La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

BIOINFO3 - Lezione 171 VARIABILI Nella precedente lezione abbiamo usato delle variabili allinterno dei flowchart. Possiamo pensare ad una variabile come.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "BIOINFO3 - Lezione 171 VARIABILI Nella precedente lezione abbiamo usato delle variabili allinterno dei flowchart. Possiamo pensare ad una variabile come."— Transcript della presentazione:

1 BIOINFO3 - Lezione 171 VARIABILI Nella precedente lezione abbiamo usato delle variabili allinterno dei flowchart. Possiamo pensare ad una variabile come ad un contenitore di valori identificato da un nome Supponiamo di avere una variabile chiamata a Lesecuzione dellassegnamento a=5 provoca linserimento del valore numerico 5 allinterno del contenitore a a 5

2 BIOINFO3 - Lezione 172 ASSEGNAMENTI A VARIABILI Lesecuzione dellassegnamento a=a+1 comporta In questo caso a e` una variabile scalare, cioe` contiene un solo valore 1.Il calcolo dellespressione a+1, ovvero - leggere il valore della variabile a - sommare 1 a tale valore 2.Assegnamento del risultato dellespressione alla variabile a a5 a6 a+1= 5+1=

3 BIOINFO3 - Lezione 173 TIPO DELLE VARIABILI Le variabili possono contenere qualsiasi tipo di dato ad esempio numeri interi, reali, valori logici (booleani: VERO o FALSO), stringhe alfanumeriche, date, puntatori ad altre variabili, ecc… ed in alcuni linguaggi anche delle strutture dati molto complesse. In alcuni linguaggi è necessario dichiarare le variabili prima del loro uso, specificando il nome ed il tipo, che non è più modificabile. Il loro valore, fino al primo assegnamento, è INDEFINITO. Altri linguaggi (es. Perl) invece sono definiti typeless e permettono di assegnare ad una variabile anche tipi diversi di dati (es. prima un numero, poi una stringa) ed il valore di una variabile non ancora utilizzata è 0 o (stringa vuota) nomeMario data

4 BIOINFO3 - Lezione 174 STRUTTURE DATI È frequente che in un algoritmo (programma) si debbano elaborare degli insiemi di dati in qualche modo correlati tra di loro. Per questa ragione sono state inventate alcune strutture dati, che raggruppano questi insiemi di dati sotto un unico nome, permettendo di trattarli nel loro complesso o singolarmente. Vedremo: ARRAY ARRAY ASSOCIATIVI LISTE

5 BIOINFO3 - Lezione 175 ARRAY Possiamo pensare ad un array come ad un insieme di variabili aventi lo stesso nome ma identificate singolarmente da un indice numerico In alcuni linguaggi è necessario dichiarare gli array prima delluso, specificandone nome, numero di elementi e loro tipo (es. un array chiamato nomi di 3 elementi di tipo stringa). In altri linguaggi (Perl ad es.) ciò non è necessario ed è possibile in ogni momento aggiungere nuovi elementi (anche di tipo diverso!) a52387 a[0]a[1]a[2]a[3]a[4] nomi Maria nomi[0] Giorgio nomi[1] Luca nomi[2]

6 BIOINFO3 - Lezione 176 RIFERIMENTI AD UN ARRAY Alcuni linguaggi permettono di riferirsi allintero array (per assegnare dei valori simultaneamente a tutte le celle o per ricavare il valore di tutte le celle semplicemente usandone il nome a=(5,2,3,8,7) nomi=(Maria,Giorgio,Luca) Potete notare ancora una volta che normalmente i valori alfanumerici sono racchiusi tra apici ( o a seconda dei linguaggi e talvolta con effetti diversi) a52387 a[0]a[1]a[2]a[3]a[4] nomi Maria nomi[0] Giorgio nomi[1] Luca nomi[2]

7 BIOINFO3 - Lezione 177 RIFERIMENTI AD UN ARRAY È possibile riferirsi alla singola cella di un array (ovviamente per assegnarvi un valore o per ricavarlo) indicandone il nome e lindice. a[2]=4 nomi[0]=Marta a a[0]a[1]a[2]a[3]a[4] a52387 a[0]a[1]a[2]a[3]a[4] nomi Maria nomi[0] Giorgio nomi[1] Luca nomi[2] nomi Marta nomi[0] Giorgio nomi[1] Luca nomi[2]

8 BIOINFO3 - Lezione 178 ESEMPIO Provate ad eseguire su carta lalgoritmo per ricavare il valore contenuto nellarray al termine dellesecuzione a=(6,3,5,8,9)

9 BIOINFO3 - Lezione 179 ESERCIZIO Inserire allinterno di un flow- chart, in cui siano già stati inizializzati 2 array a e b di n elementi, le operazioni necessarie per assegnare agli elementi di un array s la somma dei corrispondenti elementi di a e b.

10 BIOINFO3 - Lezione 1710 ESERCIZIO Trovare il valore minimo allinterno di un array a di n elementi ed assegnarlo alla variabile min, assegnando anche ad una variabile index il suo indice nellarray. Supponiamo che tutti i valori di a siano diversi (un solo minimo!)

11 BIOINFO3 - Lezione 1711 RIEPILOGO Variabili Strutture dati Array: ricerca minimo


Scaricare ppt "BIOINFO3 - Lezione 171 VARIABILI Nella precedente lezione abbiamo usato delle variabili allinterno dei flowchart. Possiamo pensare ad una variabile come."

Presentazioni simili


Annunci Google