La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ipotermia da Immersione Livelli dellIpotermia (in base alla temperatura centrale della vittima) LIEVE (35-32°C). La capacità dellindividuo di compiere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ipotermia da Immersione Livelli dellIpotermia (in base alla temperatura centrale della vittima) LIEVE (35-32°C). La capacità dellindividuo di compiere."— Transcript della presentazione:

1 Ipotermia da Immersione Livelli dellIpotermia (in base alla temperatura centrale della vittima) LIEVE (35-32°C). La capacità dellindividuo di compiere movimenti finalizzati è compromessa. Leloquio è rallentato, Il brivido è violento e scotente La pressione sanguigna aumenta La frequenza cardiaca e respiratoria aumentano. MODERATA (32-30°C). Il brivido si attenua Subentra una crescente rigidità muscolare. La vittima appare disorientata, La frequenza respiratoria e quella cardiaca diminuiscono. PROFONDA (<30°C). Stato neurologico stuporoso. La vittima perde conoscenza e i riflessi diminuiscono. Rigidità muscolare continua. La frequenza respiratoria e quella cardiaca continuano a diminuire. Con il progredire dellipotermia subentrano aritmie fino allarresto cardiaco. La diagnosi di morte in un paziente profondamente ipotermico è estremamente difficoltosa!

2 Ipotermia da Immersione Tipi di Ipotermia (in base a come la vittima è arrivato alle condizioni di ipotermia) ACUTA O DA IMMERSIONE Avviene per incidenti occorsi su specchi dacqua ghiacciati (es: caduta in acqua da una superficie ghiacciata) o in acqua molto fredda. La temperatura della vittima scende sotto i 35°C molto rapidamente, tra due e dieci minuti SUB - ACUTA Accade in seguito ad esposizioni prolungate (2-4 ore) in ambienti freddi. Tipicamente sono vittime di incidenti o individui esposti a basse temperature senza adeguata protezione. Spesso sono proprio i soccorritori ad esserne vittime, perchè costretti sul luogo dellincidente per un lungo periodo (vedi le regole dellautoprotezione) CRONICA Ne sono vittime gli anziani, i neonati e comunque gli individui incapaci di proteggersi e persone che fanno abuso di alcool e droghe.

3 Ipotermia da Immersione IN CHE MODO IL NOSTRO CORPO PERDE CALORE? (Meccanismi di termo-dispersione) Conduzione. E il meccanismo principale di termo-dispersione. Lacqua conduce il calore volte più velocemente dellaria. Una vittima immersa nellacqua perde rapidamente unimportante quantità di calore. Convezione. Avviene quando laria (nella maggior parte dei casi), o lacqua (più raramente), si muove attorno alla superficie corporea. Per questo è importante proteggere dal vento sia la vittima sia il soccorritore. Evaporazione. Accade quando la superficie corporea è bagnata e il liquido evaporando sottrae calore al corpo. Radiazione. Occorre quando la superficie corporea non è protetta da uno strato di indumenti. Il calore corporeo è radiato allambiente circostante. Il capo non protetto può radiare il 50-80% di tutto il calore corporeo. Respirazione. Il calore si disperde con la respirazione. Normalmente la piccola quantità di calore perduto con questa via viene compensata dalla produzione di calore del metabolismo. Una vittima che si trovi nellacqua ghiacciata non può permettersi ulteriori perdite di calore e anche questo meccanismo contribuisce allipotermia.

4 Ipotermia da Immersione IN CHE MODO IL NOSTRO CORPO PRODUCE CALORE? (Meccanismi di termo-produzione) Metabolismo. La metabolizzazione dei nutrienti produce calore. Attività muscolare. Lesercizio fisico e lattività muscolare involontaria producono calore. Si pensi che il tremare è la prima risposta dellorganismo alla perdita di calore.

5 Ipotermia da Immersione COSA SUCCEDE ALLORGANISMO PROGRESSIVAMENTE? (Gli stadi dellipotermia) La perdita di coscienza della vittima significa doverla recuperare direttamente in un ambiente ostile anche per il soccorritore. In condizioni normali lorganismo produce una quantità di calore che compensa la perdita, in modo da mantenere la temperatura corporea intorno ai 37°C Quando un individuo cade nellacqua ghiacciata lor- ganismo mette in moto una serie di meccanismi atti a garantire la sopravvivenza. La circolazione sanguigna viene centralizzata: il flusso san- guigno cessa nei muscoli e nella cute a vantaggio di organi vitali e centrali come il cervello, il cuore e i polmoni Una certa quantità di sangue rimane intrappolata nei vasi sanguigni della cute e dei muscoli. I movimenti e il brivido (meccanismo involontario di produzione di calore) arricchiscono questa quantità di sangue di acido lattico. Questa concentrazione di acido lattico può produrre drammatiche complicazioni se la vittima verrà in seguito riscaldata in maniera scorretta (troppo repentina) Nei primi minuti di immersione la vittima è generalmente cosciente e agitata. Questo è dovuto al rilascio subitaneo di adrenalina nel circolo sanguigno in seguito alla caduta in acqua. In questa fase il pericolante può ancora collaborare con il soccorritore e afferrare i mezzi di salvataggio che gli sono forniti dallesterno

6 Ipotermia da Immersione FATTORI CHE INFLUENZANO LA PERDITA DI CALORE (Accelerano o rallentano la perdita di calore) Lo stato di salute della vittima La quantità di grasso corporeo Medicinali assunti Traumi subiti Presenza di indumenti Calma, agitazione, paura, spavento, terrore (condizione psicologica della vittima) Sesso della vittima (per natura le donne, a parità di condizioni fisiche, perdono più velocemente calore)

7 Ipotermia da Immersione COMPLICAZIONI DOVUTE ALLE CONDIZIONI CARDIACHE IN STATO DI IPOTERMIA Il sangue freddo e acidificato dai lattati, rimasto imprigionato nei vasi periferici dei muscoli e della cute, sarebbe rapidamente convogliato in circolo. La temperatura del sangue in circolo subirebbe conseguentemente unimprovvisa flessione stimolando il cuore in una drammatica aritmia. Lacidemia prodotta dai vari metaboliti può ulteriormente esacerbare la condizione critica del paziente. Quando la temperatura centrale della vittima scende nel range °C il cuore si dimostra estremamente irritabile Qualsiasi stimolo applicato sulla vittima, ad esempio lo strofinamento, può causare aritmie fatali o larresto cardiaco Quando il cuore raggiunge il range di temperatura critico, non solo si dimostra sensibile a stimoli esterni, ma risponde anche in modo imprevedibile ai farmaci o al trattamento con il defibrillatore Potrebbe facilmente accadere se il paziente venisse immerso nellacqua calda. Lafter-drop. Costitusce unulteriore caduta della temperatura centrale del paziente quando si cerca di riscaldarlo dallesterno in modo non corretto

8 Cauta manipolazione del paziente. Un cuore sottoposto a basse temperature è un cuore irritabile e suscettibile. Una barella spinale galleggiante è un ottimo sistema di recuperare un pericolante ipotermico dallacqua fino allambulanza. Sarebbe meglio non spostare il paziente dalla tavola spinale fino allarrivo in pronto soccorso. Valutazione del paziente. Il paziente cosciente non dovrebbe porre dei problemi nella valutazione ABC. Si dovrebbe tentare di prevenire ulteriori perdite di calore e manipolare il paziente con cautela. In caso di profonda ipotermia la vittima può apparire morta; è necessario procedere ad unaccurata valutazione (ABC). Il polso carotideo va valutato per almeno due minuti. Murmure respiratorio e battito cardiaco andrebbero valutati con uno stetoscopio. Il ritmo cardiaco andrebbe valutato con un monitor. Se dopo unaccurata valutazione dei segni vitali (ABC) non si rilevano atti respiratori né battiti cardiaci procedere con la rianimazione cardio-polmonare (RCP). Limportanza di somministrare ossigeno al 100% durante la rianimazione non è mai sottolineata abbastanza. Far cessare il processo di termo-dispersione. Pensare ai meccanismi di termo-dispersione e porvi rimedio appena possibile. Rimuovere gli indumenti bagnati tagliandoli e non sfilandoli. Prevenire ulteriori perdite di calore. Coprire le zone che più facilmente disperdono calore: testa, collo, petto ed addome. Coperte di lana o teli termici sono entrambi efficaci. Lintera superficie corporea del paziente non dovrebbe essere a contatto con parti metalliche o di plastica. Sarebbe bene interporre una coperta di lana tra il corpo della vittima e la barella. Lo scopo del primo soccorritore non è quello di riscaldare la vittima ma di prevenire ulteriori perdite di calore! Trasporto e trattamento definitivo. Un paziente ipotermico richiede cure intensive in una rianimazione nel più breve tempo possibile. Poiché i pazienti in profonda ipotermia possono apparire come morti, se non ci sono segni evidenti di decesso (decapitazione, decomposizione, traumi toracici massivi), ricorda come regola: mai dichiarare come morto un paziente prima che sia stato correttamente riscaldato. Ipotermia da Immersione POCEDURE DI PRIMO SOCCORSO

9 ATTENZIONE! Lambiente ostile può causare uno stato di ipotermia anche nello stesso soccorritore. Le regole di auto-protezione sono indispensabili per garantire lincolumità del soccorritore e, di conseguenza, il buon esito del soccorso. Ipotermia da Immersione RACCOMANDAZIONI!


Scaricare ppt "Ipotermia da Immersione Livelli dellIpotermia (in base alla temperatura centrale della vittima) LIEVE (35-32°C). La capacità dellindividuo di compiere."

Presentazioni simili


Annunci Google