La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GESTIONE DEI RIFIUTI Corso di riconversione creditizia Chieti - 1 luglio 2005 Dott.ssa Giovanna Mancinelli ARTA Abruzzo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GESTIONE DEI RIFIUTI Corso di riconversione creditizia Chieti - 1 luglio 2005 Dott.ssa Giovanna Mancinelli ARTA Abruzzo."— Transcript della presentazione:

1 GESTIONE DEI RIFIUTI Corso di riconversione creditizia Chieti - 1 luglio 2005 Dott.ssa Giovanna Mancinelli ARTA Abruzzo

2 La produzione di rifiuti Le problematiche connesse alla produzione di rifiuti hanno assunto negli ultimi decenni proporzioni sempre maggiori in relazione a: Le problematiche connesse alla produzione di rifiuti hanno assunto negli ultimi decenni proporzioni sempre maggiori in relazione a: –miglioramento delle condizioni economiche –veloce progredire dello sviluppo industriale –incremento della popolazione e delle aree urbane. La produzione dei rifiuti è progressivamente aumentata quale sintomo della crescita economica e dell'aumento dei consumi. Inoltre, la diversificazione dei processi produttivi ha moltiplicato le tipologie dei rifiuti.

3 Impatto sull’ambiente L’aumento della quantità e della tipologia di rifiuti prodotti ha generato impatti sempre più pesanti sull'ambiente e sulla salute. In particolare: sulle acque, a causa di scarichi diretti o del percolato delle discariche; sulle acque, a causa di scarichi diretti o del percolato delle discariche; sull'aria, sia a causa di emissioni di metano dalle discariche provenienti da processi degradativi della sostanza organica contenuta nei rifiuti sia per le emissioni di sostanze inquinanti da impianti di incenerimento; sull'aria, sia a causa di emissioni di metano dalle discariche provenienti da processi degradativi della sostanza organica contenuta nei rifiuti sia per le emissioni di sostanze inquinanti da impianti di incenerimento; sul suolo, a causa di scarichi accidentali o discariche incontrollate con conseguente generazione di siti contaminati a scapito dell'ambiente e delle collettività. sul suolo, a causa di scarichi accidentali o discariche incontrollate con conseguente generazione di siti contaminati a scapito dell'ambiente e delle collettività.

4 Gestione ecocompatibile Una volta prodotti, si pone il problema della gestione e dello smaltimento ecocompatibile dei rifiuti; problema complesso da affrontare in chiave sociale, economica, ambientale, con l'obiettivo generale dell'uso razionale e sostenibile delle risorse. Una corretta politica di gestione dei rifiuti deve essere globale, attenta cioè a tutto il ciclo del prodotto che a fine vita diventa rifiuto; per questo è importante agire sin dalla progettazione del bene e, successivamente, nelle varie fasi della sua vita: produzione, distribuzione e consumo.

5 Prevenzione E' evidente quindi la necessità di azioni preventive finalizzate contemporaneamente a:  diminuire la produzione dei rifiuti alla fonte  incoraggiare il recupero nelle forme del riutilizzo, del riciclaggio e del recupero energetico, in particolare incentivando le raccolte selettive. D'altra parte, è indispensabile garantire la sostenibilità dello smaltimento attraverso: impianti dotati delle migliori tecnologie disponibili impianti dotati delle migliori tecnologie disponibili forme di recupero (trattamento con produzione di CDR e compost e recupero energetico). forme di recupero (trattamento con produzione di CDR e compost e recupero energetico).

6 Normativa Tali linee programmatiche sono contenute nelle vigenti normative comunitarie e nazionali (decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22), che introducono un ordine di priorità per le diverse fasi di vita dei rifiuti: decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22 riduzione della produzione e della pericolosità;riduzione della produzione e della pericolosità; riutilizzo e riciclaggio;riutilizzo e riciclaggio; recupero, nelle sue diverse forme (materia, energia);recupero, nelle sue diverse forme (materia, energia); smaltimento in condizioni di sicurezza.smaltimento in condizioni di sicurezza.

7 Altri strumenti Oltre alla normativa, altri strumenti di attuazione di queste politiche di gestione vanno ricordati:  strumenti economici (misure fiscali, incentivi e disincentivi finanziari ed ecotasse, schemi di deposito rimborsabili)  strumenti di gestione (piani di gestione dei rifiuti)  accordi negoziali tra pubbliche autorità e operatori economici  monitoraggi accurati circa l'applicazione delle norme.

8 D.Lgs. 5 febbraio 1997, n. 22 Attuazione delle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/62/CE sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio. Il c.d. “Decreto Ronchi” costituisce la norma quadro di riferimento in materia di rifiuti (in attuazione alle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/62/CE sugli imballaggi e rifiuti di imballaggio), introduce un nuovo sistema di classificazione dei rifiuti che si basa sulla loro origine (distinguendo tra rifiuti urbani e rifiuti speciali) e sulla pericolosità (distinguendo tra rifiuti pericolosi e non pericolosi). 91/156/CEE91/689/CEE 94/62/CE 91/156/CEE91/689/CEE 94/62/CE

9 Gestione dei rifiuti Art. 2. Finalità. La gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è disciplinata dal presente decreto al fine di assicurare un'elevata protezione dell'ambiente e controlli efficaci, tenendo conto della specificità dei rifiuti pericolosi. La gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è disciplinata dal presente decreto al fine di assicurare un'elevata protezione dell'ambiente e controlli efficaci, tenendo conto della specificità dei rifiuti pericolosi. I rifiuti devono essere recuperati o smaltiti senza pericolo per la salute dell'uomo e senza usare procedimenti o metodi che potrebbero recare pregiudizio all'ambiente e, in particolare: I rifiuti devono essere recuperati o smaltiti senza pericolo per la salute dell'uomo e senza usare procedimenti o metodi che potrebbero recare pregiudizio all'ambiente e, in particolare: a) senza determinare rischi per l'acqua, l'aria, il suolo e per la fauna e la flora; b) senza causare inconvenienti da rumori o odori; c) senza danneggiare il paesaggio e i siti di particolare interesse, tutelati in base alla normativa vigente. La gestione dei rifiuti si conforma ai princìpi di responsabilizzazione e di cooperazione di tutti i soggetti coinvolti nella produzione, nella distribuzione, nell'utilizzo e nel consumo di beni da cui originano i rifiuti, nel rispetto dei princìpi dell'ordinamento nazionale e comunitario La gestione dei rifiuti si conforma ai princìpi di responsabilizzazione e di cooperazione di tutti i soggetti coinvolti nella produzione, nella distribuzione, nell'utilizzo e nel consumo di beni da cui originano i rifiuti, nel rispetto dei princìpi dell'ordinamento nazionale e comunitario

10 Art. 3. Prevenzione della produzione di rifiuti. Le autorità competenti adottano …. iniziative dirette a favorire, in via prioritaria, la prevenzione e la riduzione della produzione e della pericolosità dei rifiuti … Le autorità competenti adottano …. iniziative dirette a favorire, in via prioritaria, la prevenzione e la riduzione della produzione e della pericolosità dei rifiuti … Art. 4. Recupero dei rifiuti. Ai fini di una corretta gestione dei rifiuti le autorità competenti favoriscono la riduzione dello smaltimento finale dei rifiuti attraverso: Ai fini di una corretta gestione dei rifiuti le autorità competenti favoriscono la riduzione dello smaltimento finale dei rifiuti attraverso: a) il reimpiego ed il riciclaggio; b) le altre forme di recupero per ottenere materia prima dai rifiuti; c) l'adozione di misure economiche e la determinazione di condizioni di appalto che prevedano l'impiego dei materiali recuperati dai rifiuti al fine di favorire il mercato dei materiali medesimi; d) l'utilizzazione principale dei rifiuti come combustibile o come altro mezzo per produrre energia. Il riutilizzo, il riciclaggio e il recupero di materia prima debbono essere considerati preferibili rispetto alle altre forme di recupero. Il riutilizzo, il riciclaggio e il recupero di materia prima debbono essere considerati preferibili rispetto alle altre forme di recupero.

11 Art. 5. Smaltimento dei rifiuti Lo smaltimento dei rifiuti deve essere effettuato in condizioni di sicurezza e costituisce la fase residuale della gestione dei rifiuti. I rifiuti da avviare allo smaltimento finale devono essere il più possibile ridotti potenziando la prevenzione e le attività di riutilizzo, di riciclaggio e di recupero. I rifiuti da avviare allo smaltimento finale devono essere il più possibile ridotti potenziando la prevenzione e le attività di riutilizzo, di riciclaggio e di recupero. Lo smaltimento dei rifiuti è attuato con il ricorso ad una rete integrata ed adeguata di impianti di smaltimento, che tenga conto delle tecnologie più perfezionate a disposizione che non comportino costi eccessivi, al fine di: Lo smaltimento dei rifiuti è attuato con il ricorso ad una rete integrata ed adeguata di impianti di smaltimento, che tenga conto delle tecnologie più perfezionate a disposizione che non comportino costi eccessivi, al fine di: a) realizzare l'autosufficienza nello smaltimento dei rifiuti urbani non pericolosi in ambiti territoriali ottimali; b) permettere lo smaltimento dei rifiuti in uno degli impianti appropriati più vicini, al fine di ridurre i movimenti dei rifiuti stessi, tenendo conto del contesto geografico o della necessità di impianti specializzati per determinati tipi di rifiuti; c) utilizzare i metodi e le tecnologie più idonei a garantire un alto grado di protezione dell'ambiente e della salute pubblica.

12 A partire dal 1° gennaio 1999 la realizzazione e la gestione di nuovi impianti di incenerimento possono essere autorizzate solo se il relativo processo di combustione è accompagnato da recupero energetico con una quota minima di trasformazione del potere calorifico dei rifiuti in energia utile, calcolata su base annuale, stabilita con apposite norme tecniche. Dal 1° gennaio 1999 è vietato smaltire i rifiuti urbani non pericolosi in Regioni diverse da quelle dove gli stessi sono prodotti, fatti salvi gli accordi regionali o internazionali esistenti alla data di entrata in vigore del presente decreto. (Dal 1° gennaio 2000 è consentito smaltire in discarica solo i rifiuti inerti, i rifiuti individuati da specifiche norme tecniche ed i rifiuti che residuano dalle operazioni di riciclaggio, di recupero e di smaltimento…) * * Comma abrogato dall'art. 17, D.Lgs. 13 gennaio 2003, n. 36. D.Lgs. 13 gennaio 2003, n. 36.D.Lgs. 13 gennaio 2003, n. 36.

13 Art. 6. Definizioni Ai fini del presente decreto si intende per: Ai fini del presente decreto si intende per: a) RIFIUTO : qualsiasi sostanza od oggetto che rientra nelle categorie riportate nell'allegato A e di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l'obbligo di disfarsi; b) PRODUTTORE : la persona la cui attività ha prodotto rifiuti e la persona che ha effettuato operazioni di pretrattamento o di miscuglio o altre operazioni che hanno mutato la natura o la composizione dei rifiuti; c) DETENTORE : il produttore dei rifiuti o la persona fisica o giuridica che li detiene; d) GESTIONE : la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti, compreso il controllo di queste operazioni, nonché il controllo delle discariche e degli impianti di smaltimento dopo la chiusura; e) RACCOLTA : l'operazione di prelievo, di cernita e di raggruppamento dei rifiuti per il loro trasporto; f) RACCOLTA DIFFERENZIATA : la raccolta idonea a raggruppare i rifiuti urbani in frazioni merceologiche omogenee, [compresa la frazione organica umida, destinate al riutilizzo, al riciclaggio ed al recupero di materia prima];

14 segue Definizioni (Art. 6) g) SMALTIMENTO: le operazioni previste nell'allegato B; h) RECUPERO: le operazioni previste nell'allegato C; i) luogo di produzione dei rifiuti: uno o più edifici o stabilimenti o siti infrastrutturali collegati tra loro all'interno di un'area delimitata in cui si svolgono le attività di produzione dalle quali originano i rifiuti; l) STOCCAGGIO: Le attività di smaltimento consistenti nelle operazioni di deposito preliminare di rifiuti di cui al punto D15 dell'allegato B, nonché le attività di recupero consistenti nelle operazioni di messa in riserva di materiali di cui al punto R13 dell'allegato C;

15 Deposito Temporaneo E’ il raggruppamento dei rifiuti effettuato, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti alle seguenti condizioni: 1) i rifiuti depositati non devono contenere diossine in quantità superiore a 2,5 ppm né PCB e PCT in quantità superiore a 25 ppm; 2) i RIFIUTI PERICOLOSI devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento con cadenza almeno bimestrale indipendentemente dalle quantità in deposito, ovvero, in alternativa, quando il quantitativo di rifiuti pericolosi in deposito raggiunge i 10 metri cubi; il termine di durata del deposito temporaneo è di un anno se il quantitativo di rifiuti in deposito non supera i 10 metri cubi nell'anno o se, indipendentemente dalle quantità, il deposito temporaneo è effettuato in stabilimenti localizzati nelle isole minori; 3) i RIFIUTI NON PERICOLOSI devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento con cadenza almeno trimestrale indipendentemente dalle quantità in deposito, ovvero, in alternativa, quando il quantitativo di rifiuti non pericolosi in deposito raggiunge i 20 metri cubi; il termine di durata del deposito temporaneo è di un anno se il quantitativo di rifiuti in deposito non supera i 20 metri cubi nell'anno o se, indipendentemente dalle quantità, il deposito temporaneo è effettuato in stabilimenti localizzati nelle isole minori (10). 3) i RIFIUTI NON PERICOLOSI devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento con cadenza almeno trimestrale indipendentemente dalle quantità in deposito, ovvero, in alternativa, quando il quantitativo di rifiuti non pericolosi in deposito raggiunge i 20 metri cubi; il termine di durata del deposito temporaneo è di un anno se il quantitativo di rifiuti in deposito non supera i 20 metri cubi nell'anno o se, indipendentemente dalle quantità, il deposito temporaneo è effettuato in stabilimenti localizzati nelle isole minori (10). (10) 4) il deposito temporaneo deve essere effettuato per tipi omogenei e … nel rispetto delle norme che disciplinano il deposito delle sostanze pericolose in essi contenute; 4) il deposito temporaneo deve essere effettuato per tipi omogenei e … nel rispetto delle norme che disciplinano il deposito delle sostanze pericolose in essi contenute; 5) devono essere rispettate le norme che disciplinano l'imballaggio e l'etichettatura dei rifiuti pericolosi; 5) devono essere rispettate le norme che disciplinano l'imballaggio e l'etichettatura dei rifiuti pericolosi;

16 segue Definizioni (Art. 6) n) BONIFICA: ogni intervento di rimozione della fonte inquinante e di quanto dalla stessa contaminato fino al raggiungimento dei valori limite conformi all'utilizzo previsto dell'area; n) BONIFICA: ogni intervento di rimozione della fonte inquinante e di quanto dalla stessa contaminato fino al raggiungimento dei valori limite conformi all'utilizzo previsto dell'area; o) MESSA IN SICUREZZA: ogni intervento per il contenimento o isolamento definitivo della fonte inquinante rispetto alle matrici ambientali circostanti; o) MESSA IN SICUREZZA: ogni intervento per il contenimento o isolamento definitivo della fonte inquinante rispetto alle matrici ambientali circostanti; p) COMBUSTIBILE DA RIFIUTI: il combustibile ricavato dai rifiuti urbani mediante trattamento finalizzato all'eliminazione delle sostanze pericolose per la combustione ed a garantire un adeguato potere calorico, e che possieda caratteristiche specificate con apposite norme tecniche; p) COMBUSTIBILE DA RIFIUTI: il combustibile ricavato dai rifiuti urbani mediante trattamento finalizzato all'eliminazione delle sostanze pericolose per la combustione ed a garantire un adeguato potere calorico, e che possieda caratteristiche specificate con apposite norme tecniche; q) COMPOST DA RIFIUTI: prodotto ottenuto dal compostaggio della frazione organica dei rifiuti urbani nel rispetto di apposite norme tecniche finalizzate a definirne contenuti e usi compatibili con la tutela ambientale e sanitaria, e in particolare a definirne i gradi di qualità. q) COMPOST DA RIFIUTI: prodotto ottenuto dal compostaggio della frazione organica dei rifiuti urbani nel rispetto di apposite norme tecniche finalizzate a definirne contenuti e usi compatibili con la tutela ambientale e sanitaria, e in particolare a definirne i gradi di qualità.

17 Operazioni di smaltimento (Allegato B) D 1 Deposito sul o nel suolo (ad es. discarica) D 1 Deposito sul o nel suolo (ad es. discarica) D 2 Trattamento in ambiente terrestre (ad es. biodegradazione di rifiuti liquidi o fanghi nei suoli) D 2 Trattamento in ambiente terrestre (ad es. biodegradazione di rifiuti liquidi o fanghi nei suoli) D 3 Iniezioni in profondità (ad es. iniezioni dei rifiuti pompabili in pozzi, in cupole saline o faglie geologiche naturali) D 3 Iniezioni in profondità (ad es. iniezioni dei rifiuti pompabili in pozzi, in cupole saline o faglie geologiche naturali) D 4 Lagunaggio (ad es. scarico di rifiuti liquidi o di fanghi in pozzi, stagni o lagune, ecc.) D 4 Lagunaggio (ad es. scarico di rifiuti liquidi o di fanghi in pozzi, stagni o lagune, ecc.) D 5 Messa in discarica specialmente allestita (ad es. sistematizzazione in alveoli stagni separati, ricoperti o isolati gli uni dagli altri e dall'ambiente) D 5 Messa in discarica specialmente allestita (ad es. sistematizzazione in alveoli stagni separati, ricoperti o isolati gli uni dagli altri e dall'ambiente) D 6 Scarico dei rifiuti solidi nell'ambiente idrico eccetto l'immersione D 6 Scarico dei rifiuti solidi nell'ambiente idrico eccetto l'immersione D 7 Immersione, compreso il seppellimento nel sottosuolo marino D 7 Immersione, compreso il seppellimento nel sottosuolo marino D 8 Trattamento biologico non specificato altrove nel presente allegato, che dia origine a composti o a miscugli che vengono eliminati secondo uno dei procedimenti elencati nei punti da D1 a D12 D 8 Trattamento biologico non specificato altrove nel presente allegato, che dia origine a composti o a miscugli che vengono eliminati secondo uno dei procedimenti elencati nei punti da D1 a D12

18 segue Operazioni di smaltimento D 9 Trattamento fisico-chimico non specificato altrove nel presente allegato che dia origine a composti o a miscugli eliminati secondo uno dei procedimenti elencati nei punti da D1 a D12 (ad es. evaporazione, essiccazione, calcinazione, ecc.) D 9 Trattamento fisico-chimico non specificato altrove nel presente allegato che dia origine a composti o a miscugli eliminati secondo uno dei procedimenti elencati nei punti da D1 a D12 (ad es. evaporazione, essiccazione, calcinazione, ecc.) D 10 Incenerimento a terra D 10 Incenerimento a terra D 11 Incenerimento in mare D 11 Incenerimento in mare D 12 Deposito permanente (ad es. sistemazione di contenitori in una miniera, ecc.) D 12 Deposito permanente (ad es. sistemazione di contenitori in una miniera, ecc.) D 13 Raggruppamento preliminare prima di una delle operazioni di cui ai punti da D1 a D12 D 13 Raggruppamento preliminare prima di una delle operazioni di cui ai punti da D1 a D12 D 14 Ricondizionamento preliminare prima di una delle operazioni di cui ai punti da D1 a D13 D 14 Ricondizionamento preliminare prima di una delle operazioni di cui ai punti da D1 a D13 D 15 Deposito preliminare prima di una delle operazioni di cui ai punti da D1 a D14 (escluso il deposito temporaneo, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti) D 15 Deposito preliminare prima di una delle operazioni di cui ai punti da D1 a D14 (escluso il deposito temporaneo, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti)

19 Operazioni di recupero (Allegato C) R 1 Utilizzazione principale come combustibile o come altro mezzo per produrre energia R 1 Utilizzazione principale come combustibile o come altro mezzo per produrre energia R 2 Rigenerazione/ recupero di solventi R 2 Rigenerazione/ recupero di solventi R 3 Riciclo/recupero delle sostanze organiche non utilizzate come solventi (comprese le operazioni di compostaggio e altre trasformazioni biologiche) R 3 Riciclo/recupero delle sostanze organiche non utilizzate come solventi (comprese le operazioni di compostaggio e altre trasformazioni biologiche) R 4 Riciclo/ recupero dei metalli o dei composti metallici R 4 Riciclo/ recupero dei metalli o dei composti metallici R 5 Riciclo/recupero di altre sostanze inorganiche R 5 Riciclo/recupero di altre sostanze inorganiche R 6 Rigenerazione degli acidi o delle basi R 6 Rigenerazione degli acidi o delle basi R 7 Recupero dei prodotti che servono a captare gli inquinanti R 7 Recupero dei prodotti che servono a captare gli inquinanti R 8 Recupero dei prodotti provenienti dai catalizzatori R 8 Recupero dei prodotti provenienti dai catalizzatori R 9 Rigenerazione o altri reimpieghi degli oli R 9 Rigenerazione o altri reimpieghi degli oli R 10 Spandimento sul suolo a beneficio dell'agricoltura o dell'ecologia R 10 Spandimento sul suolo a beneficio dell'agricoltura o dell'ecologia R 11 Utilizzazione di rifiuti ottenuti da una delle operazioni indicate da R 1 a R 10 R 11 Utilizzazione di rifiuti ottenuti da una delle operazioni indicate da R 1 a R 10 R 12 Scambio di rifiuti per sottoporli ad una delle operazioni indicate da R 1 e R 11 R 12 Scambio di rifiuti per sottoporli ad una delle operazioni indicate da R 1 e R 11 R 13 Messa in riserva di rifiuti per sottoporli a una delle operazioni indicate nei punti da R 1 e R 12 (escluso il deposito temporaneo, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti). R 13 Messa in riserva di rifiuti per sottoporli a una delle operazioni indicate nei punti da R 1 e R 12 (escluso il deposito temporaneo, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti).

20 Classificazione dei rifiuti Il decreto legislativo 5 febbraio 1997 n.22 introduce un nuovo sistema di classificazione dei rifiuti che si basa sulla loro origine (distinguendo tra rifiuti urbani e rifiuti speciali) e sulla pericolosità (distinguendo tra rifiuti pericolosi e non pericolosi). decreto legislativo 5 febbraio 1997 n.22decreto legislativo 5 febbraio 1997 n.22

21 Rifiuti urbani a) i rifiuti domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione; b) i rifiuti non pericolosi provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi da quelli di cui alla lettera a), assimilati ai rifiuti urbani per qualità e quantità, ai sensi dell'articolo 21, comma 2, lettera g) del decreto legislativo; c) i rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade; d) i rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi d'acqua; e) i rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali; f) i rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni, nonché gli altri rifiuti provenienti da attività cimiteriale diversi da quelli di cui alle lettere b), c) ed e).

22 Rifiuti speciali a) i rifiuti da attività agricole e agro-industriali; b) i rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti pericolosi che derivano dalle attività di scavo; c) i rifiuti da lavorazioni industriali; d) i rifiuti da lavorazioni artigianali; e) i rifiuti da attività commerciali; f) i rifiuti da attività di servizio; g) i rifiuti derivanti dalle attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi; h) i rifiuti derivanti da attività sanitarie; i) i macchinari e le apparecchiature deteriorati ed obsoleti; l) i veicoli a motore, rimorchi e simili fuori uso e loro parti.

23 “PERICOLOSI” e “NON PERICOLOSI” I rifiuti sono, inoltre, catalogati in uno specifico Elenco e la loro classificazione in PERICOLOSI e NON PERICOLOSI si basa per alcune tipologie sulla provenienza e per altre tipologie sulla funzione che rivestiva il prodotto originario. Diverse tipologie di rifiuto sono classificate, già all’origine, come pericolose o non pericolose mentre per altre è prevista una voce speculare (codice di sei cifre per il rifiuto non pericoloso e codice di sei cifre contrassegnato con asterisco per il rifiuto pericoloso), in funzione della concentrazione di sostanze pericolose, da determinarsi mediante opportuna verifica analitica. Al fine di non dover modificare ripetutamente l’elenco dei rifiuti pericolosi, si è previsto un meccanismo automatico: pertanto, ogni volta che verrà classificata una nuova sostanza pericolosa (ai sensi della direttiva 67/548/CE) il rifiuto contenente la suddetta sostanza sarà classificato come pericoloso nel caso in cui la concentrazione della sostanza stessa raggiunga i valori limite previsti.

24 Art. 8. Esclusioni Sono esclusi dal campo di applicazione del decreto gli effluenti gassosi emessi nell'atmosfera, nonché, in quanto disciplinati da specifiche disposizioni di legge: a) i rifiuti radioattivi; a) i rifiuti radioattivi; b) i rifiuti risultanti dalla prospezione, dall'estrazione, dal trattamento, dall'ammasso di risorse minerali o dallo sfruttamento delle cave; b) i rifiuti risultanti dalla prospezione, dall'estrazione, dal trattamento, dall'ammasso di risorse minerali o dallo sfruttamento delle cave; c) le carogne ed i seguenti rifiuti agricoli: materie fecali ed altre sostanze naturali non pericolose utilizzate nell'attività agricola ed in particolare i materiali litoidi o vegetali riutilizzati nelle normali pratiche agricole e di conduzione dei fondi rustici e le terre da coltivazione provenienti dalla pulizia dei prodotti vegetali eduli; c) le carogne ed i seguenti rifiuti agricoli: materie fecali ed altre sostanze naturali non pericolose utilizzate nell'attività agricola ed in particolare i materiali litoidi o vegetali riutilizzati nelle normali pratiche agricole e di conduzione dei fondi rustici e le terre da coltivazione provenienti dalla pulizia dei prodotti vegetali eduli; c-bis) i residui e le eccedenze derivanti dalle preparazioni nelle cucine di qualsiasi tipo di cibi solidi, cotti e crudi, non entrati nel circuito distributivo di somministrazione, destinati alle strutture di ricovero di animali di affezione; c-bis) i residui e le eccedenze derivanti dalle preparazioni nelle cucine di qualsiasi tipo di cibi solidi, cotti e crudi, non entrati nel circuito distributivo di somministrazione, destinati alle strutture di ricovero di animali di affezione; e) le acque di scarico, esclusi i rifiuti allo stato liquido; e) le acque di scarico, esclusi i rifiuti allo stato liquido; f-bis) le terre e le rocce da scavo destinate all'effettivo utilizzo per reinterri, riempimenti, rilevati e macinati, con esclusione di materiali provenienti da siti inquinati e da bonifiche con concentrazione di inquinanti superiore ai limiti di accettabilità stabiliti dalle norme vigenti (L. 23 marzo 2001, n. 93. Per l'interpretazione autentica della presente lettera vedi il comma 17 dell'art. 1, L. 21 dicembre 2001, n. 443.); f-bis) le terre e le rocce da scavo destinate all'effettivo utilizzo per reinterri, riempimenti, rilevati e macinati, con esclusione di materiali provenienti da siti inquinati e da bonifiche con concentrazione di inquinanti superiore ai limiti di accettabilità stabiliti dalle norme vigenti (L. 23 marzo 2001, n. 93. Per l'interpretazione autentica della presente lettera vedi il comma 17 dell'art. 1, L. 21 dicembre 2001, n. 443.);L. 23 marzo 2001, n. 93 L. 21 dicembre 2001, n. 443.L. 23 marzo 2001, n. 93 L. 21 dicembre 2001, n f-ter) i materiali vegetali non contaminati da inquinanti in misura superiore ai limiti stabiliti dal decreto 25 ottobre 1999, n. 471, del Ministro dell'ambiente, provenienti da alvei di scolo ed irrigui, utilizzabili tal quale come prodotto (L. 23 marzo 2001, n. 93.). f-ter) i materiali vegetali non contaminati da inquinanti in misura superiore ai limiti stabiliti dal decreto 25 ottobre 1999, n. 471, del Ministro dell'ambiente, provenienti da alvei di scolo ed irrigui, utilizzabili tal quale come prodotto (L. 23 marzo 2001, n. 93.).L. 23 marzo 2001, n. 93.L. 23 marzo 2001, n. 93. Non sono in ogni caso assimilabili ai rifiuti urbani i rifiuti derivanti dalle lavorazioni di minerali e di materiali da cava.

25 Divieto di miscelazione di rifiuti pericolosi Art. 9. È vietato miscelare categorie diverse di rifiuti pericolosi ovvero rifiuti pericolosi con rifiuti non pericolosi. È vietato miscelare categorie diverse di rifiuti pericolosi ovvero rifiuti pericolosi con rifiuti non pericolosi. (In deroga al divieto, è consentita la miscelazione di rifiuti pericolosi tra loro o con altri rifiuti al fine di rendere più sicuro il recupero e lo smaltimento dei rifiuti) Fatta salva l'applicazione delle sanzioni, chiunque viola tale divieto è tenuto a procedere a proprie spese alla separazione dei rifiuti miscelati qualora sia tecnicamente ed economicamente possibile. Fatta salva l'applicazione delle sanzioni, chiunque viola tale divieto è tenuto a procedere a proprie spese alla separazione dei rifiuti miscelati qualora sia tecnicamente ed economicamente possibile.

26 Oneri dei produttori e dei detentori Gli oneri relativi alle attività di smaltimento sono a carico del detentore che consegna i rifiuti ad un raccoglitore autorizzato o ad un soggetto che effettua le operazioni di smaltimento, e dei precedenti detentori o del produttore dei rifiuti.

27 Catasto dei rifiuti Il D.Lgs.22 ha riorganizzato il Catasto dei rifiuti, istituito dalla legge 9 novembre 1988, n. 475, e successive modificazioni, in modo da assicurare un quadro conoscitivo completo e costantemente aggiornato, anche ai fini della pianificazione delle connesse attività di gestione, utilizzando la nomenclatura prevista nel Catalogo europeo dei rifiuti. Il D.Lgs.22 ha riorganizzato il Catasto dei rifiuti, istituito dalla legge 9 novembre 1988, n. 475, e successive modificazioni, in modo da assicurare un quadro conoscitivo completo e costantemente aggiornato, anche ai fini della pianificazione delle connesse attività di gestione, utilizzando la nomenclatura prevista nel Catalogo europeo dei rifiuti.legge 9 novembre 1988, n. 475legge 9 novembre 1988, n. 475 Il Catasto è articolato in una sezione nazionale, che ha sede in Roma presso l’APAT, e in sezioni regionali presso le Agenzie regionali per la protezione dell'ambiente (ARPA). Chi effettua attività di raccolta e di trasporto di rifiuti o svolge le operazioni di recupero e di smaltimento dei rifiuti e le imprese e gli enti che producono rifiuti sono tenuti a comunicare annualmente le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti. Chi effettua attività di raccolta e di trasporto di rifiuti o svolge le operazioni di recupero e di smaltimento dei rifiuti e le imprese e gli enti che producono rifiuti sono tenuti a comunicare annualmente le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti. Sono esonerati da tale obbligo, gli imprenditori agricoli con un volume di affari annuo non superiore a lire quindicimilioni e, limitatamente alla produzione di rifiuti non pericolosi, i piccoli imprenditori artigiani che non hanno più di tre dipendenti. Le Sezioni regionali del Catasto provvedono all'elaborazione dei dati ed alla successiva trasmissione alla Sezione nazionale delle informazioni. L‘APAT elabora i dati, evidenziando le tipologie e le quantità dei rifiuti prodotti, raccolti, trasportati, recuperati e smaltiti, nonché gli impianti di smaltimento e di recupero in esercizio, e ne assicura la pubblicità. Le Sezioni regionali del Catasto provvedono all'elaborazione dei dati ed alla successiva trasmissione alla Sezione nazionale delle informazioni. L‘APAT elabora i dati, evidenziando le tipologie e le quantità dei rifiuti prodotti, raccolti, trasportati, recuperati e smaltiti, nonché gli impianti di smaltimento e di recupero in esercizio, e ne assicura la pubblicità.

28 Registri di carico e scarico Chi effettua attività di raccolta e di trasporto di rifiuti o svolge le operazioni di recupero e di smaltimento dei rifiuti le imprese e gli enti che producono rifiuti hanno l'obbligo di tenere un registro di carico e scarico, su cui devono annotare le informazioni sulle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti, da utilizzare ai fini della comunicazione annuale al Catasto. Le annotazioni devono essere effettuate: Le annotazioni devono essere effettuate: a) per i produttori almeno entro una settimana dalla produzione del rifiuto e dallo scarico del medesimo; b) per i soggetti che effettuano la raccolta e il trasporto almeno entro una settimana dalla effettuazione del trasporto; c) per i commercianti e gli intermediari almeno entro una settimana dalla effettuazione della transazione relativa; d) per i soggetti che effettuano le operazioni di recupero e di smaltimento entro ventiquattro ore dalla presa in carico dei rifiuti. Il registro tenuto dagli stabilimenti e dalle imprese che svolgono attività di smaltimento e di recupero di rifiuti deve, inoltre, contenere: Il registro tenuto dagli stabilimenti e dalle imprese che svolgono attività di smaltimento e di recupero di rifiuti deve, inoltre, contenere: a) l'origine, la quantità, le caratteristiche e la destinazione specifica dei rifiuti; b) la data del carico e dello scarico dei rifiuti ed il mezzo di trasporto utilizzato; c) il metodo di trattamento impiegato.

29 segue Registri di carico e scarico I registri, integrati con i formulari relativi al trasporto dei rifiuti, sono conservati per cinque anni dalla data dell'ultima registrazione, ad eccezione dei registri relativi alle operazioni di smaltimento dei rifiuti in discarica, che devono essere conservati a tempo indeterminato ed al termine dell'attività devono essere consegnati all'autorità che ha rilasciato l'autorizzazione. I registri, integrati con i formulari relativi al trasporto dei rifiuti, sono conservati per cinque anni dalla data dell'ultima registrazione, ad eccezione dei registri relativi alle operazioni di smaltimento dei rifiuti in discarica, che devono essere conservati a tempo indeterminato ed al termine dell'attività devono essere consegnati all'autorità che ha rilasciato l'autorizzazione. Le informazioni contenute nel registro sono rese in qualunque momento all'autorità di controllo che ne fa richiesta. Le informazioni contenute nel registro sono rese in qualunque momento all'autorità di controllo che ne fa richiesta.

30 Art. 14. Divieto di abbandono L'abbandono e il deposito incontrollati di rifiuti sul suolo e nel suolo sono vietati. È altresì vietata l'immissione di rifiuti di qualsiasi genere, allo stato solido o liquido, nelle acque superficiali e sotterranee. Fatta salva l'applicazione delle sanzioni, chi viola tali divieti è tenuto a procedere alla rimozione, all'avvio a recupero o allo smaltimento dei rifiuti ed al ripristino dello stato dei luoghi in solido con il proprietario a cui tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o colpa. Il Sindaco dispone con ordinanza le operazioni necessarie ed il termine entro cui provvedere, decorso il quale procede all'esecuzione in danno dei soggetti obbligati ed al recupero delle somme anticipate. Qualora la responsabilità del fatto illecito di cui al comma 1 sia imputabile ad amministratori o rappresentanti di persona giuridica, ai sensi e per gli effetti del comma 3 sono tenuti in solido la persona giuridica ed i soggetti che subentrano nei diritti della persona stessa.

31 Trasporto dei rifiuti Durante il trasporto i rifiuti sono accompagnati da un formulario di identificazione dal quale devono risultare i seguenti dati: Durante il trasporto i rifiuti sono accompagnati da un formulario di identificazione dal quale devono risultare i seguenti dati: a) nome ed indirizzo del produttore e del detentore; b) origine, tipologia e quantità del rifiuto; c) impianto di destinazione; d) data e percorso dell'istradamento; e) nome ed indirizzo del destinatario. Il formulario di identificazione deve essere redatto in quattro esemplari, compilato, datato e firmato dal detentore dei rifiuti, e controfirmato dal trasportatore. Una copia del formulario deve rimanere presso il detentore, e le altre tre, controfirmate e datate in arrivo dal destinatario, sono acquisite una dal destinatario e due dal trasportatore, che provvede a trasmetterne una al detentore. Le copie del formulario devono essere conservate per cinque anni. Il formulario di identificazione deve essere redatto in quattro esemplari, compilato, datato e firmato dal detentore dei rifiuti, e controfirmato dal trasportatore. Una copia del formulario deve rimanere presso il detentore, e le altre tre, controfirmate e datate in arrivo dal destinatario, sono acquisite una dal destinatario e due dal trasportatore, che provvede a trasmetterne una al detentore. Le copie del formulario devono essere conservate per cinque anni. Durante la raccolta ed il trasporto i rifiuti pericolosi devono essere imballati ed etichettati in conformità alle norme vigenti in materia. Durante la raccolta ed il trasporto i rifiuti pericolosi devono essere imballati ed etichettati in conformità alle norme vigenti in materia. Le disposizioni di cui al comma 1 non si applicano al trasporto di rifiuti urbani effettuato dal soggetto che gestisce il servizio pubblico né ai trasporti di rifiuti che non eccedano la quantità di trenta chilogrammi al giorno o di trenta litri al giorno effettuati dal produttore dei rifiuti stessi. Le disposizioni di cui al comma 1 non si applicano al trasporto di rifiuti urbani effettuato dal soggetto che gestisce il servizio pubblico né ai trasporti di rifiuti che non eccedano la quantità di trenta chilogrammi al giorno o di trenta litri al giorno effettuati dal produttore dei rifiuti stessi.

32 Art. 17. Bonifica e ripristino ambientale dei siti inquinati Chiunque cagiona, anche in maniera accidentale, il superamento dei limiti di concentrazione di inquinanti in un sito o determina un pericolo concreto ed attuale di superamento dei limiti medesimi, è tenuto a procedere a proprie spese agli interventi di messa in sicurezza, di bonifica e di ripristino ambientale delle aree inquinate. Chiunque cagiona, anche in maniera accidentale, il superamento dei limiti di concentrazione di inquinanti in un sito o determina un pericolo concreto ed attuale di superamento dei limiti medesimi, è tenuto a procedere a proprie spese agli interventi di messa in sicurezza, di bonifica e di ripristino ambientale delle aree inquinate. A tal fine: A tal fine: a) entro 48 ore, deve notificare al Comune, alla Provincia ed alla Regione, nonché agli organi di controllo sanitario e ambientale, della situazione di inquinamento ovvero del pericolo concreto ed attuale di inquinamento del sito; a) entro 48 ore, deve notificare al Comune, alla Provincia ed alla Regione, nonché agli organi di controllo sanitario e ambientale, della situazione di inquinamento ovvero del pericolo concreto ed attuale di inquinamento del sito; b) entro le quarantotto ore successive alla notifica, deve dare comunicazione al comune ed alla provincia ed alla Regione degli interventi di messa in sicurezza adottati per non aggravare la situazione di inquinamento o di pericolo di inquinamento, contenere gli effetti e ridurre il rischio sanitario ed ambientale; b) entro le quarantotto ore successive alla notifica, deve dare comunicazione al comune ed alla provincia ed alla Regione degli interventi di messa in sicurezza adottati per non aggravare la situazione di inquinamento o di pericolo di inquinamento, contenere gli effetti e ridurre il rischio sanitario ed ambientale; c) entro trenta giorni dall'evento che ha determinato l'inquinamento o dalla individuazione della situazione di pericolo, deve presentare al Comune ed alla Regione il progetto di bonifica delle aree inquinate. c) entro trenta giorni dall'evento che ha determinato l'inquinamento o dalla individuazione della situazione di pericolo, deve presentare al Comune ed alla Regione il progetto di bonifica delle aree inquinate.

33 segue Siti inquinati 3. I soggetti e gli organi pubblici che nell'esercizio delle proprie funzioni istituzionali individuano siti nei quali i livelli di inquinamento sono superiori ai limiti previsti, ne danno comunicazione al Comune, che diffida il responsabile dell'inquinamento a provvedere, nonché alla Provincia ed alla Regione. 3. I soggetti e gli organi pubblici che nell'esercizio delle proprie funzioni istituzionali individuano siti nei quali i livelli di inquinamento sono superiori ai limiti previsti, ne danno comunicazione al Comune, che diffida il responsabile dell'inquinamento a provvedere, nonché alla Provincia ed alla Regione. 4. Il comune approva il progetto ed autorizza la realizzazione degli interventi previsti entro novanta giorni dalla data di presentazione del progetto medesimo e ne dà comunicazione alla Regione. L'autorizzazione indica le eventuali modifiche ed integrazioni del progetto presentato, ne fissa i tempi, anche intermedi, di esecuzione, e stabilisce le garanzie finanziarie che devono essere prestate a favore della Regione per la realizzazione e l'esercizio degli impianti previsti dal progetto di bonifica medesimo. Se l'intervento di bonifica e di messa in sicurezza riguarda un'area compresa nel territorio di più comuni il progetto e gli interventi sono approvati ed autorizzati dalla regione. 4. Il comune approva il progetto ed autorizza la realizzazione degli interventi previsti entro novanta giorni dalla data di presentazione del progetto medesimo e ne dà comunicazione alla Regione. L'autorizzazione indica le eventuali modifiche ed integrazioni del progetto presentato, ne fissa i tempi, anche intermedi, di esecuzione, e stabilisce le garanzie finanziarie che devono essere prestate a favore della Regione per la realizzazione e l'esercizio degli impianti previsti dal progetto di bonifica medesimo. Se l'intervento di bonifica e di messa in sicurezza riguarda un'area compresa nel territorio di più comuni il progetto e gli interventi sono approvati ed autorizzati dalla regione.

34 segue Siti inquinati 6. Qualora i limiti di accettabilità di contaminazione non possano essere raggiunti neppure con l'applicazione delle migliori tecnologie disponibili a costi sopportabili, l'autorizzazione può prescrivere l'adozione di misure di sicurezza volte ad impedire danni derivanti dall'inquinamento residuo, e limitazioni temporanee o permanenti all'utilizzo dell'area bonificata o particolari modalità per l'utilizzo dell'area medesima. 6. Qualora i limiti di accettabilità di contaminazione non possano essere raggiunti neppure con l'applicazione delle migliori tecnologie disponibili a costi sopportabili, l'autorizzazione può prescrivere l'adozione di misure di sicurezza volte ad impedire danni derivanti dall'inquinamento residuo, e limitazioni temporanee o permanenti all'utilizzo dell'area bonificata o particolari modalità per l'utilizzo dell'area medesima. 7. L'autorizzazione costituisce variante urbanistica, comporta dichiarazione di pubblica utilità, di urgenza e di indifferibilità dei lavori, e sostituisce a tutti gli effetti le autorizzazioni, le concessioni, i concerti, le intese, i nulla osta, i pareri e gli assensi previsti dalla legislazione vigente per la realizzazione e l'esercizio degli impianti e delle attrezzature necessarie all'attuazione del progetto di bonifica. 7. L'autorizzazione costituisce variante urbanistica, comporta dichiarazione di pubblica utilità, di urgenza e di indifferibilità dei lavori, e sostituisce a tutti gli effetti le autorizzazioni, le concessioni, i concerti, le intese, i nulla osta, i pareri e gli assensi previsti dalla legislazione vigente per la realizzazione e l'esercizio degli impianti e delle attrezzature necessarie all'attuazione del progetto di bonifica. 8. Il completamento degli interventi previsti dai progetti è attestato da apposita certificazione rilasciata dalla Provincia. 8. Il completamento degli interventi previsti dai progetti è attestato da apposita certificazione rilasciata dalla Provincia.

35 segue Siti inquinati 9. Qualora i responsabili non provvedano o non siano individuabili, gli interventi di messa in sicurezza, di bonifica e di ripristino ambientale sono realizzati d'ufficio dal Comune e ove questo non provveda dalla Regione, che si avvale anche di altri enti pubblici. 9. Qualora i responsabili non provvedano o non siano individuabili, gli interventi di messa in sicurezza, di bonifica e di ripristino ambientale sono realizzati d'ufficio dal Comune e ove questo non provveda dalla Regione, che si avvale anche di altri enti pubblici. 10. Gli interventi di messa in sicurezza, di bonifica e di ripristino ambientale nonché la realizzazione delle eventuali misure di sicurezza costituiscono onere reale sulle aree inquinate. 10. Gli interventi di messa in sicurezza, di bonifica e di ripristino ambientale nonché la realizzazione delle eventuali misure di sicurezza costituiscono onere reale sulle aree inquinate. 11. Le spese sostenute per la messa in sicurezza, la bonifica ed il ripristino ambientale delle aree inquinate nonché per la realizzazione delle eventuali misure di sicurezza, sono assistite da privilegio speciale immobiliare sulle aree medesime, ai sensi e per gli effetti dell'articolo 2748, secondo comma, del codice civile. Detto privilegio si può esercitare anche in pregiudizio dei diritti acquistati dai terzi sull'immobile. Le predette spese sono altresì assistite da privilegio generale mobiliare. 11. Le spese sostenute per la messa in sicurezza, la bonifica ed il ripristino ambientale delle aree inquinate nonché per la realizzazione delle eventuali misure di sicurezza, sono assistite da privilegio speciale immobiliare sulle aree medesime, ai sensi e per gli effetti dell'articolo 2748, secondo comma, del codice civile. Detto privilegio si può esercitare anche in pregiudizio dei diritti acquistati dai terzi sull'immobile. Le predette spese sono altresì assistite da privilegio generale mobiliare. 11-bis. Nel caso in cui il sito inquinato sia soggetto a sequestro, l'autorità giudiziaria che lo ha disposto autorizza l'accesso al sito per l'esecuzione degli interventi di messa in sicurezza, bonifica e ripristino ambientale delle aree, anche al fine di impedire l'ulteriore propagazione degli inquinanti ed il conseguente peggioramento della situazione ambientale. 11-bis. Nel caso in cui il sito inquinato sia soggetto a sequestro, l'autorità giudiziaria che lo ha disposto autorizza l'accesso al sito per l'esecuzione degli interventi di messa in sicurezza, bonifica e ripristino ambientale delle aree, anche al fine di impedire l'ulteriore propagazione degli inquinanti ed il conseguente peggioramento della situazione ambientale. 12. Le Regioni predispongono sulla base delle notifiche dei soggetti interessati o degli accertamenti degli organi di controllo un'anagrafe dei siti da bonificare. 12. Le Regioni predispongono sulla base delle notifiche dei soggetti interessati o degli accertamenti degli organi di controllo un'anagrafe dei siti da bonificare.

36 segue Siti inquinati In applicazione dell’Art. 17 del D.Lgs. 22 è stato emanato il D.M. 25 ottobre 1999, n. 471 che ha stabilito i criteri, le procedure e le modalità per la messa in sicurezza, la bonifica e il ripristino ambientale dei siti inquinati. D.M. 25 ottobre 1999, n. 471 D.M. 25 ottobre 1999, n. 471 In particolare ha definito: a) i limiti di accettabilità della contaminazione dei suoli, delle acque superficiali e delle acque sotterranee in relazione alla specifica destinazione d'uso dei siti; a) i limiti di accettabilità della contaminazione dei suoli, delle acque superficiali e delle acque sotterranee in relazione alla specifica destinazione d'uso dei siti; b) le procedure per il prelievo e l'analisi dei campioni; b) le procedure per il prelievo e l'analisi dei campioni; c) i criteri generali per la messa in sicurezza, la bonifica ed il ripristino ambientale dei siti inquinati e per la redazione dei progetti di bonifica. c) i criteri generali per la messa in sicurezza, la bonifica ed il ripristino ambientale dei siti inquinati e per la redazione dei progetti di bonifica.

37 Competenze dello Stato funzioni di indirizzo e coordinamento necessarie all'attuazione del decreto funzioni di indirizzo e coordinamento necessarie all'attuazione del decreto definizione dei criteri generali e delle metodologie per la gestione integrata dei rifiuti; definizione dei criteri generali e delle metodologie per la gestione integrata dei rifiuti; individuazione delle iniziative e delle misure per prevenire e limitare, anche mediante il ricorso a forme di deposito cauzionale sui beni immessi al consumo, la produzione dei rifiuti e per ridurre la pericolosità degli stessi; individuazione delle iniziative e delle misure per prevenire e limitare, anche mediante il ricorso a forme di deposito cauzionale sui beni immessi al consumo, la produzione dei rifiuti e per ridurre la pericolosità degli stessi; indicazione delle misure atte ad incoraggiare la razionalizzazione della raccolta, della cernita e del riciclaggio dei rifiuti; indicazione delle misure atte ad incoraggiare la razionalizzazione della raccolta, della cernita e del riciclaggio dei rifiuti; individuazione delle iniziative e delle azioni, anche economiche, per favorire il riciclaggio ed il recupero di materia prima dai rifiuti, nonché per promuovere il mercato dei materiali recuperati dai rifiuti ed il loro impiego da parte della Pubblica Amministrazione e dei soggetti economici; individuazione delle iniziative e delle azioni, anche economiche, per favorire il riciclaggio ed il recupero di materia prima dai rifiuti, nonché per promuovere il mercato dei materiali recuperati dai rifiuti ed il loro impiego da parte della Pubblica Amministrazione e dei soggetti economici; determinazione dei criteri generali per la elaborazione dei piani regionali ed il coordinamento dei piani stessi; determinazione dei criteri generali per la elaborazione dei piani regionali ed il coordinamento dei piani stessi; adozione delle norme tecniche per la gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi e di specifiche tipologie di rifiuti, e delle norme e delle condizioni per l'applicazione delle procedure semplificate. adozione delle norme tecniche per la gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi e di specifiche tipologie di rifiuti, e delle norme e delle condizioni per l'applicazione delle procedure semplificate.

38 Competenze delle Regioni predisposizione, l'adozione e l'aggiornamento, sentiti le Province ed i Comuni, dei piani regionali di gestione dei rifiuti di cui all'articolo 22; predisposizione, l'adozione e l'aggiornamento, sentiti le Province ed i Comuni, dei piani regionali di gestione dei rifiuti di cui all'articolo 22; elaborazione, l'approvazione e l'aggiornamento dei piani per la bonifica di aree inquinate; elaborazione, l'approvazione e l'aggiornamento dei piani per la bonifica di aree inquinate; approvazione dei progetti di nuovi impianti per la gestione dei rifiuti e l'autorizzazione alle modifiche degli impianti esistenti; approvazione dei progetti di nuovi impianti per la gestione dei rifiuti e l'autorizzazione alle modifiche degli impianti esistenti; autorizzazione all'esercizio delle operazioni di smaltimento e di recupero dei rifiuti; autorizzazione all'esercizio delle operazioni di smaltimento e di recupero dei rifiuti; delimitazione, in deroga all'ambito provinciale, degli ambiti ottimali per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati; delimitazione, in deroga all'ambito provinciale, degli ambiti ottimali per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati; definizione dei criteri per l'individuazione, da parte delle Province, delle aree non idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti; definizione dei criteri per l'individuazione, da parte delle Province, delle aree non idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti; Per l'esercizio di tali funzioni, le regioni si avvalgono anche delle ARPA.

39 Competenze delle Province le funzioni amministrative concernenti la programmazione e l'organizzazione dello smaltimento dei rifiuti a livello provinciale; le funzioni amministrative concernenti la programmazione e l'organizzazione dello smaltimento dei rifiuti a livello provinciale; il controllo e la verifica degli interventi di bonifica e del monitoraggio ad essi conseguenti; il controllo e la verifica degli interventi di bonifica e del monitoraggio ad essi conseguenti; il controllo periodico su tutte le attività di gestione, di intermediazione e di commercio dei rifiuti, ivi compreso l'accertamento delle violazioni del D.Lgs. 22; il controllo periodico su tutte le attività di gestione, di intermediazione e di commercio dei rifiuti, ivi compreso l'accertamento delle violazioni del D.Lgs. 22; la verifica ed il controllo dei requisiti previsti per l'applicazione delle procedure semplificate di cui agli articoli 31, 32 e 33; la verifica ed il controllo dei requisiti previsti per l'applicazione delle procedure semplificate di cui agli articoli 31, 32 e 33; l'individuazione, sentiti i Comuni, delle zone idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti urbani e delle zone non idonee alla localizzazione di impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti; l'individuazione, sentiti i Comuni, delle zone idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti urbani e delle zone non idonee alla localizzazione di impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti; l'iscrizione delle imprese e degli enti sottoposti alle procedure semplificate di cui agli articoli 31, 32 e 33 ed i relativi controlli; l'iscrizione delle imprese e degli enti sottoposti alle procedure semplificate di cui agli articoli 31, 32 e 33 ed i relativi controlli; l'organizzazione delle attività di raccolta differenziata dei rifiuti urbani e assimilati sulla base di ambiti territoriali ottimali. l'organizzazione delle attività di raccolta differenziata dei rifiuti urbani e assimilati sulla base di ambiti territoriali ottimali. Per l'esercizio delle attività di controllo sulla gestione dei rifiuti le province possono avvalersi anche delle ASL e delle ARPA. Le Province sottopongono ad adeguati controlli periodici gli stabilimenti e le imprese che smaltiscono o recuperano rifiuti, curando, in particolare, l'effettuazione di adeguati controlli periodici sulle attività sottoposte alle procedure semplificate di cui agli articoli 31, 32 e 33, e che i controlli concernenti la raccolta ed il trasporto di rifiuti pericolosi riguardino, in primo luogo, l'origine e la destinazione dei rifiuti.

40 Competenze dei Comuni effettuano la gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento in regime di privativa; effettuano la gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento in regime di privativa; disciplinano la gestione dei rifiuti urbani con appositi regolamenti, nel rispetto dei prìncipi di efficienza, efficacia ed economicità; disciplinano la gestione dei rifiuti urbani con appositi regolamenti, nel rispetto dei prìncipi di efficienza, efficacia ed economicità; approvano i progetti di bonifica dei siti inquinati. approvano i progetti di bonifica dei siti inquinati.

41 Piani regionali di gestione dei rifiuti Le Regioni, sentite le Province ed i Comuni, nel rispetto dei princìpi e delle finalità del D.Lgs. 22, predispongono piani regionali di gestione dei rifiuti, assicurando adeguata pubblicità e la massima partecipazione dei cittadini. Le Regioni, sentite le Province ed i Comuni, nel rispetto dei princìpi e delle finalità del D.Lgs. 22, predispongono piani regionali di gestione dei rifiuti, assicurando adeguata pubblicità e la massima partecipazione dei cittadini. I piani regionali di gestione dei rifiuti promuovono la riduzione delle quantità, dei volumi e della pericolosità dei rifiuti. I piani regionali di gestione dei rifiuti promuovono la riduzione delle quantità, dei volumi e della pericolosità dei rifiuti. Il piano regionale di gestione dei rifiuti prevede: Il piano regionale di gestione dei rifiuti prevede: a) le condizioni alle quali gli impianti per la gestione dei rifiuti, ad eccezione delle discariche, possono essere localizzati nelle aree destinate ad insediamenti produttivi; b) la tipologia ed il numero degli impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti urbani da realizzare nella regione, tenendo conto dell'obiettivo di assicurare la gestione dei rifiuti urbani non pericolosi all'interno degli ambiti territoriali ottimali; c) i fabbisogni degli impianti necessari ad assicurare lo smaltimento dei rifiuti speciali in luoghi prossimi a quelli di produzione al fine di favorire la riduzione della movimentazione di rifiuti; d) la stima dei costi delle operazioni di recupero e di smaltimento; e) i criteri per l'individuazione, da parte delle Province, delle aree non idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti, nonché per l'individuazione dei luoghi o impianti adatti allo smaltimento dei rifiuti ; f) le iniziative dirette a limitare la produzione dei rifiuti ed a favorire il riutilizzo, il riciclaggio ed il recupero dei rifiuti; g) le iniziative dirette a favorire il recupero dai rifiuti di materiali e di energia; h) le misure atte a promuovere la regionalizzazione della raccolta, della cernita e dello smaltimento dei rifiuti urbani.

42 Ambiti territoriali ottimali Salvo diversa disposizione stabilita con legge regionale, gli ambiti territoriali ottimali per la gestione dei rifiuti urbani sono le Province. In tali ambiti territoriali ottimali le Province assicurano una gestione unitaria dei rifiuti urbani e predispongono piani di gestione dei rifiuti, sentiti i Comuni, in applicazione degli indirizzi e delle prescrizioni del presente decreto. Salvo diversa disposizione stabilita con legge regionale, gli ambiti territoriali ottimali per la gestione dei rifiuti urbani sono le Province. In tali ambiti territoriali ottimali le Province assicurano una gestione unitaria dei rifiuti urbani e predispongono piani di gestione dei rifiuti, sentiti i Comuni, in applicazione degli indirizzi e delle prescrizioni del presente decreto. I Comuni di ciascun ambito territoriale ottimale organizzano la gestione dei rifiuti urbani secondo criteri di efficienza, di efficacia e di economicità. I Comuni di ciascun ambito territoriale ottimale organizzano la gestione dei rifiuti urbani secondo criteri di efficienza, di efficacia e di economicità. Le Province coordinano le forme ed i modi della cooperazione tra gli enti locali ricadenti nel medesimo ambito ottimale. Le Province coordinano le forme ed i modi della cooperazione tra gli enti locali ricadenti nel medesimo ambito ottimale.

43 Art. 27. Realizzazione impianti di smaltimento e di recupero I soggetti che intendono realizzare nuovi impianti di smaltimento o di recupero di rifiuti devono presentare domanda alla Regione, allegando il progetto definitivo dell'impianto e la documentazione tecnica prevista per la realizzazione del progetto stesso dalle disposizioni vigenti in materia urbanistica, di tutela ambientale, di salute e di sicurezza sul lavoro, e di igiene pubblica. Ove l'impianto debba essere sottoposto alla procedura di valutazione di impatto ambientale statale, alla domanda è altresì allegata la comunicazione del progetto all'autorità competente ed il termine resta sospeso fino all‘acquisizione della pronuncia sulla compatibilità ambientale. I soggetti che intendono realizzare nuovi impianti di smaltimento o di recupero di rifiuti devono presentare domanda alla Regione, allegando il progetto definitivo dell'impianto e la documentazione tecnica prevista per la realizzazione del progetto stesso dalle disposizioni vigenti in materia urbanistica, di tutela ambientale, di salute e di sicurezza sul lavoro, e di igiene pubblica. Ove l'impianto debba essere sottoposto alla procedura di valutazione di impatto ambientale statale, alla domanda è altresì allegata la comunicazione del progetto all'autorità competente ed il termine resta sospeso fino all‘acquisizione della pronuncia sulla compatibilità ambientale. Entro trenta giorni dal ricevimento della domanda di cui al comma 1, la Regione convoca un'apposita conferenza cui partecipano i responsabili degli uffici regionali competenti, e i rappresentanti degli enti locali interessati. Alla conferenza è invitato a partecipare anche il richiedente l'autorizzazione o un suo rappresentante al fine di acquisire informazioni e chiarimenti. Entro trenta giorni dal ricevimento della domanda di cui al comma 1, la Regione convoca un'apposita conferenza cui partecipano i responsabili degli uffici regionali competenti, e i rappresentanti degli enti locali interessati. Alla conferenza è invitato a partecipare anche il richiedente l'autorizzazione o un suo rappresentante al fine di acquisire informazioni e chiarimenti. Entro novanta giorni dalla sua convocazione, la conferenza procede alla valutazione dei progetti. Entro novanta giorni dalla sua convocazione, la conferenza procede alla valutazione dei progetti. Per l'istruttoria tecnica della domanda la Regione può avvalersi dell’ARTA. Per l'istruttoria tecnica della domanda la Regione può avvalersi dell’ARTA. La Giunta regionale approva il progetto e autorizza la realizzazione dell'impianto. L'approvazione sostituisce ad ogni effetto visti, pareri, autorizzazioni e concessioni di organi regionali, provinciali e comunali. L'approvazione stessa costituisce, ove occorra, variante allo strumento urbanistico comunale, e comporta la dichiarazione di pubblica utilità, urgenza ed indifferibilità dei lavori. La Giunta regionale approva il progetto e autorizza la realizzazione dell'impianto. L'approvazione sostituisce ad ogni effetto visti, pareri, autorizzazioni e concessioni di organi regionali, provinciali e comunali. L'approvazione stessa costituisce, ove occorra, variante allo strumento urbanistico comunale, e comporta la dichiarazione di pubblica utilità, urgenza ed indifferibilità dei lavori.

44 segue Realizzazione impianti di smaltimento Le stesse procedure si applicano anche per la realizzazione di varianti sostanziali in corso di esercizio, che comportano modifiche a seguito delle quali gli impianti non sono più conformi all'autorizzazione rilasciata. Le stesse procedure si applicano anche per la realizzazione di varianti sostanziali in corso di esercizio, che comportano modifiche a seguito delle quali gli impianti non sono più conformi all'autorizzazione rilasciata. Contestualmente alla domanda di realizzazione del nuovo impianto può essere presentata domanda di autorizzazione all'esercizio delle operazioni di smaltimento e di recupero. In tal caso la Regione autorizza le operazioni di smaltimento e di recupero contestualmente all'adozione del provvedimento che autorizza la realizzazione dell'impianto. Contestualmente alla domanda di realizzazione del nuovo impianto può essere presentata domanda di autorizzazione all'esercizio delle operazioni di smaltimento e di recupero. In tal caso la Regione autorizza le operazioni di smaltimento e di recupero contestualmente all'adozione del provvedimento che autorizza la realizzazione dell'impianto.

45 Art. 28. Autorizzazione all’esercizio di smaltimento e recupero L'esercizio delle operazioni di smaltimento e di recupero dei rifiuti è autorizzato dalla regione competente per territorio entro novanta giorni dalla presentazione della relativa istanza da parte dell'interessato. L'esercizio delle operazioni di smaltimento e di recupero dei rifiuti è autorizzato dalla regione competente per territorio entro novanta giorni dalla presentazione della relativa istanza da parte dell'interessato. L'autorizzazione individua: L'autorizzazione individua: a) i tipi ed i quantitativi di rifiuti da smaltire o da recuperare; a) i tipi ed i quantitativi di rifiuti da smaltire o da recuperare; b) i requisiti tecnici, con particolare riferimento alla compatibilità del sito, alle attrezzature utilizzate, ai tipi ed ai quantitativi massimi di rifiuti ed alla conformità dell'impianto al progetto approvato; b) i requisiti tecnici, con particolare riferimento alla compatibilità del sito, alle attrezzature utilizzate, ai tipi ed ai quantitativi massimi di rifiuti ed alla conformità dell'impianto al progetto approvato; c) le precauzioni da prendere in materia di sicurezza ed igiene ambientale; c) le precauzioni da prendere in materia di sicurezza ed igiene ambientale; d) il luogo di smaltimento; d) il luogo di smaltimento; e) il metodo di trattamento e di rrecupeo; e) il metodo di trattamento e di rrecupeo; f) i limiti di emissione in atmosfera, che per i processi di trattamento termico dei rifiuti, anche accompagnati da recupero energetico, non possono essere meno restrittivi di quelli fissati per gli impianti di incenerimento dalle direttive comunitarie; f) i limiti di emissione in atmosfera, che per i processi di trattamento termico dei rifiuti, anche accompagnati da recupero energetico, non possono essere meno restrittivi di quelli fissati per gli impianti di incenerimento dalle direttive comunitarie; g) le prescrizioni per le operazioni di messa in sicurezza, chiusura dell'impianto e ripristino del sito; g) le prescrizioni per le operazioni di messa in sicurezza, chiusura dell'impianto e ripristino del sito; h) le garanzie finanziarie; h) le garanzie finanziarie; i) l'idoneità del soggetto richiedente. i) l'idoneità del soggetto richiedente.

46 segue Autorizzazione all’esercizio L'autorizzazione all’esercizio è concessa per un periodo di cinque anni ed è rinnovabile. Entro centottanta giorni dalla scadenza dell'autorizzazione, deve essere presentata apposita domanda alla regione, che decide prima della scadenza dell'autorizzazione stessa. L'autorizzazione all’esercizio è concessa per un periodo di cinque anni ed è rinnovabile. Entro centottanta giorni dalla scadenza dell'autorizzazione, deve essere presentata apposita domanda alla regione, che decide prima della scadenza dell'autorizzazione stessa. Quando a seguito di controlli successivi all'avviamento degli impianti questi non risultino conformi all'autorizzazione, o non siano soddisfatte le condizioni e le prescrizioni contenute nell'atto di autorizzazione all'esercizio delle operazioni, l’autorizzazione è sospesa, previa diffida, per un periodo massimo di dodici mesi. Quando a seguito di controlli successivi all'avviamento degli impianti questi non risultino conformi all'autorizzazione, o non siano soddisfatte le condizioni e le prescrizioni contenute nell'atto di autorizzazione all'esercizio delle operazioni, l’autorizzazione è sospesa, previa diffida, per un periodo massimo di dodici mesi. Decorso tale termine senza che il titolare abbia provveduto, l'autorizzazione è revocata.

47 Albo nazionale delle imprese Le imprese esercenti servizi di smaltimento dei rifiuti devono essere iscritte all’ Albo nazionale delle imprese che effettuano la gestione dei rifiuti. Le imprese esercenti servizi di smaltimento dei rifiuti devono essere iscritte all’ Albo nazionale delle imprese che effettuano la gestione dei rifiuti. Le imprese che svolgono attività di raccolta e trasporto di rifiuti non pericolosi prodotti da terzi e le imprese che raccolgono e trasportano rifiuti pericolosi, esclusi i trasporti di rifiuti pericolosi che non eccedano la quantità di trenta chilogrammi al giorno o di trenta litri al giorno effettuati dal produttore degli stessi rifiuti, nonché le imprese che intendono effettuare attività di bonifica dei siti, di bonifica dei beni contenenti amianto, di commercio ed intermediazione dei rifiuti, di gestione di impianti di smaltimento e di recupero di titolarità di terzi, e di gestione di impianti mobili di smaltimento e di recupero di rifiuti, devono essere iscritte all'Albo. Le imprese che svolgono attività di raccolta e trasporto di rifiuti non pericolosi prodotti da terzi e le imprese che raccolgono e trasportano rifiuti pericolosi, esclusi i trasporti di rifiuti pericolosi che non eccedano la quantità di trenta chilogrammi al giorno o di trenta litri al giorno effettuati dal produttore degli stessi rifiuti, nonché le imprese che intendono effettuare attività di bonifica dei siti, di bonifica dei beni contenenti amianto, di commercio ed intermediazione dei rifiuti, di gestione di impianti di smaltimento e di recupero di titolarità di terzi, e di gestione di impianti mobili di smaltimento e di recupero di rifiuti, devono essere iscritte all'Albo. L'iscrizione deve essere rinnovata ogni cinque anni e sostituisce l'autorizzazione all'esercizio delle attività di raccolta, di trasporto, di commercio e di intermediazione dei rifiuti; per le altre attività l'iscrizione abilita alla gestione degli impianti il cui esercizio sia stato autorizzato ai sensi del presente decreto. L'iscrizione deve essere rinnovata ogni cinque anni e sostituisce l'autorizzazione all'esercizio delle attività di raccolta, di trasporto, di commercio e di intermediazione dei rifiuti; per le altre attività l'iscrizione abilita alla gestione degli impianti il cui esercizio sia stato autorizzato ai sensi del presente decreto.

48 Procedure semplificate Alcune attività di recupero rifiuti con caratteristiche determinate sono ammessi alle procedure semplificate. Alcune attività di recupero rifiuti con caratteristiche determinate sono ammessi alle procedure semplificate. Le procedure semplificate devono comunque garantire un elevato livello di protezione ambientale e controlli efficaci. Le procedure semplificate devono comunque garantire un elevato livello di protezione ambientale e controlli efficaci. Con decreti del Ministro dell'ambiente sono adottate per ciascun tipo di attività le norme, che fissano i tipi e le quantità di rifiuti e le condizioni in base alle quali le attività di smaltimento di rifiuti effettuate sono sottoposte alle procedure semplificate. Con decreti del Ministro dell'ambiente sono adottate per ciascun tipo di attività le norme, che fissano i tipi e le quantità di rifiuti e le condizioni in base alle quali le attività di smaltimento di rifiuti effettuate sono sottoposte alle procedure semplificate.

49 Procedure semplificate Le condizioni e le norme tecniche, in relazione a ciascun tipo di attività, prevedono in particolare: Le condizioni e le norme tecniche, in relazione a ciascun tipo di attività, prevedono in particolare: a) per i rifiuti non pericolosi: a) per i rifiuti non pericolosi: –le quantità massime impiegabili; –la provenienza, i tipi e le caratteristiche dei rifiuti utilizzabili e le condizioni specifiche alle quali le attività medesime sono sottoposte alla disciplina prevista dal presente articolo; –le prescrizioni necessarie per assicurare che, in relazione ai tipi o alle quantità dei rifiuti ed ai metodi di recupero, i rifiuti stessi siano recuperati senza pericolo per la salute dell’uomo e pregiudizio all'ambiente; b) per i rifiuti pericolosi: b) per i rifiuti pericolosi: –le quantità massime impiegabili; –la provenienza, i tipi e caratteristiche dei rifiuti; –le condizioni specifiche riferite ai valori limite di sostanze pericolose contenute nei rifiuti, ai valori limite di emissione per ogni tipo di rifiuto ed al tipo di attività e di impianto utilizzato, anche in relazione alle altre emissioni presenti in sito; –altri requisiti necessari per effettuare forme diverse di recupero; –le prescrizioni necessarie per assicurare che, in relazione al tipo ed alle quantità di sostanze pericolose contenute nei rifiuti ed ai metodi di recupero, i rifiuti stessi siano recuperati senza pericolo per la salute dell'uomo e pregiudizio all'ambiente.

50 Procedure semplificate La Provincia iscrive in un apposito registro le imprese che effettuano la comunicazione di inizio di attività e verifica d'ufficio la sussistenza dei presupposti e dei requisiti richiesti. La Provincia iscrive in un apposito registro le imprese che effettuano la comunicazione di inizio di attività e verifica d'ufficio la sussistenza dei presupposti e dei requisiti richiesti. Qualora la Provincia accerti il mancato rispetto delle norme tecniche e delle condizioni dispone con provvedimento motivato il divieto di inizio o di prosecuzione dell'attività, salvo che l'interessato non provveda a conformare alla normativa vigente dette attività ed i suoi effetti entro il termine prefissato dall'amministrazione. Qualora la Provincia accerti il mancato rispetto delle norme tecniche e delle condizioni dispone con provvedimento motivato il divieto di inizio o di prosecuzione dell'attività, salvo che l'interessato non provveda a conformare alla normativa vigente dette attività ed i suoi effetti entro il termine prefissato dall'amministrazione. La comunicazione deve essere rinnovata ogni 5 anni e comunque in caso di modifica sostanziale delle operazioni di recupero. La comunicazione deve essere rinnovata ogni 5 anni e comunque in caso di modifica sostanziale delle operazioni di recupero.

51 Decreti attuativi del D.Lgs. 22/97 D.M. 11 marzo 1998, n Regolamento recante norme per lo smaltimento in discarica dei rifiuti e per la catalogazione dei rifiuti pericolosi smaltiti in discarica. D.M. 11 marzo 1998, n Regolamento recante norme per lo smaltimento in discarica dei rifiuti e per la catalogazione dei rifiuti pericolosi smaltiti in discarica. D.M. 11 marzo 1998, n. 141 D.M. 11 marzo 1998, n. 141 D.M. 1 aprile 1998, n. 145 Regolamento recante la definizione del modello e dei contenuti del formulario di accompagnamento dei rifiuti ai sensi degli articoli 15, 18, comma 2, lettera e), e comma 4, del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22. D.M. 1 aprile 1998, n. 145 Regolamento recante la definizione del modello e dei contenuti del formulario di accompagnamento dei rifiuti ai sensi degli articoli 15, 18, comma 2, lettera e), e comma 4, del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22. D.M. 1 aprile 1998, n. 145 D.M. 1 aprile 1998, n. 145 D.M. del 1 aprile 1998, n Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli articoli 12, 18, comma 2, lettera m), e 18, comma 4, del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22. D.M. del 1 aprile 1998, n Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli articoli 12, 18, comma 2, lettera m), e 18, comma 4, del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22. D.M. del 1 aprile 1998, n. 148 D.M. del 1 aprile 1998, n. 148 D.M. 21 luglio 1998, n. 350 Regolamento recante norme per la determinazione dei diritti di iscrizione in appositi registri dovuti da imprese che effettuano operazioni di recupero e smaltimento di rifiuti, ai sensi degli articoli 31, 32 e 33 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 D.M. 21 luglio 1998, n. 350 Regolamento recante norme per la determinazione dei diritti di iscrizione in appositi registri dovuti da imprese che effettuano operazioni di recupero e smaltimento di rifiuti, ai sensi degli articoli 31, 32 e 33 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 D.M. 21 luglio 1998, n. 350 D.M. 21 luglio 1998, n. 350 D.M. 4 agosto 1998, n Regolamento recante norme sulla riorganizzazione del catasto dei rifiuti. D.M. 4 agosto 1998, n Regolamento recante norme sulla riorganizzazione del catasto dei rifiuti. D.M. 4 agosto 1998, n. 372 D.M. 4 agosto 1998, n. 372 D.M. 3 settembre 1998, n Regolamento recante norme concernenti le modalità di prestazione della garanzia finanziaria per il trasporto transfrontaliero di rifiuti. D.M. 3 settembre 1998, n Regolamento recante norme concernenti le modalità di prestazione della garanzia finanziaria per il trasporto transfrontaliero di rifiuti. D.M. 3 settembre 1998, n. 370 D.M. 3 settembre 1998, n. 370

52 segue Decreti attuativi del D.Lgs. 22/97 D.M. 4 agosto Determinazione, ai sensi dell'art. 41, comma 10- bis, del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, dell'entità dei costi della raccolta differenziata dei rifiuti d'imballaggio in vetro a carico dei produttori ed utilizzatori, nonché delle condizioni e le modalità di ritiro dei rifiuti stessi da parte dei produttori. D.M. 4 agosto Determinazione, ai sensi dell'art. 41, comma 10- bis, del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, dell'entità dei costi della raccolta differenziata dei rifiuti d'imballaggio in vetro a carico dei produttori ed utilizzatori, nonché delle condizioni e le modalità di ritiro dei rifiuti stessi da parte dei produttori. D.M. 4 agosto 1999 D.M. 4 agosto 1999 D. M. 25 ottobre 1999, n Ministero dell'ambiente - Regolamento recante criteri, procedure e modalità per la messa in sicurezza, la bonifica e il ripristino ambientale dei siti inquinati, ai sensi dell'articolo 17 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 e successive modifiche e integrazioni. D. M. 25 ottobre 1999, n Ministero dell'ambiente - Regolamento recante criteri, procedure e modalità per la messa in sicurezza, la bonifica e il ripristino ambientale dei siti inquinati, ai sensi dell'articolo 17 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 e successive modifiche e integrazioni. D. M. 25 ottobre 1999, n. 471 D. M. 25 ottobre 1999, n. 471 DECRETO 26 giugno 2000, n Regolamento recante la disciplina per la gestione dei rifiuti sanitari, ai sensi dell'articolo 45 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22. DECRETO 26 giugno 2000, n Regolamento recante la disciplina per la gestione dei rifiuti sanitari, ai sensi dell'articolo 45 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22. DECRETO 26 giugno 2000, n. 219 DECRETO 26 giugno 2000, n. 219 DECRETO 18 aprile 2000, n Regolamento di organizzazione e funzionamento dell'Osservatorio nazionale sui rifiuti, di cui all'articolo 26, comma 4, del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22. DECRETO 18 aprile 2000, n Regolamento di organizzazione e funzionamento dell'Osservatorio nazionale sui rifiuti, di cui all'articolo 26, comma 4, del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22. DECRETO 18 aprile 2000, n. 309 DECRETO 18 aprile 2000, n. 309 DECRETO LEGISLATIVO 13 gennaio 2003, n Attuazione della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti. DECRETO LEGISLATIVO 13 gennaio 2003, n Attuazione della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti. DECRETO LEGISLATIVO 13 gennaio 2003, n. 36 DECRETO LEGISLATIVO 13 gennaio 2003, n. 36 DECRETO LEGISLATIVO 24 giugno 2003, n Attuazione della direttiva 2000/59/CE relativa agli impianti portuali di raccolta per i rifiuti prodotti dalle navi ed i residui del carico. DECRETO LEGISLATIVO 24 giugno 2003, n Attuazione della direttiva 2000/59/CE relativa agli impianti portuali di raccolta per i rifiuti prodotti dalle navi ed i residui del carico. DECRETO LEGISLATIVO 24 giugno 2003, n. 182 DECRETO LEGISLATIVO 24 giugno 2003, n. 182

53 Decreto sull’incenerimento dei rifiuti Il Consiglio dei Ministri del 29 aprile 2005 ha approvato il decreto legislativo per l'attuazione della direttiva 2000/76 sull'incenerimento dei rifiuti. Il Consiglio dei Ministri del 29 aprile 2005 ha approvato il decreto legislativo per l'attuazione della direttiva 2000/76 sull'incenerimento dei rifiuti. Il decreto si applica agli impianti di incenerimento e di coincenerimento dei rifiuti e stabilisce le misure e le procedure finalizzate a prevenire e ridurre gli effetti negativi sull'ambiente, in particolare l'inquinamento atmosferico, del suolo, delle acque superficiali e sotterranee e i rischi per la salute umana che ne derivino. Il decreto si applica agli impianti di incenerimento e di coincenerimento dei rifiuti e stabilisce le misure e le procedure finalizzate a prevenire e ridurre gli effetti negativi sull'ambiente, in particolare l'inquinamento atmosferico, del suolo, delle acque superficiali e sotterranee e i rischi per la salute umana che ne derivino. Prevede che i cittadini possano accedere a tutte le informazioni, così da essere coinvolti nelle eventuali opportune decisioni. Prevede che i cittadini possano accedere a tutte le informazioni, così da essere coinvolti nelle eventuali opportune decisioni.

54 Segue Decreto sull’incenerimento dei rifiuti Il provvedimento regola tutte le fasi dell'incenerimento dei rifiuti, dal momento della ricezione nell'impianto fino alla corretta gestione e smaltimento delle sostanze residue: Il provvedimento regola tutte le fasi dell'incenerimento dei rifiuti, dal momento della ricezione nell'impianto fino alla corretta gestione e smaltimento delle sostanze residue: –i valori limite di emissione; –i metodi di campionamento, di analisi e di valutazione degli inquinanti derivanti dagli stessi impianti; –i criteri e le norme tecniche generali riguardanti le caratteristiche costruttive e funzionali, nonché le condizioni di esercizio degli impianti, con particolare riferimento alle esigenze di assicurare una elevata protezione dell'ambiente contro le emissioni causate dall'incenerimento e dal coincenerimento dei rifiuti; –i criteri temporali di adeguamento degli impianti già esistenti alle disposizioni del presente decreto.

55 Modifiche subite dal D.Lgs.22/97 D.Lgs. del 8 novembre 1997, n Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, in materia di rifiuti, di rifiuti pericolosi, di imballaggi e di rifiuti di imballaggio. D.Lgs. del 8 novembre 1997, n Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, in materia di rifiuti, di rifiuti pericolosi, di imballaggi e di rifiuti di imballaggio. D.Lgs. del 8 novembre 1997, n. 389 D.Lgs. del 8 novembre 1997, n. 389 Legge 24 aprile 1998, n "Disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dalla appartenenza dell'Italia alle Comunità europee – legge comunitaria ". Legge 24 aprile 1998, n "Disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dalla appartenenza dell'Italia alle Comunità europee – legge comunitaria ". Legge 24 aprile 1998, n. 128 Legge 24 aprile 1998, n. 128 Legge 9 dicembre 1998, n Nuovi interventi in campo ambientale. Legge 9 dicembre 1998, n Nuovi interventi in campo ambientale. Legge 9 dicembre 1998, n. 426 Legge 9 dicembre 1998, n. 426 Art. 49 della Legge 23 dicembre 1998, n Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo. Art. 49 della Legge 23 dicembre 1998, n Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo. Legge 23 dicembre 1998, n. 448 Legge 23 dicembre 1998, n. 448 Art. 33 della Legge 23 dicembre 1999, n Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2000) Art. 33 della Legge 23 dicembre 1999, n Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2000)Legge 23 dicembre 1999, n. 488Legge 23 dicembre 1999, n. 488 LEGGE 21 novembre 2000, n Misure in materia fiscale. LEGGE 21 novembre 2000, n Misure in materia fiscale. LEGGE 21 novembre 2000, n. 342 LEGGE 21 novembre 2000, n. 342 LEGGE 23 marzo 2001, n Disposizioni in campo ambientale. LEGGE 23 marzo 2001, n Disposizioni in campo ambientale. LEGGE 23 marzo 2001, n. 93 LEGGE 23 marzo 2001, n. 93 DECRETO-LEGGE 16 luglio 2001, n Differimento di termini in materia di smaltimento di rifiuti. DECRETO-LEGGE 16 luglio 2001, n Differimento di termini in materia di smaltimento di rifiuti. DECRETO-LEGGE 16 luglio 2001, n. 286 DECRETO-LEGGE 16 luglio 2001, n. 286 Art 7 del DECRETO-LEGGE 28 dicembre 2001, n Disposizioni urgenti in tema di accise, di gasolio per autotrazione, di smaltimento di oli usati, di giochi e scommesse, nonché sui rimborsi IVA, Convertito in legge con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2002, n. 16.LEGGE 28 dicembre 2001, n Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato Art 7 del DECRETO-LEGGE 28 dicembre 2001, n Disposizioni urgenti in tema di accise, di gasolio per autotrazione, di smaltimento di oli usati, di giochi e scommesse, nonché sui rimborsi IVA, Convertito in legge con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2002, n. 16.LEGGE 28 dicembre 2001, n Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello StatoDECRETO-LEGGE 28 dicembre 2001, n. 452legge 27 febbraio 2002, n. 16LEGGE 28 dicembre 2001, n. 448DECRETO-LEGGE 28 dicembre 2001, n. 452legge 27 febbraio 2002, n. 16LEGGE 28 dicembre 2001, n. 448

56 segue Modifiche subite dal D.Lgs.22/97 Art. 14 della LEGGE 1° marzo 2002, n Disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunità europee. Legge comunitaria Art. 14 della LEGGE 1° marzo 2002, n Disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunità europee. Legge comunitaria 2001.LEGGE 1° marzo 2002, n. 39LEGGE 1° marzo 2002, n. 39 Art. 23 della Legge 31 luglio 2002, n Disposizioni in materia ambientale. Art. 23 della Legge 31 luglio 2002, n Disposizioni in materia ambientale.Legge 31 luglio 2002, n. 179Legge 31 luglio 2002, n. 179 DECRETO LEGISLATIVO 13 gennaio 2003, n Attuazione della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti. DECRETO LEGISLATIVO 13 gennaio 2003, n Attuazione della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti. DECRETO LEGISLATIVO 13 gennaio 2003, n. 36 DECRETO LEGISLATIVO 13 gennaio 2003, n. 36 Art. 9 della LEGGE 3 febbraio 2003, n Disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunità europee. Legge comunitaria Art. 9 della LEGGE 3 febbraio 2003, n Disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunità europee. Legge comunitaria 2002.LEGGE 3 febbraio 2003, n. 14LEGGE 3 febbraio 2003, n. 14 DECRETO LEGISLATIVO 24 giugno 2003, n Attuazione della direttiva 2000/59/CE relativa agli impianti portuali di raccolta per i rifiuti prodotti dalle navi ed i residui del carico. DECRETO LEGISLATIVO 24 giugno 2003, n Attuazione della direttiva 2000/59/CE relativa agli impianti portuali di raccolta per i rifiuti prodotti dalle navi ed i residui del carico. DECRETO LEGISLATIVO 24 giugno 2003, n. 182 DECRETO LEGISLATIVO 24 giugno 2003, n. 182 DECRETO LEGISLATIVO 24 giugno 2003, n Attuazione della direttiva 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori uso. DECRETO LEGISLATIVO 24 giugno 2003, n Attuazione della direttiva 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori uso. DECRETO LEGISLATIVO 24 giugno 2003, n. 209 DECRETO LEGISLATIVO 24 giugno 2003, n. 209 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 2003, n Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell'articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 2003, n Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell'articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 2003, n. 254 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 2003, n. 254 LEGGE 15 dicembre 2004, n Delega al Governo per il riordino, il coordinamento e l'integrazione della legislazione in materia ambientale e misure di diretta applicazione. LEGGE 15 dicembre 2004, n Delega al Governo per il riordino, il coordinamento e l'integrazione della legislazione in materia ambientale e misure di diretta applicazione. LEGGE 15 dicembre 2004, n. 308 LEGGE 15 dicembre 2004, n. 308

57 Gestione di particolari categorie di rifiuti BENI DUREVOLI I beni durevoli per uso domestico che hanno esaurito la loro durata operativa devono essere consegnati ad un rivenditore contestualmente all'acquisto di un bene durevole di tipologia equivalente o devono essere conferiti alle imprese pubbliche o private che gestiscono la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti urbani o agli appositi centri di raccolta a cura del detentore. I beni durevoli per uso domestico che hanno esaurito la loro durata operativa devono essere consegnati ad un rivenditore contestualmente all'acquisto di un bene durevole di tipologia equivalente o devono essere conferiti alle imprese pubbliche o private che gestiscono la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti urbani o agli appositi centri di raccolta a cura del detentore. I produttori e gli importatori devono provvedere al ritiro, al recupero e allo smaltimento dei beni durevoli consegnati dal detentore al rivenditore, sulla base di appositi accordi di programma. I produttori e gli importatori devono provvedere al ritiro, al recupero e allo smaltimento dei beni durevoli consegnati dal detentore al rivenditore, sulla base di appositi accordi di programma. Il Ministro dell'ambiente promuove accordi di programma tra le imprese che producono tali beni, quelle che li immettono al consumo, anche in qualità di importatori ed i soggetti pubblici e privati che ne gestiscono la raccolta, il recupero, il riciclaggio e lo smaltimento. Il Ministro dell'ambiente promuove accordi di programma tra le imprese che producono tali beni, quelle che li immettono al consumo, anche in qualità di importatori ed i soggetti pubblici e privati che ne gestiscono la raccolta, il recupero, il riciclaggio e lo smaltimento.

58 Rifiuti sanitari Il deposito temporaneo presso il luogo di produzione di rifiuti sanitari pericolosi deve essere effettuato in condizioni tali da non causare alterazioni che comportino rischi per la salute e può avere una durata massima di cinque giorni. Per quantitativi non superiori a duecento litri detto deposito temporaneo può raggiungere i trenta giorni, alle predette condizioni. Il deposito temporaneo presso il luogo di produzione di rifiuti sanitari pericolosi deve essere effettuato in condizioni tali da non causare alterazioni che comportino rischi per la salute e può avere una durata massima di cinque giorni. Per quantitativi non superiori a duecento litri detto deposito temporaneo può raggiungere i trenta giorni, alle predette condizioni. Al direttore sanitario della struttura pubblica o privata compete la sorveglianza ed il rispetto di tale disposizione, fino al conferimento dei rifiuti all'operatore autorizzato al trasporto verso l'impianto di smaltimento. Al direttore sanitario della struttura pubblica o privata compete la sorveglianza ed il rispetto di tale disposizione, fino al conferimento dei rifiuti all'operatore autorizzato al trasporto verso l'impianto di smaltimento. In attuazione di quanto disposto nel D.Lgs. 22 è stato emanato il D.M. 26 giugno 2000, n In attuazione di quanto disposto nel D.Lgs. 22 è stato emanato il D.M. 26 giugno 2000, n. 219.D.M. 26 giugno 2000, n. 219.D.M. 26 giugno 2000, n. 219.

59 Veicoli a motore e rimorchi Il proprietario di un veicolo a motore e rimorchi che intenda procedere alla demolizione dello stesso deve consegnarlo ad un centro di raccolta autorizzato per la messa in sicurezza, la demolizione, il recupero dei materiali e la rottamazione. Tali centri di raccolta possono ricevere anche rifiuti costituiti da parti di veicoli a motore. Il proprietario di un veicolo a motore e rimorchi che intenda procedere alla demolizione dello stesso deve consegnarlo ad un centro di raccolta autorizzato per la messa in sicurezza, la demolizione, il recupero dei materiali e la rottamazione. Tali centri di raccolta possono ricevere anche rifiuti costituiti da parti di veicoli a motore. Il proprietario di un veicolo a motore o di un rimorchio destinato alla demolizione può altresì consegnarlo ai concessionari o alle succursali delle case costruttrici per la consegna successiva ai centri di cui al comma 1 qualora intenda cedere il predetto veicolo o rimorchio per acquistarne un altro. Il proprietario di un veicolo a motore o di un rimorchio destinato alla demolizione può altresì consegnarlo ai concessionari o alle succursali delle case costruttrici per la consegna successiva ai centri di cui al comma 1 qualora intenda cedere il predetto veicolo o rimorchio per acquistarne un altro.

60 Sanzioni Abbandono di rifiuti. Abbandono di rifiuti. Chiunque abbandona o deposita rifiuti o li immette nelle acque superficiali o sotterranee è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da lire duecentomila a lire unmilioneduecentomila. Se l'abbandono di rifiuti sul suolo riguarda rifiuti non pericolosi e non ingombranti si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da lire cinquantamila a lire trecentomila. Chiunque abbandona o deposita rifiuti o li immette nelle acque superficiali o sotterranee è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da lire duecentomila a lire unmilioneduecentomila. Se l'abbandono di rifiuti sul suolo riguarda rifiuti non pericolosi e non ingombranti si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da lire cinquantamila a lire trecentomila. Chiunque non ottempera all'ordinanza del Sindaco di rimozione dei rifiuti abbandonati è punito con la pena dell‘arresto fino ad un anno. Con la sentenza di condanna per tali contravvenzioni, o con la decisione emessa ai sensi dell'articolo 444 del codice di procedura penale, il beneficio della sospensione condizionale della pena può essere subordinato alla esecuzione di quanto stabilito nella ordinanza o nell'obbligo non eseguiti. Chiunque non ottempera all'ordinanza del Sindaco di rimozione dei rifiuti abbandonati è punito con la pena dell‘arresto fino ad un anno. Con la sentenza di condanna per tali contravvenzioni, o con la decisione emessa ai sensi dell'articolo 444 del codice di procedura penale, il beneficio della sospensione condizionale della pena può essere subordinato alla esecuzione di quanto stabilito nella ordinanza o nell'obbligo non eseguiti.

61 Attività di gestione di rifiuti non autorizzata Chiunque effettua un'attività di raccolta, trasporto, recupero, smaltimento, commercio ed intermediazione di rifiuti in mancanza della prescritta autorizzazione, iscrizione o comunicazione è punito: Chiunque effettua un'attività di raccolta, trasporto, recupero, smaltimento, commercio ed intermediazione di rifiuti in mancanza della prescritta autorizzazione, iscrizione o comunicazione è punito: a) con la pena dell‘arresto da tre mesi ad un anno o con l'ammenda da lire cinque milioni a lire cinquanta milioni se si tratta di rifiuti non pericolosi; a) con la pena dell‘arresto da tre mesi ad un anno o con l'ammenda da lire cinque milioni a lire cinquanta milioni se si tratta di rifiuti non pericolosi; b) con la pena dell‘ arresto da sei mesi a due anni e con l'ammenda da lire cinque milioni a lire cinquanta milioni se si tratta di rifiuti pericolosi. b) con la pena dell‘ arresto da sei mesi a due anni e con l'ammenda da lire cinque milioni a lire cinquanta milioni se si tratta di rifiuti pericolosi. Dette pene si applicano anche ai titolari di imprese ed ai responsabili di enti che abbandonano o depositano in modo incontrollato i rifiuti prodotti. Dette pene si applicano anche ai titolari di imprese ed ai responsabili di enti che abbandonano o depositano in modo incontrollato i rifiuti prodotti.

62 Codici dei rifiuti Ogni rifiuto è individuato da un codice a 6 cifre che ne indica la provenienza e le caratteristiche. I codici vigenti sono riportati nella Dir.Min. 9 aprile 2002 (Allegato A), che recepisce alcune Decisioni europee. Ogni rifiuto è individuato da un codice a 6 cifre che ne indica la provenienza e le caratteristiche. I codici vigenti sono riportati nella Dir.Min. 9 aprile 2002 (Allegato A), che recepisce alcune Decisioni europee.

63 La gestione dei rifiuti in Europa In Europa ogni anno si producono circa 1,3 miliardi di tonnellate di rifiuti, escludendo quelli agricoli. In Europa ogni anno si producono circa 1,3 miliardi di tonnellate di rifiuti, escludendo quelli agricoli. Complessivamente i rifiuti prodotti si distinguono in: Complessivamente i rifiuti prodotti si distinguono in: 29% rifiuti dell'attività estrattiva 26% rifiuti dell'attività manifatturiera 22% rifiuti dell'attività di costruzione e demolizione 14% rifiuti urbani 5% rifiuti da varie fonti 4% rifiuti dall'attività di produzione dell'energia (fonte Rapporto Rifiuti dati 1997) La produzione di rifiuti urbani in Europa è pertanto pari a 198 milioni di tonnellate. Considerando la popolazione UE di 375 milioni di abitanti, ogni abitante in Europa produce ogni anno 527 kg di rifiuti. La produzione di rifiuti urbani in Europa è pertanto pari a 198 milioni di tonnellate. Considerando la popolazione UE di 375 milioni di abitanti, ogni abitante in Europa produce ogni anno 527 kg di rifiuti.

64 Smaltimento dei rifiuti in Europa Nonostante gli sforzi nel recupero e nel riciclaggio, la discarica resta la soluzione ancora più praticata per il 54% dei casi. Il 27% dei rifiuti urbani entra nella filiera del riciclaggio o del compostaggio. Il 19% restante dei rifiuti è avviato all'incenerimento con o senza recupero di energia (termovalorizzatori).

65

66 La gestione dei rifiuti urbani in Italia L'Italia produce ogni anno 29 milioni di tonnellate di rifiuti solidi urbani (dato 2001). La politica della gestioni rifiuti è ancora fortemente orientata alle discariche e solo un quarto dei rifiuti segue altre strade (compostaggio, riciclaggio) e meno del 10% dei rifiuti viene incenerito tramite gli inceneritori o termovalorizzatori. Si registra comunque una crescita del settore del compostaggio, in particolare del compostaggio delle frazioni selezionate dei rifiuti, sia in termini di quantità di rifiuti trattati sia in termini di numero di impianti. Tale risultato è stato raggiunto anche grazie all’incentivazione dei sistemi di raccolta differenziata. Si registra comunque una crescita del settore del compostaggio, in particolare del compostaggio delle frazioni selezionate dei rifiuti, sia in termini di quantità di rifiuti trattati sia in termini di numero di impianti. Tale risultato è stato raggiunto anche grazie all’incentivazione dei sistemi di raccolta differenziata. In concomitanza con lo sviluppo dei trattamenti a valle della raccolta differenziata, la quantità dei rifiuti avviati alla termovalorizzazione dovrebbe ulteriormente crescere nei prossimi anni in seguito alla costruzione di numerosi nuovi impianti. Inoltre, lo sviluppo tecnologico ha limitato drasticamente il numero degli insediamenti che non effettuano il recupero energetico (dei 44 impianti di incenerimento dei rifiuti urbani nel 2001 solo 8 sono senza recupero di energia).

67 La gestione dei rifiuti urbani in Italia DATI 2001: –il 66,7% dei rifiuti urbani sono stati smaltiti in discarica per un totale di circa 19,7 milioni di tonnellate; –l’8,8 % sono stati avviati ad impianti di incenerimento con o senza recupero di energia; –il 12,8% sono stati avviati ad impianti di selezione con produzione di compost frazione secca e/o CDR; –il 5,9% sono stati avviati ad impianti di compostaggio di frazioni selezionate; –il 5,8% sono stati avviati ad altre forme di recupero.

68 Il D.Lgs.22/97 prevedeva una raccolta differenziata dei rifiuti urbani assicurata in ogni ambito territoriale ottimale pari alle seguenti percentuali minime di rifiuti prodotti: a) 15% entro due anni dalla data di entrata in vigore del decreto; a) 15% entro due anni dalla data di entrata in vigore del decreto; b) 25% entro quattro anni dalla data di entrata in vigore del decreto; b) 25% entro quattro anni dalla data di entrata in vigore del decreto; c) 35% a partire dal sesto anno successivo alla data di entrata in vigore del decreto. c) 35% a partire dal sesto anno successivo alla data di entrata in vigore del decreto.

69 La gestione dei rifiuti speciali L’analisi dei dati 2000 e 2001 evidenzia che : circa il 40% dei rifiuti speciali è avviato ad operazioni di recupero di materia, comprendente le tipologie di recupero descritte dalle operazioni che vanno da R2 a R10; circa il 40% dei rifiuti speciali è avviato ad operazioni di recupero di materia, comprendente le tipologie di recupero descritte dalle operazioni che vanno da R2 a R10; circa il 2 % è avviato a valorizzazione energetica in impianti produttivi quali cementifici, impianti per la produzione di energia, piccole fornaci che utilizzano rifiuti come combustibile in luogo dei combustibili convenzionali; in tale quantità non viene incluso l’incenerimento con recupero di energia; circa il 2 % è avviato a valorizzazione energetica in impianti produttivi quali cementifici, impianti per la produzione di energia, piccole fornaci che utilizzano rifiuti come combustibile in luogo dei combustibili convenzionali; in tale quantità non viene incluso l’incenerimento con recupero di energia; circa il 15% è avviato in impianti di trattamento chimico-fisico o biologico, preliminari allo smaltimento; circa il 15% è avviato in impianti di trattamento chimico-fisico o biologico, preliminari allo smaltimento; circa l’1% dei rifiuti gestiti è avviato all’incenerimento; circa l’1% dei rifiuti gestiti è avviato all’incenerimento;

70 La gestione dei rifiuti speciali circa il 3 % viene gestito da soggetti autorizzati allo stoccaggio provvisorio e al deposito preliminare; circa il 3 % viene gestito da soggetti autorizzati allo stoccaggio provvisorio e al deposito preliminare; il 26,5% nel 2000 e il 23,8% nel 2001 dei rifiuti è avviato in discariche autorizzate. il 26,5% nel 2000 e il 23,8% nel 2001 dei rifiuti è avviato in discariche autorizzate. In generale, si riscontra un aumento generalizzato dei rifiuti gestiti rispetto agli anni precedenti, in linea con la maggiore produzione di rifiuti registrata.


Scaricare ppt "GESTIONE DEI RIFIUTI Corso di riconversione creditizia Chieti - 1 luglio 2005 Dott.ssa Giovanna Mancinelli ARTA Abruzzo."

Presentazioni simili


Annunci Google