La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Convegno regionale RLS FILCAMS-FISASCAT-UILTUCS Milano, 27 novembre 2012 Lavoratrici e lavoratori di commercio terziario turismo e servizi riusciranno.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Convegno regionale RLS FILCAMS-FISASCAT-UILTUCS Milano, 27 novembre 2012 Lavoratrici e lavoratori di commercio terziario turismo e servizi riusciranno."— Transcript della presentazione:

1 Convegno regionale RLS FILCAMS-FISASCAT-UILTUCS Milano, 27 novembre 2012 Lavoratrici e lavoratori di commercio terziario turismo e servizi riusciranno a svolgere il proprio lavoro tra 20 anni? Dr. PG Barbieri Servizio PSAL

2 sommario Perché una indagine conoscitiva sulla grande distribuzione commerciale Metodi e risultati degli interventi di vigilanza Metodi e risultati dellindagine sanitaria su un campione di addetti alle casse e rifornimenti di 3 punti vendita

3 Obiettivi generali su infortuni e malattie: Mantenere il trend in riduzione degli infortuni mortali ed invalidanti (eventi con inabilità temporanea sup a 40 gg e con postumi => al 25% DB) nellottica della riduzione del 15% nel periodo Contenere le malattie professionali favorendo nel contempo lemersione delle stesse, mantenendo il trend di incremento del 3% annuo Piano Regionale per la Promozione della Sicurezza e Salute negli Ambienti di Lavoro

4 La programmazione degli interventi di prevenzione deve : Radicarsi nel contesto produttivo della ASL Rispondere ai principi di graduazione del rischio Tendere a superare il limite della disponibilità delle sole statistiche infortuni Attivare azioni preventive mirate, sia tecniche che comunicative

5 1994. Tra 56 cassiere esaminate 23% con STC. Suggeriti interventi ergonomici per ridurre il rischio di malattie muscoloscheletriche

6 Perché unindagine conoscitiva. 1994: 1. segnalati rischi da sovraccarico biomeccanico degli arti superiori e della colonna vertebrale 2. evidenziati danni ai lavoratori esposti 3.richiesti interventi di prevenzione

7 1996. Esaminate 100 cassiere di supermercato: 74% con disturbi agli arti superiori 33 casi con diagnosi di UL- WMSDs (>% al polso) Suggerita mansione con > tempi di recupero

8 2004. Contributo del Servizio PSAL della ULSS di Verona Indagine sanitaria su 103 cassieri, di cui 29 con disturbi. Conclusione: prevalenza di patologie doppia rispetto alla popolazione generale

9 2004. Contributo del Servizio PSAL della ULSS di Verona

10 2004. Contributo del Servizio PSAL della ULSS di Verona

11 2005. Prevalenza della STC maggiore nelle cassiere rispetto alle insegnanti (gruppo di controllo). Rischio maggiore per il tempo pieno. Correlazione tra comparsa dei disturbi e entità dellesposizione lavorativa

12 2005. Valutazione del CEMOC/EPM su addetti alle casse

13 Linee guida SIMLII 2003 ed aggiornamento 2006 Contenuto (pertinente alla VR): 1.Valutazione del rischio da SB AS, primo e secondo livello 2.Nuovi punteggi OCRA e Check-list OCRA 3.VR sec. Standard stato di Washington e sec. RULA 4.Check-list di Torino 5.VR per lavorazioni non continuative

14 Lavorazioni e modalità operative che possono determinare un rischio

15 2007. Lintensa attività manuale con scarso tempo di recupero può aver generato STC in proporzione crescente con la durata dellimpegno manuale. Il rischio per gli addetti part-time non risulta significativamente maggiore rispetto al gruppo di controllo

16 2010. Indagine clinica su 56 cassiere. 57% con disturbi soggettivi, 32% affetti da STC (77% dei casi STC bilaterale). Necessari interventi di prevenzione ergonomica.

17 LINEE GUIDA REGIONE LOMBARDIA aprile 2009: aggiornamento delle precedenti LLGG 2003

18 Linee Guida Regione Lombardia per la prevenzione delle patologie muscolo- scheletriche connesse con movimenti e sforzi ripetuti degli arti superiori. (Aggiornamento 2009)

19

20

21 – ASL Brescia. Programmazione e attuazione delle attività di controllo 2011 Criteri per la selezione dei settori lavorativi a scelta Scarsa attenzione alle problematiche di igiene del lavoro e alla prevenzione delle malattie da lavoro Maggiore rilevanza dei rischi per la salute vs sicurezza Sorveglianza sanitaria non estensiva ed accurata Sottonotifica delle malattie da lavoro

22 Grande distribuzione commerciale. Principali aspetti oggetto di controllo Valutazione dei rischi da sovraccarico biomeccanico, in particolare degli arti superiori Realizzazione di misure di prevenzione tecnica, organizzativa e procedurale Formazione dei lavoratori e dei RLS Sorveglianza sanitaria

23 Grande distribuzione commerciale. Sintesi dei controlli effettuati 11 gruppi commerciali, 22 punti vendita totali Controllo estensivo negli ipermercati e supermercati di maggiori dimensioni; controlli su coppie di piccoli supermercati (a campione) Addetti totali: circa1.200 (nelle 22 strutture)

24 Grande distribuzione commerciale. Risultati preliminari: valutazione del rischio VR da sovraccarico biomeccanico inadeguate in 17/21 strutture a causa di: 1. inadeguata analisi dellorganizzazione del lavoro; 2. errata analisi e stima dei tempi di lavoro ripetitivo vs non ripetitivo; 3. non considerazione del rischio differenziato per diversi compiti lavorativi (cassa e rifornimenti); 4. applicazione di risultati di una VR a tutti i punti vendita senza preliminare contestualizzazione

25 Grande distribuzione commerciale. Risultati preliminari: misure di prevenzione Misure di prevenzione carenti in 21/21 strutture, a causa di: 1.Carente ergonomia di cassa Lettore ottico Banco di lavoro 2.Scarsa rotazione degli addetti alle casse 3.Scarse pause di recupero

26 Grande distribuzione commerciale. Risultati preliminari: informazione e formazione Informazione in fase preventiva generica Formazione periodica carente, non mirata e non progettata con criteri adeguati Formazione non aggiornata per cambio di mansione

27 Grande distribuzione commerciale. Risultati preliminari: sorveglianza sanitaria In alcuni supermercati garantita solo la SS preventiva e a richiesta del lavoratore SS in tutti i supermercati non ancorata alla VR SS per esposti a MRAS senza rispetto del protocollo diagnostico suggerito dalle LLGG Non approfondimenti clinici per lavoratori con disturbi soggettivi Presenti patologie MS non considerate come di possibile origine o concausa professionale

28 Grande distribuzione commerciale. Risultati indagine sanitaria a cura dello SPSAL 173 lavoratori esaminati (> 3 anni anzianità lavor.) 111 affetti da disturbi compatibili con UL-WMSDs 51 indagini cliniche (20 aa anzianità, 2/3 part-time) 30 lavoratori affetti da UL-WMSDs (59%) 43 patologie totali: 13 STC, 13 tendiniti mano e 17 tendiniti spalle

29 conclusioni Medico competente: non segnalate possibili patologie lavoro-correlate pregresse e non sottoposti i lavoratori con disturbi a SS mirata Imprese: tardiva applicazione delle misure di prevenzione del rischio e di formazione degli addetti Servizi PSAL: necessità di approcci omogenei alla vigilanza sul settore

30 Grazie per lo sforzo di attenzione ……..


Scaricare ppt "Convegno regionale RLS FILCAMS-FISASCAT-UILTUCS Milano, 27 novembre 2012 Lavoratrici e lavoratori di commercio terziario turismo e servizi riusciranno."

Presentazioni simili


Annunci Google