La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La morte in croce di Gesù: evento e significato. La morte in croce di Gesù è uno dei fatti più certi della sua storia. La morte in croce di Gesù è uno.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La morte in croce di Gesù: evento e significato. La morte in croce di Gesù è uno dei fatti più certi della sua storia. La morte in croce di Gesù è uno."— Transcript della presentazione:

1 La morte in croce di Gesù: evento e significato

2 La morte in croce di Gesù è uno dei fatti più certi della sua storia. La morte in croce di Gesù è uno dei fatti più certi della sua storia. Meno certa è la data; probabilmente egli morì, secondo precisi calcoli astronomici, il 7 aprile del 30 Meno certa è la data; probabilmente egli morì, secondo precisi calcoli astronomici, il 7 aprile del 30 È controverso se la morte si verificò il 14 oppure il 15 di Nisan (marzo-aprile); da un punto di vista storico ha ragione l’evangelista Giovanni. Gesù muore in croce mentre nel tempio venivano sgozzati gli agnelli pasquali (durante la Parasceve della Pasqua, il 14 Nisan) È controverso se la morte si verificò il 14 oppure il 15 di Nisan (marzo-aprile); da un punto di vista storico ha ragione l’evangelista Giovanni. Gesù muore in croce mentre nel tempio venivano sgozzati gli agnelli pasquali (durante la Parasceve della Pasqua, il 14 Nisan) Gesù muore in croce. Questo tipo di esecuzione era utilizzato dai romani soprattutto per gli schiavi (cf la vicenda di Spartaco); i cittadini romani non potevano essere crocifissi ma solo decapitati Gesù muore in croce. Questo tipo di esecuzione era utilizzato dai romani soprattutto per gli schiavi (cf la vicenda di Spartaco); i cittadini romani non potevano essere crocifissi ma solo decapitati La crocifissione esprimeva tutto il disprezzo del popolo romano verso lo schiavo che aveva cospirato ed era diventato un ribelle politico; come ci attesta anche il titulus crucis, Gesù viene giustiziato dai romani con l’accusa di essere un rivoltoso. La crocifissione esprimeva tutto il disprezzo del popolo romano verso lo schiavo che aveva cospirato ed era diventato un ribelle politico; come ci attesta anche il titulus crucis, Gesù viene giustiziato dai romani con l’accusa di essere un rivoltoso.

3 accanto a quella romana, c’è anche una condanna da parte dell’Alto Consiglio, ovvero una condanna di natura giudaica accanto a quella romana, c’è anche una condanna da parte dell’Alto Consiglio, ovvero una condanna di natura giudaica i motivi della condanna a morte furono due i motivi della condanna a morte furono due –la questione messianica, sfruttata anche per costruire l’accusa davanti a Pilato –il detto di Gesù sulla distruzione del tempio, cose che lo rendevano un falso profeta e un bestemmiatore e come tale meritevole di morte

4 Il conflitto con l’autorità religiosa Gesù si attirò l’ostilità e il rifiuto dei gruppi dominanti fino alla decisione di farlo condannare a morte. Gesù si attirò l’ostilità e il rifiuto dei gruppi dominanti fino alla decisione di farlo condannare a morte. Gesù parlava e si comportava infrangendo la legge e la tradizione religiosa di Israele; rivendicava per sé un’autorità unica che lo poneva al di sopra della stessa legge, arrogandosi il diritto di agire come Dio (il perdono dei peccati) senza alcuna legittimazione dalle tradizioni Gesù parlava e si comportava infrangendo la legge e la tradizione religiosa di Israele; rivendicava per sé un’autorità unica che lo poneva al di sopra della stessa legge, arrogandosi il diritto di agire come Dio (il perdono dei peccati) senza alcuna legittimazione dalle tradizioni Fattore della condanna fu anche il rapporto con il tempio, da cui scacciò i venditori e su cui pronunciò parole profetiche Fattore della condanna fu anche il rapporto con il tempio, da cui scacciò i venditori e su cui pronunciò parole profetiche Il motivo che determinò più di altri la crisi e suo rifiuto, fu la concezione della messianicità espressa nel comportamento: il messianismo di Gesù sconvolgeva le attese di Israele Il motivo che determinò più di altri la crisi e suo rifiuto, fu la concezione della messianicità espressa nel comportamento: il messianismo di Gesù sconvolgeva le attese di Israele La morte in croce e la derisione (cf Mt 27,42) segnano la trasformazione del messianismo teocratico nella linea di quello del servo sofferente ma tale morte venne interpretata come la prova della falsità della pretesa di Gesù, la smentita delle sue rivendicazioni, confermata dalla fuga dei discepoli La morte in croce e la derisione (cf Mt 27,42) segnano la trasformazione del messianismo teocratico nella linea di quello del servo sofferente ma tale morte venne interpretata come la prova della falsità della pretesa di Gesù, la smentita delle sue rivendicazioni, confermata dalla fuga dei discepoli Gesù fu condannato per bestemmia e questa più che consistere nell’essersi Gesù proclamato figlio di Dio o essersi comportato da falso profeta consisteva nell’aver affermato di essere il messia Gesù fu condannato per bestemmia e questa più che consistere nell’essersi Gesù proclamato figlio di Dio o essersi comportato da falso profeta consisteva nell’aver affermato di essere il messia La pretesa di essere il messia non può essere considerata di per sé una “bestemmia” La pretesa di essere il messia non può essere considerata di per sé una “bestemmia” Gesù non aveva quasi nessuna delle prerogative che ci si aspettava dovesse avere il messia né aveva realizzato in alcun modo quanto ci si aspettava dovesse realizzare il messia Gesù non aveva quasi nessuna delle prerogative che ci si aspettava dovesse avere il messia né aveva realizzato in alcun modo quanto ci si aspettava dovesse realizzare il messia

5 Il conflitto con il potere politico Il conflitto con il potere politico spiega il modo della morte, cioè la crocifissione Il conflitto con il potere politico spiega il modo della morte, cioè la crocifissione Secondo la legge ebraica il bestemmiatore doveva essere lapidato, come accadrà a Stefano, ma Gesù fu crocifisso dai romani che esercitavano il potere politico. Secondo la legge ebraica il bestemmiatore doveva essere lapidato, come accadrà a Stefano, ma Gesù fu crocifisso dai romani che esercitavano il potere politico. Essi lo condannarono in quanto sobillatore e rivoltoso; e Gesù non eluse l’accusa di essere re, pur non riconoscendo l’esercizio della potenza Essi lo condannarono in quanto sobillatore e rivoltoso; e Gesù non eluse l’accusa di essere re, pur non riconoscendo l’esercizio della potenza “Gesù il Nazareno il Re dei Giudei” “Gesù il Nazareno il Re dei Giudei” Il comportamento e la predicazione di Gesù avevano un risvolto politico, soprattutto se si considera che egli contestava al potere politico un carattere di assolutezza, il rivestirsi di un’autorità quasi divina Il comportamento e la predicazione di Gesù avevano un risvolto politico, soprattutto se si considera che egli contestava al potere politico un carattere di assolutezza, il rivestirsi di un’autorità quasi divina

6 L’abbandono di Dio e in Dio Gesù morì “con forti grida e lacrime” (Eb 5,7) e secondo Mc 15,34 emise un alto grido che Matteo e Luca riportano in una frase del salmo 22: «mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato?» Gesù morì “con forti grida e lacrime” (Eb 5,7) e secondo Mc 15,34 emise un alto grido che Matteo e Luca riportano in una frase del salmo 22: «mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato?» Allo stesso tempo Gesù spira non pieno di rabbia ma pacificato, consegnando il suo spirito nelle mani del Padre Allo stesso tempo Gesù spira non pieno di rabbia ma pacificato, consegnando il suo spirito nelle mani del Padre Nella morte in croce convivono una drammaticità notevole e la fiducia che alla fine viene riposta nel Padre Nella morte in croce convivono una drammaticità notevole e la fiducia che alla fine viene riposta nel Padre L’abbandono di Gesù, significato dalla frase del salmo 22, ha un duplice senso: da parte di Dio e in Dio L’abbandono di Gesù, significato dalla frase del salmo 22, ha un duplice senso: da parte di Dio e in Dio

7 L’abbandono di Dio e in Dio Tre motivi causano la desolazione e la passione di Cristo il fallimento della missione: la storia conferma ancora un volta il trionfo dei forti e dell’ingiustizia il fallimento della missione: la storia conferma ancora un volta il trionfo dei forti e dell’ingiustizia la sofferenza del giusto consegnato alla persecuzione dei suoi nemici la sofferenza del giusto consegnato alla persecuzione dei suoi nemici l’abbandono doloroso del Padre nella cui comunione egli ha vissuto tutta la vita l’abbandono doloroso del Padre nella cui comunione egli ha vissuto tutta la vita Nel dramma tragico della croce, Gesù è abbandonato dai discepoli, deriso da quelli che erano presso la croce e non c’è nulla che mostri un agire di Dio al suo fianco Nel dramma tragico della croce, Gesù è abbandonato dai discepoli, deriso da quelli che erano presso la croce e non c’è nulla che mostri un agire di Dio al suo fianco il suo grido è quello di qualcuno che ha scandagliato le profondità dell’abisso e si sente avvolto nelle tenebre; Gesù s’interroga sul silenzio di colui che chiama “mio Dio”, cioè Padre il suo grido è quello di qualcuno che ha scandagliato le profondità dell’abisso e si sente avvolto nelle tenebre; Gesù s’interroga sul silenzio di colui che chiama “mio Dio”, cioè Padre Non si tratta di ridurre o relativizzare questo grido per paura che si finisca con negare la divinità di Gesù o considerarlo un disperato Non si tratta di ridurre o relativizzare questo grido per paura che si finisca con negare la divinità di Gesù o considerarlo un disperato la sua preghiera è già di per sé segno di speranza e del resto il modo in cui muore fa confessare al centurione che egli è “figlio di Dio”, cosa che non si sarebbe certo potuto dire se a morire fosse stato un disperato la sua preghiera è già di per sé segno di speranza e del resto il modo in cui muore fa confessare al centurione che egli è “figlio di Dio”, cosa che non si sarebbe certo potuto dire se a morire fosse stato un disperato

8 L’abbandono di Dio e in Dio Nel momento in cui più Gesù desidera la confortante presenza del Padre ne sperimenta il più assoluto silenzio e abbandono, generatore di un’angoscia unica come unico era il rapporto esistente fra loro Nel momento in cui più Gesù desidera la confortante presenza del Padre ne sperimenta il più assoluto silenzio e abbandono, generatore di un’angoscia unica come unico era il rapporto esistente fra loro Questa è la ragione ultima della sofferenza di Gesù: l’abbandono da parte di quel Dio che è suo padre in modo unico, nel seno del quale Egli da sempre riposa Questa è la ragione ultima della sofferenza di Gesù: l’abbandono da parte di quel Dio che è suo padre in modo unico, nel seno del quale Egli da sempre riposa A questa esperienza dolorosa Gesù unisce l’offerta fiduciosa di sé nelle mani del Padre: egli è sì l’abbandonato, ma non il disperato. All’abbandono di Dio corrisponde da parte di Gesù l’abbandono in Dio A questa esperienza dolorosa Gesù unisce l’offerta fiduciosa di sé nelle mani del Padre: egli è sì l’abbandonato, ma non il disperato. All’abbandono di Dio corrisponde da parte di Gesù l’abbandono in Dio La morte di Gesù significò anche la crisi della sequela; i discepoli percepivano nella morte ignominiosa sula croce la maledizione di Dio, la smentita della pretesa così radicale e unica di Gesù La morte di Gesù significò anche la crisi della sequela; i discepoli percepivano nella morte ignominiosa sula croce la maledizione di Dio, la smentita della pretesa così radicale e unica di Gesù Dio lasciandolo morire lo aveva pubblicamente smentito, per cui i discepoli videro in quella morte la fine delle loro speranze Dio lasciandolo morire lo aveva pubblicamente smentito, per cui i discepoli videro in quella morte la fine delle loro speranze

9 Intenzionalità che Gesù attribuì alla sua morte Subito dopo la Pasqua, alla morte di Gesù venne attribuito un rilevante spessore soteriologico: Gesù morì per noi, per i nostri peccati (cf 1Cor 15,3; Rm 3,25; Gv 1,29) Subito dopo la Pasqua, alla morte di Gesù venne attribuito un rilevante spessore soteriologico: Gesù morì per noi, per i nostri peccati (cf 1Cor 15,3; Rm 3,25; Gv 1,29) Gesù almeno da un certo momento della sua vita dovette mettere in conto l’eventualità sempre più probabile di una morte violenta (cf il Battista e i Profeti) Gesù almeno da un certo momento della sua vita dovette mettere in conto l’eventualità sempre più probabile di una morte violenta (cf il Battista e i Profeti) Gesù non vedeva la propria morte come pura fatalità storica ma vi attribuiva una valenza religiosa (cf le tematiche del profeta rifiutato, del figlio ucciso, del calice da bere) Gesù non vedeva la propria morte come pura fatalità storica ma vi attribuiva una valenza religiosa (cf le tematiche del profeta rifiutato, del figlio ucciso, del calice da bere) Non è da escludere che egli dava alla sua morte un significato espiatore, salvifico; lo si ricava guardando alla sua predicazione e al suo comportamento (cf il comandamento dell’amore per i nemici) Non è da escludere che egli dava alla sua morte un significato espiatore, salvifico; lo si ricava guardando alla sua predicazione e al suo comportamento (cf il comandamento dell’amore per i nemici) Tutta la predicazione ci permette di definire Gesù e la sua vita come “pro- esistenza”, cioè essere fuori di sé, a disposizione tanto degli altri (dimensione orizzontale) quanto dell’Altro (dimensione verticale) Tutta la predicazione ci permette di definire Gesù e la sua vita come “pro- esistenza”, cioè essere fuori di sé, a disposizione tanto degli altri (dimensione orizzontale) quanto dell’Altro (dimensione verticale) Gesù è dunque nella sua vita come nella sua morte l’uomo per gli altri e questo costituisce la sua più profonda essenza, perché lo rivela essere l’amore personificato di Dio per gli uomini Gesù è dunque nella sua vita come nella sua morte l’uomo per gli altri e questo costituisce la sua più profonda essenza, perché lo rivela essere l’amore personificato di Dio per gli uomini


Scaricare ppt "La morte in croce di Gesù: evento e significato. La morte in croce di Gesù è uno dei fatti più certi della sua storia. La morte in croce di Gesù è uno."

Presentazioni simili


Annunci Google