La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il S.I.T.A.R. Il Sistema Informativo Territoriale è dedicato alla raccolta, conservazione, analisi e diffusione di informazioni territoriali strutturate.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il S.I.T.A.R. Il Sistema Informativo Territoriale è dedicato alla raccolta, conservazione, analisi e diffusione di informazioni territoriali strutturate."— Transcript della presentazione:

1 il S.I.T.A.R. Il Sistema Informativo Territoriale è dedicato alla raccolta, conservazione, analisi e diffusione di informazioni territoriali strutturate. Il SIT facilita la conoscenza del territorio per diversi obiettivi di lavoro: la progettazione, la pianificazione, il monitoraggio e la modellistica. Il centro servizi SITAR è nato per supportare lutenza istituzionale e quella privata. Riferimenti REGIONE LIGURIA Servizio Sistemi Informatici via Fieschi, 15 tel /4211/4893 Le migliori tecnologie e un team di professionisti sono a disposizione delle strutture regionali e del pubblico esterno per fornire consulenza qualificata, prodotti e servizi. Il catalogo cartografico digitale è consultabile sul sito alla voce Territorio e Ambiente > Repertorio Cartografico

2 Strati Prioritari Data Base degli Strati di riferimento Prioritari essenziali alla scala 1:10000 Viabilità Stradale Viabilità Ferroviaria Punti Quotati Curve di Livello Ambiti Amministrativi Toponomastica Idrografia

3 Lintesa sui Sistemi Informativi Geografici L'Intesa è stata approvata dalla Conferenza Stato Regioni e Provincie Autonome nella seduta del 26 settembre 1996 e coinvolge: diverse Amministrazioni Centrali ed organismi statali (Ministero dellAmbiente, Ministero delle Finanze, IGM, ecc.),diverse Amministrazioni Centrali ed organismi statali (Ministero dellAmbiente, Ministero delle Finanze, IGM, ecc.), le Regioni e Provincie Autonome,le Regioni e Provincie Autonome, i Comuni (ANCI),i Comuni (ANCI), le Provincie (UPI),le Provincie (UPI), le Comunità Montane (UNCEM),le Comunità Montane (UNCEM), le Aziende per la gestione di pubblici servizi (CISPEL).le Aziende per la gestione di pubblici servizi (CISPEL).

4 Le finalità dellIntesa Il progetto del Data Base degli Strati Prioritari essenziali, alla scala 1:10000, ha come obiettivo quello di sviluppare interventi coordinati per realizzare in Italia basi informative territoriali gestite su elaboratore, a copertura dell'intero territorio nazionale, necessarie per l'esercizio delle funzioni di interesse locale, regionale e nazionale.

5 I Livelli Acquisiti Curve di Livello Punti Quotati Viabilità Stradale Viabilità Ferroviaria ToponomasticaIdrografia Ambiti Amministrativi Il SITAR ha realizzato i seguenti livelli informativi:

6 Le Fonti I livelli informativi sono originati sulla base dei seguenti dati: Carta Tecnica Regionale 1:5000 numerica 3D Carta Tecnica Regionale 1:5000 raster Ortofoto IT2000 1:10000 e Modello digitale derivato dalle Ortofoto Dati ISTAT

7 Punti Quotati I livello dei Punti Quotati copre in parte il territorio regionale e deriva dal dato vettoriale della CTR numerica sc.1:5000. Lo strato proviene da lotti di cartografia realizzati in anni diversi e da ditte diverse, per cui il dato è stato reso uniforme. Sono distinte tre tipologie di punti: su terreno, su manufatto e su terreno per calcolo volumetrico.

8 Curve di Livello Le Curve di Livello acquisite coprono lintero territorio regionale. Derivano, per l85%, dallo sfoltimento del vettoriale della CTR numerica sc.1:5000 e, per il 15%, dalle isoipse ricavate dal Modello Digitale del Terreno 1: Lequidistanza delle isoipse è di 10 m, e sono distinte in due tipologie: direttrice e ordinaria.

9 Morfologia: Isoipse e Punti Quotati ISOIPSA DIRETTRICE ISOIPSA ORDINARIA PUNTO QUOTATO SU MANUFATTO PUNTO QUOTATO SU TERRENO

10 Viabilità Stradale Lo strato della Viabilità Stradale copre lintero territorio. Sono disponibili due classi: Grafo StradaleGrafo Stradale Nodi del GrafoNodi del Grafo

11 Viabilità Stradale - Fonti I dati sono stati ricavati: dalla CTR numerica 1:5000 (76%)dalla CTR numerica 1:5000 (76%) (in parte estratti dai nuovi lotti e in parte acquisiti in modalità semi automatica dai vecchi lotti) dalla digitalizzazione della CTR 1:5000 raster (24%)dalla digitalizzazione della CTR 1:5000 raster (24%) I Nodi derivano dal Grafo Stradale

12 Il Grafo Il Grafo è una schematizzazione dellinsieme viario che viene sintetizzato in un insieme di tratti e di nodi. CTR 1:5000 rasterGrafo stradale Esempio di acquisizione dal raster della carta tecnica sc. 1:5000

13 Grafo Stradale - Struttura Dati La tavola associata al Grafo contiene, tra le altre, le seguenti informazioni: Codice StradaCodice Strada (identificativo univoco) Tipo di TrattoTipo di Tratto (indifferenziato, raccordo, svincolo,...) Classificazione Tecnico Funzionale:Classificazione Tecnico Funzionale: Percorso FittizioPercorso Fittizio Sede (Sede (propria, su ponte, in sottopasso, in galleria, passaggio a livello, altre) autostradeautostrade strade extraurbane principali, secondarie, non qualificatestrade extraurbane principali, secondarie, non qualificate strade urbane di scorrimento, di quartiere, non qualificatestrade urbane di scorrimento, di quartiere, non qualificate tratti modalitratti modali

14 Nodi del Grafo - Struttura Dati I Nodi del Grafo stradale sono suddivisi nelle seguenti categorie: intersezione ordinariaintersezione ordinaria intersezione a livelli sfalsati con svincoliintersezione a livelli sfalsati con svincoli casello/barriera autostradalecasello/barriera autostradale passaggi a livellopassaggi a livello inizio/fine tratto stradaleinizio/fine tratto stradale cambio toponimo/patrimonialitàcambio toponimo/patrimonialità variazione classifica tecnico/funzionalevariazione classifica tecnico/funzionale nodi modalinodi modali intersezione con confine regionaleintersezione con confine regionale

15 Viabilità Stradale STRADA EXTRAURBANA SECONDARIA (PROVINCIALE) AUTOSTRADA STRADA URBANA DI QUARTIERE INTERSEZIONE ORDINARIA SEDE STRADALE PONTE, VIADOTTO SOTTOPASSO NODI E CLASS.TECNICO FUNZIONALE

16 Viabilità Ferroviaria Lo strato della Viabilità Ferroviaria copre lintero territorio. Sono disponibili due classi: Grafo FerroviarioGrafo Ferroviario Nodi del GrafoNodi del Grafo

17 Viabilità Ferroviaria - Fonti I dati sono stati ricavati: dalla CTR numerica 1:5000dalla CTR numerica 1:5000 dalla digitalizzazione della CTR 1:5000 rasterdalla digitalizzazione della CTR 1:5000 raster I Nodi derivano dal Grafo Ferroviario

18 Il Grafo Il Grafo è una schematizzazione dellinsieme ferroviario che viene sintetizzato in un insieme di tratti e di nodi. CTR 1:5000 rasterGrafo ferroviario Esempio di acquisizione dal raster della carta tecnica sc. 1:5000

19 Grafo Ferroviario - Dati La tavola associata al Grafo contiene, tra le altre, le seguenti informazioni: Nome TrattaNome Tratta Tipo Tratto:Tipo Tratto: Numero BinariNumero Binari ElettrificazioneElettrificazione ScartamentoScartamento Sede (Sede (propria, su ponte, in sottopasso, in galleria, passaggio a livello, altre) Ferrovia OrdinariaFerrovia Ordinaria Binario di ServizioBinario di Servizio MetropolitanaMetropolitana Funicolare, Teleferica, FuniviaFunicolare, Teleferica, Funivia

20 Nodi del Grafo - Struttura Dati I Nodi del Grafo ferroviario sono suddivisi nelle seguenti categorie: terminaleterminale diramazione / confluenzadiramazione / confluenza passaggi a livellopassaggi a livello stazionestazione scalo ferroviario o altri impiantiscalo ferroviario o altri impianti intersezione con confine regionaleintersezione con confine regionale

21 Viabilità Ferroviaria IN GALLERIA IN SEDE PROPRIA SU PONTE FERROVIA ORDINARIA BINARIO DI SERVIZIO NODO TERMINALE STAZIONE SEDE NODI E TIPO TRATTO

22 Toponomastica I livello della Toponomastica, indicante le località significative, copre lintero territorio regionale e deriva in parte dal dato vettoriale della CTR numerica sc.1:5000 e in parte dal raster della carta tecnica 1:5000. La tavola associata contiene le seguenti informazioni: Codice identificativo (univoco)Codice identificativo (univoco) NomeNome Tipo (nucleo abitato, case isolate, località produttiva extraurbana)Tipo (nucleo abitato, case isolate, località produttiva extraurbana)

23 Esempio di tematizzazione dei toponimi relativo al promontorio di Portofino Toponomastica

24 Idrografia Lo strato dellIdrografia copre lintero territorio. Sono disponibili quattro classi: Reticolo IdrograficoReticolo Idrografico Specchi dAcquaSpecchi dAcqua Nodi ReticoloNodi Reticolo Limite di Costa MarinaLimite di Costa Marina

25 Idrografia - Fonti I dati sono stati ricavati: dalla digitalizzazione della CTR 1:10000 rasterdalla digitalizzazione della CTR 1:10000 raster dalla CTR numerica 1:5000dalla CTR numerica 1:5000 I Nodi derivano dal Reticolo Idrografico

26 Idrografia - Il Reticolo Il Reticolo è una schematizzazione degli elementi idrici che viene sintetizzato in un insieme di tratti e di nodi. CTR 1:5000 rasterReticolo Idrografico

27 Idrografia Reticolo - Struttura Dati La tavola associata al Reticolo contiene, tra le altre, le seguenti informazioni: Codice Corpo (secondo codifica S.I.BA.PO)Codice Corpo (secondo codifica S.I.BA.PO) Tipo ElementoTipo Elemento Tipo RamoTipo Ramo ArtificialeArtificiale mezzeriamezzeria tracciato virtualetracciato virtuale tracciato fittiziotracciato fittizio percorso principalepercorso principale ansa, ramo secondarioansa, ramo secondario

28 Nodi Reticolo - Struttura Dati I Nodi del Reticolo sono suddivisi nelle seguenti categorie: inizioinizio interruzione/ripresainterruzione/ripresa confluenza/biforcazioneconfluenza/biforcazione intersezione con limite di costaintersezione con limite di costa intersezione con confine regionaleintersezione con confine regionale

29 Specchi dAcqua - Struttura Dati Gli Specchi dAcqua sono suddivisi nelle seguenti categorie: Codice Identificativo (univoco)Codice Identificativo (univoco) NomeNome NaturaNatura lagolago stagno, paludestagno, palude bacino artificialebacino artificiale

30 Idrografia TRACCIATO PRINCIPALE INTERRUZIONE/ RIPRESA RAMO SECONDARIO SPECCHIO DACQUA INIZIO TRATTA

31 Ambiti Amministrativi Lo strato degli Ambiti Amministrativi copre lintero territorio. E disponibile la classe: ComuneComune

32 Ambiti Amministrativi - Fonti I dati sono stati ricavati: dalla CTR 1:5000 numerica o raster, con verifica dellandamento corrispondente sulla Carta Catastale 1:5000 rasterdalla CTR 1:5000 numerica o raster, con verifica dellandamento corrispondente sulla Carta Catastale 1:5000 raster dalle Ortofoto dellIT2000 1:10000 (per la linea di costa)dalle Ortofoto dellIT2000 1:10000 (per la linea di costa)

33 Ambiti Amministrativi - Dati La tavola associata agli Ambiti contiene, tra le altre, le seguenti informazioni: Codice ISTATCodice ISTAT NomeNome Tipo AreaTipo Area Sede ComunaleSede Comunale Isola AmministrativaIsola Amministrativa Superfice di acqua internaSuperfice di acqua interna

34 La Linea di Costa La linea di Costa è stata ridisegnata tenendo conto dellandamento rilevato dalle Ortofoto IT2000 sc. 1: CTR numerica 1:5000Linea di Costa Ortofoto IT2000da ortofoto da ctr numerica

35 Importanza dei dati acquisiti E il primo nucleo di DB topografico regionale disponibile sullintero territorio qualitativamente omogeneo.E il primo nucleo di DB topografico regionale disponibile sullintero territorio qualitativamente omogeneo. E pienamente conforme agli standard nazionali.E pienamente conforme agli standard nazionali. E il primo nucleo di DB topografico nazionale che consente la continuità territoriale tra le regioni confinanti.E il primo nucleo di DB topografico nazionale che consente la continuità territoriale tra le regioni confinanti.

36 Conclusione E il primo nucleo di data base topografico nazionale.E il primo nucleo di data base topografico nazionale. E la base cartografica di riferimento per i progetti di E- Gov a carattere interregionale.E la base cartografica di riferimento per i progetti di E- Gov a carattere interregionale. –No Risk: il portale per il Rischio Naturale Antropico (Regione Liguria, Regione Piemonte, Provincia di Torino). –Sigma TER: Servizi Integrati catastali e Geografici per il Monitoraggio Amministrativo del TERritorio. E la base cartografica di riferimento per tutti i Ministeri coinvolti nel progetto.E la base cartografica di riferimento per tutti i Ministeri coinvolti nel progetto.

37 Conclusione E la base cartografica di riferimento per i progetti di E- Gov a carattere interregionale.E la base cartografica di riferimento per i progetti di E- Gov a carattere interregionale. –No Risk: il portale per il Rischio Naturale Antropico (Regione Liguria, Regione Piemonte, Provincia di Torino). –Sigma TER: Servizi Integrati catastali e Geografici per il Monitoraggio Amministrativo del TERritorio. Regione Emilia-Romagna (coordinatore)Regione Emilia-Romagna (coordinatore) l'Agenzia del Territorio;l'Agenzia del Territorio; le Regioni, Abruzzo, Liguria, Toscana, Valle d'Aosta;le Regioni, Abruzzo, Liguria, Toscana, Valle d'Aosta; le Province di Bologna, Genova, Parma, Piacenza, Pisa;le Province di Bologna, Genova, Parma, Piacenza, Pisa; le Comunità Montane Alta Val Polcevera e della Garfagnana;le Comunità Montane Alta Val Polcevera e della Garfagnana; i Comuni di Bologna, Cesena, Collesalvetti, Faenza, Ferrara, Genova, La Spezia, Livorno, Lugo, Modena, Reggio Emilia, Rimini.i Comuni di Bologna, Cesena, Collesalvetti, Faenza, Ferrara, Genova, La Spezia, Livorno, Lugo, Modena, Reggio Emilia, Rimini.

38 fax servizio sistemi informatici fax sportello cartografico: tel /4211/4893 via Fieschi GENOVA Servizio Sistemi Informatici S.I.T.A.R.


Scaricare ppt "Il S.I.T.A.R. Il Sistema Informativo Territoriale è dedicato alla raccolta, conservazione, analisi e diffusione di informazioni territoriali strutturate."

Presentazioni simili


Annunci Google