La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Introduzione alla Storia dell’Elettromagnetismo Classico Fabio Bevilacqua Dipartimento di Fisica “A.Volta” Università di Pavia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Introduzione alla Storia dell’Elettromagnetismo Classico Fabio Bevilacqua Dipartimento di Fisica “A.Volta” Università di Pavia."— Transcript della presentazione:

1 Introduzione alla Storia dell’Elettromagnetismo Classico Fabio Bevilacqua Dipartimento di Fisica “A.Volta” Università di Pavia

2 Elettromagnetismo Classico La ripartizione classica della Storia dell'E.C. corrisponde a otto fasi: a)la fase baconiana nel seicento e settecento, culminante con la formulazione della legge di Volta nel 1784 e di Coulomb nel 1785 b)gli sviluppi della teoria matematica del potenziale c)la scoperta della pila, le esperienze di Oersted e le leggi di Biot-Savart e di Ohm d)l'opera di Ampère e lo sviluppo dell'elettrodinamica, cioè il filone newtoniano nell'elettromagnetismo in particolare con Weber in Germania

3 Elettromagnetismo Classico e)lo sviluppo delle idee di Faraday e Maxwell in Inghilterra e della teoria dell'azione a contatto f)il dibattito nella seconda metà dell'ottocento tra le concezioni inglese e tedesca dell'azione per contatto e dell'azione a distanza g)la soluzione del dibattito con la sintesi di Lorentz h)lo sviluppo della teoria della relatività a partire dalla teoria dell'elettrone di Lorentz.

4 Sommario Introduzione metodologica Sperimentazioni baconiane Due quantificazioni: Volta e Coulomb (tensione e forza) Due modelli: azione a contatto e a distanza); schema La teoria matematica del potenziale (tabella) Oersted, Biot e Savart, Ampère Ohm e i circuiti Faraday e l’azione a contatto Forze elettromotrici e ponderomotrici Neumann, Fechner, Weber, Kircchoff: azione a distanza Helmholtz e la conservazione dell’energia Maxwell, etere e corrente di spostamento Weber, Clausius e i potenziali elettrodinamici Helmholtz e la soluzione formale C.Neumann, V.Lorenz e l’azione a distanza ritardata Poynting, Planck e l’energia locale Hertz: esperimenti e modelli Michelson-Morley e l’etere trascinato J.J. Thomson e l’elettrone Lorentz e la sintesi Einstein e le asimmetrie teoriche L’induzione unipolare 5 libri di testo avanzati

5 Un’elaborazione di Holton

6 Baconian electricity

7 Coulomb e Volta Legge derivante dalla gravitazione newtoniana: azioni a distanza nello spazio vuoto Azioni “ in-tensive ” di probabile derivazione leibniziana

8

9 Teoria matematica (del potenziale)

10 Oersted, Biot e Savart, Ampère

11 Azione per contatto : calore e teoria ondulatoria della luce Fourier: si applicano alla termologia le equazioni differenziali alle derivate parziali, il calore non si trasmette a distanza, ma le temperature variano con continuità nello spazio Fresnel: si sviluppa la teoria ondulatoria della luce, lo spazio si riempie di un’etere luminifero, elastico, come supporto delle onde luminose

12 Ohm

13 Azione per contatto : linee di forza e « stato elettrotonico »

14

15 Azione a distanza nel vuoto, sia gravitazionale sia elettrica Clausius Weber

16 Maxwell

17

18 Le equazioni di Maxwell

19 Maxwell: 1873 Treatise

20 C.Neumann, V.Lorenz e l’azione a distanza ritardata

21 Poynting, Planck e l’energia locale

22 Hertz: 1892

23

24

25 La misura della massa dell’elettrone

26 E.Rutherford e J.J.Thomson

27 Max von Laue e Wilhelm Roengten

28 Lorentz: la Teoria degli Elettroni E + P = D

29 Libri di testo e memorie originali Planck Sommerfeld Pauli Landau Feynman

30 Advanced Textbooks: a bonus


Scaricare ppt "Introduzione alla Storia dell’Elettromagnetismo Classico Fabio Bevilacqua Dipartimento di Fisica “A.Volta” Università di Pavia."

Presentazioni simili


Annunci Google