La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La fertilizzazione fosfatica Ruolo fisiologico del fosforo: 1) costituente delle proteine fosforate: nucleoproteine fosfoproteine lecitine fitine 2) reazioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La fertilizzazione fosfatica Ruolo fisiologico del fosforo: 1) costituente delle proteine fosforate: nucleoproteine fosfoproteine lecitine fitine 2) reazioni."— Transcript della presentazione:

1 La fertilizzazione fosfatica Ruolo fisiologico del fosforo: 1) costituente delle proteine fosforate: nucleoproteine fosfoproteine lecitine fitine 2) reazioni biochimiche nel metabolismo dei glucidi 3) trasporto di energia nelle cellule Ruolo agronomico del fosforo 1) Con LN, partecipa alla crescita generale della pianta, in particolare interviene sullo sviluppo dellapparato radicale 2) favorisce fioritura, fruttificazione, granigione, migrazione negli organi di riserva 3) qualità del prodotto nella nutrizione (umana e animale) - interazione specie x concimazione

2 Concimi fostatici Solubili solubilità 50 g l -1 a pH 7 immediatamente assimilabili scambio con ioni del comlesso argillo-umico e idrossidi di ferro e alluminio azione rapida, da distribuire poco prima della semina o con coltura in corso Ca H 2 PO 4 Ca HPO 4 H 2 PO 4 Al(OH) 3 Fe(OH) 3

3 Concimi fosfatici solubili Perfosfati contengono più del 95% di fosfato monocalcico perfosfato semplice: titolo 16-22%, 90% solubile in acqua ottenuto per attacco di fosfati naturali con acido solforico titolo in zolfo 11-2% titolo in CaO 28% Dotato di microelementi residui di acido solforico, lieve acidità. Perfosfato doppio: titolo 25-36% 6-8% zolfo Perfosfato triplo:44-48% Fosfati dammonio fosfato monoammonico 11/48 fosfato biammonico 18/46 perfosfato ammonico 4/15 o 9/16 (molto variabile) aggiunta di ammoniaca al processo di preparazione dei perfosfati uso per la localizzazione, come starter, su colture in crisi Nitrofosfati 20/20, 22/14, 27/10 (molto variabili)

4 Concimi fosfatici iposolubili Solubilità da 2 a 7 mg l -1 a pH 7 solubili in acido citrico al 2% (scorie) o in citrato ammonico azione mediamente rapida, incorporare prima possibile, tanto più il pH è alto. Scorie titolo 12-20% finezza: 75% passa al setaccio da 0,16 mm 2-3% MgO, 2-4%MnO, 20% Fe alcalinizzanti, correttivo per terreni acidi Fosfato bicalcico: 38-42% attacco con acido cloridrico di fosforiti o ossa e eliminazione del CaCl 2. Disponibilità intermedia tra perfosfati e scorie, in particolare nei concimi complessi Fosfati termici: 15-30% calcinazione con sali alcalini di fosfati naturali per aumentare la solubilità. Uso in Germania, Paesi Bassi

5 Concimi fosfatici insolubili Pressochè insolubili in acqua, solubilità variabile in acido citrico. La loro azione dipende dalla finezza di macinazione Da usarsi molto presto, insieme alla concimazione organica, eventualmente con materiale organico ancora in fermentazione utili per concimazione di fondo Fosfati naturali: titolo 26-33% finezza: 90% al setaccio da 0,063 mm applicazione preferibile in suoli leggermente acidi ben utilizzati da crucifere e leguminose foraggere prative e fruttiferi meglio in climi umidi che secchi (nord Europa, aree tropicali umide)

6 Il fosforo scambiabile e utilizzato dalle colture Tutti le metodiche di analisi del fosforo scambiabile e disponibile prevedono attacchi con reagenti più o meno forti che simulerebbero lazione della pianta o di iono fosfato sul complesso di scambio. Una vera misura del fosforo scambiabile o assimilabile è quasi impossibile. La misura più attendibile si basa sul metodo isotopico. Si aggiunge un quantitativo di 32 P (radioattivo) e si attende il raggiungimento dellequilibrio che si definisce come attività specifica Asp= 32 P/( 31 P+ 32 P) che diviene lo stesso nel suolo e nella soluzione. Il valore E di fosforo scambiabile è dato da Radioattività introdotta/Asp -fosfati in fase liquida. Rappresenta il fosforo effettivamente scambiabile. Occorre una perfetta standardizzazione del metodo, occorrono 3 settimane con agitazioni E unanalisi di riferimento, lunga e onerosa 2 grammi di terra fine,setaccio da 0,2 mm in 100 mm acqua Il valore L (fosforo labile, assorbito dalla pianta) prevede il raggiungimento dellequilibrio in un vegetale (Lolium italicum) è un dato più sperimentale che analitico.

7 Il fosforo scambiabile e utilizzato dalle colture (2) I valori E e L possono essere considerati di riferimento per le altre tipologie di analisi - Vi sono oltre 20 metodi di analisi del fosforo utilizzati, ognuno con buona validità locale -Solo il metodo Olsen ha validità generale (bicarbonato di sodio a pH 8,5 tamponato) In Francia si usa molto il metodo Dyer; si può passare allOlsen con lequazione P Olsen= 0,25 P Dyer+25.5, (ma è approssimata)

8 Fosforo nel suolo - forme organiche Importante per il bilancio a lungo termine dellelemento Da 1/2 a 2/3 del P nel suolo è P organico ( e tipicamente i metodi analitici non lo considerano) Inositolo (esteri di C 6 H 12 O 6 30% del P organico), acidi nucleici, fosfolipidi. Il rapporto N/P non è fisso in un suolo (C/N e N/S sono invece molto stabili) La mineralizzazione del P è molto difficile da studiare perché 1)esiste simultaneamente P minerale e organico 2) il P rilasciato origina facilmente forme insolubili Maggior mineralizzazione del fosforo organico allaumentare del pH (per C e N non avviene) Rapporti C/N/P 100/10/1 in suoli organici 230/10/0,4 in suoli sciolti 71/10/3 Mineralizzazione del P organico se C/P <200/1 Organicazione del P se C/P >300/1 Soglia dello 0,2 % di fosforo nel suolo: se al di sotto si ha mineralizzazione In genere organicazione del P con i residui colturali

9 Fosforo - forme inorganiche Il P solubile immesso con i fertilizzanti viene parzialmente convertito in forme poco solubili: retrogradazione. -precipitazione a basso pH composti insolubili con AL 3+ e Fe 3+ pH 6-7 composti solubili con Ca ++ e Mg ++ pH >7 composti insolubili con Ca ++ -assorbimento-desorbimento -adsorbimento: sulle superfici di un solido -assorbimento: penetrazione allinterno della fase solida - sugli ossidi idrati di Fe e Al: (anfoteri) PZC dellAl e Fe a pH 8,5 e 9, kaolinite 7 in generale, > argilla, maggior adsorbimento. -su colloidi amorfi derivanti da ceneri vulcaniche -sulla calcite (solo il 5% della calcite partecipa alladsorbimento, il resto regola il pH) il processo può portare a fosfati bicalcici e tricalcici. I composti con Mg sono più facilmente solubili dei corrispondenti con Ca.

10 Fosforo - Isoterme di assorbimento Curve ottenute aggiungendo P alla soluzione Desorbimento: tasso di rilascio del P assorbito. E un processo lento, il cui tasso è = Kt 0,3. K dipende dal suolo, in genere il processo quasi si arresta dopo 2 giorni

11 Fosforo - forme inorganiche - effetto dei cationi: complesso di scambio saturato con bivalenti assorbe più P (es Ca a pH <6,5) - effetto positivo della sostanza organica nel ridurre ladsorbimento del P: formazione di complessi stabili con Fe e Al. Ossalato, Citrato hanno adsorbimento simile al P. lhumus blocca il P in fosfoumati facilmente disponibili. Scambio tra umati e fosfati Materiale verde: CO2, A. Carbonico, solubilità minerali -Tempi di fissazione del fosforo: sono molto variabili, da settimane a anni (da 2 interventi anno a 1 intervento per rotazione 3-5 anni) Effetto della s.o. sulla mobilità del P. Il P organico in suoli argillosi ha movimento 4-6 volte più veloce. Temperatura: in genere a alta temperatura il P è più fissato (problemi in paesi tropicali)

12 Dinamica dei fertilizzanti fosfatici Il fosforo in soluzione spesso non è sufficiente per una buona nutrizione fosfatica delle colture (0,3-3 ppm) esempio: nellipotesi che occorrano 400 kg di H 2 O per 1 kg di sostanza secca, la concentrazione di P sia 5 ppm, e si producano 10 t ha -1, luptake con il flusso idrico risulterebbe 20 Kg ha -1. Il meccanismo più importante della nutrizione fosfatica è la diffusione dello ione fosfato dalla soluzione alle radici (e quindi dal complesso di scambio alla soluzione). Se il fosforo è solubile in acqua, occorre ridurre le superfici di contatto del suolo col terreno per evitare la fissazione e fare in modo che siano le proprietà della soluzione di fosfato e non quelle del suolo i fattori dominanti. Granulari (a granuli grossi) concimazione in bande Se si usano forme insolubili: polverizzazione fine, distribuzione andante.

13 Uso dei fertilizzanti fosfatici Il movimento del fosforo raramente supera i 3-4 cm. P solubile: forte richiamo dacqua per laumento del potenziale osmotico, soluzione del granulo, fosforo disponibile facilmente La ridistribuzione avviene in seguito alle lavorazioni e al riciclo del P da parte delle radici. Nei concimi poco solubili leffetto di saturazione del terreno e il richiamo dacqua sono modesti, la disponibilità a breve è ridotta. interazione con lN LN aumenta lassorbimento di P delle colture: - aumento della fitomassa epigea e ipogea - alterazione del metabolismo della pianta: lassorbimento di ione ammonio deve essere compensato da un più alto assorbimento di cationi - aumento solubilità e della disponibilità del P dimensione dei granuli : Granuli molto piccoli sono favorevoli per i concimi poco solubili (suoli calcarei) regolarità distribuzione: importante per i poco solubili, riduce probabilità che la radice impatti il P. umidità del suolo: alla capacità di campo 80% del P esce dal granulo in 1 giorno. Meglio i granulari in ambienti umidi. Dose: a dosi sub-ottimali convengono i solubili. P residuale: possono esserci effetti per 5-10 anni


Scaricare ppt "La fertilizzazione fosfatica Ruolo fisiologico del fosforo: 1) costituente delle proteine fosforate: nucleoproteine fosfoproteine lecitine fitine 2) reazioni."

Presentazioni simili


Annunci Google