La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Specializzazione automatica di programmi per Java Pietro Cappellazzo, 809652 Alvise Costa, 810114.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Specializzazione automatica di programmi per Java Pietro Cappellazzo, 809652 Alvise Costa, 810114."— Transcript della presentazione:

1 Specializzazione automatica di programmi per Java Pietro Cappellazzo, Alvise Costa,

2 2 Lefficienza dei linguaggi OO (1) Caratteristiche dinteresse –Encapsulation: aumenta le possibilità di recupero e riutilizzo del codice –Method invocation: permette la comunicazione tra componenti in maniera indipendente da una specifica implementazione Pro e Contro –Facilita ladattamento dei programmi –Accresce la genericità dei programmi –Diminuisce lefficienza

3 3 Lefficienza dei linguaggi OO (2) La proprietà di encapsultion isola singole parti del porgramma aumentando così il costo di accesso ai dati. L invocazione di metodi è implementata traminte il dispatch virtuale, in questo modo il flusso di controllo del programma viene nascosto. Le ottimizzazioni tradizionali (hw / sw) eliminano solo alcuni di questi costi generali.

4 4 Program Specialization (1) È una tecnica per adattare un programma ad uno specifico contesto di esecuzione. Lo scopo è quello di semplificare le interazioni tra gli oggetti di un programma eliminando le chiamate virtuali, aggirando lencapsulation e semplificando il calcolo delle invarianti.

5 5 Program Specialization (2) Si consideri un programma P che prende in ingresso due argomenti S e D e produce un risultato R: run P(S,D) = R Una specializzazione di P, rispetto a S, è un programma P S tale che: run P S (D) = run P(S,D) = R Linput S è detto statico ed è noto a tempo di specializzazione. Linput D è detto dinamico ed è noto solo a tempo di esecuzione.

6 6 Esempio (1) Una collezione di quattro classi: Binary, Add, Mult e Power. La classe Power può essere utilizzata per applicare un operatore Binary un certo numero di volte su un valore base: (new Power(y, new Mult())).raise(x) Il diagramma ad oggetti del programma e una generica interazione con loggetto Power (calcolo di x 3 ).

7 7 Esempio (2) Considerando il calcolo di x 3 si nota che linvocazione del metodo raise(x) delloggetto Power dà luogo ad una serie di interazioni con loggetto Mult e ritorna il valore x*x*x. Per ottimizzare si può aggiungere alla classe Power un metodo raise_cube(x) che ritorni direttamente x*x*x.

8 8 Automatic Program Specialization La partial evaluation è un approccio alla specializzazione che adatta un programma alle informazioni note (statiche) sul suo contesto di esecuzione, così come sono fornite dallutente. Propagazione inter - procedurale di valori di qualsiasi tipo di dato, semplificazione del flusso di controllo e constant - folding basato su informazioni di contesto. Nella partial evaluation di tipo off - line, la specializzazione è divisa in due passi: –Binding - time analysis –Produzione di codice specializzato

9 9 Partial Evaluation Binding - time Analysis Lutente specifica quali argomenti (incluse le variabili globali) sono statici (noti) e quali sono dinamici (non ancora noti) nel contesto di esecuzione. Linformazione (statico / dinamico) viene propagata attraverso il codice al fine di identificare quali istruzioni (espressioni) sono statiche e quali dinamiche. Un programma può essere specializzato rispetto qualsiasi contesto concreto che fornisca valori per gli input statici.

10 10 Partial evaluation: terminazione La partial evaluation non impone alcun limite alla quantità di computazioni che possono essere eseguite per ottimizzare un programma, perciò non è garantita la terminazione del processo di specializzazione. Lutente deve indirizzare il processo verso le parti del programma che hanno maggiori opportunità di specializzazione. P. E. eseguita su fette di programma.

11 11 Specializzazione di programmi O. O. Lesecuzione di un programma O. O. può essere vista come una sequenza di interazioni tra oggetti. Lobbiettivo della specializzazione è quello di semplificare le interazioni tra gli oggetti.

12 12 Invocazione di metodi (1) Linterazione tra gli oggetti avviene attraverso linvocazione di metodi quindi la specializzazione si concentra su questo aspetto. La specializzazione dellinvocazione dei metodi ottimizza le chiamate basate su argomenti statici (incluso this ).

13 13 Invocazione di metodi (2) La specializzazione dei metodi ottimizza luso di encapsulation, virtual dispatch e computazione imperativa. –Encapsulation: i dati statici vengono propagati dove necessario in modo da ridurre le operazioni che utilizzano tali dati. Vengono ridotte le referenze di memoria indirette al dato. –Virtual Dispatch: decisione basata sul tipo dellargomento this. this è statico: il metodo chiamante viene specializzato in base alle informazioni sul contesto di chiamata. this è dinamico: ogni metodo che potrebbe essere chiamato viene specializzato su un qualsiasi argomento statico. –Computazione imperatva: utilizzo di constant propagation, constant folding, loop unrolling, …

14 14 Il Programma Specializzato Per completare il processo bisogna reintegrare i metodi specializzati, nella gerarchia della classi. –Primo approccio: aggiungere ogni metodo specializzato alla propria classe originaria. I metodi specializzati sono accessibili al resto della classe Può venire rotta linvariante di incapsulamento Complicazione del codice sorgente

15 15 Il Programma Specializzato –Secondo approccio: metodi specializzati separati da metodi originali I metodi specializzati derivanti da ununica classe, vengono collezionati in una uova sottoclasse Tutti i metodi specializzati vengono definiti come metodi di una nuova classe –Terzo approccio: esprimere i programmi specializzati come programmi di tipo aspect - oriented Permette alle unità logiche che attraversano il programma di essere separate dalle altre parti del programma stesso ed essere incapsulate in moduli separati chiamati aspect

16 16 Lesempio Power rivisitato La classe di specializzazione Cube dichiara che i campi di Power sono statici, fornisce specifici valori per questi campi e indica che il metodo raise deve essere specializzato. La specializzazione valuta linvocazione del metodo neutral, esegue un loop unrolling allinterno del metodo raise e riduce i dispatch virtuali del metodo eval. Loggetto Power è statico, possiamo dichiarare questo contesto usando una classe di specializzazione che indica quali sono gli argomenti di Power statici e dinamici e che metodi specializzare

17 17 Aspetti essenziali di uno Specializzatore Nellanalisi binding time, linsieme dei costrutti considerati statici determina direttamente i benefici raggiunti dalla partial evaluation. È necessario decidere che grado di precisione deve essere adottato affinché lanalisi risulti utile. Un aspetto della precisione dellanalisi è la sua granularità: a che tipi di valori devono essere assegnati binding time individuali?

18 18 Granularità dellanalisi b. t. Non è possibile (per unanalisi statica) distinguere tutti gli oggetti a run - time, perciò è necessaria unapprossimazione. Unopzione grossolana è quella di assegnare lo stesso b. t. a tutte le istanze di una stessa classe (poca precisione). Una soluzione adeguata è quella di assegnare ununica descrizione allinsieme degli oggetti creati nello stesso punto. Un aspetto chiamato class polyvariance.

19 19 Class & Method Polyvariance Un oggetto contiene tipicamente diversi valori di dati e questi valori giocano ruoli diversi allinterno del programma. Viene usato un binding time composto che contiene una descrizione diversa per ogni campo delloggetto. La class polyvariance implica che un dato parametro di un certo metodo può essere associato ad oggetti con binding time diversi. Ogni invocazione di metodo dovrebbe, quindi, essere analizzata singolarmente: method polyvariance.

20 20 Esempio La classe Vec definisce un vettore di numeri FP. La classe VecOp definisce il metodo dotP che esegue il prodotto scalare tra due oggetti della classe Vec. Il vettore x è inizializzato usando informazioni statiche, il vettore y usando informazioni dinamiche. È possibile sfruttare linformazione statica di x, durante la specializzazione, solo se alle due istanze ( x e y ) della classe Vec vengono assegnati binding - time diversi. Inoltre il metodo get, che accede ai dati del vettore, deve essere analizzato indipendentemente ad ogni invocazione

21 21 Use Sensitivity Un altro aspetto della precisione dellanalisi è il numero di descrizioni assegnate ad ogni valore analizzato. Un singolo oggetto può essere usato in entrambi i contesti - statico e dinamico - di un programma. La soluzione è ancora quella di assegnare alloggetto un binding time composto statico – e – dinamico.

22 22 Esempio Loggetto x viene stampato prima di essere passato come argomento del metodo dotP. Non vogliamo che avvenga la stampa durante la specializzaizone: x deve essere disponibile nel programma residuo e quindi avere b. t. dinamico. Considerando loggetto x come statico – e – dinamico, lanalisi b. t. può assegnare ad ogni utilizzo di x un b. t. statico o dinamico, come richiesto.

23 23 Specializzazione VS Compilazione La specializzazione e le ottimizzazioni compiute durante la compilazione sono tecniche simili, che possono diventare complementari. Uso delle informazioni sui tipi per leliminazione del virtual dispatch come le tecniche di customization e di selective argument specializzation tipiche dei compilatori. La specializzazione crea nuovi metodi specializzati per propagare queste informazioni lungo tutto il programma, e introduce questi metodi specializzati nelle classi dei relativi metodi non specializzati.

24 24 Specializzazione VS Compilazione Lottimizzazione data dalla specializzazione riguarda solo alcuni aspetti del programma (dipendenti dalle parti statiche) e riproducono lintero codice sorgente, mentre le tecniche di compilazione coinvolgono tutto il programma, spesso modificando il codice. La specializzazione dipende dalle ottimizzazioni eseguite dai compilatori come copy propagation, common subexpression elimination, o loop invariant removal, importanti per le prestazioni. Inoltre la specializzazione non può gestire ottimizzazioni indipendenti dal codice, come lallocazione dei registri, oppure ad esempio in Java, larray bounds check elimination, che devono essere fatti dal compilatore.

25 25 Specializzazione VS Compilazione

26 26 Vantaggi della Specializzazione La specializzazione propaga valori conosciuti di ogni tipo (anche relativi ad oggetti conosciuti parzialmente) lungo il programma, garantendo una maggiore precisione. La specializzazione riduce ogni computazione basata solamente su informazioni conosciute, non ponendo di fatto limiti alle semplificazioni possibili, garantendo quindi più aggressività di altre tecniche. La specializzazione è più dominante delle tecniche aggressive usate dai compilatori, infatti usa conoscenze globali riguardanti la struttura degli oggetti, in modo da propagare informazioni globali e ridurre le computazioni.

27 27 JSpec - Overview JSpec è un off-line partial evaluator che tratta lintero linguaggio Java, escluse le eccezioni, e le regioni finally. Input: codice sorgente Java, Java bytecode. Output: codice sorgente Java, codice C. Il tempo per lanalisi compiuta da JSpec dipende dal contesto, variabile a seconda delle classi (ogni creazione di oggetto, ha un tempo di analisi individuale), dalluso e dal flusso del processo. Il codice specializzato in C attraverso lambiente Harissa incorpora più ottimizzazioni low-level (es. larray bounds check elimination ).

28 28 JSpec - Overview JSpec sfrutta le opportunità date dalla specializzazione di linguaggi ad oggetti (es. propagazione dei tipi, eliminazione virtual dispatch, ecc..). JSpec inoltre esegue le ottimizzazioni standard della specializzazione (es. propagazione globale delle costanti, riduzione delle computazioni,ecc..). JSpec raccoglie quindi in un unico framework le opportunità date sia dai linguaggi ad oggetti che da quelli standard.

29 29 JSpec - Overview JSpec è basato su tecnologia esistente e matura, il processo di specializzazione è basato su Tempo (specializzatore per C). JSpec è stato progettato per essere utilizzato anche solo in un ristretto insieme di classi di un intero programma. Le parti specializzate vengono racchiuse in aspect immessi nel codice originale.

30 30 JSpec

31 31 Harissa Harissa è un compilatore dal bytecode Java a C con una JVM integrata. Harissa è stata scritta in C con lobbiettivo di rendere efficienti e flessibili le esecuzioni di programmi java. Harissa produce un codice C non fortemente ottimizzato (questo sarà poi fatto dal compilatore C) ma privo di tutti quei costrutti dovuti alla JVM.

32 32 Tempo Tempo è un off-line partial evaluator per i programmi C. Il processo si divide in 2 fasi, lanalisi e la specializzazione. Lanalisi propaga le informazioni riguardanti costrutti statici e dinamici lungo il codice.

33 33 Tempo CODICE IN INPUT: /* Programma originale in linguaggio C */ miniprintf(char fmt[], int val[]) { int i = 0; while( *fmt != \0' ) { if( *fmt != '%' ) putchar(*fmt); else switch(*++fmt) { case 'd' : putint(val[i++]); break; case '%' : putchar('%'); break; default : prterror(*fmt); break; } fmt++; } CODICE DOPO LA FASE DI ANALISI: /* Legenda: STATIC DYNAMIC */ miniprintf(char fmt[], int val[]) { int i = 0; while( *fmt != '/0' ) { if( *fmt != '%' ) putchar(*fmt); else switch(*++fmt) { case 'd' : putint(val[i++]); break; case '%' : putchar('%'); break; default : prterror(*fmt); break; } fmt++; }

34 34 Tempo La specializzazione basandosi su questo codice annotato e sugli input conosciuti genera un programma specializzato. CODICE DOPO LA FASE DI ANALISI: /* Legenda: STATIC DYNAMIC */ miniprintf(char fmt[], int val[]) { int i = 0; while( *fmt != '/0' ) { if( *fmt != '%' ) putchar(*fmt); else switch(*++fmt) { case 'd' : putint(val[i++]); break; case '%' : putchar('%'); break; default : prterror(*fmt); break; } fmt++; } CODICE DOPO LA FASE DI SPECIALIZZAZIONE: /*Specializzazione con char *fmt = */ miniprintf_1(int val[]) { putchar( '<' ); putint ( val[0] ); putchar( '|' ); putint ( val[1] ); putchar( '>' ); }

35 35 AspectJ AspectJ è un linguaggio basato su Java per avvalersi del Aspect Oriented Programming. Aspetti usati per evitare ridondanza nel codice e modellare problemi trasversali al codice stesso. Nel caso di JSpec le parti specializzate sono inserite in aspect.

36 36 JSpec – esempi pratici Negli esempi che seguono si vede come JSpec viene applicato alle classi astratte e alle interfacce In entrambi i casi si considera linput con y=0 PROGRAMMA GENERICO: abstract class Op {abstract int f(int i, int j); } class Add extends Op {int f(int i, int j){return i+j; } } class Mul extends Op {int f(int i, int j){return i*j; } } class Use {int apply(Op p, int x, int y) {return p.f(x,y);}} PROGRAMMA SPECIALIZZATO: aspect ZeroArgument { introduction Op { int f_0(int i){throw new JSpekExn();}} introduction Add { int f_0(int i){return i+0;}} introduction Mul { int f_0(int i){return i*0;}} introduction Use { int apply_0(OP p, int x){return p.f_0(x);}} }

37 37 JSpec – esempi pratici PROGRAMMA GENERICO: interface IxI2I{ int f(int x, int y);} class Add implements IxI2I { int f(int x, int y){return x+y;}} class Mul implements IxI2I { int f(int x, int y){return x*y;}} class Use {int apply(IxI2I p, int x, int y){return p.f(x,y);}} PROGRAMMA SPECIALIZZATO: aspect ZeroArgument { interface IxI2I_0 extends IxI2I{ int f_0(int x);} introduction Add { Implements IxI2I_0; int f_0(int x) {return x+0;} } introduction Mul { Implements IxI2I_0; int f_0(int x) {return x*0;} } introduction Use { int apply_0(IxI2I p, int x) {return ((IxI2I_0)p).f_0(x);} }

38 38 JSpec – Visitor Design Pattern Il visitor design pattern è un metodo per specificare un operazione in un elemento della struttura di un oggetto esternamente alla classe che implementa la struttura stessa. Nellesempio viene utilizzato per implementare delle operazioni su una semplice struttura ad albero binario.

39 39 JSpec – Visitor Design Pattern La classe Tree è la superclasse astratta della classe Leaf e Node. La classe TreeVisitor è la superclasse astratta dei visitor che operano nellalbero (nellesempio FoldBinOp ) Diagramma della classe:

40 40 JSpec – Visitor Design Pattern CODICE SORGENTE: class Client { int processTree (Tree t, TreeVisitor v) { return t.accept(v); } class Node extends Tree { … int accept(TreeVisitor v) { return v.visitNode(this); }} DIAGRAMMA DELLE ITERAZIONI: class FoldBinOp extends TreeVisitor { … int visitNode(Node n) { return this.op.eval( n.getLeft().accept(this), n.getRight().accept(this) ); }

41 41 JSpec – Visitor Design Pattern La classe specializzata FoldPlus dichiara che la specializzazione inizia nel metodo processTree della classe Client. La specializzazione semplifica i virtual dispatches dei metodi accept dentro alle classi node e leaf in chiamate dirette. Specclass FoldPlus specializes int processTree (Tree t, TreeVisitor v), Where v: FoldWithPlus; } Specclass FoldWithPlus specializes FoldBinOp { Op: Plus; }

42 42 JSpec – Visitor Design Pattern CODICE SPECIALIZZATO: aspect FoldPlus { introduction Client { … t.accept_bp() … } … introduction Node { int accept_bp(){ return this.left.accept_bp() + this.right.accept_bp(); }} } DIAGRAMMA DELLE ITERAZIONI SPECIALIZZATE :

43 43 JSpec – Visitor Design Pattern

44 44 Bibliografia U. P. Schultz, J. L. Lawall, C. Consell Automatic Program Specialization for Java ACM Transactions on Programming Languages and Systems, Vol. 25, N°4, p.p [July 2003] C. Consel, L. Hornof, J. Noyé, F. Noel, E.N. Volanschi A Uniform Approach for Compile-Time and Run-Time Specialization Research Report 2775, INRIA. [January 1996] G. Muller, U. P. Schultz Harissa: A hybrid approach to dynamic optimization in run-time specialization IEEE Software 16,2 p.p [March 1999]


Scaricare ppt "Specializzazione automatica di programmi per Java Pietro Cappellazzo, 809652 Alvise Costa, 810114."

Presentazioni simili


Annunci Google