La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Primitive grafiche e interazione Daniele Marini Davide Gadia Marco Ronchetti Davide Selmo Corso Di Programmazione Grafica aa2005/2006.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Primitive grafiche e interazione Daniele Marini Davide Gadia Marco Ronchetti Davide Selmo Corso Di Programmazione Grafica aa2005/2006."— Transcript della presentazione:

1 Primitive grafiche e interazione Daniele Marini Davide Gadia Marco Ronchetti Davide Selmo Corso Di Programmazione Grafica aa2005/2006

2 Programmazione Grafica aa2005/20062 Primitive OpenGL - 1 Supporto per diversi tipi di primitive di base –Punti –Linee –Quadrilateri –Poligoni (convessi) Tutte le primitive sono specificate tramite una sequenza di vertici

3 Programmazione Grafica aa2005/20063 Primitive OpenGL - 2 Le primitive vengono dichiarate mediante la coppia di funzioni glBegin(GLenum mode); glEnd(); mode specifica la primitiva che sarà definita tramite la lista di vertici che seguirà

4 Programmazione Grafica aa2005/20064 Primitive OpenGL - 3

5 Programmazione Grafica aa2005/20065 Esempio GLfloat pt[2] = {3.0, 4.0}; glBegin(GL_POINTS); glVertex2f(1.0, 2.0); // x=1, y=2 glVertex2f(2.0, 3.0); // x=2, y=3 glVertex2fv(pt); // x=3, y=4 glVertex2i(4,5); // x=4, y=5 glEnd();

6 Programmazione Grafica aa2005/20066 Primitive e oggetti complessi Gli oggetti complessi vengono costruiti a partire dagli elementi di base Tipicamente OpenGL visualizza gli oggetti definiti per mezzo di strumenti avanzati

7 Programmazione Grafica aa2005/20067 Definizione dei vertici glVertex2fv() Numero di coordinate del punto (2,3,4) Formato dei dati (f,d,i,s) Opzionale: Indica che le componenti sono memorizzate all’interno di un array

8 Programmazione Grafica aa2005/20068 Tipi di dati b integer a 8 bit s short integer 16 bit i integer 32 bit f floating point 32 bit d floating point doppia precisione 64 bit ub unsigned integer (char) 8 bit us unsigned short 16 bit ui unsigned integer 32 bit

9 Programmazione Grafica aa2005/20069 Vertici e Colori OpenGL consente di assegnare colori diversi ai vertici di una primitiva (esempio poligono o quadrilatero) I colori “intermedi” vengono calcolati per interpolazione in modo automatico Il colore è definito secondo il modello R,G,B

10 Programmazione Grafica aa2005/ Vertici e Colori glBegin(GL_QUADS); glColor3f(1,0,0); glVertex3d(-3, -3, -3); glColor3f(0,1,0); glVertex3d(3, -3, -3); glColor3f(0,0,1); glVertex3d(3, 3, -3); glColor3f(1,0,1); glVertex3d(-3, 3, -3); glEnd();

11 Programmazione Grafica aa2005/ Interazione L’interazione dipende dalle caratteristiche dei dispositivi fisici e del sistema operativo OpenGL si appoggia sul window manager (X- Window, Microsoft Windows, Mac OSX,..) Per interfacciare OpenGL al window manager faremo uso della libreria speciale standard GLUT, indipendente dallo specifico WM

12 Programmazione Grafica aa2005/ Dispositivi di input Dispositivi logici e dispositivi fisici: analogo al rapporto indotto da funzioni come : printf, scanf, getchar, putchar : Si puo’ leggere o scrivere su file, stampante, display, tastiera ecc. Nella grafica è più complesso: non sono solo caratteri!

13 Programmazione Grafica aa2005/ Dispositivi di input grafico Dispositivi di puntamento: per indicare una posizione su uno schermo, comprende bottoni per inviare interrupt o segnali Mouse Trackball Tablet Light pen Joystick Spaceball Tastiera: invia caratteri

14 Programmazione Grafica aa2005/ Mouse/trackball Non trasmettono posizione ma velocità posizione relativaI due valori rilevati dal movimento della sferetta sono incrementi relativi, posti in relazione all’intervallo di tempo danno luogo al calcolo di una velocità, la cui integrazione restituisce una posizione relativa Permette di ottenere movimenti lenti o veloci del cursore

15 Programmazione Grafica aa2005/ tablet Fornisce posizione assoluta La posizione viene rilevata con interazione elettromagnetica della punta di una penna speciale con una maglia di fili annegati nella superficie Touch screen ha funzioni analoghe

16 Programmazione Grafica aa2005/ lightpen Un sensore ottico rileva la presenza di luce dal display, invia un interrupt all’host, che ricava la posizione conoscendo l’istante di rilevazione dell’interrupt e il tempo di scansione della figura; identifica l’oggetto grafico indicato conoscendo l’intera struttura dati e il modo di attraversamento della struttura Limiti dovuti alla complessità e alla soglia di illuminazione: se punta lo sfondo non rileva luce!

17 Programmazione Grafica aa2005/ Joystick Anche il joystick rileva velocità, che vengono integrate per calcolare posizioni relative Può avere componenti meccaniche che simulano effetti di resistenza con stimolazione “cinestesica”

18 Programmazione Grafica aa2005/ Spaceball Dotata di sensori di pressione, ha sei gradi di libertà ed è adatta ad input 3D: Front-back left-right top-bottom Rotazioni su tre assi

19 Programmazione Grafica aa2005/ Dispositivi logici - classificazione GKS e PHIGS Gli standard GKS e PHIGS definiscono sei logical device: String - es. tastiera Locator - fornisce coordinate mondo (WC) es. mouse con conversione da SC (ccordinate schermo) a WC Pick - restituice l’identificatore di un oggetto Choice - seleziona una opzione Dial - input analogico (potenziometri) Stroke - array di locazioni

20 Programmazione Grafica aa2005/ Dispositivi logici - OpenGL string - supportata dal Window Manager (WM), OGL non distingue tra dispositivo fisico e logico (tastiera) locator - OGL converte da SC a WC con dati da mouse ecc. selection Pick - OGL usa il processo chiamato selection (gadget: congegno, dispositivo; aggeggio, arnese) choice - OGL usa widgets (gadget: congegno, dispositivo; aggeggio, arnese) del WM (menu, scrollbar, bottoni ecc.) dial - OGL usa widgets del WM (sliders) stroke - OGL simula l’invio di sequenze di valori attivando e terminando lo stream ad es. col bottone del mouse

21 Programmazione Grafica aa2005/ Menu pull-down e menu pop-up

22 Programmazione Grafica aa2005/ Misura e trigger misuratriggerL’input di un dispositivi fisico è caratterizzato da misura e trigger – Misura : è il valore restituito dal dispositivo – Trigger : è un input fisico con cui l’utente invia un segnale al sistema String: measure = caratteri battuti, trigger = CR Locator: measure = posizione, trigger = click su bottone Si può anche considerare un valore di stato (es: il cursore è fuori dalla window …)

23 Programmazione Grafica aa2005/ Modi di input Request mode –La misura viene ritornata al sistema quando il trigger viene attivato request_locator(device_id, &measure) Sample mode –Input immediato, non c’è trigger sample_locator(device_id, &measure)

24 Programmazione Grafica aa2005/ Request mode - tipico di programmi non grafici, es. input da tastiera con scanf –Oppure per posizionare il cursore in WM e selezionare con click Sample mode e request mode non sono adatti ad applicazioni in cui l’utente determina il flusso del programma, è piuttosto il programma che guida l’utente (es. scelte di menu, word processing) In un simulatore di volo possono esserci input da moltissimi dispositivi

25 Programmazione Grafica aa2005/ Event mode Permette di trattare situazioni complesse In ogni istante ogni dispositivo può generare un evento Le measure del dispositivo, con identificatore associato, sono poste in una coda di eventi ( event queue ) indipendentemente da ciò che sta eseguendo il programma - il programma esamina la coda e decide che fare, se la coda è vuota resta idle

26 Programmazione Grafica aa2005/ Event mode callbackAlternativamente si associa a ogni tipo di evento una callback L’approccio con callback è il più usato nei sistemi di WM e in OGL, e si presta a situazioni client-server

27 Programmazione Grafica aa2005/ Client-server Servizi distribuiti in LAN (printer, file, graphics,..) Un programma applicativo OGL e’ un processo client che usa un graphics server, i due processi possono risiedere sul medesimo sistema o essere distribuiti

28 Programmazione Grafica aa2005/ Le librerie di OGL GLU GL GLUT GLX Applicazione Frame Buffer Frame Buffer Window System

29 Programmazione Grafica aa2005/ Librerie principali OGL

30 Programmazione Grafica aa2005/ Run-Time support (Apple)

31 Programmazione Grafica aa2005/ GLUT - 1 Glut –Libreria per la creazione di finestre in cui OpenGL possa disegnare –Gestisce l'interazione con l'utente su tali finestre. –Non fornisce dispositivi di interazione sofisticati (bottoni, campi di testo, ecc.).

32 Programmazione Grafica aa2005/ GLUT –2 Includes –#include // OpenGL decl. –#include // GUI funcs Interfaccia grafica e librerie GLUT –Descrizione degli oggetti forniti da GLUT Finestre Menu Interazione: Mouse, Tastiera, etc…

33 Programmazione Grafica aa2005/ Inizializzazione di GLUT - 1 int main(int argc, char *argv[]) { glutInit(&argc, argv); glutInitDisplayMode(GLUT_SINGLE | GLUT_RGB ); glutInitWindowSize(200, 200); glutCreateWindow(“Window Title"); glutReshapeFunc(reshapeFunc); glutDisplayFunc(displayFunc); glutMainLoop(); return 0; }

34 Programmazione Grafica aa2005/ Inizializzazione di GLUT - 2 Funzioni di Reshape e Display glutReshapeFunc(reshapeFunc); glutDisplayFunc(displayFunc); Reshape –Gestisce il ridimensionamento della finestra Display –Contiene il codice per la visualizzazione

35 Programmazione Grafica aa2005/ ReshapeFunc Imposta la viewport glViewport(0, 0, w, h); Imposta la camera glMatrixMode(GL_PROJECTION) // camera settings... glMatrixMode(GL_MODELVIEW);//ritorna alla matrice di modellazione

36 Programmazione Grafica aa2005/ DisplayFunc Disegna la scena (o chiama le display list) glClear(GL_COLOR_BUFFER_BIT | GL_DEPTH_BUFFER_BIT); glLoadIdentity(); // drawing code glFlush(); glutSwapBuffers(); // If double-buffered

37 Programmazione Grafica aa2005/ Programmazione dell’interazione event driven Uso del puntatore Terminazione programma Resize della finestra Gestione della finestra Menu Picking

38 Programmazione Grafica aa2005/ Uso puntatore Il puntatore può essere usato per la terminazione del programma; distinguiamo tra –move event –move event: il mouse viene mosso col bottone premuto –passive move event –passive move event: mosso con bottone alzato Dopo un move event la “measure” del device (posizione del mouse) è resa disponibile –mouse event –mouse event - un bottone del mouse è premuto o rilasciato (il bottone mantenuto premuto non genera eventi, è la transizione che conta!)

39 Programmazione Grafica aa2005/ Terminazione programma glutMouseFunction(mouse_callback_func); void mouse_callback_func(int button, int state, int x, int y,); int x, int y; { if(button == GLUT_LEFT_BUTTON && state == GLUT_DOWN) exit(); } registrate Altri bottoni o uno stato differente del mouse non provocano nulla, non ci sono callback registrate col WM

40 Programmazione Grafica aa2005/ main int main(int argc, char **argv) { glutInit(&argc, argv); glutInitDisplayMode(GLUT_SINGLE | GLLUT_RGB); glutCreateWindow(“square”); myinit(); glutReshapeFunc(myReshape); glutMouseFunc(mouse); glutDisplayFunc(display); glutMainLoop(); } Reshape è invocato quando la finestra viene modificata dall’utente Ogni programma deve avere una display callback, anche vuota: void display() {}

41 Programmazione Grafica aa2005/ Disegnare un quadratino al click del mouse void mouse(int button, int state, int x, int y); { if(button==GLUT_LEFT_BUTTON && state==GLUT_DOWN) drawSquare(x,y); if(button==GLUT_MIDDLE_BUTTON && state==GLUT_DOWN) exit(); } La drawSquare si limita a disegnare, gli attributi del disegno vanno definiti altrove, nell’esempio in myinit

42 Programmazione Grafica aa2005/ myinit /* globals */ Glsizei wh = 500, ww = 500; /* dim finestra iniziale */ Glfloat size = 3.0; /* metà del lato del quadrato */ void myinit(void) { glViewport(0,0,ww,wh); glMatrixMode(GL_PROJECTION); glLoadIdentity(); glOrtho(0.0, (GLdouble) ww, 0.0, (GLdouble) wh, -1.0, 1.0); glMatrixModel(GL_MODELVIEW); glClearColor (0.8, 0.8, 0.8, 1.0); glClear(GL_COLOR_BUFFER_BIT); glFlush(); }

43 Programmazione Grafica aa2005/ Disegno del quadrato L’origine del sistema di riferimento nel WM è in alto a sinistra, con y verso il basso, in OGL è in basso a sinistra con y verso l’alto - bisogna “flippare” la y ritornata dal mouse: void drawSquare(int x, int y) { y=wh-y; /* flippa y */ glColor3ub( (char) random()%256, (char) random()%256, (char) random()%256); glBegin(GL_POLYGON); glVertex2f(x+size, y+size); glVertex2f(x-size, y+size); glVertex2f(x-size, y-size); glVertex2f(x+size, y-size); glEnd(); }

44 Programmazione Grafica aa2005/ Il programma è completo Inizializza una finestra, disegna un quadrato di colore casuale nel punto selezionato dal mouse col tasto di sinistra; termina premendo il tasto di mezzo del mouse resizeNon ha menu, se la finestra viene modificata ( resize ) il programma non sa che fare

45 Programmazione Grafica aa2005/ Window events in caso di resize, che fare? –Ridisegnare tutto? –Che fare se l’aspect ratio cambia? –Si cambiano le dimensioni degli oggetti se la finestra cambia dimensioni? Nell’esempio si ridisegna tutto, mantenendo i rapporti degli oggetti (quadrati restano quadrati) e si applica il clipping L’evento di resize restituisce altezza e larghezza della window

46 Programmazione Grafica aa2005/ myReshape void myReshape(GLsizei w, GLsizei h) { /* adjust clipping box */ glMatrixMode(GL_PROJECTION); glLoadIdentity(); glOrtho(0.0, (GLdouble)w, 0.0, (GLdouble)h, -1.0, 1.0); glMatrixMode(GL_MODELVIEW); glLoadIdentity(); /* adjust viewport and clear */ glViewport(0,0,w,h); glClearColor (0.8, 0.8, 0.8, 1.0); glClear(GL_COLOR_BUFFER_BIT); display(); glFlush(); }

47 Programmazione Grafica aa2005/ Display callback La glutDisplayFunc (display) viene eseguita quando GLUT determina che la finestra va ridisegnata, certamente alla prima apertura; in questo caso è utile disegnare le parti statiche della finestra La display callback può essere usata per animazione, quando cambiano parametri nel programma Per iconizzare una finestra si usa la glutPostDisplay() Per disabilitare una callback si può settare la sua callback function a NULL

48 Programmazione Grafica aa2005/ Finestre multiple id=glutCreateWindow(“second window”); L’intero ritornato permette di attivare la prima o la seconda finestra: glutSetWindow(id); Si possono modificare parametri e proprietà della seconda finestra prima di definirla: glutInitDisplayMode( …); id=glutCreateWindow(“third window”);

49 Programmazione Grafica aa2005/ Menu Pull-down e pop-up menu glutCreateMenu(demo_menu); glutAddMenuEntry(“quit”,1); glutAddMenuEntry(“increase square size”,2); glutAddMenuEntry(“decrease square size”,3); glutAttachMenu(GLUT_RIGHT_BUTTON); void demo_menu(int id); { if(id==1) exit(); else if (id==2) size = 2*size; else if (id==3) size=size/2; glutPostRedisplay(); }

50 Programmazione Grafica aa2005/ Menu pull-down gerarchici sub_menu = glutCreateMenu(size_menu); glutAddMenuEntry(“increase square size”,2); glutAddMenuEntry(“decrease square size”,3); glutCreateMenu(top_menu); glutAddMenuEntry(“quit”,1); alutAddSubMenu(“Resize”, sub_menu); glutAttachMenu(GLUT_RIGHT_BUTTON); Esercizio: scrivere le callback function di: size_menu top_menu


Scaricare ppt "Primitive grafiche e interazione Daniele Marini Davide Gadia Marco Ronchetti Davide Selmo Corso Di Programmazione Grafica aa2005/2006."

Presentazioni simili


Annunci Google