La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PIANO PROGRAMMATICO DI INTERVENTI FINANZIARI PER LA SCUOLA (Art. 1, comma 3, della legge 28 marzo 2003, n.53 )

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PIANO PROGRAMMATICO DI INTERVENTI FINANZIARI PER LA SCUOLA (Art. 1, comma 3, della legge 28 marzo 2003, n.53 )"— Transcript della presentazione:

1 PIANO PROGRAMMATICO DI INTERVENTI FINANZIARI PER LA SCUOLA (Art. 1, comma 3, della legge 28 marzo 2003, n.53 )

2 Realizzare un disegno di modernizzazione che dovrà essere garantito attraverso: lapprestamento di investimenti nella professionalizzazione dei docenti nellinnovazione didattica e nella definizione di percorsi formativi di elevata qualità OBIETTIVI

3 Garantire che la diversità e la varietà delle domande dei giovani, delle famiglie e della società civile, trovino unadeguata e qualificata risposta in termini di: pluralità dellofferta formativa pluralità di modalità dinsegnamento opportunità di formazione nel corso dellintero arco di vita

4 PIANO PROGRAMMATICO La legge di riforma stabilisce che venga predisposto un piano programmatico di interventi finanziari per la realizzazione delle finalità della legge medesima. Di seguito i contenuti delle singole azioni.

5 Riforma degli ordinamenti e degli interventi connessi con la loro attuazione Con riferimento agli interventi connessi con la riforma degli ordinamenti i finanziamenti dovranno essere destinati alla generalizzazione della scuola dellinfanzia

6 Istituzione del Servizio nazionale di valutazione del sistema scolastico Generalizzare le attività di valutazione, per le oltre istituzioni scolastiche. Le attività di valutazione attualmente sono realizzate su base volontaria La legge di riforma degli ordinamenti scolastici rimette al Servizio nazionale di valutazione del sistema scolastico la competenza a predisporre e gestire le prove conclusive dei cicli di istruzione

7 Sviluppo delle tecnologie multimediali e della alfabetizzazione delle tecnologie informatiche Potenziare linfrastruttura informatica delle scuole, per ampliare la fruizione di applicativi didattici multimediali (ad es. per linsegnamento delle lingue e della matematica) Estendere il cablaggio nelle scuole, ossia la creazione di punti di accesso in tutti gli edifici scolastici (circa ) Potenziare i collegamenti in larga banda a tutte le istituzioni scolastiche secondarie (circa 4.200)

8 Sviluppo dellattività motoria e delle competenze ludico-sportive degli studenti Coinvolgimento più ampio e qualificato degli alunni del primo e del secondo ciclo di istruzione da prevedersi nellambito dei singoli piani di studio (circa alunni della scuola secondaria di I e II grado e circa alunni della scuola elementare) Ampliare la partecipazione degli allievi Organizzare manifestazioni nazionali dei Giochi Sportivi Studenteschi, di sport individuali e sport di squadra Partecipazione di rappresentative studentesche italiane alle manifestazioni sportive e scolastiche internazionali indette dalla Federazione Internazionale Sport Scolastico (I.S.F.)

9 Valorizzazione professionale del personale docente Adeguare interventi anche sotto il profilo del trattamento economico Destinare risorse finanziarie aggiuntive rispetto a quelle già previste nella legge finanziaria 2002

10 Iniziative di formazione iniziale e continua del personale Costruire un intero nuovo sistema di formazione in servizio componendolo con lintegrazione successiva di interventi diversi ma omogenei e coordinati Aprire le iniziative di formazione on-line organizzate per il personale delle scuole statali anche al personale delle scuole paritarie

11 Rimborso spese per autoaggiornamento Predisposizione di bonus spendibili in apposite strutture organizzate ed accreditate Forme di rimborso di spese ammissibili, tra le quali si potrà includere luso di tecnologie, liscrizione a corsi gestiti dalle diverse agenzie formative del territorio, lacquisto di libri, labbonamento a riviste ecc Rinvenire opportune sinergie con altre iniziative da concordare con altre amministrazioni, quali la defiscalizzazione o lingresso totalmente gratuito a musei ed altre istituzioni culturali unendo la predisposizione di benefits allapprontamento di strumenti di autoaggiornamento

12 Valorizzazione professionale del personale amministrativo, tecnico ed ausiliario Valorizzare il ruolo e di riconoscere le diverse ed articolate professionalità del personale con interventi da destinare alladeguamento del trattamento economico

13 Interventi per lorientamento contro la dispersione scolastica e per assicurare la realizzazione del diritto-dovere di istruzione e formazione Assicurare lesercizio del diritto-dovere allistruzione e alla formazione professionale per almeno dodici anni o, comunque, sino al conseguimento di una qualifica entro il diciottesimo anno di età Personalizzare i percorsi di istruzione e formazione, con particolare riferimento allalternanza scuola- lavoro Recupero del rilevante tasso di dispersione scolastica con lobiettivo di ridurlo entro lanno 2010 ad una percentuale del 10%

14 Interventi per lorientamento contro la dispersione scolastica e per assicurare la realizzazione del diritto-dovere di istruzione e formazione Organizzare e gestire i laboratori per il recupero e lo sviluppo degli apprendimenti (LARSA), da istituire a livello di rete territoriale con riferimento: alla istituzione allinterno delle singole istituzioni scolastiche –utilizzazione di ore di insegnamento disponibili allinterno della scuola –possibilità di ore di insegnamento aggiuntive fino a 24 ore settimanali, ai docenti in servizio nella scuola medesima alla istituzione per ambiti territoriali –assicurare la possibilità prevista dalla legge di riforma di cambiare indirizzo allinterno del sistema dei licei –passare dal sistema dei licei al sistema dellistruzione e della formazione professionale e viceversa

15 Interventi per lorientamento contro la dispersione scolastica Rafforzare e/o valorizzare la collaborazione interistituzionale Valorizzare la partecipazione delle famiglie Promuovere la partecipazione degli studenti Iniziative congiunte con le migliori esperienze di volontariato

16 Realizzazione del diritto-dovere di istruzione e formazione La realizzazione progressiva dellinnalzamento della qualità dellistruzione e dei percorsi formativi La diversificazione dei percorsi formativi per adeguarli ad esigenze, vocazioni, attitudini di ciascun alunno Lavvio di percorsi sperimentali di istruzione e formazione triennale gestiti dalle Regioni

17 Interventi per lo sviluppo dellistruzione e formazione tecnica superiore e per leducazione degli adulti Istruzione e formazione tecnica superiore Necessario formare giovani e adulti ogni anno per corrispondere al fabbisogno delle imprese e favorire loccupabilità, come previsto dal Patto per lItalia Educazione degli adulti Incrementare le risorse finanziarie per conseguire gli obiettivi indicati dallUnione Europea, nonché per soddisfare gli obiettivi fissati dal Patto per lItalia (soddisfare le richieste per persone lanno)

18 Interventi di adeguamento delle strutture di edilizia scolastica Destinare risorse finanziarie per proseguire gli interventi di adeguamento e di messa a norma degli edifici scolastici e quelle aggiuntive messe a disposizione da parte dei Comuni e delle Regioni sulla base delle loro competenze.

19 Interventi finanziari Strutturazione del piano su un arco temporale quinquennale Finanziamento stimato in complessivi milioni di euro, comprendenti le risorse già iscritte nelle leggi finanziarie 2002 e 2003


Scaricare ppt "PIANO PROGRAMMATICO DI INTERVENTI FINANZIARI PER LA SCUOLA (Art. 1, comma 3, della legge 28 marzo 2003, n.53 )"

Presentazioni simili


Annunci Google