La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ASSOCIAZIONE OSSICODONE + NALOXONE VS OSSICODONE NEL PAZIENTE CON DOLORE CRONICO NON ONCOLOGICO: NOSTRA ESPERIENZA. M. Ferrara, A. Papa, M.T. Di Dato,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ASSOCIAZIONE OSSICODONE + NALOXONE VS OSSICODONE NEL PAZIENTE CON DOLORE CRONICO NON ONCOLOGICO: NOSTRA ESPERIENZA. M. Ferrara, A. Papa, M.T. Di Dato,"— Transcript della presentazione:

1 ASSOCIAZIONE OSSICODONE + NALOXONE VS OSSICODONE NEL PAZIENTE CON DOLORE CRONICO NON ONCOLOGICO: NOSTRA ESPERIENZA. M. Ferrara, A. Papa, M.T. Di Dato, P. Buonavolontà, A. Corcione UOD Terapia del Dolore, Azienda Ospedaliera dei Colli- Monaldi, Cotugno, CTO Napoli UOC Anestesia e TIPO, Azienda Ospedaliera dei Colli- PO Monaldi, Napoli

2 Oppioide sistemico, agonista puro dei recettori µ e K del cervello, del midollo spinale e degli organi periferici. Rapporto dose ossicodone/morfina = ½ Via di somministrazione: per os Dosaggi disponibili: cpr mg Due somministrazioni/die Ossicodone

3 La stitichezza è uno dei più frequenti effetti indesiderati degli oppioidi per il quale non si instaura tolleranza, è legato allattivazione dei recettori µ intestinali che si traduce in una riduzione della motilità e della peristalsi GI, in una diminuzione delle secrezioni ed in un aumento dellassorbimento dei liquidi. Ossicodone – effetti collaterali

4 Il Naloxone è un antagonista di tutti i tipi di recettori per gli oppioidi. Somministrato per via orale, subisce un metabolismo di primo passaggio epatico che ne riduce la biodisponibilità a meno del 3%, rendendo improbabili gli effetti a livello sistemico. Il suo compito è contrastare la stipsi bloccando lazione a livello dei recettori per gli oppioidi del tratto GI Naloxone

5 Scopo dello studio Valutare lefficacia analgesica dellassociazione Ossicodone + Naloxone VS Ossicodone in pazienti con dolore cronico non oncologico moderato-grave, nonché gli effetti collaterali

6 MATERIALI E METODI 46 pz (25F e 21 M), età compresa tra i 46 e 88 anni (età media 59,43 aa), affetti da : 46 pz (25F e 21 M), età compresa tra i 46 e 88 anni (età media 59,43 aa), affetti da : Gonartrosi (10 pz) Gonartrosi (10 pz) Coxartrosi (6pz) Coxartrosi (6pz) Low Back Pain (20 pz, di cui 5 con FBSS) Low Back Pain (20 pz, di cui 5 con FBSS) Nevralgia post-erpetica (6 pz) Nevralgia post-erpetica (6 pz) Artrite reumatoide (2 pz) Artrite reumatoide (2 pz) Cervicobrachialgia (2pz ) Cervicobrachialgia (2pz )

7 Tutti presentavano un dolore persistente nelle 24 ore di intensità 6 nella scala NRS (da 0 a 10), con medio di 7,62, e ricorso ad analgesici di salvataggio per almeno due volte al giorno. Tutti presentavano un dolore persistente nelle 24 ore di intensità 6 nella scala NRS (da 0 a 10), con medio di 7,62, e ricorso ad analgesici di salvataggio per almeno due volte al giorno. Nessun paziente assumeva oppioidi forti, la precedente terapia con farmaci antidepressivi ed antiepilettici è stata mantenuta inalterata; sono stati randomizzati in 2 gruppi da 23 pazienti, Gruppo O ( Ossicodone) e Gruppo N (Ossicodone + Naloxone). Nessun paziente assumeva oppioidi forti, la precedente terapia con farmaci antidepressivi ed antiepilettici è stata mantenuta inalterata; sono stati randomizzati in 2 gruppi da 23 pazienti, Gruppo O ( Ossicodone) e Gruppo N (Ossicodone + Naloxone). MATERIALI E METODI

8 Dopo una prima fase di titolazione (c.ca 4 settimane) è stata raggiunta la dose target (max 60mg/die di Ossicodone in entrambi i gruppi). Dopo una prima fase di titolazione (c.ca 4 settimane) è stata raggiunta la dose target (max 60mg/die di Ossicodone in entrambi i gruppi). durata dell osservazone: 16 settimane. In tutti e due i gruppi è stata valutata: durata dell osservazone: 16 settimane. In tutti e due i gruppi è stata valutata: - lefficacia analgesica (Brief Pain Inventory Short Form) - la presenza di effetti indesiderati (Bowel Function Index) - l'utilizzo di lassativi - l'assunzione di analgesici di emergenza. MATERIALI E METODI

9 RISULTATI Per tutti i pazienti il periodo di osservazione è stato completato senza interruzioni o sospensioni. Per tutti i pazienti il periodo di osservazione è stato completato senza interruzioni o sospensioni. In entrambi i gruppi è stata raggiunta una riduzione significativa e sovrapponibile del dolore, con una diminuzione dell NRS medio: In entrambi i gruppi è stata raggiunta una riduzione significativa e sovrapponibile del dolore, con una diminuzione dell NRS medio: - da 7,14 a 3,35 nel Gruppo O (riduzione del dolore del %) - da 7,86 a 3,61 nel Gruppo N (riduzione del dolore del %)

10 PATOLOGIA Gonartrosi 10 Pz Coxartrosi 6 pz LBP 20 pz NPH 6 pz Artrite reumatoide 2 pz Cervicobrachialgia 2 pz RISULTATI

11 La presenza di effetti collaterali è risultata sovrapponibile nei due gruppi, fatta eccezione per il dolore addominale, diarrea e la stipsi, questultima valutata attraverso il BFI (Bowel Function Index). La presenza di effetti collaterali è risultata sovrapponibile nei due gruppi, fatta eccezione per il dolore addominale, diarrea e la stipsi, questultima valutata attraverso il BFI (Bowel Function Index). RISULTATI

12 Effetti collateraliN° Pz Nausea(8) [6] Vomito(3) [2] Prurito(1) [2] Bradicardia(0) [0] Diarrea(0) [4] Ipotensione(2) [1] Stipsi(16) [5] Dolore addominale(1) [4] La stipsi, ha mostrato dopo 16 settimane una riduzione del punteggio da 62 a 26 (-34) nel Gruppo N e da 60 a 51 (-9) nel Gruppo O; anche luso dei lassativi è stato significativamente piu basso nei pazienti del Gruppo N (31% Vs 55%). L'utilizzo di analgesici rescue e stato limitato e risulta simile tra i due gruppi. RISULTATI

13 L associazione ossicodone/naloxone è in grado di produrre lo stesso effetto analgesico determinato dallazione dellossicodone. Si conferma una riduzione significativa dellincidenza della stipsi nonché del consumo di lassativi, una sovrapponibile incidenza degli altri effetti collaterali ed una pari richiesta di farmaci rescue. CONCLUSIONI

14 GRAZIE


Scaricare ppt "ASSOCIAZIONE OSSICODONE + NALOXONE VS OSSICODONE NEL PAZIENTE CON DOLORE CRONICO NON ONCOLOGICO: NOSTRA ESPERIENZA. M. Ferrara, A. Papa, M.T. Di Dato,"

Presentazioni simili


Annunci Google