La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le Associazioni di Promozione Sociale Le attività pubbliche delle APS - Autorizzazioni Relatore Catellani Daniele Vice-Presidente Arci Progetto Assieme.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le Associazioni di Promozione Sociale Le attività pubbliche delle APS - Autorizzazioni Relatore Catellani Daniele Vice-Presidente Arci Progetto Assieme."— Transcript della presentazione:

1 Le Associazioni di Promozione Sociale Le attività pubbliche delle APS - Autorizzazioni Relatore Catellani Daniele Vice-Presidente Arci Progetto Assieme Web: Tel: Casalgrande 19 novembre 2011

2 Temi trattati Attività di somministrazione: cene, pranzi etc… Aspetti amministrativi (permessi, autorizzazioni, licenze etcc) intrattenimento e spettacoli: Teatro, musica etc Manifestazioni di sorte: Tombole, lotterie – Caratteristiche e permessi Aspetti Fiscali – Raccolte pubbliche di fondi – Erogazioni liberali – Attività commerciali Marginali

3 Attività di somministrazione Qualunque attività che comporta la preparazione, la manipolazione e la vendita di alimenti e bevande al pubblico deve essere autorizzata dal comune competente per territorio.

4 Attività di somministrazione La Legge Regionale n. 14/2003 prevede la possibilità per i comuni di rilasciare licenze pubbliche temporanee e stagionali. Le prime possono essere rilasciate per un numero massimo di 59 giorni Le Seconde sono limitate fino a 240 gg

5 Attività di somministrazione I requisiti Requisiti Morali del Richiedente Requisiti professionali Requisiti Igienici Sanitari

6 Particolari Manifestazioni Per lo svolgimento di particolari manifestazioni (religioso, politico, benefico, solidaristico, sociale) sono richiesti solamente i requisiti igienico sanitari del luogo e i requisiti morali del richiedente

7 La modulistica Notifica OSA allUSL ((con determina 9223/08 è stata abolita la DIA) Richiesta licenza pubblica temporanea Allegati: Certificati antimafia e penali, copia attestato req. Professionali (REC) se necessari, dichiarazione Haccp

8 La notifica La notifica è la comunicazione attestante lattività nel rispetto dei requisiti generali e specifici richiesti dalla normativa comunitaria applicabile nel settore alimentare

9 La metodologia passata La DIA Sanitaria sensi art. 6 reg. CE 852/2004 e della circolare della Regione Emilia-Romagna prot del Quadro A (DIA semplice): Fiere, Festival, Sagre popolari di durata inferiore o uguale a 3 giorni e senza linstallazione di attrezzature per la produzione di pasti La DIA deve essere presentata almeno 10 gg prima dellinizio della manifestazione Quadro B (DIA differita) Fiere, Festival, sagre popolari di durata superiore ai 3 giorni o con linstallazione di attrezzature per la produzione di pasti La DIA deve essere presentata almeno 30 giorni prima dellinizio della manifestazione

10 Gli allegati alla notifica 3 planimetrie con layout/descrizione delle attrezzature a firma di tecnico abilitato o del responsabile della manifestazione 3 relazioni tecniche on descrizione sommaria dei cicli produttivi Gli organizzatori dovranno inoltre tenere a disposizione degli organi di controllo: Piano di autocontrollo HACCP La procedura di rintracciabilità

11 Notifica Sanitaria La notifica dovrà essere presentata presso le segreterie delle sedi distrettuali del dipartimento di sanità pubblica. Possibilità di inoltro della notifica anche tramite posta. Entro 3 gg lavorativi il DSP dovrà inoltrare la registrazione allOSA.

12 Gli adempimenti dellAzienda USL DSP Verificare la correttezza formale della dichiarazione e degli allegati Rilasciare copia timbrata per ricevuta della notifica (comprensiva di allegati) Inserire/aggiornare lanagrafe Inviare copia della notifica Al comune di Competenza (SUAP) Programmare lattività di controllo ufficiale

13 La procedura 1. Notifica USL 2. Richiesta Autorizzazione Ufficio Polizia Amministrativa Comune 3. Rilascio licenza somministrazione

14 Attività dintrattenimento Le attività di intrattenimento al pubblico devono essere autorizzate dal comune. La possibilità o meno di effettuare tale tipo di attività è sostanzialmente legata allagibilità del luogo.

15 Attività dintrattenimento Agibilità Strettamente legata allautorizzazione (la cosiddetta licenza) per svolgere una determinata attività vi è lidoneità del luogo a svolgere quel tipo di attività. Si suole parlare a questo proposito di agibilità, vale a dire di un documento che attesti lidoneità di quel luogo a svolgere una determinata attività

16 Attività dintrattenimento Agibilità Fino a 100 persone: Nel caso di intrattenimento in aree esterne, e di capienza inferiore ai 100 posti il certificato di agibilità viene sostituito da un autocertificazione

17 Attività dintrattenimento Agibilità Oltre 100 persone: 1. Richiesta di parere di conformità ai vigili del fuoco (almeno 40 giorni prima) 2. Richiesta sopraluogo commissione pubblico spettacolo 3. Rilascio agibilità

18 Attività dintrattenimento Cosa occorre fare 1. Richiedere Certificato di Agibilità 2. Nel caso di utilizzo di spazio pubblico, richiesta occupazione suolo 3. Richiedere licenza Pubblico spettacolo 4. Richiesta permesso Siae

19 SIAE Società Italiana degli autori ed editori La Società Italiana degli Autori ed Editori (SIAE) è un ente pubblico economico a base associativa, preposto alla protezione e all'esercizio dei diritti d'autore

20 I compiti concedere licenze e autorizzazioni per lo sfruttamento economico di opere, per conto e nell'interesse degli aventi diritto percepire i proventi derivanti dalle licenze/autorizzazioni ripartire i proventi tra gli aventi diritto.

21 Il diritto dautore Le pubbliche esecuzioni sono soggette al diritto dautore sia che esse siano effettuate dietro pagamento da parte del pubblico che gratuitamente

22 Spettacoli Nello spettacolo il pubblico ha un ruolo passivo Esempi: Concerti, festival, rassegne musicali, esecuzioni di bande e di cori, gli spettacoli teatrali, di balletto, gli spettacoli circensi e le proiezioni cinematografiche. Laliquota del diritto dautore è pari al 10% sugli introiti conseguiti dagli organizzatori dello spettacolo, inclusi gli eventuali proventi dalla pubblicità, dagli sponsor dalle contribuzioni se collegati allevento NB: in caso lorganizzatore non abbia introiti di nessun genere vengono applicati compensi minimi in cifra fissa

23 Intrattenimenti Il pubblico ha un ruolo di partecipazione e la musica è un elemento accessorio Esempi: ballo, piano bar Laliquota del diritto dautore è pari al 10%

24 Imposta sugli intrattenimenti Sulle esecuzioni musicali di qualsiasi genere a esclusione dei concerti vocali e strumentali, e trattamento danzanti deve essere versata limposta sugli intrattenimenti pari al 16% quando lesecuzione di musica dal vivo sia di durata inferiore al 50% della durata della serata.

25 Gli obblighi SIAE dellorganizzatore Richiesta del permesso SIAE Consegna entro 5 gg dallesecuzione del programma musicale Compilazione della dichiarazione dincasso Versamento del diritto dautore

26 Manifestazione di sorte Locali D.P.R. 26 ottobre 2001, n. 430 Il decreto ribadire il divieto generale allo svolgimento di tale tipo di manifestazioni, consentendo alcune eccezzioni

27 Le Eccezzioni a)le lotterie, le tombole e le pesche o banchi di beneficenza, promossi da enti morali, associazioni e comitati senza fini di lucro, aventi scopi assistenziali, culturali, ricreativi e sportivi disciplinati dagli articoli 14 e seguenti del codice civile, e dalle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) di cui all'articolo 10, del decreto legislativo 460/1997, se dette manifestazioni sono necessarie per far fronte alle esigenze finanziarie degli enti stessi; b) le lotterie, le tombole e le pesche o banchi di beneficenza, organizzate dai partiti o movimenti politici di cui alla legge 2 gennaio 1997, n. 2, purché svolte nell'ambito di manifestazioni locali organizzate dagli stessi. In caso di svolgimento al di fuori delle dette manifestazioni locali si applicano le disposizioni previste per i soggetti di cui alla lettera a); c) le tombole effettuate in ambito familiare e privato, organizzate per fini prettamente ludici.

28 Le lotterie Art. 13 comma2 lettera a) Definizione La lotteria è quella manifestazione effettuata con la vendita di biglietti staccati da registri a matrice, concorrenti a uno o più premi secondo lordine di estrazione. Limiti I biglietti possono essere venduti solo sul territorio provinciale Lincasso totale della vendita non può superare ,69 I biglietti dovranno essere contrassegnati da serie e numerazioni progressive

29 Tombole Art. 13 comma 2 lettera b) Definizione manifestazione effettuata con l utilizzo di cartelle portanti una data quantità di numeri, dall 1 al 90, con premi assegnati alle cartelle nelle quali, allestrazione dei numeri, per prime si sono verificate le combinazioni stabilite Limiti La vendita delle cartelle deve essere limitata al territorio del comune ove avviene lestrazione ed ai comuni limitrofi Le cartelle devono essere contrassegnate da numero progressivo e serie I premi posti in palio non devono superare complessivamente ,42

30 Pesche e banchi di beneficenza Art. 13 comma 2 lettera c) Definizione manifestazioni di sorte effettuate con vendita di biglietti, una parte dei quali è abbinata ai premi in palio Limiti La vendita dei biglietti è limitata al territorio comunale Il ricavato non deve eccedere ,69

31 I premi i premi delle pesche o banchi di beneficenza, nonché quelli delle lotterie potranno consistere esclusivamente in servizi e in beni mobili, esclusi il denaro, i titoli pubblici e privati, i valori bancari,le carte di credito e i metalli preziosi.

32 Le autorizzazioni 1. Monopoli di Stato Comunicazione in carta libera con indicate: le finalità della manifestazione Lambito territoriale Il numero e limporto dei biglietti 2. Comune e prefetto Almeno 30 giorni prima deve essere inviata comunicazione al sindaco ed al prefetto. A tale comunicazione va allegato---

33 Allegati per le lotterie il regolamento con indicati la quantità e la natura dei premi, la quantità e il prezzo dei biglietti da vendere, il luogo in cui vengono esposti i premi, il luogo e il tempo fissati per l estrazione e la consegna dei premi ai vincitori; per le tombole oltre al regolamento con la specificazione dei premi e con l indicazione del prezzo di ciascuna cartella, viene richiesto il deposito della documentazione comprovante l avvenuto versamento di una cauzione in misura pari al valore complessivo dei premi promessi, determinato in base al loro prezzo di acquisto o, in mancanza, al valore normale degli stessi. La cauzione è prestata in favore del Comune nel cui territorio si svolge la tombola e dovrà avere scadenza non inferiore a tre mesi dalla data di estrazione. Dovrà essere prestata mediante deposito in denaro o in titoli di Stato o mediante fideiussione bancaria o assicurativa; per le pesche o i banchi di beneficenza sarà sufficiente indicare nella comunicazione di svolgimento il numero dei biglietti che si intende emettere e il relativo prezzo

34 Manifestazioni di sorte Le imposte IVA Gli importi pagati dai partecipanti a Tombole, Pesche di beneficienza e lotteria sono esclusi da IVA (art. 2 co 3lett. A DPR 633/72 Imposte dirette ed IRAP Sono esclusi dal campo delle imposte sui redditi ed IRAP nel caso questi fondi siano pervenuti alle associazioni a seguito di raccolte pubbliche di fondi In questo caso è dovuta solamente la ritenuta del 10% dei valore dei premi

35 Raccolte Pubbliche di fondi

36 Le Raccolte di Fondi Art. 143 Tuir Non concorrono in ogni caso alla formazione del reddito degli enti non commerciali di cui alla lettera c) del comma 1 dell'articolo 73: i fondi pervenuti ai predetti enti a seguito di raccolte pubbliche effettuate occasionalmente, anche mediante offerte di beni di modico valore o di servizi ai sovventori, in concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione;

37 I Requisiti delle Raccolte Fondi Il legislatore riconosce la non commercialità delle raccolte fondi in quanto: Svolte da enti non commerciali (APS, ODV etc..) Svolte occasionalmente Svolte in concomitanza con iniziative particolari tipo celebrazioni, campagne di sensibilizzazioni o ricorrenze

38 Esenzioni IRES: Tale attività non concorre a formare il reddito imponibile degli enti non commerciali IVA: Dato il requisito delloccasionalità, lattività svolta non è imponibile ai fini dellimposta

39 Gli obblighi Art. 8 del D.lgs 460/97 Fermo restando lobbligo del bilancio annuale, lente non commerciale dovrà redigere, entro quattro mesi dalla chiusura dellesercizio, uno specifico rendiconto dal quale devono risultare, anche tramite unapposita relazione illustrativa, in modo chiaro e trasparente, le entrate e le spese relative a ciascuna delle celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione

40 I requisiti Deve essere redatto entro 4 mesi dalla chiusura dellesercizio Per ogni raccolta fondi Deve essere il più chiaro e trasparente possibile (Relazione illustrativa) Devono risultare i ricavi ed i costi Deve essere conservato, agli effetti fiscali, per 10 anni.

41 La Circolare n. 124/E Per soddisfare i requisiti di chiarezza e trasparenza, il rendiconto deve essere accompagnato da apposita relazione illustrativa atta a soddisfare le esigenze informative dei terzi Il contenuto: Lillustrazione di come si è svolta la colletta Le finalità della raccolta fondi Una valutazione sullesito e circa il raggiungimento delle finalità Esempio di rendicontazione

42 Le risorse economiche delle ODV Contributi degli aderenti Contributi da privati Contributi dello stato, di enti ed istituzioni pubbliche finalizzati esclusivamente al sostegno di specifiche e documentate attività e progetti Contributi di organismi internazionali Donazioni e lasciti testamentari Rimborsi derivanti da convenzioni Entrate derivanti da attività commerciali marginali

43 Associazioni di volontariato Attività marginali non considerate commerciali Attività di vendita occasionale nel corso di celebrazioni o iniziative di solidarietà Vendita diretta di beni ricevuti gratuitamente Vendita diretta di beni prodotti dagli associati Somministrazione di alimenti e bevande in occasione di manifestazioni Prestazioni conformi alle finalità istituzionali con corrispettivi specifici non eccedenti il 50% del costo di produzione Tali attività devono essere svolte: a) Per il raggiungimento delle finalità istituzionali dellassociazione b) Senza specifica organizzazione (no pubblicità)

44 Non producono reddito imponibile Le raccolte occasionali pubbliche di fondi Attività occasionali svolte senza organizzazione dimpresa Contributi da privati, aderenti enti pubblici Erogazioni liberali Attività Gratuite

45 Attività Occasionali Sono esenti in quanto mancano i requisiti oggettivi dellimposta (sia IVA che IIDD),


Scaricare ppt "Le Associazioni di Promozione Sociale Le attività pubbliche delle APS - Autorizzazioni Relatore Catellani Daniele Vice-Presidente Arci Progetto Assieme."

Presentazioni simili


Annunci Google