La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Era allora malato un certo Lazzaro di Betània, il villaggio di Maria e di Marta sua sorella. Maria era quella che aveva cosparso di olio profumato il.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Era allora malato un certo Lazzaro di Betània, il villaggio di Maria e di Marta sua sorella. Maria era quella che aveva cosparso di olio profumato il."— Transcript della presentazione:

1

2 Era allora malato un certo Lazzaro di Betània, il villaggio di Maria e di Marta sua sorella. Maria era quella che aveva cosparso di olio profumato il Signore e gli aveva asciugato i piedi con i suoi capelli; suo fratello Lazzaro era malato. Le sorelle mandarono dunque a dirgli: «Signore, ecco, il tuo amico è malato». All'udire questo, Gesù disse: «Questa malattia non è per la morte, ma per la gloria di Dio, perché per essa il Figlio di Dio venga glorificato». Gesù voleva molto bene a Marta, a sua sorella e a Lazzaro. Quand'ebbe dunque sentito che era malato, si trattenne due giorni nel luogo dove si trovava.

3 Poi, disse ai discepoli: «Andiamo di nuovo in Giudea!». I discepoli gli dissero: «Rabbì, poco fa i Giudei cercavano di lapidarti e tu ci vai di nuovo? Signore, se s'è addormentato, guarirà». Gesù parlava della morte di lui, essi invece pensarono che si riferisse al riposo del sonno. Allora Gesù disse loro apertamente: «Lazzaro è morto e io sono contento per voi di non essere stato là, perché voi crediate. Orsù, andiamo da lui!». Allora Tommaso, chiamato Dìdimo, disse ai condiscepoli: «Andiamo anche noi a morire con lui!».

4 Tommaso è un tipo entusiasta; vive con tanta gioia e con tanta passione lamicizia con Gesù… pare non abbia alcuna paura. (Andiamo anche noi a morire con Lui!) Il rischio dellentusiasmo è che sia solo come un fuoco dartificio: luminosissimo ma dura poco e poi non resta nulla.

5 Il primo dopo il sabato, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, si fermò in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il costato. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dissero allora gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!».

6 Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il dito nel posto dei chiodi e non metto la mia mano nel suo costato, non crederò». Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c'era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, si fermò in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qua il tuo dito e guarda le mie mani; stendi la tua mano, e mettila nel mio costato; e non essere più incredulo ma credente!». Rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!».

7 MIO SIGNORE E MIO DIO! Tommaso ha faticato, ma quando ha creduto dalla sua bocca è uscita una delle più belle esclamazioni di fede: ha riconosciuto Gesù! Queste parole sono forse le più belle che possiam dire nella mente quando il sacerdote a Messa alza il Corpo e il Sangue di Gesù.

8 Caro san Tommaso, anche a noi capita di far fatica a credere perché come te non riusciamo a vedere sempre lamore di Dio intorno a noi. Con la tua intercessione aiutaci ad ottenere degli occhi capaci di vedere le bellezze che Dio ci dona ogni giorno. Aiutaci a vivere al meglio la Quaresima. Amen.


Scaricare ppt "Era allora malato un certo Lazzaro di Betània, il villaggio di Maria e di Marta sua sorella. Maria era quella che aveva cosparso di olio profumato il."

Presentazioni simili


Annunci Google