La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PIANO PROVINCIALE PROGRAMMAZIONE RETE SCOLASTICA A.S. 2011/2012 PIANO PROVINCIALE PROGRAMMAZIONE RETE SCOLASTICA A.S. 2011/2012 Provincia di Ancona Settore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PIANO PROVINCIALE PROGRAMMAZIONE RETE SCOLASTICA A.S. 2011/2012 PIANO PROVINCIALE PROGRAMMAZIONE RETE SCOLASTICA A.S. 2011/2012 Provincia di Ancona Settore."— Transcript della presentazione:

1 PIANO PROVINCIALE PROGRAMMAZIONE RETE SCOLASTICA A.S. 2011/2012 PIANO PROVINCIALE PROGRAMMAZIONE RETE SCOLASTICA A.S. 2011/2012 Provincia di Ancona Settore III° Istruzione Formazione Rendicontazione e Lavoro ASSESSORE SISTEMA FORMATIVO: Maurizio Quercetti DIRIGENTE III SETTORE: Dr.ssa Meri Mengoni OTTOBRE 2010 Realizzazione: Dr. Burattini Riccardo

2 NORMATIVA ATTUALMENTE APPLICABILE – D.P.R. 223/1998 regolamento recante norme per il dimensionamento ottimale delle istituzioni scolastiche e per la determinazione degli organici funzionali dei singoli istituti; -D.I. 176/1997 Disposizioni riguardanti la riorganizzazione della rete scolastica; – DACR 128/2009 linee guida regionali; – DACR 9/2010 modifica alle linee guida regionali con possibilità di istituire nuovi indirizzi, opzioni e articolazioni;

3 NORMATIVA IN FASE DI DEFINIZIONE: – Regolamento volto a definire i criteri e parametri relativi al dimensionamento delle istituzioni autonome, previa intesa Conferenza Unificata, previsto dal D.P.R. 81/2009 (incerta la ripresa dei lavori in sede di Conferenza Stato- Regioni); – Schema regolamento Centri distruzione per gli adulti (ripresa discussione bozza in Senato); – Schema regolamento disposizione per razionalizzazione ed accorpamento classi di concorso (in fase di concertazione);

4 SENTENZA CORTE COSTITUZIONALE 200 DEL PRIVA DI FONDAMENTO IL D.P.R. 81/2009 CHE RINVIA A SUCCESSIVO REGOLAMENTO LA DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI DIMENSIONAMENTO, CHE DOVRANNO ESSERE APPROVATI IN SEDE DI ACCORDO STATO- REGIONI. SONO IPOTESI SU CUI ANCORA LE REGIONI NON SI SONO ACCORDATE COL GOVERNO, RICONDUCIBILI AL PIANO PROGRAMMATICO GELMINI, I SEGUENTI PARAMETRI: 1) SOPPRESSIONE PLESSI SOTTO I 50 ALUNNI; 2) SOPPRESSIONE SEDI DISTACCATE SECONDARIE SOTTO I 100 ALUNNI; 3) SOPPRESSIONE AUTONOMIE NON RIENTRANTI IN AREE MONTANE DA INTENDERSI COME QUELLE CON ALTITUDINE MEDIA PARI O SUPERIORE A 600 m

5 PARAGRAFI DELLA PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO PROVINCIALE: A:DIMENSIONAMENTOISTITUZIONI SCOLASTICHE PRIMO CICLO; B:DIMENSIONAMENTO ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME DEL SECONDO CICLO: -b.1Quadro sintetico attività procedurale scuole secondarie II grado; -b.2 Aggregazione di autonomie scolastiche e di sedi coordinate, sezioni staccate o succursali; -b.3 Indirizzi di studio, opzioni, articolazioni, piano IeFP; C:CENTRO PROVINCIALE ISTRUZIONE ADULTI

6 PARAGRAFO A: PRIMO CICLO I PLESSI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA PRIMO GRADO SONO NORMO-DIMENSIONATI AI SENSI DEL D.I. 176/97 (MENO DI 10 ALUNNI PER SEZIONE): NON RISULTANO PLESSI SEGNALATI DALLUSP DI ANCONA. LE SCUOLE DELLINFANZIA SONO NORMO-DIMENSIONATE E VANNO ESCLUSE DAI DIMENSIONAMENTI ANCHE ALLA LUCE DEL PIANO PROGRAMMATICO DEL GOVERNO (PAG. 9 PIANO PROGRAMMATICO GELMINI), IN QUANTO SERVIZIO TERRITORIALE CAPILLARMENTE DIFFUSO.

7 SEGUE: PARAGRAFO A: PRIMO CICLO - VIENE VARIATA LOFFERTA FORMATIVA DEI SEGUENTI ISTITUTI COMPRENSIVI: - I.C. POSATORA PIANO OVEST: indirizzo musicale secondaria di primo grado Podesti Ancona; - I.C. FALCONARA CENTRO: indirizzo musicale secondaria di primo grado C.G. Cesare; - La richiesta di riconoscimento classi di spagnolo dellI.C. di Falconara vede incompetente la Provincia di Ancona in quanto il riconoscimento degli organici è materia statale e la lingua spagnola è già attiva e non da istituire;

8 PARAGRAFO B.2: AUTONOMIE SECONDO CICLO POPOLAZIONE SCOLASTICA A.S POPOLAZIONE SCOLASTICA PROVINCIALE : ALUNNI DISTRIBUITI IN 970 CLASSI AMBITO FUNZIONALE DI ANCONA CON UNA POPOLAZIONE DI 9333 STUDENTI PARI A QUASI LA META DELLA POPOLAZIONE SCOLASTICA!

9 PARAGRAFO B.2: AUTONOMIE SECONDO CICLO DISTRIBUZIONE POPOLAZIONE SCOLASTICA LICEI TECNICI PROFESSIONALI A.S Riflessione: stabilità nei professionali malgrado la riforma ed incremento licei rispetto ai tecnici rispetto allo scorso anno

10 AMBITO DI ANCONA CON 9333 ALUNNI RIPARTIZIONE POPOLAZIONE SCOLASTICA

11 AMBITO DI SENIGALLIA: Ambito in cui manca lofferta tecnica come dimostra la ripartizione degli alunni (4397 alunni pari a ½ di Ancona)

12 AMBITO DI FABRIANO: Ambito più piccolo della Provincia con alunni pari ad 1/5 di Ancona

13 AMBITO DI JESI: 4501 alunni pari ad ½ di Ancona

14 Che cosa emerge dal report 2010 dellOsservatorio Regionale Turismo La provincia che accoglie un maggior numero di viaggiatori stranieri è Ancona (775 mila), seguita, seppur a distanza, da Pesaro Urbino (772 mila), prime anche per numero di pernottamenti (rispettivamente oltre 2 mila e più di mille). In termini di spesa effettuata dai viaggiatori stranieri, in pole position Ancona (168 milioni di euro); … Conferme anche sul versante della commercializzazione dellofferta turistica delle province, con Pesaro e Urbino e Ancona (entrambe dal 68,6% degli operatori che vendono le Marche) in testa alla graduatoria regionale e vendute in Europa, Stati Uniti e India, seguite da Macerata (59,6%). In coda Ascoli Piceno, con il 45,1% degli operatori.

15 PARAGRAFO B.2: AUTONOMIE SECONDO CICLO (dimensionamento in senso stretto) MANTENERE LAUTONOMIA AL LICEO ARTISTICO MANNUCCI RIENTRANTE NELLA DEROGA IN QUANTO SI APPLICA LART. 2, COMMA 8, DEL D.P.R. 233/98. MOTIVAZIONI: 1) Unica scuola articolata su tre ambiti territoriali (Ancona, Jesi, Fabriano); 2) Numero di alunni quasi vicino ai 500 nelle tre sedi; 3) La Provincia di Ancona è tra le più virtuose con una media di 808 alunni per autonomia scolastica rispetto a territori che non hanno attuato la normativa vigente;

16 Segue: paragrafo B.1.: mantenimento sede distaccata di Arcevia LA SEDE SECONDARIA DI ARCEVIA DELLIPSIA PADOVANO DI SENIGALLIA CON 87 ALUNNI RISULTA NORMO- DIMENSIONATA IN RIFERIMENTO AI PARAMETRI PREVISTI DAL D.I. 176/97 (TUTTE LE SEZIONI DEVONO AVERE MENO DI 20 ALUNNI PER ESSERE SOPPRESSE, MENTRE IN QUESTA SEDE VI E UNA SEZIONE CON PIU DI 20 ALUNNI)

17 Paragrafo B.3: che cosa sono indirizzi, articolazioni ed opzioni -GLI INDIZZI SONO PERCORSI QUINQUENNALI PREVISTI DAI NUOVI REGOLAMENTI CHE ESSENZIALIZZANO LOFFERTA FORMATIVA RIDUCENDO DRASTICAMENTE LE SPERIMENTAZIONI DELLORDINAMENTO PRECEDENTE -LE OPZIONI HANNO UN DUPLICE SIGNIFICATO: A) SONO QUADRI ORARIO DEI PERCORSI LICEALI (OPZIONE ECONOMICO SOCIALE LICEO SCIENZE UMANE E OPZIONE SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO); B) SONO ARTICOLAZIONI EXTRA REGOLAMENTARI CHE I TECNICI E I PROFESSIONALI POSSONO RICHIEDERE CON LA QUOTA DI FLESSIBILITA ED ANDRANNO INSERITE IN UN ELENCO NAZIONALE (opzione biotecnologie alimentari dellITAS Galilei e lopzione Carta dellItis Merloni)

18 Segue Paragrafo B.3: che cosa sono indirizzi, articolazioni ed opzioni LE ARTICOLAZIONI sono previste per i tecnici e professionali dai regolamenti e caratterizzano il secondo biennio (III e IV) con potenziamento alcune materie o previsione di materie diverse. Larticolazione Ottico ed Odontotecnico dei Servizi socio sanitari dei professionali invece parte dal I anno. Le articolazioni sono state alcune riconosciute per confluenza come i servizi informatici di Amministrazione finanza e marketing che riguardano la sperimentazione Mercurio.

19 Come la Provincia intende equilibrare lofferta formativa nei diversi ambiti funzionali in rapporto alle caratteristiche di ciascuno di questi!

20 AMBITO DI FABRIANO - Soddisfare il fabbisogno di servizi alle famiglie e alle persone riconoscendo larticolazione biotecnologie sanitarie allITIS Merloni a Fabriano e lindirizzo Servizi Socio Sanitari allIPSIA Padovano di Arcevia -Riconoscere lopzione economico sociale allo Stelluti che ha il liceo scienze umane per confluenza;

21 …segue: AMBITO DI FABRIANO riconoscere articolazione relazioni internazionali per il marketing allITCG Morea spingendo sullinternazionalizzazione delle imprese

22 AMBITO DI ANCONA Visto che si tratta di un bacino doppio e quintuplo rispetto agli altri prevedere le seguenti soluzioni: -opzione scienze applicate anche ai licei della città capoluogo di Regione; -Potenziare lofferta dei Servizi socio Sanitari con larticolazione odontotecnico presso il Podesti;

23 Segue: AMBITO DI ANCONA Istituire lindirizzo Grafica e comunicazione presso lI.I.S. Podesti Calzecchi Onesti indirizzo tecnico che manca in tre ambiti (Jesi, Ancona, Senigallia) consentendo di coprirne due in quanto lautonomia ha la sede anche a Chiaravalle

24 …segue: AMBITO DI ANCONA Valorizzare il Turismo che vede la Provincia di Ancona prima nelle Marche con due istituti turistici: in via principale presso lI.I.S. Einstein di Loreto che intercetta anche popolazione di Macerata ed ha un Master sul Turismo con lUniv di Macerata

25 …Segue: AMBITO DI ANCONA Valorizzare il Turismo che vede la Provincia di Ancona prima nelle Marche con due istituti turistici: - in via secondaria presso lI.I.S. Savoia Benincasa coprendo il fabbisogno della città Capoluogo con corsi universitari presso lUniv Politecnica (economia e commercio)

26 …Segue: AMBITO DI ANCONA RICONOSCERE AL PODESTI LA QUALIFICA ESTETISTA MOLTO RICHIESTA NELLAMBITO DI ANCONA E CHE NON PUO PIU PER LEGGE ESSERE SVOLTA DA ALTRI ISTITUTI TECNICI (PREVENZIONE DISPERSONE SCOLASTICA, NUOVI LABORATORI IN FASE DI REALIZZAZIONE)

27 AMBITO DI OSIMO-CASTELFIDARDO PER LA.S non attivare lopzione scienze applicate al Corridoni Campana per preservare lautonomia scolastica dellISIS di Osimo in quanto gli iscritti allopzione in questa autonomia ammontano alla metà della popolazione scolastica dellItis Meucci di Castelfidardo garantire lattuale equilibrio redistributivo tra le due autonomie considerando che il Corridoni- Campana è la scuola più grande del territorio

28 AMBITO DI FALCONARA Riconoscere lopzione scienze applicate per specializzare lofferta liceale come per gli altri comuni, eccetto Osimo Castelfidardo, non essendoci problemi di mantenimento dellautonomia in capo ad altre scuole

29 AMBITO DI SENIGALLIA Riconoscere lindirizzo Turismo al Panzini eccellenza del territorio e riequilibrare lofferta tecnologica in questo ambito da dove è assente riconoscendo gli indirizzi Meccanica meccatronica ed energia nonché Elettronica ed elettrotecnica al nuovo Istituto di Istruzione Superiore Padovano

30 AMBITO DI SENIGALLIA riconoscere larticolazione relazioni internazionali Marketing e geotecnico allITCG Corinaldesi specializzandone lofferta nellambito

31 AMBITO DI JESI Non attivare il sistema moda in quanto da Excelsior 2010 non risultano assunzioni a t.i. per lanno successivo (zero in valore assoluto).

32 AMBITO DI JESI Riconoscere lopzione biotecnologie alimentari dellI.I.S. Galilei di Jesi Mantenere lopzione economico sociale sia al Liceo che al Galilei anche a seguito della curvatura nelle materie fatta dal tecnico e vista la stabilità nelle richieste dei ragazzi che vanno indifferentemente nelle due scuole

33 Segue: paragrafo C: CENTRO PROVINCIALE ISTRUZIONE ADULTI CONFERMATA LISTITUZIONE DELLAUTONOMIA CON LA SOLA SEDE AMMINISTRATIVA PRESSO LI.I.S. PODESTI- CALZECCHI ONESTI DI ANCONA: ATTUALMENTE GLI STUDENTI SONO N. 554 PER LA.S. 2010/2011

34 LASSESSORATO E LU.O.S. ISTRUZIONE SI RINGRAZIA PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "PIANO PROVINCIALE PROGRAMMAZIONE RETE SCOLASTICA A.S. 2011/2012 PIANO PROVINCIALE PROGRAMMAZIONE RETE SCOLASTICA A.S. 2011/2012 Provincia di Ancona Settore."

Presentazioni simili


Annunci Google