La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Protezione Civile Settimana dellAmbiente Marzo 2013 Ing. Roberto Tonellato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Protezione Civile Settimana dellAmbiente Marzo 2013 Ing. Roberto Tonellato."— Transcript della presentazione:

1 La Protezione Civile Settimana dellAmbiente Marzo 2013 Ing. Roberto Tonellato

2 Parliamo di protezione civile: E istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare lintegrità della vita, i beni, gli insediamenti e lambiente dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi Legge 225/92 e s.m.i.

3 IL SERVIZIO NAZIONALE Non è una funzione demandata ad una sola Amministrazione, ma UN SISTEMA, nel quale intervengono tutte le forze pubbliche e private

4 SONO ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Art. 3 - L. 225/92 e s.m.i. PREVISIONE PREVENZIONE SOCCORSO SUPERAMENTO EMERGENZA

5 PREVISIONE Attività, svolte anche con il concorso di soggetti scientifici e tecnici competenti in materia, dirette allidentificazione degli scenari di rischio probabili e, ove possibile, al preannuncio, al monitoraggio, alla sorveglianza e alla vigilanza in tempoAttività, svolte anche con il concorso di soggetti scientifici e tecnici competenti in materia, dirette allidentificazione degli scenari di rischio probabili e, ove possibile, al preannuncio, al monitoraggio, alla sorveglianza e alla vigilanza in tempo reale degli eventi e dei conseguenti livelli di rischio attesi

6 PREVENZIONE Attività volte ad evitare o a ridurre al minimo la possibilità che si verifichino dei danni conseguenti ad eventi o calamità anche sulla base delle conoscenze acquisite per effetto delle attività di previsione

7 PREVENZIONE Attività non strutturali concernenti: - Allertamento - Pianificazione -Formazione -Diffusione della conoscenza - Informazione - Applicazione della normativa tecnica - Attività di esercitazione

8 SOCCORSO Attuazione degli interventi integrati e coordinati diretti ad assicurare alle popolazioni colpite dagli eventi ogni forma di prima assistenza

9 SUPERAMENTO DELLEMERGENZA Attuazione, coordinata con gli organi istituzionali competenti, delle iniziative necessarie ed indilazionabili volte a rimuovere gli ostacoli alla ripresa delle normali condizioni di vita

10 Principale Normativa Nazionale L. 225 / 1992: Istituzione del Servizio Nazionale della protezione civile L.100/ 2012: integrazione e modifiche della 225/92 D. Lgs. 112 / 1998 : Trasferimento di competenze alle Regioni ed EE.LL. L. 401 / 2001: Al DPC lattività di coordinamento D.P.R. 194 / 2001: Regolamento per la partecipazione delle Org. di Vol. alle attività di protezione civile

11 Ai fini dellattività protezione civile gli eventi si distinguono in - Eventi che possono essere fronteggiati da singoli Enti e Amministrazioni competenti - Eventi che richiedono il coordinamento di più Enti - Calamità naturali o connesse con lattività delluomo che in ragione della loro intensità ed estensione debbono, con immediatezza dintervento, essere fronteggiate con mezzi e poteri straordinari da impiegare durante limitati e predefiniti periodi di tempo (Legge 225/92 - art.2)

12 TIPOLOGIE DEGLI EVENTI NATURALI Sismico Vulcanico Idraulico Geologico …. ANTROPICI Chimico- Industriale Trasporti Cedimenti strutturali Batteriologico ….

13 Dichiarazione dello Stato di Emergenza Lo stato di emergenza può essere dichiarato anche nellimminenza e non solo al verificarsi di calamità naturali oppure connesse allattività delluomo che per intensità ed estensione devono essere fronteggiate con immediatezza di intervento con mezzi e poteri straordinari. La durata non può, di regola, superare i 90 giorni e può essere prorogata, di regola, per un massimo di 60 giorni.

14 I compiti della Regione Legge Reg. 58/84 e 17/98 (disciplina degli interventi in materia di P.C.) La Regione organizza la struttura interna con precisi compiti e attività; Prevede il concorso diretto degli Enti Locali (Comuni e Province); Promuove e valorizza lattività del volontariato ; Addotta sistemi di contribuzione e acquisto di materiali per Enti e Volontariato.

15 I compiti della Regione Legge Reg. 58/84 e 17/98 Integra la struttura regionale prevedendo il Co.R.Em. (coordinamento regionale di emergenza); Da una commissione tecnica regionale in materia di P.C., si passa al Comitato tecnico regionale di P.C.; Dagli elenchi del Volontariato, si passa allAlbo, che richiede una serie di requisiti e definisce le modalità di accesso.

16 I compiti della Regione Definisce il Sistema regionale di P.C. formato dai Comuni, Comunità Montane, Province, Org. di Vol; Riconosce la pianificazione in materia di P.C. e le prescrizioni in essa contenute, quale elemento vincolante per gli gli strumenti di pianificazione; Istituisce i Distretti di P.C. e Antincendio boschivo; Implementa il ruolo di Province, Comunità Montane, Comuni; Istituisce il fondo regionale di P.C. Legge Reg. 11/2001 (recepimento del D.Lgs. 112/98)

17 I Distretti di Protezione Civile DGR n.506/05 e DGR n.3936/06 Belluno: 9; Treviso: 5; Vicenza: 10; Venezia: 7; Padova: 13; Verona: 8; Rovigo: 6.

18 Azioni nei confronti dei distretti Regione ed Enti Locali Favorire lintegrazione delle attività di P.C. a livello di Distretto anche attraverso forme di convenzionamento tra EE.LL. e Volontariato; Programmare le necessità di risorse, i finanziamenti di mezzi e dotazioni e le azioni di formazione tenendo conto delle attività di Distretto; Proporre esercitazioni e manifesta-zioni sulla base di scenari che coinvolgano almeno il Distretto interessato, operando con coordinamenti a scala di Distretto; Sviluppare le propria pianificazione nellambito delle problematiche di Distretto;

19 I compiti della Regione Un sistema fondato su integrazione e sussidiarietà; La precisazione di un ruolo attivo sia nella pianificazione che in emergenza; Rapporti più efficaci con gli altri enti; Adeguamento della Struttura in relazione al ruolo e agli obblighi conseguenti; Programmazione – pianificazione ed emergenza – linee guida e direttive;

20 Linee Guida Regionali Pianificazione comunale Pianificazione provinciale di emergenza Pianificazione urgente di emergenza Formazione Simulazioni di emergenza Simbologia unificata Modulistica di emergenza Dispositivi di Protezione Individuale

21 Il Co.R.Em. Interfaccia tra il Sistema di Protezione Civile della Regione del Veneto e gli altri soggetti del Servizio Nazionale di Protezione Civile. Acquisizione ed aggiornamento dati; Collegamenti telefonici, telematici, radio, altro; Attrezzature per il trattamento, la condivisione e lelaborazione dei dati necessari per i processi decisionali

22 Il Centro Funzionale Decentrato Uno strumento per la gestione e monitoraggio delle emergenze ARPAV Raccoglie, concentra, elabora, archivia e valuta i dati di tipo motereologico e idropluviometrico ARPAV e Difesa del Suolo Interpreta nonché utilizza i dati, per elaborare gli scenari degli effetti Co.R.Em. Gestisce operativamente il Sistema di Protezione Civile regionale Obiettivo: Fornire un servizio quotidiano di analisi del rischio idrogeologico ed idraulico La Direttiva PCM 27 febbraio 2004, organizza il CFD in tre aree:

23 Il sistema di allertamento Procedure Centro Funzionale Decentrato della Regione Veneto CO.R.EM Architettura di Allertamento Regionale di Protezione Civile - Flusso informativo Strutture del Sistema Regionale di Protezione Civile Comuni interessatiProvince U.T.G. (Uffici Territoriali del Governo) C.F.D. (altre regioni) C.F.C. D.P.C. - Roma

24 Il territorio veneto Distribuzione dei fenomeni franosi nel territorio Veneto P1 - moderata P2 - media P3 - elevata P4 - molto elevata Piani di Assetto Idrogeologico. Punti rappresentativi delle aree di Pericolosità Geologica

25 Il territorio veneto Distribuzione dei fenomeni franosi nel territorio Veneto Progetto IFFI (agg. agosto 2006) Punti rappresentativi dei fenomeni franosi

26 Suddivisione della Regione del Veneto nei suoi bacini idrografici. Po Adige Brenta-Bachiglione Piave Livenza Tagliamento Fissero-Tartaro-Canalbianco Lemene Bacini di rilievo Nazionale dei fiumi Bacini di rilievo Interregionale dei fiumi Laguna di Venezia Sile Pianura tra Piave e Livemza Bacini di rilievo Regionale dei fiumi

27 Classificazione sismica del territorio dei Comuni del Veneto Ordinanza n del 20 marzo 2003

28 Come diventare volontario di Protezione Civile Contatta gli Uffici Regionali e Provinciali di Protezione Civile o il Gruppo Comunale, ovvero lAssociazione di Protezione del tuo Comune e chiedi informazioni per liscrizione come volontario.

29 Come diventare volontario di Protezione Civile Contatta la Struttura di Protezione Civile della Regione del Veneto 041/ Presidenza della Regione del Veneto Unità di Protezione Civile

30 Come contattare la Protezione Civile del Veneto in caso di Emergenza Numero verde h24.


Scaricare ppt "La Protezione Civile Settimana dellAmbiente Marzo 2013 Ing. Roberto Tonellato."

Presentazioni simili


Annunci Google