perché è importante insegnare il lessico come strumento di codifica della realtà, utilizzando il contenuto delle parti selezionate. ATTIVITA Perché … c)Confrontare i grafici costruiti, motivare, se necessario, le scelte effettuate e arricchire il proprio grafico con gli apporti nati dal confronto.

17 ATTIVITA c)Confrontare in gruppo le sintesi formulate e proporre esempi esplicativi per ogni coppia individuata. Es. n.2 a)Cercare ed evidenziare le parti in cui sono descritte proprietà complementari della lingua (p. es.: strutturali e comunicative) allinterno di una stessa diapositiva. b)Costruire una tabella di sintesi, a tre colonne, degli aspetti rilevati : Il lessico è un sist.dinamico ARGOMENTOproprietà n.2proprietà n. 1 Varietà diacroniche Varietà sincroniche

18 A cura di Claudia Sponton CLASSE DI LESSICO 1 – FASE 3 Sottogruppo Il lessico come strumento di codifica della realtà Tutor: C.Alemani – P.Gibertini


Scaricare ppt "LINSEGNAMENTO LINGUISTICO NELLEUROPA PLURILINGUE F.Sabatini PERCHÉ È NECESSARIO UN FONDAMENTO SCIENTIFICO DELLANALISI DELLA LINGUA F.Sabatini LO SVILUPPO."

Presentazioni simili


Annunci Google