La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Giornata della memoria 11-13.3.2008 Son morto ch'ero bambino son morto con altri cento passato per un camino e ora sono nel vento. Auschwitz Auschwitz.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Giornata della memoria 11-13.3.2008 Son morto ch'ero bambino son morto con altri cento passato per un camino e ora sono nel vento. Auschwitz Auschwitz."— Transcript della presentazione:

1 La Giornata della memoria Son morto ch'ero bambino son morto con altri cento passato per un camino e ora sono nel vento. Auschwitz Auschwitz di Francesco Guccini (1964) Auschwitz

2 Endlösung der Judenfrage Art. 7 del Protocollo di Wannsee Unter entsprechender Leitung sollen nun im Zuge derUnter entsprechender Leitung sollen nun im Zuge der Endlösung die Juden in geeigneter Weise im Osten zum Arbeitseinsatz kommen. In großen Arbeitskolonnen, unter Trennung der Geschlechter, werden die arbeitsfähigen Juden straßenbauend in diese Gebiete geführt, wobei zweifellos ein Großteil durch natürliche Verminderung ausfallen wird. Wannsee (presso Berlino), 20 gennaio 1942

3 Introduzione - I Che senso dare a questa giornata di commemorazione? È molto difficile rispondere a questa domanda, perché dare Un senso a tutto ciò che essa rappresenta è molto, forse troppo, difficile. Il nostro intento è dunque unicamente quello di stimolare una riflessione, dedicando alcuni istanti della nostra vita, (…)

4 Introduzione - II (…) ad una riflessione sulluomo e la sua natura. Un uomo che è sia capace dei più grandi slanci di generosità, sia delle più infime bassezze. Una dualità, dunque, che lo pone tra la luce ed il buio, il genio e la pazzia, la divinità e labisso degli inferi.

5 Introduzione - III Questo stimolo è la meta che ci prefissiamo per onorare la giornata mondiale della memoria (27 gennaio), prendendo contemporaneamente coscienza del passato tramite la visione del DVD (per non dimenticare), e -soprattutto- riflettendo sul presente DVD (per non dimenticare), e -soprattutto- riflettendo sul presente (per non più potersi giustificare: io non sapevo) mediante una discussione su alcune problematiche purtroppo ancora oggi attuali, quali genocidio, pulizia etnica e sterminio … Ad Auschwitz c'era la neve e il fumo saliva lento nel freddo giorno dinverno e adesso sono nel vento.

6 Ti chiederai come finisce la storia che ti ho narrato: è bene che tu sappia che non finisce e che questo è uno dei motivi per cui te lho raccontataTi chiederai come finisce la storia che ti ho narrato: è bene che tu sappia che non finisce e che questo è uno dei motivi per cui te lho raccontata Aldo Zargani Per violino solo. La mia infanzia nellAldiquà , Società editrice il Mulino, Bologna, 1995, p. 235.

7 Shoah, di Claude Lanzmann (1985) Genere: Documentario. Genere: Documentario. Paese: Francia. Paese: Francia. Produzione: Historia, Produzione: Historia, Les Films Aleph e Ministère Les Films Aleph e Ministère de la Culture de la République de la Culture de la République Française. Française. Durata: 9H 30min. Durata: 9H 30min.

8 Visione del DVD - Particolarità Nel corso di questo momento vedremo unicamente alcune sequenze scelte. È un documentario in cui gli attori, rispettivamente vittime e carnefici, sono tutti protagonisti degli eventi e testimoni storici. Nellaudiovisivo non è stato inserito alcun fotogramma darchivio. Ad Auschwitz tante persone ma un solo grande silenzio ma un solo grande silenzio è strano non ho imparato a sorridere qui nel vento.

9 Estratti - I Franz Suchomel (Krumar, 1907) SS-Unterscharführer (caporale SS) SS-Unterscharführer (caporale SS) Abraham Bomba (Germania, 1913 ma cresciuto a Czestochowa, Polonia) Parrucchiere nelle camere a gas (Treblinka) Parrucchiere nelle camere a gas (Treblinka) Io chiedo come può un uomo uccidere un suo fratello eppure siamo a milioni in polvere qui nel vento.

10 Estratti - II Rudolf Vrba (Topolcany, Cecoslovacchia Vancouver BC, Canada, ) Deportato ebreo fuggito da Auschwitz, co-redattore di Deportato ebreo fuggito da Auschwitz, co-redattore di uno dei primi rapporti che descrivono la realtà dello uno dei primi rapporti che descrivono la realtà dello sterminio degli ebrei su scala industriale. sterminio degli ebrei su scala industriale.

11 Estratti - III Filip Müller (Sered, Cecoslovacchia, 1922) Ebreo, uno dei pochi superstiti di un Ebreo, uno dei pochi superstiti di un Sonderkommando di Auschwitz/Oswiecim) Sonderkommando di Auschwitz/Oswiecim) Ma ancora tuona il cannone ancora non è contenta ancora non è contenta di sangue la bestia umana e ancora ci porta il vento.

12 Estratti - IV Walter Stier Ex capo dellUfficio 33, pianificazione Ex capo dellUfficio 33, pianificazione traffico ferroviario della Direzione traffico ferroviario della Direzione generale -GEDOB- della Reichsbahn generale -GEDOB- della Reichsbahn per lEuropa dellEst - Sezione Urali) per lEuropa dellEst - Sezione Urali)

13 Estratti - V Jan Karski (Lodz, Polonia Washington D.C., USA ) Ufficiale di collegamento della resistenza polacca. Ufficiale di collegamento della resistenza polacca. Informa gli alleati delle condizioni del Ghetto di Varsavia Informa gli alleati delle condizioni del Ghetto di Varsavia e dellesistenza dei campi di sterminio. e dellesistenza dei campi di sterminio.

14 Treblinka Treblinka è un piccolo villaggio posto lungo l'asse ferroviario Varsavia-Bialystok e situato a circa 50 km a nord-est di Varsavia. Nel 1941 i tedeschi vi crearono un campo di lavoro per polacchi ed ebrei destinati a costruire fossati anticarro e ad estrarre materiali da costruzione.

15 Treblinka Nel 1942 venne edificato il campo di sterminio che, insieme a Belzec e Sobibor, era destinato a far parte della cosiddetta Aktion Reinhard, l'operazione di eliminazione di due milioni ( ) di ebrei concentrati nel Governatorato Generale.

16 Treblinka Il campo, disegnato e progettato da Richard Thomalla, ricalca gli altri due campi gemelli di Sobibor e Belzec: rettangolare, piccolo (400 metri per 600), unicamente destinato allo sterminio di massa. Una doppia linea di reticolato elettrificato impediva i tentativi di fuga e diverse torrette di guardia alte otto metri ospitavano guardie armate. Il campo era diviso in tre aree.

17 Treblinka Un'area era destinata all'accoglienza dei deportati che venivano fatti scendere dai treni, alla loro svestizione ed al sequestro dei beni di valore. Io chiedo quando sarà che un uomo potrà imparare a vivere senza ammazzare e il vento si poserà.

18 Treblinka Una seconda area era destinata allo sterminio vero e proprio. Si trattava di uno spazio di 200 metri per 250 completamente chiuso dal filo spinato e separato dal resto del campo nel quale erano state costruite tre camere a gas di dimensioni piuttosto piccole, circa 4 metri per 4.

19 Treblinka Collegate a queste stanze ve ne era una quarta che ospitava un grande motore diesel che produceva il monossido di carbonio. Il gas veniva pompato nelle stanze per asfissiarvi le persone attraverso dei tubi che portavano a rubinetti per doccia. A circa 150 metri dalle camere a gas vi erano delle fosse per il seppellimento. I prigionieri dall'area di Accoglienza raggiungevano l'area di sterminio attraverso un passaggio assai stretto detto "Il Tubo".

20 Treblinka Infine una terza area del campo era destinata agli alloggiamenti delle guardie ucraine e alle SS. Vi erano diversi baraccamenti destinati ai pochi ebrei da lavoro impiegati nel campo.

21 Treblinka Il personale nazista presente nel campo era costituito da circa 30 SS che avevano, per la maggior parte, maturato una esperienza di morte nel piano di eutanasia sviluppato in Germania per l'eliminazione dei disabili fisici e mentali e degli incurabili. A questi si aggiungevano circa 120 guardie ucraine. Si trattava di prigionieri di guerra ex-sovietici addestrati nel campo scuola di Trawniki in Polonia per compiti di sorveglianza dei prigionieri.

22 Piano del Campo di sterminio di Treblinka 1. Binario ferroviario interno 2. Magazzino per i beni sequestrati mascherato da stazione 3. Area di "accoglienza" 4. Latrina 5. Garitta per la guardia 6. Lazarett 7. Fossa per i deceduti durante il trasporto 8. Ingresso principale 9. Baracca per le donne (spogliatoio e taglio dei capelli) 10. Baracca per gli uomini (spogliatoio) 11. Nuove camere a gas (10 in tutto) 12. Vecchie camere a gas (3 in tutto) 13. Alloggiamenti dei prigionieri 14. Le graticole per la cremazione 15. Fosse comuni 16. Garitta di guardia 17. Alloggiamenti delle SS 18. Spaccio e pompa di benzina 19. Garage 20. Entrata all'area di accoglienza 21. Latrina 22. Panetteria 23. Alloggiamenti delle domestiche ucraine e polacche 24. Servizi per le SS: dentista, barbiere, infermeria 25. Alloggiamento del comandante 26. Alloggiamenti degli Ucraini e latrine 27. Baracca degli orafi ebrei 28. Zoo 29. Piazza dell'appello 30. Alloggiamenti e servizi per i prigionieri 31. Alloggiamenti e lavanderia per i prigionieri 32. Latrine 33. Area coltivata

23 LEuropa dei KZ e VL ( )

24 Perché la Storia insegna poco A chi non sa o non vuole ascoltare … Darfur, Ruanda, Cecenia, Palestina, Birmania, Pakistan, Kenya … Ancora tuona il cannone ancora non è contento saremo sempre a milioni in polvere qui nel vento.

25 FINE (?) (…), a Treblinka furono soppressi almeno ebrei almeno ebrei Si calcola che la soluzione finale, che gli ebreiSi calcola che la soluzione finale, che gli ebrei chiamarono shoah (sterminio), abbia provocato la morte di cinque-sei milioni di ebrei

26 Links consigliati cMVIuG&b= cMVIuG&b=358201


Scaricare ppt "La Giornata della memoria 11-13.3.2008 Son morto ch'ero bambino son morto con altri cento passato per un camino e ora sono nel vento. Auschwitz Auschwitz."

Presentazioni simili


Annunci Google