La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Apocalisse Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Apocalisse Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra."— Transcript della presentazione:

1 Apocalisse Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra

2 LApocalisse ultimo libro della Sacra Scrittura scritto durante una persecuzione dei cristiani (probabilmente sotto l'imperatore Domiziano, cioè verso il 95 d.C.) serve a dare coraggio, con la prospettiva della vittoria finale del bene sul male l'autore si serve di un genere letterario particolare, il genere apocalittico, con l'impiego di molti simboli e visioni tratti dall'Antico Testamento

3 non intende dare nessuna informazione sulla fine del mondo riguarda lo scontro tra la Chiesa e l'Impero Romano la situazione terrena e storica viene trasportata nel mondo celeste e si traduce nella lotta tra l'Agnello immolato, cioè Cristo morto ma risuscitato, e la Bestia, cioè Satana e il mondo pagano al suo servizio tra l'uno e l'altra sono posti i credenti, perdenti in quanto messi a morte, ma vincitori perche testimoni, martiri dell'Agnello, che li conduce nella "Gerusalemme celeste", nel suo regno

4 Apocalisse = rivelazione rivelazione della Persona di Gesù Cristo che ritorna sulla terra come Giudice Giovanni ebbe la visione profetica mentre era prigioniero per la sua fede a Patmos, un'isola del Mare Egeo lopera è contraddistinta dal ricorso al linguaggio simbolico

5 Linguaggio simbolico cosmico = si narrano terribili cataclismi sulla terra e nel cosmo per esprimere lintervento di Dio numerico = i numeri hanno significati non solo quantitativi; il 7 indica la totalità, il 12 la perfezione teriomorfo (di animale) = sono citati numerosi animali, che assumono valenza positiva o negativa, espressione di potenze superiori (cavalli, cavallette, drago, serpente, aquila, bestie) cromatico = i colori non hanno una funzione meramente decorativa; il bianco indica leternità e la soprannaturalità, il rosso il sangue e la rovina, il nero le tenebre e le forze del male veterotestamentario = le immagini della mietitura e della vendemmia richiamano il giudizio finale, Babilonia simboleggia le potenze avversarie del popolo di Dio, Gerusalemme rappresenta il luogo in cui i giusti vivranno insieme a Dio

6 Schema dellopera legge fondamentale = principio settenario, con presenza ricorrente di insiemi di sette elementi (sette lettere, sette sigilli, sette trombe, sette coppe) schema in tre parti: "le cose che hai visto" = il passato (Ap 1): l'apostolo descrive la maestà sovrana del Figlio di Dio "le cose che sono" = il presente (Ap 2-3): il Signore si rivolge a sette comunità per descrivere lo stato presente del cristianesimo nel mondo "le cose che saranno" = l'avvenire (Ap 4-22): una serie di giudizi riversa sugli uomini l'ira divina, ma il Signore ricompenserà gli eletti, i vincitori e i martiri che regneranno con Lui

7 Capitoli mostrano la prospettiva dell'eternità in cui i riscattati serviranno il loro Signore sette elementi caratterizzano questa nuova creazione: un nuovo cielo, una nuova terra, una nuova Gerusalemme, un nuovo tempio, una nuova luce, un nuovo mondo, un nuovo paradiso la Bibbia si chiude con l'ultima esortazione del Signore ai suoi e con la promessa del suo prossimo ritorno: ''Ecco, io vengo presto!''

8 Protagonista la Chiesa è la protagonista storica dellApocalisse di essa non si tace il peccato (Ap 2-3), ma si fa leva sulla redenzione di Cristo che lha fatta sua sposa (Ap 19), per cui essa vive lattesa appassionata del suo ritorno (Ap 22) tra Cristo in cielo e la sua Sposa in terra si stabilisce un rapporto di comunione profonda il popolo di Dio è come se camminasse sotto i cieli aperti, vede il trono di Dio circondato da un esercito di angeli e di santi ci sarà un incontro faccia a faccia finale, quando Cristo verrà a prendere la sua Sposa allora cielo e terra saranno nel settimo giorno della creazione

9 Ap Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c'era più. Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo. Udii allora una voce potente che usciva dal trono: «Ecco la dimora di Dio con gli uomini! Egli dimorerà tra di loro ed essi saranno suo popolo ed egli sarà il "Dio-con-loro".E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno, perché le cose di prima sono passate». E Colui che sedeva sul trono disse: «Ecco, io faccio nuove tutte le cose»; e soggiunse: «Scrivi, perché queste parole sono certe e veraci. Ecco sono compiute! Io sono l'Alfa e l'Omega, il Principio e la Fine. A colui che ha sete darò gratuitamente acqua della fonte della vita. Chi sarà vittorioso erediterà questi beni; io sarò il suo Dio ed egli sarà mio figlio. Ma per i vili e gl'increduli, gli abietti e gli omicidi, gl'immorali, i fattucchieri, gli idolàtri e per tutti i mentitori è riservato lo stagno ardente di fuoco e di zolfo. È questa la seconda morte». Poi venne uno dei sette angeli che hanno le sette coppe piene degli ultimi sette flagelli e mi parlò: «Vieni, ti mostrerò la fidanzata, la sposa dell'Agnello». L'angelo mi trasportò in spirito su di un monte grande e alto, e mi mostrò la città santa, Gerusalemme, che scendeva dal cielo, da Dio, risplendente della gloria di Dio. Il suo splendore è simile a quello di una gemma preziosissima, come pietra di diaspro cristallino. La città è cinta da un grande e alto muro con dodici porte: sopra queste porte stanno dodici angeli e nomi scritti, i nomi delle dodici tribù dei figli d'Israele. A oriente tre porte, a settentrione tre porte, a mezzogiorno tre porte e ad occidente tre porte. Le mura della città poggiano su dodici basamenti, sopra i quali sono i dodici nomi dei dodici apostoli dell'Agnello. Colui che mi parlava aveva come misura una canna d'oro, per misurare la città, le sue porte e le sue mura.

10 La città è a forma di quadrato, la sua lunghezza è uguale alla larghezza. L'angelo misurò la città con la canna: misura dodici mila stadi; la lunghezza, la larghezza e l'altezza sono eguali. Ne misurò anche le mura: sono alte centoquarantaquattro braccia, secondo la misura in uso tra gli uomini adoperata dall'angelo. Le mura sono costruite con diaspro e la città è di oro puro, simile a terso cristallo. Le fondamenta delle mura della città sono adorne di ogni specie di pietre preziose. Il primo fondamento è di diaspro, il secondo di zaffìro, il terzo di calcedònio, il quarto di smeraldo, il quinto di sardònice, il sesto di cornalina, il settimo di crisòlito, l'ottavo di berillo, il nono di topazio, il decimo di crisopazio, l'undecimo di giacinto, il dodicesimo di ametista. E le dodici porte sono dodici perle; ciascuna porta è formata da una sola perla. E la piazza della città è di oro puro, come cristallo trasparente. Non vidi alcun tempio in essa perché il Signore Dio, l'Onnipotente, e l'Agnello sono il suo tempio. La città non ha bisogno della luce del sole, né della luce della luna perché la gloria di Dio la illumina e la sua lampada è l'Agnello. Le nazioni cammineranno alla sua luce e i re della terra a lei porteranno la loro magnificenza. Le sue porte non si chiuderanno mai durante il giorno, poiché non vi sarà più notte. E porteranno a lei la gloria e l'onore delle nazioni. Non entrerà in essa nulla d'impuro, né chi commette abominio o falsità, ma solo quelli che sono scritti nel libro della vita dell'Agnello. Mi mostrò poi un fiume d'acqua viva limpida come cristallo, che scaturiva dal trono di Dio e dell'Agnello. In mezzo alla piazza della città e da una parte e dall'altra del fiume si trova un albero di vita che dà dodici raccolti e produce frutti ogni mese; le foglie dell'albero servono a guarire le nazioni. E non vi sarà più maledizione. Il trono di Dio e dell'Agnello sarà in mezzo a lei e i suoi servi lo adoreranno; vedranno la sua faccia e porteranno il suo nome sulla fronte. Non vi sarà più notte e non avranno più bisogno di luce di lampada, né di luce di sole, perché il Signore Dio

11 li illuminerà e regneranno nei secoli dei secoli. Poi mi disse: «Queste parole sono certe e veraci. Il Signore, il Dio che ispira i profeti, ha mandato il suo angelo per mostrare ai suoi servi ciò che deve accadere tra breve. Ecco, io verrò presto. Beato chi custodisce le parole profetiche di questo libro». Sono io, Giovanni, che ho visto e udito queste cose. Udite e vedute che le ebbi, mi prostrai in adorazione ai piedi dell'angelo che me le aveva mostrate. Ma egli mi disse: «Guardati dal farlo! Io sono un servo di Dio come te e i tuoi fratelli, i profeti, e come coloro che custodiscono le parole di questo libro. È Dio che devi adorare». Poi aggiunse:«Non mettere sotto sigillo le parole profetiche di questo libro, perché il tempo è vicino. Il perverso continui pure a essere perverso, l'impuro continui ad essere impuro e il giusto continui a praticare la giustizia e il santo si santifichi ancora. Ecco, io verrò presto e porterò con me il mio salario, per rendere a ciascuno secondo le sue opere. Io sono l'Alfa e l'Omega, il Primo e l'Ultimo, il principio e la fine. Beati coloro che lavano le loro vesti: avranno parte all'albero della vita e potranno entrare per le porte nella città. Fuori i cani, i fattucchieri, gli immorali, gli omicidi, gli idolàtri e chiunque ama e pratica la menzogna! Io, Gesù, ho mandato il mio angelo, per testimoniare a voi queste cose riguardo alle Chiese. Io sono la radice della stirpe di Davide, la stella radiosa del mattino». Lo Spirito e la sposa dicono: «Vieni!». E chi ascolta ripeta: «Vieni!». Chi ha sete venga; chi vuole attinga gratuitamente l'acqua della vita. Dichiaro a chiunque ascolta le parole profetiche di questo libro: a chi vi aggiungerà qualche cosa, Dio gli farà cadere addosso i flagelli descritti in questo libro; e chi toglierà qualche parola di questo libro profetico, Dio lo priverà dell'albero della vita e della città santa, descritti in questo libro. Colui che attesta queste cose dice: «Sì, verrò presto!». Amen. Vieni, Signore Gesù. La grazia del Signore Gesù sia con tutti voi. Amen!

12 Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c'era più come a seguito del diluvio, la Terra non sparì ma subì una profonda trasformazione, così essa subirà una "palingenesi", ovvero una nuova creazione il mare che non ci sarà più è probabilmente un simbolo, l'abitazione del Dragone (Satana) e dei demoni il mare si ritirerà davanti alla manifestazione del nuovo Israele, come nel giorno dell'Esodo il Mar Rosso si ritirò davanti all'Israele storico

13 Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo una città non scende dallalto, sale dal basso non è una creazione delluomo, è un dono divino è una sposa adorna, ha il vestito di nozze è pronta nel senso che è stata preparata è santa perché è definitivamente consacrata a Dio Gerusalemme è la sede del regno di Dio la nuova Gerusalemme è contemporaneamente l'abitazione dei santi e la Chiesa glorificata

14 Udii allora una voce potente che usciva dal trono: «Ecco la dimora di Dio con gli uomini! il trono è il simbolo del potere di Dio skene = dimora, tabernacolo, tenda ricorda la shekhinah, la nuvola gloriosa, segno della presenza di Dio tra il suo popolo si adopera nel Vangelo di Giovanni: il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi (piantò la tenda in mezzo a noi) è la tenda della presenza, è proprio lì che il Signore abita

15 E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno, perché le cose di prima sono passate non cè più il potere della morte il mondo del passato scompare, con tutte quelle caratteristiche che gli conferivano la fisionomia di una creazione asservita al peccato la nuova Gerusalemme significa, prima di tutto, la più grande delle consolazioni ogni lacrima al singolare: non si tratta di lacrime versate in quel momento, ma quel pianto riguarda l'ordine passato è risolto d'un tratto il problema della sofferenza

16 E Colui che sedeva sul trono disse: «Ecco, io faccio nuove tutte le cose» unico passo nellApocalisse in cui è Dio stesso che parla egli dichiara che tutte le cose descritte saranno compiute

17 A colui che ha sete darò gratuitamente acqua della fonte della vita. Chi sarà vittorioso erediterà questi beni; io sarò il suo Dio ed egli sarà mio figlio lacqua, simbolo della vita, nellA.T. era caratteristica dei tempi messianici, nel N.T. diviene simbolo dello Spirito Chi sarà vittorioso … : è uneco della promessa fatta ad ognuna delle sette Chiese (Ap 2-3) erediterà: è una nozione che implica la figliolanza divina del cristiano e la gratuità della ricompensa che riceverà gli sarò Dio e non gli sarò Padre perché Giovanni parla di Dio come Padre solo in relazione a Gesù la figliolanza divina di cristiani è mantenuta chiaramente distinta dalla figliolanza del Figlio unigenito

18 Ma per i vili e gl'increduli, gli abietti e gli omicidi, gl'immorali, i fattucchieri, gli idolàtri e per tutti i mentitori è riservato lo stagno ardente di fuoco e di zolfo i vili: coloro che hanno peccato contro la fede gli increduli: coloro che non hanno la fede gli abietti: coloro che non hanno retto nella persecuzione gli immorali: coloro che sono dediti ai vizi contro natura i fattucchieri: coloro che (letteralmente) mescolano sostanze medicinali e veleni i mentitori: coloro che parlano e agiscono nella falsità

19 «Vieni, ti mostrerò la fidanzata, la sposa dell'Agnello». L'angelo mi trasportò in spirito su di un monte grande e alto, e mi mostrò la città santa, Gerusalemme lautore viene trasportato in Spirito in un luogo elevato per contemplare la sposa dellAgnello il veggente fu condotto nel deserto per vedere la meretrice; ora viene trasportato sopra un alto monte per ammirare la Sposa che discende da Dio la Città Santa è risplendente della gloria di Dio

20 La città è cinta da un grande e alto muro con dodici porte: sopra queste porte stanno dodici angeli e nomi scritti, i nomi delle dodici tribù dei figli d'Israele. A oriente tre porte, a settentrione tre porte, a mezzogiorno tre porte e ad occidente tre porte. Le mura della città poggiano su dodici basamenti, sopra i quali sono i dodici nomi dei dodici apostoli dell'Agnello la città è cinta da un alto muro con 12 porte Giovanni allude alla continuità perfetta tra il popolo di Dio nellA.T. e la Chiesa nel N.T. 4 punti cardinali, 3 porte per ciascuna direzione poiché la città è di origine celeste deve avere guardiani celesti accanto ai nomi delle dodici tribù appaiono quelli dei dodici apostoli, perché le due alleanze non ne formano che una sola

21 La città è a forma di quadrato, la sua lunghezza è uguale alla larghezza. L'angelo misurò la città con la canna: misura dodici mila stadi; la lunghezza, la larghezza e l'altezza sono eguali. Ne misurò anche le mura: sono alte centoquarantaquattro braccia, secondo la misura in uso tra gli uomini adoperata dall'angelo Giovanni sta descrivendo qualche cosa di realistico con un linguaggio simbolico lunghezza, larghezza altezza sono uguali: non è quadrata, è cubica è come la parte più recondita del santuario, dove cera larca dellAlleanza, il luogo della santità, della presenza di Dio dodici mila non è semplicemente da intendersi come un numero di misura, ma 12 x 1000 (12 apostoli x 1000 numero di Dio, moltitudine) le mura sono 144 braccia = 66 metri di altezza (144 è 12 x 12) Giovanni non vuole dare delle misure, ma dire che la forma della nuova Gerusalemme ricorda il santo dei santi (1Re 6,19 ss.)

22 Le mura sono costruite con diaspro e la città è di oro puro, simile a terso cristallo. Le fondamenta delle mura della città sono adorne di ogni specie di pietre preziose Giovanni elenca i materiali straordinari usati nella costruzione del muro della città loro puro e le pietre preziose sono lo splendore e la sublimità della città in cui Dio dimora, cioè il riflesso della sua stessa gloria Se la città scende dallalto, la prima cosa che si vede sono proprio le fondamenta tutto quello che in essa esiste appartiene ormai alla sfera divina

23 Il primo fondamento è di diaspro, il secondo di zaffìro, il terzo di calcedònio, il quarto di smeraldo, il quinto di sardònice, il sesto di cornalina, il settimo di crisòlito, l'ottavo di berillo, il nono di topazio, il decimo di crisopazio, l'undecimo di giacinto, il dodicesimo di ametista. E le dodici porte sono dodici perle; ciascuna porta è formata da una sola perla. E la piazza della città è di oro puro, come cristallo trasparente le fondamenta sono pietre preziose su cui è scritto il nome degli apostoli e sono 12 pietre diverse le pietre preziose potrebbero ricordare quelle del pettorale del Sommo Sacerdote, quando entrava nel santuario per presentare a Dio il Suo popolo, le cui dodici tribù erano rappresentate da altrettante pietre preziose incastonate sul pettorale le pietre del pettorale del sommo sacerdote sono il basamento della nuova Gerusalemme, perché essa è il luogo sacro, è la Santità, è lì laspetto sacerdotale nuovo, è la sposa stessa

24 Non vidi alcun tempio in essa perché il Signore Dio, l'Onnipotente, e l'Agnello sono il suo tempio. La città non ha bisogno della luce del sole, né della luce della luna perché la gloria di Dio la illumina e la sua lampada è l'Agnello. Le nazioni cammineranno alla sua luce e i re della terra a lei porteranno la loro magnificenza la presenza di Dio nel nuovo mondo non è delimitata dai muri del tempio; la gloria di Dio e dellAgnello pervade completamente la città non cè più bisogno di un luogo privilegiato, sacro, per lincontro delluomo con Dio questa Gerusalemme, la sposa dellAgnello, è vestita come lo sposo: celeste e terrestre; viene dal cielo, ma è posata sulla terra e fa luce alle nazioni

25 Le sue porte non si chiuderanno mai durante il giorno, poiché non vi sarà più notte. E porteranno a lei la gloria e l'onore delle nazioni. Non entrerà in essa nulla d'impuro, né chi commette abominio o falsità, ma solo quelli che sono scritti nel libro della vita dell'Agnello le porte della città saranno sempre aperte (cf. Is 60,11: "Le tue porte saranno sempre aperte; non saranno chiuse né giorno né notte, per lasciar entrare in te la ricchezza delle nazioni, e i loro re in corteggio") le sue porte non si chiuderanno mai: è limmagine dellaccoglienza non è la Chiesa e non è nemmeno il Paradiso: è la realtà redenta, la realtà che si realizza nella resurrezione è la persona e la comunità cè un rapporto: coloro che sono fuori possono entrare (se non sono mentitori)

26 Mi mostrò poi un fiume d'acqua viva limpida come cristallo, che scaturiva dal trono di Dio e dell'Agnello Giovanni vede un fiume d'acqua di vita che esce dal trono di Dio e dell'Agnello raffigura il dono della vita eterna, che è la conseguenza della presenza di Dio in mezzo agli uomini le acque vive e vivificanti simboleggiano lo Spirito Giovanni intravede qui la Trinità

27 In mezzo alla piazza della città e da una parte e dall'altra del fiume si trova un albero di vita che dà dodici raccolti e produce frutti ogni mese; le foglie dell'albero servono a guarire le nazioni la prima e lultima pagina della Bibbia si assomigliano la Scrittura comincia e finisce con un paradiso, un fiume, un albero della vita... ma la fine è più bella come fa un albero a trovarsi da una parte e dallaltra del fiume? questa visione è ispirata da Ez 47,7.12 dove xjlon=albero è al singolare in realtà la città escatologica contiene molti alberi che offrono la pienezza della vita (12 tipi di frutto, 12 volte lanno) il frutto dell'albero della vita assicura l'immortalità ai salvati idea ecclesiale e sacramentale: sposa dellAgnello

28 Il trono di Dio e dell'Agnello sarà in mezzo a lei e i suoi servi lo adoreranno; vedranno la sua faccia e porteranno il suo nome sulla fronte. Non vi sarà più notte e non avranno più bisogno di luce di lampada, né di luce di sole, perché il Signore Dio li illuminerà e regneranno nei secoli dei secoli il trono di Dio è il centro della divina presenza, che sostituisce ora il tempio gli eletti vedranno il suo volto: un privilegio negato a Mosè, perché inaccessibile in questo mondo; tale aspirazione sarà realizzata nellèra escatologica porteranno il nome sulla fronte: ora essi gli appartengono in maniera definitiva è il Risorto che irradia la sua luce su tutte le nazioni già siamo stati redenti, ma non ancora pienamente... siamo in via di salvezza

29 Ecco, io verrò presto Giovanni riprende la stessa frase dellinizio sto per venire è ripetuto tre volte da Dio (Ap 22, ) tre volte è ripetuto da bocche umane: Vieni! (Ap 22,17a.b.20) al grido del cielo risponde l'invocazione dal basso Dio parla per primo, ed è per questo che gli si crede d'altro canto, Dio conferma la fede di coloro che anelano alla sua venuta solo coloro che credono alla venuta di Gesù pregheranno per la sua realizzazione: Maranatha!

30 Beato chi custodisce le parole profetiche di questo libro... mi prostrai in adorazione ai piedi dell'angelo... Ma egli mi disse: «Guardati dal farlo! Io sono un servo di Dio come te e i tuoi fratelli, i profeti, e come coloro che custodiscono le parole di questo libro. È Dio che devi adorare» non solo beato chi legge, beato chi ascolta, ma beato chi custodisce leggere l'Apocalisse significa portare le parole di questo libro nella propria vita Giovanni vuole adorare langelo che gli ha spiegato le grandi visioni, ma lui glielo proibisce anche noi, custodendo le parole di questo libro, siamo servi come i profeti, come Giovanni, come langelo rivelatore

31 Non mettere sotto sigillo le parole profetiche di questo libro, perché il tempo è vicino. Il perverso continui pure a essere perverso, l'impuro continui ad essere impuro e il giusto continui a praticare la giustizia e il santo si santifichi ancora. Ecco, io verrò presto e porterò con me il mio salario, per rendere a ciascuno secondo le sue opere il messaggio dellApocalisse è questo: il coraggio della resa a Dio, ma non alla mentalità del mondo Giovanni ha chiesto alla sua gente il coraggio della coerenza la voce di Cristo annuncia che la sua venuta in qualità di giudice supremo è imminente è lui la ricompensa

32 Beati coloro che lavano le loro vesti: avranno parte all'albero della vita e potranno entrare per le porte nella città. Fuori i cani, i fattucchieri, gli immorali, gli omicidi, gli idolàtri e chiunque ama e pratica la menzogna l'Apocalisse si conclude con delle benedizioni per coloro che crederanno, che accetteranno il sacrificio di Cristo nella loro vita al capitolo 7 cera la scena dei salvati, quelli col vestito bianco cè un divenire: cè un evento del battesimo in passato che ha determinato linizio, però poi cè una crescita, una maturazione allora beati quelli che continuano a lavare le loro vesti... vengono poi citate alcune categorie di malvagi che non entreranno nel Regno di Dio

33 Lo Spirito e la sposa dicono: «Vieni!». E chi ascolta ripeta: «Vieni!». Chi ha sete venga; chi vuole attinga gratuitamente l'acqua della vita è lo Spirito Santo che anima la preghiera invocatrice della sposa e la fa sua è lo Spirito presente nella Chiesa che le ispira questo richiamo la preghiera della Chiesa è il dovere personale di ciascun cristiano presente nellassemblea liturgica Cristo ci chiede non solo di accoglierlo quando viene, ma di accostarci a lui

34 Dichiaro a chiunque ascolta le parole profetiche di questo libro: a chi vi aggiungerà qualche cosa, Dio gli farà cadere addosso i flagelli descritti in questo libro; e chi toglierà qualche parola di questo libro profetico, Dio lo priverà dell'albero della vita e della città santa, descritti in questo libro viene messo in guardia chiunque volesse aggiungere o togliere qualche cosa dal libro dell'Apocalisse questo avvertimento è valido naturalmente anche per tutto il resto della Bibbia

35 Colui che attesta queste cose dice: «Sì, verrò presto!». Amen. Vieni, Signore Gesù. La grazia del Signore Gesù sia con tutti voi. Amen! linvocazione con cui si conclude lApocalisse sembra richiamare quella aramaica: Maranàtha, Signore, vieni! era frequente nelle prime comunità cristiane, che così esprimevano la loro speranza nella venuta definitiva del Signore Gesù Gesù conferma che la venuta è prossima lAmen esprime il desiderio e la fede gioiosa la Chiesa, sposa, esprime la sua aspirazione allincontro con Cristo lApocalisse e la Bibbia intera si chiudono con una parola di completa sottomissione alla sua volontà: Amen


Scaricare ppt "Apocalisse Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra."

Presentazioni simili


Annunci Google