La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dai campi desperienza dellinfanzia ai Traguardi di sviluppo delle competenze nella primaria Continuità e progressione tra coerenza di contenuti e attenzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dai campi desperienza dellinfanzia ai Traguardi di sviluppo delle competenze nella primaria Continuità e progressione tra coerenza di contenuti e attenzione."— Transcript della presentazione:

1 Dai campi desperienza dellinfanzia ai Traguardi di sviluppo delle competenze nella primaria Continuità e progressione tra coerenza di contenuti e attenzione allalunno. a cura di Sonia Claris

2 Indicazioni didattiche per lIRC (primaria) LIRC si colloca nellarea linguistico-artistico- espressiva; obiettivi di apprendimento sono articolati in 4 ambiti tematici: Dio e luomo; la Bibbia e le fonti; il linguaggio religioso; i valori etici e religiosi. Tre traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria. Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza e della classe quinta della scuola primaria.

3 Il curricolo diocesano

4 Indicazioni didattiche per lIRC (infanzia) Il sé e laltroIl corpo in movimento Linguaggi, creatività, espressione I discorsi e le parole La conoscenza del mondo Persona e insegnamento di Gesù. Dio è Padre di tutti. La Chiesa è la comunità unita nel nome di Gesù. SVILUPPO DI UN POSITIVO SENSO DI SE SERENE RELAZIONI CON GLI ALTRI, anche di diverse tradizioni culturali e religiose. La scoperta avviene nei RACCONTI DEL VANGELO. Il segni del corpo manifestano lesperienza religiosa propria e altrui (interiorità, immaginazione, emozioni). Riconosce alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani, per poter esprimere con creatività il proprio vissuto religioso. Impara alcuni termini del linguaggio religioso cristiano, narra contenuti di semplici racconti biblici. Osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, dono di Dio Creatore, sviluppa sentimenti di responsabilità nei confronti della realtà, abitandola con fiducia e speranza.

5 Il curricolo per la scuola dellinfanzia OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (per lo sviluppo della competenza) CONTENUTI ED ATTIVITA CAMPI DESPERIENZA

6 CURRICOLO PROCESSI FORMATIVI come insegnare/apprendere? VALUTAZIONE come valutare il processo di insegn./apprend.? TRAGUARDI perché insegnare/apprendere? CONOSCENZA che cosa insegnare/apprendere? IL CURRICOLO COME PROCESSO

7 Approccio per competenze LIVELLO DI ISTITUTO (ambito educazionale) LIVELLO DI AULA (ambito educativo) PROGETTAZIONE REALIZZAZIONE VALUTAZIONE CONDIZIONI ORGANIZZATIVE ED EDUCATIVE PER UN APPROCCIO PER COMPETENZE LAVORO DIDATTICO PER COMPETENZE

8 CHE COSA SI APPRENDE? COME SI APPRENDE? LICEBERG DELLA COMPETENZA

9 ESPLORARE PROBLEMATIZZAZIONE E COSTRUZIONE DI SENSO ACQUISIRE SVILUPPO E FORMALIZZAZIONE DI NUOVI APPRENDIMENTI RINFORZO E TRANSFERT DEGLI APPRENDIMENTI CONSOLIDARE INTEGRARE MOBILITAZIONE E USO DEGLI APPRENDIMENTI SVILUPPO DI UNA COMPETENZA: PASSAGGI CHIAVE COME COSTRUIRE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO?

10 Logica progettuale di un approccio didattico per competenze PROBLEMATIZZARE: esplorazione e costruzione di senso. ACQUISIRE: sviluppare e formare nuovi apprendimenti. CONSOLIDARE: rinforzare e strutturare gli apprendimenti. INTEGRARE: mobilitare e usare gli apprendimenti. GENERALIZZARE: sviluppare ed usare gli apprendimenti in altri contesti.

11 Il percorso didattico come narrazione INCIPIT : discussione in classe, mappe concettuali, brainstorming. INTRECCIO: apprendimento cooperativo; apprendimento induttivo; didattica per problemi; gioco di ruolo; approccio metacognitivo; studi di caso; approccio dialogico; approccio narrativo…… CONCLUSIONE: approccio metacognitivo; rappresentazione; discussione in classe.

12 Cosa occorre progettare ora? Le scansioni periodiche delle attività, ovvero dei percorsi didattici (unità di apprendimento). Si tratta di sviluppare nel dettaglio, in chiave operativa (metodologico-didattica ed educativa) quanto previsto nel curricolo annuale, di natura più generale. Si entra nelle scelte e nella progettazione specifica.

13 QUALCHE ESEMPIO Ipotesi di un percorso didattico Scuola dellinfanzia di Nadro e di Braone Macrocompetenza : Adottare scelte e comportamenti autonomi. Competenza da sviluppare : Capacità di scelta e di organizzazione nel corso delle attività libere AUTOCONTROLLO ATTIVITA LIBERE ATTIVITA STRUTTURATE CAPACITA DI SCELTA CURA DELLE PROPRIE COSE CURA DELLA PROPRIA PERSONA AUTONOMIA

14 QUALCHE ESEMPIO Senso del percorso formativo Aiutare i bambini gregari ad acquisire una maggiore fiducia in se stessi e di conseguenza una minore dipendenza dai leader, favorendo un ampliamento delle amicizie e un maggior protagonismo nella scelta e nellorganizzazione dei giochi e delle attività. Aiutare i leader ad accettare le proposte degli altri compagni, ad evitare ricatti a livello emotivo, a migliorare la propria identità e a condividere giochi e materiali. Scegliere, condividere, definire e interiorizzare regole comuni. Situazione problema da affrontare : dopo unattenta osservazione su come i bambini usano i vari spazi e cercando soprattutto di interpretare le loro richieste si offre ai medesimi lopportunità di ristrutturare lambiente. Si propone un percorso finalizzato a ristrutturare lo spazio aula e le regole di utilizzo dei diversi angoli e dei materiali a disposizione 1 - Ciascuno di voi deve immaginare di poter trasformare la nostra aula in un parco dei divertimenti ( es. Paese dei balocchi di Pinocchio ) ……quali angoli di quelli presenti possiamo lasciare?......quali nuovi introdurre? possiamo costruire dei nuovi giochi? …….dove possiamo metterli?… 2 - Dobbiamo individuare delle regole e dei criteri comuni per luso degli spazi… Come possiamo condividere con i compagni ciò che abbiamo realizzato ? 4-Lettura della Regola doro dellamore (Mt., 7,12).

15 QUALCHE ESEMPIO Direzione didattica IV Circolo di Lecco – Classi I Acquate Competenza da sviluppare Cooperazione con gli altri C O N S A P E V O L E Z Z A MOTIVAZIONEMOTIVAZIONE AUTOREGOLAZIONEAUTOREGOLAZIONE COOPERAZIONE CON GLI ALTRI INCLUSIONE SOCIALE COMPETENZE SOCIALI SENSO DI APPARTENENZA

16 QUALCHE ESEMPIO Senso del percorso formativo Ognuno di noi struttura la sua visione del mondo attraverso dei racconti e parabole evangeliche. Anche e soprattutto i bambini ricavano un significato alle cose che succedono attraverso il racconto e la parabola.Ogni racconto / parabola ha molteplici significati: Capire il senso dello stare insieme in una realtà nuova. Capire il senso di cooperare con gli altri al fine di raggiungere dei risultati condivisi e utili a qualcun altro. Capire il senso dellimparare a leggere e a scrivere, a giocare o disegnare, soprattutto come interscambio comunicativo che rende efficace la possibilità di relazionarsi con gli altri. Capire il senso dei confini provvisori che possono essere oltrepassati se veramente ci si tiene allincontro con laltro e con il diverso. Situazione problema da affrontare : Attraverso un personaggio fantastico che deve passare attraverso varie trasformazioni per ridiventare membro del gruppo, gli alunni devono ricomporre una poesia sullallegria come valore che nasce dalla condivisione dellesigenza altrui e dalla costruzione di relazione in cui lidentità di ognuno si fonde con quella degli altri. Tutto il percorso è accompagnato da una grande metafora: allinizio dellanno ognuno è sconosciuto allaltro, ma nel corso di un progetto comune ed un identificazione con questo si diventa, ognuno con la propria e specifica identità, parte integrante di un gruppo che accogliendo il sé lo travalica. I personaggi della parabola aiutano a scoprire il senso cristiano dello stare insieme ( esempio: la parabola del Buon Samaritano).

17 QUALCHE ESEMPIO Tappe del percorso : - Si decide di porre al centro dello sfondo integratore un personaggio fantastico gioioso e giocoso affinché i bambini possano apprendere che imparare costa fatica, ma può esistere anche una fatica allegra. Il personaggio, simbolico fin nel nome, si chiamerà Gaio. - Gaio lascerà nottetempo le lettere che la compongono nei paraggi delle loro case. Segnalerà questo passaggio con un fiore che il bambino dovrà portare a scuola. In questo modo organizzeremo più uscite dellintero gruppo classe e visiteremo le case di ognuno. - Tornati a scuola i bambini rielaborano lesperienza compiuta attraverso diversi codici. È un primo approccio libero di riflessione su quanto è stato vissuto. - Allinterno del gruppo vi sono ruoli ben definiti: postino, capogruppo, saggio, aiutante, controllore. I ruoli, naturalmente, cambiano allinterno di ogni gruppo con una scansione settimanale. - Nel suo percorso di trasformazione Gaio e i personaggi che lo circondano hanno spesso avuto bisogno che i bambini li aiutassero a risolvere i problemi e a rimuovere gli ostacoli che rendevano difficile i vari passaggi di crescita. Di chi abbiamo bisogno per crescere? Chi è il mio prossimo? Cosa dice il Vangelo in proposito? Andiamo a vedere….Come vive la prima comunità dei Cristiani?-

18 Individuare le dimensioni della competenza scelta con limpiego di una mappa. Sperimenta buone relazioni con gli altri, anche di diverse tradizioni culturali e religiose. Gli altri secondo Gesù: chi è il mio prossimo) ( Luca 10,30- 37) Sintesi Identificazione degli altri rispetto a me a scuola e in famiglia Evento proble matizzan te

19 Logica progettuale di un approccio didattico per competenze PROBLEMATIZZARE: esplorazione e costruzione di senso. ACQUISIRE: sviluppare e formare nuovi apprendimenti. CONSOLIDARE: rinforzare e strutturare gli apprendimenti. INTEGRARE: mobilitare e usare gli apprendimenti. GENERALIZZARE: sviluppare ed usare gli apprendimenti in altri contesti.

20 Il percorso didattico come narrazione INCIPIT : discussione in classe, mappe concettuali, brainstorming. INTRECCIO: apprendimento cooperativo; apprendimento induttivo; didattica per problemi; gioco di ruolo; approccio metacognitivo; studi di caso; approccio dialogico; approccio narrativo…… CONCLUSIONE: approccio metacognitivo; rappresentazione; discussione in classe.

21 Articolazione dellunità di apprendimento (percorso formativo) Mappa delle dimensioni della competenza. Senso del percorso formativo. Situazione-problema da affrontare (evento). Tappe del percorso, scansione delle attività (problematizzazione, esplorazione e ricerca, sistematizzazione, rielaborazione e verifica/valutazione).

22 Gli approcci metodologico-didattici Le attività proposte si diversificano a seconda delle fasi di sviluppo dellunità di apprendimento e per lapproccio metodologico-didattico adottato, che varia anchesso, a seconda delle esigenze. Proviamo ad esplorare ed impiegare i seguenti approcci: -Gioco di ruolo -Pensiero metaforico -Insegnamento reciproco /Apprendistato cognitivo -Approccio cooperativo

23 Compiti Elaborare ununità di apprendimento da svolgersi nel periodo (nov.genn.febbraio), seguendo le indicazioni fornite. Provare ad impiegare per elaborare lunità di apprendimento gli approcci metodologici presentati, che trovi nella cartella allegata, tratti dal corso di Didattica Generale del prof.Castoldi (Univ.di Torino), che possono fornire interessanti spunti di lavoro innovativo.


Scaricare ppt "Dai campi desperienza dellinfanzia ai Traguardi di sviluppo delle competenze nella primaria Continuità e progressione tra coerenza di contenuti e attenzione."

Presentazioni simili


Annunci Google