La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Psicologia generale 2012-13 Università degli Studi di Perugia Dal corpo alla mente di Stefano Federici.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Psicologia generale 2012-13 Università degli Studi di Perugia Dal corpo alla mente di Stefano Federici."— Transcript della presentazione:

1 Corso di Psicologia generale Università degli Studi di Perugia Dal corpo alla mente di Stefano Federici

2 Università degli Studi di Perugia DAL CERVELLO ALLA MENTE Sezione 1 2

3 Università degli Studi di Perugia 1° principio di Kandel (1998) Kandel (1998) A new intellectual framework for psychiatry. – – Principio 1: Tutti i processi mentali, anche i più complessi processi psicologici, derivano da operazioni del cervello. 3 Neuroscienziato, Premio Nobel per la medicina nel 2000.

4 Università degli Studi di Perugia Le neuroscienze. Il caso di Phineas Gage Damasio et al. (1994) The return of Phineas Gage. Damasio et al. (1994) The return of Phineas Gage. – Phineas sopravvisse, con percezione, memoria, linguaggio e funzioni motorie intatti, ma, come si espresse un suo compagno di lavoro in una frase divenuta celebre, «Gage non era più Gage». – Una sbarra di ferro laveva letteralmente trasformato in unaltra persona, mutandolo da uomo cortese, responsabile e ambizioso in un villano inaffidabile e svogliato. 4 Phineas Gage (1823–1860, ferroviere statunitense)

5 Università degli Studi di Perugia Un uomo equilibrato 5 Vedi video – – & – – sj4JEJ2o&feature=share&list=UU943 UnajVxe9SpFJpwxpLsQ sj4JEJ2o&feature=share&list=UU943 UnajVxe9SpFJpwxpLsQ

6 Università degli Studi di Perugia La Prosopagnosia La prosopagnosia è un deficit percettivo acquisito o congenito del sistema nervoso centrale che impedisce ai soggetti che ne vengono colpiti di riconoscere correttamente i volti delle persone. 6

7 Università degli Studi di Perugia La donna nel video non riconosce né la foto di Bruce Springsteen, né la foto che la ritrae 7 Vedi video – –

8 Università degli Studi di Perugia La delusione di Capgras Hirstein & Ramachandran (1997). Capgras syndrome: a novel probe for understanding the neural representation of the identity and familiarity of persons. – – La Sindrome di Capgras è un raro disordine neurologico. Chi ne è colpito vive nella ferma convinzione che le persone a lui care siano state rimpiazzate da replicanti, alieni o semplicemente da impostori a loro identici. Il disturbo può estendersi ad animali domestici o luoghi familiari. – – Ramachandran ipotizza l'origine della sindrome in una disconnessione tra la corteccia temporale, in cui le facce vengono riconosciute, e il sistema limbico, legato alle emozioni: una dissociazione tra memoria e sentimenti 8

9 Università degli Studi di Perugia Nel video si vede il paziente che riconosce il padre quando gli parla per telefono (mentre dubita di lui quando lo vede di persona). 9 Vedi video – –

10 Università degli Studi di Perugia Il ruolo della psicoterapia La psicoterapia una forma di riabilitazione? La psicoterapia una forma di riabilitazione? – evidenze neuroscientifiche riabilitazione (cognitiva/comportamentale) plasticità neuronale – Dal 1° principio di Kandel e dalle evidenze neuroscientifiche sul funzionamento della mente umana la psicoterapia non può che rientrare in una forma di riabilitazione (cognitiva/comportamentale) nella misura in cui può ancora far ricorso alla c.d. plasticità neuronale. 10

11 Università degli Studi di Perugia DALLA MENTE AL CERVELLO SEZIONE 2 11

12 Università degli Studi di Perugia 5° principio di Kandel (1998) Kandel (1998) A new intellectual framework for psychiatry. Kandel (1998) A new intellectual framework for psychiatry. – – Principio 5: Nella misura in cui la psicoterapia o la consulenza è efficace e produce cambiamenti a lungo termine nel comportamento produce modifiche permanenti nel cervello. 12 Neuroscienziato, Premio Nobel per la medicina nel 2000.

13 Università degli Studi di Perugia Prove delleffetto causale della mente sul cervello Beauregard (2007) Mind does really matter: Evidence from neuroimaging studies of emotional self-regulation, psychotherapy, and placebo effect. Beauregard (2007) Mind does really matter: Evidence from neuroimaging studies of emotional self-regulation, psychotherapy, and placebo effect. – – I risultati degli studi di neuroimaging sul placebo confermano che le convinzioni del paziente e le aspettative giocano un ruolo fondamentale in tal senso. – – Questi risultati confermano lidea che leffetto placebo può essere estremamente specifico. 13

14 Università degli Studi di Perugia 14 Parkinson Depressione Analgesia Psicostimolante Processi emotivi

15 Università degli Studi di Perugia Il ruolo della psicoterapia La psicoterapia una forma di placebo? La psicoterapia una forma di placebo? – evidenze neuroscientifiche una sua forza causale placebo, – Dal 5° principio di Kandel e dalle evidenze neuroscientifiche sul funzionamento della mente umana riconosciamo alla psicoterapia una sua forza causale sul funzionamento cerebrale che, agendo come un placebo, elicita risposte attese. 15

16 Università degli Studi di Perugia DAL CORPO ALLA MENTE SEZIONE 3 16

17 Università degli Studi di Perugia Una mente senza corpo? Alun Anderson (2007) Brains Cannot Become Minds Without Bodies – – I cervelli non possono diventare menti senza avere un corpo. – – Nessun cervello in scatola possiederà mai unintelligenza simile a quella umana. 17 Editor-in-Chief/Publishing Director presso New Scientist

18 Università degli Studi di Perugia La mente come un computer La maggior parte dei modelli che guidano lattuale psicologia cognitiva e sociale, si basano sulla tradizionale metafora del computer Il software della mente è indipendente dallhardware del corpo e il cervello. Il software che costituisce la mente (tra cui la mente sociale) potrebbe funzionare su qualsiasi cosa, neuroni, silicio, se gli elementi sono stati disposti in corrette relazioni funzionali La conoscenza di alto livello, come inferenza, categorizzazione e la memoria, viene eseguita utilizzando astratti simboli amodali in arbitrari rapporti di stati percettivi che li producono. 18

19 Università degli Studi di Perugia 19 Portabilità del software (amodale) Portabilità del software (amodale) Computer come metafora della mente Nessun cervello in scatola possiederà mai unintelligenza simile a quella umana. Un cervello in un altro corpo diventerà unaltra mente

20 Università degli Studi di Perugia La mente incarnata Lidea principale alla base di tutte le teorie della embodied cognition è che le rappresentazioni cognitive e le operazioni sono fondamentalmente radicate nel loro contesto fisico. Lidea principale alla base di tutte le teorie della embodied cognition è che le rappresentazioni cognitive e le operazioni sono fondamentalmente radicate nel loro contesto fisico. – Un esempio intuitivo è che lempatia viene dal ricreare mentalmente i sentimenti di questa persona in noi stessi. 20

21 Università degli Studi di Perugia 21 Lattività neurale in destrimani (blu) e mancini (giallo) durante limmaginazione motoria di azioni manuali attiva aree cerebrali responsabili per la pianificazione e lesecuzione di azioni con la mano dominante, che per i destrimani, è stata trovata nellemisfero sinistro, che controlla in primo luogo le azioni con la mano destra, e per i mancini nellemisfero destro, che controlla le azioni con la mano sinistra. Differenti corpi, differenti menti Quando destrimani leggono parole che riguardano azioni della mano, attivano la corteccia premotoria sinistra, unarea adibita a pianificare azioni con la mano destra. I mancini fanno lopposto. Casasanto (2011) Different Bodies, Different Minds A studenti universitari sono stati fatti indossare dei guanti ingombranti per circa 12 minuti di attività motoria. I partecipanti hanno tolto il guanto ed eseguito un test di associazione spazio-valenza. I partecipanti che avevano indossato il guanto sinistro ancora pensavano che destra era buono, ma i partecipanti che avevano indossato il guanto destro hanno dimostrato il contrario, come i mancini naturali. Esempi di mano dominante con valenza emotiva positiva in gesti prodotti dai candidati alle presidenziali USA 2004 e 2008 durante il discorso (pannello con le foto di sinistra) e le associazioni tra parola e gesto in ogni candidato presidenziale (pannello di destra). Nei mancini (Obama, McCain), i gesti prodotti con la mano sinistra erano più fortemente associati con valenze positive del discorso (barre rosse) di quei gesti prodotti con la mano destra. Lassociazione contraria è stata trovata nei destrimani (Kerry, Bush).

22 Università degli Studi di Perugia La postura del corpo e i movimenti corporei influiscono sul giudizio Wells e Petty (1980) The Effects of Over Head Movements on Persuasion Mentre annuivano o scuotevano la testa, i partecipanti hanno ascoltato sia un messaggio sgradevole sia uno piacevole su un tema legato alluniversità. In seguito, hanno valutato quanto erano daccordo con il messaggio. – I partecipanti che avevano annuito ascoltando il messaggio erano più favorevoli dei partecipanti che avevano scosso la testa. 22

23 Università degli Studi di Perugia La postura del corpo e i movimenti corporei influiscono sulla memoria Laird et al (1982) Remembering what you feel: Effects of emotion on memory I partecipanti hanno studiato sia materiale che provoca rabbia sia felicità. – Le prestazioni della memoria dei partecipanti sono migliori quando il comportamento motorio, lo stato emotivo e il significato emotivo del materiale appreso erano tutti compatibili. Riskind (1984) Guiding and self-regulatory functions of physical posture after success and failure I partecipanti sono stati istruiti a recuperare i ricordi autobiografici piacevoli o spiacevoli, mentre hanno adottato diverse posture ed espressioni facciali. – Adottare una postura eretta e sorridente ha accelerato il recupero dei ricordi autobiografici piacevoli, relativi alla velocità di recupero di ricordi autobiografici spiacevoli. 23

24 Università degli Studi di Perugia LA PSICOTERAPIA: UNARTE DEL CORPO E DELLA MENTE SEZIONE 4 24

25 Università degli Studi di Perugia Dal farmaco al corpo La psicoterapia è più di un placebo – non pseudo-farmaco lirripetibile unicità dellespressione dei corpi – Perché la sua forza sanante non passa attraverso la somministrazione di uno pseudo-farmaco, ma attraverso lirripetibile unicità dellespressione dei corpi. – creda fermamente nellefficacia dellinterventopiù relazione daiuto – Come per un placebo richiede che il cliente creda fermamente nellefficacia dellintervento, ma più di un placebo esige lattenta costruzione di una relazione daiuto. – – Una psicoterapia non è un pseudo-farmaco per tutti uguale (soluzione salina/tecnica terapeutica), ma è un rapporto unico che si costruisce nella singolarità di ogni alleanza terapeutica. 25

26 Università degli Studi di Perugia Un contatto che salva Vangelo di Marco capitolo 5: «Molta folla lo seguiva e gli si stringeva intorno. Ora una donna, che da dodici anni era affetta da emorragia e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza nessun vantaggio, anzi peggiorando, udito parlare di Gesù, venne tra la folla, alle sue spalle, e gli toccò il mantello. Diceva infatti: Se riuscirò anche solo a toccare il suo mantello, sarò guarita. «E subito le si fermò il flusso di sangue, e sentì nel suo corpo che era stata guarita da quel male. Ma subito Gesù, avvertita la potenza che era uscita da lui, si voltò alla folla dicendo: Chi mi ha toccato il mantello?. I discepoli gli dissero: Tu vedi la folla che ti si stringe attorno e dici: Chi mi ha toccato?. Egli intanto guardava intorno, per vedere colei che aveva fatto questo. E la donna impaurita e tremante, sapendo ciò che le era accaduto, venne, gli si gettò davanti e gli disse tutta la verità. Gesù rispose: Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va in pace e sii guarita dal tuo male». Vangelo di Marco capitolo 5: «Molta folla lo seguiva e gli si stringeva intorno. Ora una donna, che da dodici anni era affetta da emorragia e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza nessun vantaggio, anzi peggiorando, udito parlare di Gesù, venne tra la folla, alle sue spalle, e gli toccò il mantello. Diceva infatti: Se riuscirò anche solo a toccare il suo mantello, sarò guarita. «E subito le si fermò il flusso di sangue, e sentì nel suo corpo che era stata guarita da quel male. Ma subito Gesù, avvertita la potenza che era uscita da lui, si voltò alla folla dicendo: Chi mi ha toccato il mantello?. I discepoli gli dissero: Tu vedi la folla che ti si stringe attorno e dici: Chi mi ha toccato?. Egli intanto guardava intorno, per vedere colei che aveva fatto questo. E la donna impaurita e tremante, sapendo ciò che le era accaduto, venne, gli si gettò davanti e gli disse tutta la verità. Gesù rispose: Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va in pace e sii guarita dal tuo male». 26

27 Università degli Studi di Perugia Una parola che salva Marie Cardinal nasce ad Algeri nel 1929 e qui vive fino alladolescenza. – – Le parole per dirlo (1975). È la storia tutta al femminile di unanalisi che iniziò negli anni Sessanta, lei aveva trentanni. 27

28 Università degli Studi di Perugia da Le parole per dirlo… Dottore, sono esangue. Sono disturbi psicosomatici, non minteressano. Mi parli daltro. Uno schiaffo in piena faccia. Crollai e piansi. Feci le scale di corsa tenendo su con le mani i vestiti che avevo fatto a pezzi. Presto, in bagno. I miei stracci sporchi per terra, tra i piedi, io seduta sul bidè. Il sangue non colava più. Non credevo ai miei occhi. Il sangue non colava più. Dottore, sono esangue. Sono disturbi psicosomatici, non minteressano. Mi parli daltro. Uno schiaffo in piena faccia. Crollai e piansi. Feci le scale di corsa tenendo su con le mani i vestiti che avevo fatto a pezzi. Presto, in bagno. I miei stracci sporchi per terra, tra i piedi, io seduta sul bidè. Il sangue non colava più. Non credevo ai miei occhi. Il sangue non colava più. 28

29 Università degli Studi di Perugia Cosè dunque la psicoterapia? La psicoterapia è larte della relazione, cioè… La psicoterapia è larte della relazione, cioè… – – … larte di riconoscere espressioni del corpo che svelano una mente; – – … larte di comunicare alla mente perché si esprima in un corpo; – – … larte di guidare lunicità di una persona ad esprimersi nella sua pienezza. La psicoterapia è larte della relazione, cioè… La psicoterapia è larte della relazione, cioè… – – … larte di riconoscere espressioni del corpo che svelano una mente; – – … larte di comunicare alla mente perché si esprima in un corpo; – – … larte di guidare lunicità di una persona ad esprimersi nella sua pienezza. 29


Scaricare ppt "Corso di Psicologia generale 2012-13 Università degli Studi di Perugia Dal corpo alla mente di Stefano Federici."

Presentazioni simili


Annunci Google