La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le interpretazioni delle cinque vie del tomismo spagnolo del secolo XVI (presentazione breve)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le interpretazioni delle cinque vie del tomismo spagnolo del secolo XVI (presentazione breve)"— Transcript della presentazione:

1 Le interpretazioni delle cinque vie del tomismo spagnolo del secolo XVI (presentazione breve)

2 Interpretazioni… Alcuni richiami di storia del tomismo… 1270: condanna a Parigi 1274: morte di Tommaso a Fossanova 1277: condanna a Parigi e ad Oxford 1280: Correctorium di Guglielmo de la Mare (difesa OP, …corruptorium) 1323: canonizzazione 1368: traslazione a Tolosa del corpo di Tommaso +1444: Giovanni Capreolo: Deffensione theologiae divi doctorum Thomae Aquinatis (Ludovico Longo +1475; Leonardo da Ragusa +1480; Ferrarese…) 1491: Egidio di Charronnelle a Parigi spiegava la Summa 1505: tutti i conventi OP devono studiare Tommaso dAquino 1509: Pietro Crockaert (Bruxellensis) spiegava la Summa a Parigi con grande pubblico Altri commentatori importanti: Konrad Koellin ( ) a Colonia Tommaso de Vio (Gaetano, ) a Roma Francisco de Vitoria ( ) a Parigi e Spagna

3 Tra i tanti… gli autori della cosiddetta prima Scuola di Salamanca … Francisco de Vitoria Domingo de Soto Melchor Cano Pedro de Sotomayor Ambrosio de Salazar … CUMEL Francisco, Commentaria in Primam Partem Sancti Thomae Aquinatis, Salmantica 1575 (q. 2, pp ). BAÑEZ Domingo, Scholastica Commentaria in Primam Partem Angelici Doctoris D. Thomae usque ad sexagesimamquartam quaestionem, Salmantica 1585 (q. 2 [ed. crit. 1934], pp ). …

4 FRANCISCO DE VITORIA (ca – 1546) - Studia a Parigi ( ), collabora con Pietro Crockaert e commenta il Prologo della II-IIae : torna in patria, e insegna a Valladolid ( ) dove certamente commenta la I Pars ma i materiali sono andati persi : insegna nella cattedra de Prima a Salamanca ogni 7 anni commenta tutta la Summa

5 VITORIA Ms 2 (San Esteban – Salamanca), ff. 14v-15r

6 MELCHOR CANO (ca – 1560) - Comincia gli studi di Artes y Humanidades nella Università di Salamanca nel Nello stesso anno indossa labito domenicano entrando nel convento di San Esteban. Discepolo di Francisco de Vitoria - Grazie a Francisco de Vitoria Melchor Cano si riconosce debitore di uno spirito nuovo nel fare teologia (cap. XII dei Loci Theologici); specialmente il modo con il quale lo stesso Vitoria commentava direttamente la fonte tomista.

7 1.La dimostrazione dell´esistenza di Dio è un tema che indubbiamente offre a Cano una nuova occasione per considerare il rapporto tra fede e ragione 2.Cano denuncia i ragionamenti sofistici e la vacuità con cui certi scolastici affrontavano le controversie teologiche, facendo passare per vera dialettica quellarte del sofisma, una pericolosa ars argutandi che intendeva presentarsi come dialettica SULLE 5 VIE (ST I, q. II, a. 3)

8 3.Nel testo Cano ricorre anzitutto ad Aristotele, ricordando proprio lavvertimento del filosofo sulla mancanza di culturarudis et stulti hominis. Nel De Locis Theologicis Cano dedica l´intero capitolo V del libro X alla trattazione dellautorità dello Stagirita, mettendo in evidenza limpronta troppo dichiaratamente aristotelica che gli pareva ancora caratterizzare la teologia scolastica. 4.Cano fa notare cha attraverso le argomentazioni delle 5 vie il Dottore Angelico non intende dimostrare Dio nella sua essenza, a noi irraggiungibile: Ergo non debet hic probari Deum esse. LAquinate mostra solo, secondo Cano, che dalla realtà delle cose create emerge strutturalmente l´esigenza di Dio poiché: sunt aliqua praedicata in rerum natura quae nulli nisi Deo convenire possunt, et ex consequenti Deum esse

9 Nella prima via Cano ricorre ad Aristotele, al VII e VIII libro della Fisica; in rapporto allunità del motore e del mosso e delle loro parti, e sul problema dellintelletto agente in relazione al rapporto tra potenza e atto il riferimento si allarga anche al commento di Averroé Si riferisce poi a Duns Scoto, citando la q. II della dist. II del I libro della cosidetta Ordinatio, e affermando che Scoto negava il principio aristotelicoomne quod movetur ad alio movetur (Phys. VII, I), assunto invece da San Tommaso Cano presenta anche la posizione di Alberto Magno, che condivise con Aristotele la prospettiva della necessità, per ogni ente soggetto al divenire, di rimandare ad un movente che sia distinto dal mosso. Questo insegnamento è impiegato da Alberto Magno proprio come prova per lesistenza di Dio

10 Nella risposta Cano si riferisce nuovamente ad Aristotele, questa volta con un richiamo al De generatione et corruptione, ed uno successivo alla Physica, laddove il Filosofo discute se, sussistendo per natura, gli animali e le loro parti hanno in se stessi il principio del movimento e della quiete Cano presenta anche la posizione di Alberto Magno, che condivise con Aristotele la prospettiva della necessità, per ogni ente soggetto al divenire, di rimandare ad un movente che sia distinto dal mosso. Questo insegnamento è impiegato da Alberto Magno proprio come prova per lesistenza di Dio

11 -Cano si rifà, come emerge dal testo, a Sant´Agostino, rispettivamente nei capp. VI e VII del De Civitate Dei; testi nei quali Agostino riconosce ai platonici il fatto di aver compreso che la realtà si conosce alla luce di quel Dio da cui tutte le cose sono state prodotte. - Cano afferma con molta coerenza che in Dio é la ragione ideale non creata delle cose e nella quale tutto é stato creato. Per quanto riguarda invece la seconda e la quarta via

12 DOMINGO DE SOTO (ca – 1560)

13 Sulle cinque rationes metaphysicae dellarticolo III, Soto sottolinea la concordanza di Tommaso dAquino con Aristotele. Lultimo tema affrontato da Domingo de Soto riguarda largomento dei due contrari (infinita bontà di Dio ed esistenza del male nel mondo), che sembra impedire laccettazione dellesistenza di Dio: - studia le posizioni di Giovanni Duns Scoto e del Gaetano; - conclude affermando che la soluzione di Tommaso dAquino èmulto melius per risolvere la questione: reducendo causam ad ipsam bonitatem Dei. SULLE 5 VIE (ST I, q. II, a. 3)

14 La difficoltà dei due contrari - A La difficoltà: Dio, un bene infinito, dovrebbe distruggere il male, perché linfinito distrugge totalmente il suo contrario finito. Non è ancora la domanda della teodicea Premesse per la risposta: SantAgostino distingue due modi del ripugnare il male da Dio. –modo formaliter: Dio è infinitamente buono, perciò il male non è mai stato e non può essere in Lui –modo effective: Dio ripugna il male che è fuori di Lui cioè nella creazione, e lo distrugge. Tuttavia, perché non lo distrugge totalmente? Risposta di Scoto: Dio ex necessitate naturae dovrebbe annichilire tutto il male, anche quello fuori di sè. Ma Dio è libero, perciò non corrumpit totum sed sicut vult. –Il male sarebbe una manifestazione della libertà di Dio Risposta del Gaetano: La bontà infinita di Dio si partecipa nella creazione nel modo imperfetto, perciò Dio non distrugge tutto il male nella creatura, ma solo in Lui stesso. –Questa risposta, afferma Domingo de Soto, non esclude largomentazione di Scoto: forsan hoc voluit dicere Scotus. Secondo Domingo de Soto le soluzioni di Scoto e Gaetano sono buone, ma non rispondono al perché Dio non vuole distruggere il male nella creatura.

15 La difficoltà dei due contrari - B Secondo Domingo de Soto la soluzione di Tommaso dAquino è multo melius perché risponde anche alla domanda sulla tolleranza verso il male da parte di Dio. Dio permette il male per trarne dei beni, è così mostra pienamente la sua perfezione. Soto sviluppa così questo argomento: –perfectio est ex minus bono facere bonum –ex indifferentibus facere bonum est maioris perfectionis –multo maioris perfectionis ex malis facere bona et hoc est maioris potentiae immo infinitae

16 SULLE 5 VIE (ST I, q. II, a. 3) Vitoria, Cano e Soto: tre modi diversi di commentare lo stesso testo di San Tommaso, accomunati da: - grande stima per la dottrina tomista - volontà di rendere il testo accessibile agli alunni - dialogo con scuole universitarie contemporanee

17 SULLE 5 VIE (ST I, q. II, a. 3) In comune hanno anche un modo di accostare il testo distinto dal nostro: oggi si cerca in questa questione la soluzione al dilemma se Dio esiste o no. Allinizio del XVI sec. questa questione non suscitava alcun interesse, nel senso che per tutti e tre era comune il riconoscimento dellesistenza di Dio. Quello che volevano discutere era se largomentazione era ben costruita e il metodo seguito era consistente rispetto alle critiche del nominalismo.


Scaricare ppt "Le interpretazioni delle cinque vie del tomismo spagnolo del secolo XVI (presentazione breve)"

Presentazioni simili


Annunci Google