La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto SCUOLAINRETE Progetto triennale delle scuole del distretto 36 SCUOLA CAPOFILA: CIRCOLO DIDATTICO 293°

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto SCUOLAINRETE Progetto triennale delle scuole del distretto 36 SCUOLA CAPOFILA: CIRCOLO DIDATTICO 293°"— Transcript della presentazione:

1 Progetto SCUOLAINRETE Progetto triennale delle scuole del distretto 36 SCUOLA CAPOFILA: CIRCOLO DIDATTICO 293°

2 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia GLI ISTITUTI COINVOLTI I.C. San Vito Romano I.C. Genazzano C.D. Cave S.M. Cave C.D. Palestrina 1 S.E.P. Bambin Gesù C.D. Palestrina 2 S.M. Palestrina C.D. Zagarolo I.C. Zagarolo I.C. Gallicano I.C. San Cesareo ITCG Luzzatti IIS Prof/ Tecn. IIS Class/Scient/Pedag Ist. E. Mattei Centro Reg.le Avv.to Prof.le

3 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia IL PROGETTO FINALITA Migliorare le pratiche didattiche e valutative in funzione della CONTINUITÀ CURRICULARE. OBIETTIVI Raccolta, elaborazione e messa a disposizione di tutte le scuole dei materiali utilizzati in uscita/ingresso da un ordine di scuola a quello successivo (relativamente alle competenze linguistiche e matematiche) Approfondimento degli approcci metodologici e concettuali relativi alle due discipline in funzione della continuità curriculare Elaborazione, sperimentazione e diffusione di MODULI DIDATTICI da utilizzare negli anni ponte (V elem.-I media, III media-I superiore)

4 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia LAPPROCCIO METODOLOGICO LE IDEE CONDIVISE DAI DOCENTI COINVOLTI Il processo dapprendimento è attività che solo l alunno può compiere; ruolo del docente è stimolare, facilitare, sostenere il processo senza sostituirsi nellelaborazione cognitiva. Lalunno deve essere sollecitato ad elaborare nuovi significati come frutto del proprio lavoro, attraverso il massimo coinvolgimento nelle attività didattiche relative agli obiettivi fissati Linsegnante deve sollecitare riflessioni metacognitive (consapevolezza di ciò che si sa, di ciò che si preferisce, percezione di adeguatezza rispetto ai compiti, controllo dei processi e delle strategie attivate per apprendere) come fattore di miglioramento delle competenze.

5 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia I MODULI DIDATTICI AREA LINGUISTICA Le competenze di base per la comprensione della lettura Il piacere della letturacome: attività di tempo libero, momento di elaborazione della propria esperienza, arricchimento della personalità AREA LOGICO-MATEMATICA Il concetto di rapporto Lidea di frazione come operatore Classi di equivalenza ordinate e operazioni con le frazioni COMPETENZE METACOGNITIVE: Controllo dei processi Motivazione e consapevolezza degli apprendimenti Cura dellatteggiamento verso le discipline Consapevolezza delle proprie capacità

6 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia LE PROVE DI VALUTAZIONE PROVE DINGRESSO: esiti questionari a.s.2000/2001 classi quinte elementari e terze medie PROVE DUSCITA: test classi quinte elementari, prime medie, terze medie, prime superiori a.s. 2001/2002 CARATTERISTICHE DELLE PROVE Area linguistica: test a scelta a scelta multipla miranti alla rilevazione della comprensione del messaggio nei suoi elementi espliciti ed impliciti. Area logico-matematica: test a scelta multipla miranti a rilevare operativamente il grado di acquisizione dei concetti e le capacità di calcolo.

7 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia LE CLASSI Area logico-matematica V ELEM.V ELEM. *I MEDIAI MEDIA *III MEDIAIII MEDIA *I SUPER.I SUPER. * S. VITO233 GENAZZANO211 PALESTR.121 PALESTR. 232 CARCHITTI1 PALES. BARB.1 GALLICANO11111 BAMBIN GESU1 CAVE221 S. CESAREO111 ZAGAROLO22 PALES. MEDIA33 CSP1 IISPT21 GINNASIO1 ITCG21 TOTALE

8 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia LE CLASSI Area linguistica V ELEM.V ELEM. *I MEDIAI MEDIA *III MEDIAIII MEDIA *I SUPER.I SUPER. * S. VITO2 GENAZZANO211 PALESTR.121 PALESTR. 25 CARCHITTI1 PALES. BARB.1 GALLICANO11111 BAMBIN GESU1 CAVE S. CESAREO111 ZAGAROLO222 PALES. MEDIA3131 CSP1 IISPT GINNASIO11 ITCG21 TOTALE

9 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia GLI INDICATORI DI RIFERIMENTO (1) INDICE DI DIFFICOLTÀ La difficoltà va intesa come la resistenza che un quesito oppone alla sua corretta risoluzione; lindice di difficoltà è il rapporto tra il numero di allievi che hanno fornito una risposta errata e il numero di allievi sottoposti al test; il valore massimo 1 si ha quando tutti rispondono in modo errato, il minimo 0 quando tutti rispondono correttamente.

10 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia GLI INDICATORI DI RIFERIMENTO (2) INDICE DI DISCRIMINATIVITÀ La discriminatività è la capacità di un quesito di separare la parte degli allievi che ha fornito nel complesso una prestazione migliore da quella che ha fornito la prestazione più scarsa; se tutti i migliori hanno risposto bene e tutti gli allievi della fascia inferiore hanno risposto male il rapporto vale -1/2, se invece è avvenuto il contrario (item mal formulato) vale 1/2, se gli allievi non si sono differenziati nella risposta lindice vale 0.

11 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia GLI INDICATORI DI RIFERIMENTO (3) INDICE DI DISTRATTIVITÀ La distrattività è la capacità dei singoli distrattori di far deviare dalla risposta corretta; tale indice è particolarmente significativo nelle scelte multiple e viene valutato calcolando, per ciascun item, quanti errori si riferiscono a ciascun distrattore. UN BUON TEST DOVREBBE PRESENTARE UNA BUONA DICRIMINATIVITA, NON ESSERE TROPPO DIFFICILE, TUTTI I DISTRATTORI DOVREBBERO MOSTRARSI EFFICACI

12 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia GLI INDICATORI DI RIFERIMENTO (4) MEDIA è la somma dei punteggi divisa per il numero degli alunni sottoposti al test MEDIANA è il punteggio che, ordinati i punteggi in senso crescente, separa la metà inferiore dalla metà superiore (ossia il valore non inferiore alla metà dei valori e non superiore allaltra metà, se il numero dei valori è dispari la mediana è il valore centrale, se tale numero è pari la mediana è la semisomma dei valori centrali)

13 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia GLI INDICATORI DI RIFERIMENTO (5) MISURE DI DISPERSIONE Scarto quadratico medio (deviazione standard) Considerati gli scarti dei punteggi dalla media aritmetica, si calcola il valore medio dei quadrati degli scarti suddetti, per valutare la maggiore o minore dispersione dei punteggi dalla media aritmetica.

14 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia AREA LINGUISTICA - QUINTA ELEMENTARE MEDIA DEVIAZIONE STANDARD MEDIANA PUNTEGGIO MAX CONSEGUITO S. VITO ROMANO GENAZZANO PALESTRINA PALESTRINA CAVE ZAGAROLO41,77,14254 GALLICANO S. CESAREO ,557 PUNTEGGIO MASSIMO PROVA: 57 LIVELLO DI ACCETTABILITA: 36

15 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia AREA LINGUISTICA - QUINTA ELEMENTARE N° ITEM IND. DIFF. O IND. DISC

16 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia AREA LINGUISTICA – V ELEM. CONTROLLO MEDIA DEVIAZIONE STANDARD MEDIANA PUNTEGGIO MAX CONSEGUITO CAVE PALESTRINA 1 PALESTR. CSP PUNTEGGIO MASSIMO PROVA: 57 LIVELLO DI ACCETTABILITA: 36 N° ITEM IND. DIFF IND. DISC

17 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia AREA LINGUISTICA – PRIMA MEDIA MEDIA DEVIAZIONE STANDARD MEDIANA PUNTEGGIO MAX CONSEGUITO GENAZZANO CAVE PALESTRINA ZAGAROLO GALLICANO S. CESAREO PUNTEGGIO MASSIMO PROVA: 36 LIVELLO DI ACCETTABILITA: 24

18 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia AREA LINGUISTICA – PRIMA MEDIA N° ITEM IND. DIFFICOLTA IND. DISCR

19 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia AREA LINGUISTICA – TERZA MEDIA MEDIA DEVIAZIONE STANDARD MEDIANA PUNTEGGIO MAX CONSEGUITO CAVE PALESTRINA GENAZZANO S. CESAREO ZAGAROLO GALLICANO PUNTEGGIO MASSIMO PROVA: 33 LIVELLO DI ACCETTABILITA: 23

20 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia AREA LINGUISTICA – TERZA MEDIA N° ITEM IND. DIFFICOLTA IND. DISCR

21 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia AREA LINGUISTICA – PRIMA SUPERIORE MEDIA DEVIAZIONE STANDARD MEDIANA PUNTEGGIO MAX CONSEGUITO ITCG GINNASIO PUNTEGGIO MASSIMO PROVA: 28 LIVELLO DI ACCETTABILITA: 20 N° ITEM IND. DIFFICOLTA IND. DISCR

22 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia MATEMATICA - QUINTA ELEMENTARE MEDIA DEVIAZIONE STANDARD MEDIANA PUNTEGGIO MAX CONSEGUITO S. VITO ROMANO 19, GENAZZANO18, PALESTRINA 119, PALESTRINA GENAZZANO N° ITEM IND. DIFFICOLTA 0,040,0330,2390,5250,4490,4750,7830,4490,3510,6810,2430,819 IND. DISCRIMINAZIONE 0,0430,0360,2680,4280,3990,3330,2610,4420,3550,4280,2820,391 PUNTEGGIO MASSIMO PROVA: 25 LIVELLO DI ACCETTABILITA: 13

23 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia MATEMATICA – PRIMA MEDIA MEDIA DEVIAZIONE STANDARD MEDIANA PUNTEGGIO MAX CONSEG. S. VITO GENAZZANO CAVE PALESTRINA ZAGAROLO GALLICANO S. CESAREO N° ITEM IND. DIFF IND. DISCR PUNTEGGIO MASSIMO PROVA: 26 LIVELLO DI ACCETTABILITA: 19

24 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia MATEMATICA – TERZA MEDIA MEDIA DEVIAZIONE STANDARD MEDIANA PUNTEGGIO MAX CONSEGUITO S. VITO R GENAZZANO CAVE PALESTRINA ZAGAROLO GALLICANO S. CESAREO N° ITEM IND. DIFF IND. DISC PUNTEGGIO MASSIMO PROVA: 21 LIVELLO DI ACCETTABILITA: 11

25 Progetto "Scuolainrete" - Esiti sperimentazione a.s.2001/ Licia Cianfriglia MATEMATICA – PRIMA SUPERIORE MEDIA DEVIAZIONE STANDARD MEDIANA PUNTEGGIO MAX CONSEGUITO IISPT GINNASIO ITCG N° ITEM IND. DIFF IND. DISC PUNTEGGIO MASSIMO PROVA: 28 LIVELLO DI ACCETTABILITA: 18


Scaricare ppt "Progetto SCUOLAINRETE Progetto triennale delle scuole del distretto 36 SCUOLA CAPOFILA: CIRCOLO DIDATTICO 293°"

Presentazioni simili


Annunci Google