La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Favola CORSO FORTIC 2 E-Tutor: Marco Farina Scuola Media Statale Dante Alighieri Ceprano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Favola CORSO FORTIC 2 E-Tutor: Marco Farina Scuola Media Statale Dante Alighieri Ceprano."— Transcript della presentazione:

1 La Favola CORSO FORTIC 2 E-Tutor: Marco Farina Scuola Media Statale Dante Alighieri Ceprano

2 FAVOLA La favola è un componimento fantastico avente un contenuto moralistico.

3 La Favola è un componimento breve, protagonisti sono gli animali che rappresentano i vizi e le virtù umane.

4 Uno dei più antichi autori di favole fu Esopo, il quale si servì dei caratteri degli animali per arrivare alle sue conclusioni morali. Esopo

5 Tra i maggiori favolisti romani è da ricordare Fedro (che superò la fama dello stesso Esopo, dal quale attinse).Fedro Esopo

6 ESOPO indietro Esopo è stato un favolista greco del VII o VI sec, a. C., della cui vita pochissimo ci è noto. Probabilmente frigio di nascita, fu dapprima schiavo: poi, liberato da Xanto, compì numerosi viaggi. Una leggenda narra che, incaricato da Creso, re di Lidia, di portare offerte ad Apollo Delfìco, fu profondamente sdegnato dalla corruzione dei sacerdoti del tempio. Essi per vendicarsi nascosero tra i suoi abiti una coppa d'oro accusandolo poi di averla rubata: gli abitanti di Delfo lo condannarono per questo ad essere gettato dalla rocca Jampea. Un'altra leggenda lo dice gobbo e balbuziente. Esopo, dallo spirito argutissimo e geniale, compose numerose favole, spesso riferite agli animali, ma con trasparenti allusioni al mondo degli uomini. Le redazioni a noi giunte delle favole di Esopo sono dell'età ellenistica: si tratta di 400 favole brevi e di stile sobrio, concluse da una breve morale. I personaggi sono per lo più animali, ma anche uomini e dèi, o piante. Fra i maggiori imitatori delle favole esopiche furono Fedro e La Fontaine. La grande fama di Esopo e dei suoi protagonisti è dovuta alla semplicità e freschezza di efficacia educativa, dai temi perennemente vivi delle favole che riflettono la sapienza morale del popolo ma anche dalla forma allegorica.

7 FEDRO indietro Schiavo affrancato da Augusto. F. nacque durante il principato di Augusto, ma fu attivo sotto Tiberio, Caligola e Claudio. E' uno dei pochissimi autori di nascita non libera nella letteratura della I età imperiale: egli era infatti uno schiavo di origine tracia (ma dovette avere una discreta educazione letteraria, se è vero - come egli stesso confessa - che da fanciullo legge Ennio), e nei manoscritti delle sue opere è citato come liberto di Augusto (sembra, quindi, che fosse stato liberato proprio dall'imperatore, da cui avrebbe ricavato il prenome Gaio e il nome Giulio: ma non conosciamo le circostanze dell'affrancamento).

8 Leggi alcune note favole IL LUPO E LAGNELLO LA VOLPE E LUVA LA VOLPE E LA CICOGNA LAQUILA E LA VOLPE

9 IL LUPO E LAGNELLO Un lupo e un agnello, spinti dalla sete, si ritrovarono a bere nello stesso ruscello. Il lupo era più a monte, mentre l'agnello beveva a una certa distanza, verso valle. La fame però spinse il lupo ad attaccar briga e allora disse: "Perché osi intorbidarmi l'acqua?" L'agnello tremando rispose: "Come posso fare questo se l'acqua scorre da te a me?" "E' vero, ma tu sei mesi fa mi hai insultato con brutte parole". indietro

10 "Impossibile, sei mesi fa non ero ancora nato". "Allora" riprese il lupo "fu certamente tuo padre a rivolgermi tutte quelle villanie". Quindi saltò addosso all'agnello e se lo mangiò. Questo racconto è rivolto a tutti coloro che opprimono i giusti nascondendosi dietro falsi pretesti. indietro

11 LA VOLPE E LUVA Una volpe affamata vide dei grappoli duva che pendevano da un pergolato, e tentò di afferrarli. Ma non ci riuscì. "Robaccia acerba!" disse allora tra sé e sé; e se ne andò. Così, anche fra gli uomini, cè chi, non riuscendo per incapacità a raggiungere il suo intento, ne dà la colpa alle circostanze. indietro

12 La volpe e la cicogna Pareva proprio che la volpe e la cicogna fossero buone amiche. Un tempo si vedevano spesso, e un giorno la volpe invitò a pranzo la cicogna; per farle uno scherzo, le servì della minestra in una scodella poco profonda: la volpe leccava facilmente, ma la cicogna riusciva soltanto a bagnare la punta dei lungo becco e dopo pranzo era più affamata di prima. "Mi spiace!" - disse la volpe - "La minestra non è di tuo gradimento?". "Non avere scrupoli; spero anzi che vorrai restituirmi la visita e che verrai presto a pranzo da me" - rispose la cicogna -. Cosi fu stabilito il giorno in cui la volpe sarebbe andata a trovare la cicogna. Sedettero a tavola, ma i cibi erano preparati in vasi dal collo lungo e stretto nei quali la volpe non riusciva a infilare il muso: tutto ciò che poté fare fu leccare l'esterno del vaso. "Non ho scrupoli, per il pranzo" - commentò la cicogna - "ma chi la fa l'aspetti". indietro

13 L'aquila e la volpe Unaquila e una volpe, fattesi amiche, stabilirono di abitare una vicina allaltra, pensando che la vita in comune avrebbe rafforzato la loro amicizia. Ed ecco che la prima volò sulla cima di un albero altissimo, e vi fece il suo nido; laltra strisciò sotto il cespuglio che cresceva ai suoi piedi e qui partorì i suoi piccoli. Ma un giorno, mentre la volpe era uscita a cercar da mangiare, laquila, che si trovava a corto di cibo, piombò nel cespuglio, afferrò i volpacchiotti e se ne fece una scorpacciata insieme con i suoi figli. Quando, al suo ritorno, la volpe vide che cosa le avevano fatto, fu colta da un dolore che non era nemmeno tanto grande per la morte dei suoi piccoli, quanto per il pensiero della vendetta: animale di terra, essa non aveva infatti la possibilità di inseguire un volatile.

14 Perciò, immobile, di lontano, unico conforto che rimane ai deboli e agli impotenti, scagliava maledizioni sulla sua nemica. Ma non passò molto e toccò allaquila scontare il suo delitto contro lamicizia. Infatti, un giorno che in campagna si offriva in sacrificio una capra agli dei, essa piombò giù e si portò via dallaltare uno dei visceri che stava prendendo fuoco; ma quando lebbe trasportato nel suo nido, un forte soffio di vento lo investì e da qualche filo di paglia secca suscitò una una vivida fiammata. Così i suoi piccoli, volatili ancora impotenti, furono bruciati e cascarono al suolo. La volpe accorse e se li divorò tutti sotto gli occhi della madre. La favola mostra come coloro che tradiscono lamicizia, se anche, per limpotenza delle vittime, sfuggono alla loro vendetta, non riescono però mai ad evitare la punizione degli dei. indietro

15 Fine


Scaricare ppt "La Favola CORSO FORTIC 2 E-Tutor: Marco Farina Scuola Media Statale Dante Alighieri Ceprano."

Presentazioni simili


Annunci Google