La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL NEOREALISMO (1945-1960). IL NEOREALISMO Con la fine la Seconda Guerra Mondiale e, soprattutto, con la Liberazione nazionale avvenuta in seguito alla.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL NEOREALISMO (1945-1960). IL NEOREALISMO Con la fine la Seconda Guerra Mondiale e, soprattutto, con la Liberazione nazionale avvenuta in seguito alla."— Transcript della presentazione:

1 IL NEOREALISMO ( )

2 IL NEOREALISMO Con la fine la Seconda Guerra Mondiale e, soprattutto, con la Liberazione nazionale avvenuta in seguito alla Resistenza, in Italia si afferma il neorealismo. Il neorealismo è una tendenza dell'arte, della letteratura e soprattutto del cinema italiano che si volge a rappresentare gli aspetti quotidiani della realtà, anche i più crudi e ingrati, con l'aderenza che ne darebbe un resoconto di cronaca.

3 la legge del neorealismo Io devo concentrare tutta la mia attenzione sull'uomo d'oggi. Il fardello storico che io ho sulle spalle non deve impedirmi di essere tutto nel desiderio di liberare quest'uomo e non altri dalla sua sofferenza servendomi dei mezzi che ho a disposizione. Quest'uomo ha un nome e un cognome, fa parte della società in un mondo che mi riguarda senza equivoci e io sento il suo fascino, lo devo sentire così forte, che voglio parlare di lui, proprio di lui e non attribuirgli un nome finto, perché quel nome finto è pur sempre un velo fra me e la realtà, è qualcosa che mi ritarda, anche di poco, ma mi ritarda il contatto integrale con la sua realtà e di conseguenza la spinta a intervenire per modificare questa realtà." (CESARE ZAVATTINI)

4 IL NEOREALISMO Il neorealismo è, dunque, una poetica che espresse una concezione della cultura quale strumento capace di incidere sulle coscienze, di rappresentare l'esperienza collettiva e le sue contraddizioni di carattere politico e sociale. Il neorealismo è contrassegnato da uno stile per lo più realista, animato da una visione del mondo e dei fatti sociali popolare e spesso echeggiante temi marxisti.

5

6 IL NEOREALISMO Nel campo del cinema la tendenza neorealistica presente nella società italiana del secondo dopoguerra si affermò in modo particolarmente brillante e deciso (tanto che i veri "narratori", a giudizio anche di letterati, diventarono i cineasti). Il neorealismo come movimento unitario non ebbe lunga durata, anche perché fortemente ostacolato in Italia dove subì l'accusa di esibire i panni sporchi e la vessazione della censura.

7 IL NEOREALISMO Il neorealismo fu un'esplosione di libertà dopo le costrizioni e le mistificazioni del fascismo, una rottura col passato, una scoperta dell'Italia reale e dei disastri della guerra; sotto l'impulso innovatore di uno sguardo fresco, senza artifici e pregiudizi, fu una rivalutazione dell'uomo contemporaneo nel suo esistere quotidiano nella vita, nella società e nella storia.

8 i film del neorealismo 1945: Roma città aperta (R. Rossellini) 1946: Paisà (R. Rossellini) 1946: Sciuscià (V. De Sica) 1948: Ladri di biciclette (V. De Sica) [OSCAR] 1951: Miracolo a Milano (V. De Sica) [Palma d oro a Cannes] 1952: Umberto D. (V. De Sica) 1954: La strada (F. Fellini) [OSCAR]

9 le tematiche letterarie la vita della borghesia durante il fascismola vita della borghesia durante il fascismo (Moravia)Moravia i problemi del meridione (Alvaro, Carlo Levi, Bernari, Vittorini, Silone, Iovine, Brancati)problemi del meridioneAlvaroCarlo LeviBernari VittoriniSiloneIovineBrancati l'olocaustol'olocausto e i campi di concentramento (Primo Levi),Primo Levi l'antifascismo e la vita operaial'antifascismo e la vita operaia (Pratolini),Pratolini la resistenzala resistenza (Calvino, Pavese, Fenoglio),CalvinoPaveseFenoglio la guerra e le condizioni di miseria dell'immediato dopoguerrala guerra e le condizioni di miseria dell'immediato dopoguerra (Moravia),Moravia

10 il nostro lavoro di oggi ROMANZOFILM I Malavoglia (G.Verga)La terra trema (L. Visconti) Gli indifferenti (A. Moravia)Gli indifferenti (F. Maselli) Cristo si è fermato a Eboli(C.Levi) Cristo si è fermato a Eboli (F. Rosi) Il bellAntonio (V. Brancati)Il bellAntonio (M. Bolognini) La ciociara (A.Moravia)La ciociara (V. De Sica) Una vita violenta (P.Pasolini)Accattone (P.Pasolini) Lisola di Arturo (E. Morante)Lisola di Arturo (D. Damiani) Il Gattopardo (G. Tomasi di Lampedusa) Il Gattopardo (L. Visconti) La ragazza di Bube (C. Cassola) La ragazza di Bube (L. Comencini) Il giorno della civetta (L. Sciascia)Il giorno della civetta (D.Damiani) La tregua (P. Levi) La tregua (F.)Rosi Il partigiano Johnny (B. Fenoglio) Il partigiano Johnny (G. Ghiesa)

11 la terra trema I Malavoglia 1881 Luchino Visconti 1948

12

13 dal testo al film dallantagonista intangibile (fato, malasorte) al nemico di classe: i grossisti film senza vera e propria sceneggiatura attori non professionisti voce narrante e uso di frasi sentenziose ambientazione contemporanea: immobilismo sociale del Meridione

14 gli indifferenti Alberto Moravia

15

16 dal testo al film un dramma borghese concepito su pochi personaggi e molti dialoghi in ambienti chiusi sottaciuti pensieri mancanti Michele da personaggio amletico a novello Oreste

17 CRISTO SI è FERMATO A EBOLI Carlo Levi (1945) 1979

18

19 dal testo al film la questione meridionale i contadini lucani esclusi e passivi, ieri (Unità nazionale) come oggi (regime fascista) leccezione degli ex emigranti il rifiuto razionalistico del poeta-pittore verso riti, usanze e superstizioni popolari Cristo=progresso,civiltà la Storia spesso e ingiustamente taglia fuori chi fa la storia

20 il bellantonio

21

22 DAL TESTO AL FILM f eroce e ironica polemica antiborghese i l mondo delle apparenze, dellipocrisia, del maschilismo l intolleranza verso i diversi i l voyeurismo l arte perduta del tacere; il mondo vuoto delle parole l a figura del padre (cfr. gerarca fascista)

23 la ciociara

24

25 dal testo al film dalla crudezza dei dettagli della pagina scritta alla potenza evocatrice di un gesto, di uno sguardo, dei silenzi dalla lotta corpo a corpo a una scena di massa la figura materna (VS madre borghese) la guerra non mortifica la forza dei poveri, ma la tempra la violenza e lingiustizia non vanno mascherate, ma dichiarate con energia

26 il cinema di pasolini Una vita violenta

27

28

29 lisola di arturo

30

31 dal testo al film lattenzione alla realtà vista da un piccolo uomo la visione del mondo eroica e maschilista il contrasto tra coraggio e paura lanticonformismo del padre VS devozione convenzionale di Nunziata

32 il gattopardo Giuseppe Tomasi di Lampedusa

33

34 dal testo al film la nobiltà borbonica ostile allunificazione (Fabrizio) la necessità di venire a patto con i nuovi ceti (proprietari terrieri) per conservare status quo la solitudine di chi non accetta il nuovo corso storico la malinconica magnificenza del ballo finale

35 la ragazza di bube

36

37 dal testo al film la storia privata dei personaggi si intreccia con quella collettiva di un popolo clima di graduale distensione dopo orrori della guerra....

38 il giorno della civetta

39

40 dal testo al film la mafia è un potere che agisce nellombra (cfr. civetta) boss impuniti alibi avallati da inquirenti corrotti leccezione del capitano Bellodi la legge donore...

41 la tregua Sono diventato ebreo in Auschwitz La coscienza di sentirmi diverso mi è stata imposta

42

43 dal testo al film descrizione dei sentimenti e della riconquistata libertà e dignità di uomo che aveva perso dentro il lager riflessioni sulla via e sulla morte il sogno diventa poesia collegamento a Se questo è un uomo

44 il partigiano Johnny libro postumo 1968; film 2000

45

46


Scaricare ppt "IL NEOREALISMO (1945-1960). IL NEOREALISMO Con la fine la Seconda Guerra Mondiale e, soprattutto, con la Liberazione nazionale avvenuta in seguito alla."

Presentazioni simili


Annunci Google