La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

D. Menasce1 Queste trasparenze sono disponibili sul sito web dellautore: (selezionare lopzione COURSES) Queste.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "D. Menasce1 Queste trasparenze sono disponibili sul sito web dellautore: (selezionare lopzione COURSES) Queste."— Transcript della presentazione:

1

2 D. Menasce1 Queste trasparenze sono disponibili sul sito web dellautore: (selezionare lopzione COURSES) Queste trasparenze sono disponibili sul sito web dellautore: (selezionare lopzione COURSES)

3 D. Menasce2 Il programma del Corso Prima Terza Elementi di storia del calcolatore 1) Larchitettura interna di un calcolatore 2)

4 D. Menasce3 Un pò di storia: Non è possibile indicare una data precisa quale giorno di invenzione della prima macchina capace di eseguire dei calcoli numerici: possiamo per ò ricordare alcuni dei tentativi più significativi compiuti nel passato per realizzare simili meccanismi. I critici sostengono peraltro che la macchina di Leonardo non fosse pensata come un calcolatore con capacità generali ma solamente come ratio machine. Ogni dieci giri della prima rotella causa un giro della seconda arrivando a 13 potenze quando si giunge ad attivare lultima. Per come veniva rappresentata la macchina nel disegno, le forze di attrito avrebbero certamente impedito il funzionamento della macchina, per cui il prototipo di Guatelli è certamente una versione riveduta e corretta rispetto al progetto leonardesco. Elementi di storia del computer(1) Certamente degno di nota è il disegno di Leonardo da Vinci (scoperto nel 1967 da ricercatori americani in quello che poi divenne noto come il Codice di Madrid). La macchina così concepita non avrebbe mai potuto funzionare ed in ogni caso Leonardo non tent ò neppure lasciando questo compito al Dr. Roberto Guatelli dellIBM, il quale la realizz ò nel 1968.

5 D. Menasce4 La gloria di costruire effetivamente una macchina capace di calcoli numerici và a Blaise Pascal, che nel 1642 (alletà di 21 anni) creò il prototipo qui in figura. In totale costruì più di 50 macchine di questo tipo, conservate in vari musei. La prima calcolatrice prodotta in grandi quantità fu quella realizzata da Artihmometre Thomas de Colmar nel 1820, che la battezzò Artihmometre Il primo calcolatore a programma memorizzato fu costruito da Charles Babbage Difference Engine ( ) e venne chiamato Difference Engine (1832). Si tratta di un esempio notevolissimo di meccanica applicata (consiste di circa 2000 parti e funziona ancora oggi). Il modello rappresentato in basso a destra è stato realizzato nel Elementi di storia del computer (2)

6 D. Menasce5 William Oughtred, inventore del Regolo Calcolatore ( ) Amedee Mannheim ( ), inventore della versione moderna del Regolo Agli inizi del 1600, William Oughtred costru ì il primo esempio di strumento di calcolo, il regolo circolare dal quale deriv ò, grazie a Amedee Mannheim, alla fine del 1800, il regolo calcolatore vero e proprio, strumento utilizzato dagli ingegneri per quasi un secolo. Il regolo calcolatore (regolo lineare) Elementi di storia del computer (3)

7 D. Menasce6 è solo con lavvento della II guerra mondiale per ò che la produzione di macchine siffatte ha una grande accelerazione, sia in quantit à che in qualit à e capacit à di elaborazione. è solo con lavvento della II guerra mondiale per ò che la produzione di macchine siffatte ha una grande accelerazione, sia in quantit à che in qualit à e capacit à di elaborazione. La prima persona a concepire però una macchina capace di computazionalità programmabile in senso lato fu Ada Lovelace Byron ( ), figlia di Analytical Machine Lord Byron, la quale lavorò con Babbage al progetto di una Analytical Machine Differential Machine che nelle intenzioni doveva essere il successore della Differential Machine, capace di più generali applicazioni di calcolo. Questa macchina non venne mai realizzata, ma a lady Lovelace va dato credito per avere anticipato concetti quali la programmabilità di una macchina e la generazione automatica di musica. Elementi di storia del computer (4)

8 D. Menasce7 La possibilità reale di programmare una macchina capace di eseguire dei calcoli dovette però attendere lo sviluppo dellelettronica. Solo con lavvento della valvola termoionica fu possibile realizzare ciò che oggi intendiamo come calcolatore, ossia una macchina la cui funzionalità sia programmabile e ridefinibile tramite un opportuno codice (linguaggio di programmazione). La prima di queste macchine fu realizzata nel 1946 alluniversità della Pennsylvania ENIAC Il nome di questa macchina era ENIAC (acronimo di Electronic Numeric Integrator And Computer) ed occupava tutto lo scantinato di un dipartimento delluniversità. John W. Mauchly (1907,1980), uno dei creatori dello ENIAC Elementi di storia del computer (5)

9 D. Menasce8 Il modello di John von Neumann Si deve a von Neumann la prima descrizione formale (a blocchi) delle componenti essenziali di un calcolatore come oggi lo intendiamo. Il punto fondamentale che discrimina un computer da una macchina per fare conti è il fatto che un computer è programmabile, ossia la sua funzionalità dipende da un codice che può essere immesso dallesterno e non dalla particolare configurazione o implementazione delle sue componenti meccaniche od elettroniche. Memory Unit Memory Unit Control Unit Control Unit Output Unit Output Unit Input Unit Input Unit Arithmetic Logic Unit ALU Arithmetic Logic Unit ALU John von Neumann ( ) Mentre dal punto di vista logico e formale questo modello è certamente funzionale, dal punto di vista pratico non è la miglior caratterizzazione possibile. I dati, per raggiungere le diverse componenti devono percorrere strade diverse, e ad ognuna di esse deve corrispondere un trasporto fisico appropriato. Al crescere del numero di componenti crescer à il numero di possibili collegamenti, oltretutto in maniera esponenziale. Dal punto di vista storico, questo modello ha il pregio di mettere in posizione centrale lunità capace di eseguire un programma. Più che il macchinario fisico capace di eseguire i calcoli, è fondamentale quindi il programma che lo fa funzionare. Dal punto di vista storico, questo modello ha il pregio di mettere in posizione centrale lunità capace di eseguire un programma. Più che il macchinario fisico capace di eseguire i calcoli, è fondamentale quindi il programma che lo fa funzionare. (1 di 2)

10 D. Menasce9 Address bus Data bus La versione moderna del modello di John von Neumann (streamlined) La versione moderna del modello descritto prevede lesistenza di una sola via di comunicazione dei dati bus fra le varie componenti: il bus. I dispositivi che realizzano le funzioni di eseguire il programma vengono disposti lungo questo bus. Vi sarà quindi la necessità di un sistema di sincronizzazione fra i dispositivi per lutilizzo del canale di comunicazione e della eventuale prioritarizzazione dei segnali ad esso affidati. Memory Unit Memory Unit Control Unit Control Unit CPU Input/Output Unit Input/Output Unit Arithmetic Logic Unit ALU Arithmetic Logic Unit ALU Registers Control bus System bus bus I bus moderni sono costituiti da 32 o addirittura 64 linee, corrispondenti a dati a 34 o 64 bit (2 di 2)

11 D. Menasce10 Livello Software Livello Hardware Un ulteriore concetto fondamentale alla base di unarchitettura di calcolatore è la scomposizione in livelli astratti (abstraction layers). Una possibile visione sintetica di questi livelli è la seguente: User level: programmi applicativi Transistors e cavi Logic gates Unità funzionali (Memorie, ALU,…) Microprogrammazione (accesso diretto allo hardware) Linguaggio assembler (codice macchina) Linguaggio di programmazione ad alto livello Bassa Alto Il vantaggio di questa scomposizione logica è che i dettagli di implementazione di ognuno dei livelli è invisibile agli altri. Un cambiamento innovativo nellimplementazione hardware di un componente non influisce sugli altri livelli: un certo applicativo non sarà influenzato da quali particolari transistor vengono utilizzati nella CPU. Nella realtà questa è unutopia, in quanto non sempre è stato possibile mantenere delle interfacce così ben definite da essere del tutto generali e quindi realizzare questo disaccoppiamento funzionale. (Nasce da qui il concetto di plug and pray contrapposto al propagandato plug and play…) Livello Astrazione Basso Alta Le componenti logiche di un calcolatore (1di 2)

12 D. Menasce11 Larchitettura di un calcolatore è grossolanamente scomponibile in due parti logicamente distinte: Hardware Software In questo corso daremo alcuni cenni essenziali sullarchitettura hardware di un calcolatore moderno, ma ci concentreremo maggiormente sulle problematiche software. Insieme dei componenti fisici di cui è costituito il calcolatore: scheda madre (CPU, memorie) unità periferiche (dischi, monitor, nastri) schede di rete ed interfacce ad altri strumenti Insieme dei componenti fisici di cui è costituito il calcolatore: scheda madre (CPU, memorie) unità periferiche (dischi, monitor, nastri) schede di rete ed interfacce ad altri strumenti Insieme dei componenti logici che implementano le funzionalità di cui il calcolatore sarà capace: il sistema operativo i programmi applicativi i programmi ed i protocolli di rete Insieme dei componenti logici che implementano le funzionalità di cui il calcolatore sarà capace: il sistema operativo i programmi applicativi i programmi ed i protocolli di rete Se volessimo equiparare un calcolatore ad unautomobile, il motore corrisponderebbe allo hardware mentre la benzina al software. Se volessimo equiparare un calcolatore ad unautomobile, il motore corrisponderebbe allo hardware mentre la benzina al software. Le componenti logiche di un calcolatore (2 di 2)

13 D. Menasce12 Anzitutto uno sguardo, rapido ma del tutto superficiale, alla struttura interna di un moderno personal computer Anzitutto uno sguardo, rapido ma del tutto superficiale, alla struttura interna di un moderno personal computer

14 D. Menasce13 Vediamo, a blocchi, come funziona una CPU Main Memory La memoria centrale (da non confondere con i dischi) è anche detta RAM. Essa presiede alla memorizzazione di tutte le quantit à inerenti allattivit à del calcolatroe. La memoria centrale normalmente risiede esternamente alla CPU. Vedremo come la CPU è in grado di accedere alla memoria centrale sia per immagazzinare che per recuperare dati. Main Memory La memoria centrale (da non confondere con i dischi) è anche detta RAM. Essa presiede alla memorizzazione di tutte le quantit à inerenti allattivit à del calcolatroe. La memoria centrale normalmente risiede esternamente alla CPU. Vedremo come la CPU è in grado di accedere alla memoria centrale sia per immagazzinare che per recuperare dati. Main Memory La CPU

15 D. Menasce14 Vediamo, a blocchi, come funziona una CPU Main Memory Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Instruction Cache La instruction cache è una unità di memoria di dimensioni minori rispetto alla memoria centrale (main memory) ed è localizzata sullo stesso chip della CPU, cosa che la rende molto veloce. Quando al microprocessore occorrono nuove istruzioni non deve attendere che esse vengano recuperate dalla memoria centrale, ma le trova già disponibili nella cache. Instruction Cache La instruction cache è una unità di memoria di dimensioni minori rispetto alla memoria centrale (main memory) ed è localizzata sullo stesso chip della CPU, cosa che la rende molto veloce. Quando al microprocessore occorrono nuove istruzioni non deve attendere che esse vengano recuperate dalla memoria centrale, ma le trova già disponibili nella cache.

16 D. Menasce15 Vediamo, a blocchi, come funziona una CPU Main Memory Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Bus Unit La bus unit è una sorta di autostrada interna al calcolatore: è tramite questo componente che i dati viaggiano tra un dispositivo e laltro.Non si tratta di un componente ben localizzato in un punto della mother board, ma piuttosto di un complesso insieme di dispositivi che regolano il traffico sia come temporizzazione (master clock) che come indirizzamento del flusso di dati. Bus Unit La bus unit è una sorta di autostrada interna al calcolatore: è tramite questo componente che i dati viaggiano tra un dispositivo e laltro.Non si tratta di un componente ben localizzato in un punto della mother board, ma piuttosto di un complesso insieme di dispositivi che regolano il traffico sia come temporizzazione (master clock) che come indirizzamento del flusso di dati. Bus Unit Bus Unit

17 D. Menasce16 Vediamo, a blocchi, come funziona una CPU Main Memory Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Prefetch Unit La prefetch unit è la componente responsabile del recupero sia di dati che di istruzioni dalla memoria centrale. Vedremo più avanti come essa agisca nel caso di dati o di istruzioni Prefetch Unit La prefetch unit è la componente responsabile del recupero sia di dati che di istruzioni dalla memoria centrale. Vedremo più avanti come essa agisca nel caso di dati o di istruzioni Prefetch Unit Bus Unit Bus Unit

18 D. Menasce17 Vediamo, a blocchi, come funziona una CPU Main Memory Decode Unit La decode unit è preposta alla decodifica delle istruzioni provenienti dalla instruction cache. Le istruzioni memorizzate nella instruction cache sono generalmente in formato assembler (vedremo nel seguito cosa ciò voglia dire): è compito di questa unità il tradurre le quantità in codice binario. Decode Unit La decode unit è preposta alla decodifica delle istruzioni provenienti dalla instruction cache. Le istruzioni memorizzate nella instruction cache sono generalmente in formato assembler (vedremo nel seguito cosa ciò voglia dire): è compito di questa unità il tradurre le quantità in codice binario. Prefetch Unit Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Bus Unit Bus Unit Decode Unit Decode Unit

19 D. Menasce18 Vediamo, a blocchi, come funziona una CPU Main Memory Control Unit La control unit è responsabile, una volta ricevuti i comandi in forma binaria dalla decode unit, di attivare le componenti necessarie allesecuzione di ciò che viene richiesto. Control Unit La control unit è responsabile, una volta ricevuti i comandi in forma binaria dalla decode unit, di attivare le componenti necessarie allesecuzione di ciò che viene richiesto. Prefetch Unit Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Bus Unit Bus Unit Decode Unit Decode Unit Control Unit Control Unit

20 D. Menasce19 Vediamo, a blocchi, come funziona una CPU Main Memory Arithmetic Logic Unit (ALU) La arithmetic logic unit è la parte nella quale vengono effettivamente eseguite le operazioni. è ciò che realizza in pratica ciò che immaginiamo sia lattività di un calcolatore: fare conti. In genere questo componente è implementato in due differenti dispositivi, uno per i calcoli fra numeri interi e unaltra, detta floating point unit (FPU), dedicata ai più complessi calcoli in virgola mobile. Arithmetic Logic Unit (ALU) La arithmetic logic unit è la parte nella quale vengono effettivamente eseguite le operazioni. è ciò che realizza in pratica ciò che immaginiamo sia lattività di un calcolatore: fare conti. In genere questo componente è implementato in due differenti dispositivi, uno per i calcoli fra numeri interi e unaltra, detta floating point unit (FPU), dedicata ai più complessi calcoli in virgola mobile. Prefetch Unit Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Bus Unit Bus Unit Decode Unit Decode Unit Control Unit Control Unit Arithmetic Logic Unit Arithmetic Logic Unit

21 D. Menasce20 Vediamo, a blocchi, come funziona una CPU Main Memory Registers I registers sono un insieme ridottissimo (generalmente non più di una ventina) di locazioni di memoria a disposizione della CPU per contenere di volta in volta il codice delloperazione corrente da eseguire, degli operandi e delleventuale operatore sui quali agire. Anche in questo caso la localizzazione di questo blocco operazionale dipende da ogni singola implementzione reale di unarchitettura. Più in generale, tutto lo schema presentato ha un puro valore didattico, in quanto questo schema è tutt Registers I registers sono un insieme ridottissimo (generalmente non più di una ventina) di locazioni di memoria a disposizione della CPU per contenere di volta in volta il codice delloperazione corrente da eseguire, degli operandi e delleventuale operatore sui quali agire. Anche in questo caso la localizzazione di questo blocco operazionale dipende da ogni singola implementzione reale di unarchitettura. Più in generale, tutto lo schema presentato ha un puro valore didattico, in quanto questo schema è tutt Prefetch Unit Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Bus Unit Bus Unit Decode Unit Decode Unit Control Unit Control Unit Arithmetic Logic Unit Arithmetic Logic Unit Registers Registers Registers Registers

22 D. Menasce21 Vediamo, a blocchi, come funziona una CPU Main Memory Data Cache La data cache, infine, è lunità ad accesso rapido, nella quale vengono memorizzati i risultati temporanei delle varie operazioni. Data Cache La data cache, infine, è lunità ad accesso rapido, nella quale vengono memorizzati i risultati temporanei delle varie operazioni. Prefetch Unit Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Bus Unit Bus Unit Decode Unit Decode Unit Control Unit Control Unit Arithmetic Logic Unit Arithmetic Logic Unit Registers Registers Registers Registers Data Cache 0 V0 B 0 W0 C 0 X0 D 0 Y0 E 0 Z0 F

23 D. Menasce22 Vediamo, a blocchi, come funziona una CPU Main Memory Input ed Output Units La input/output units sono un complesso insieme di unità di ingresso ed uscita quali terminali, dischi, nastri, modem e ogni tipo di canale di comunicazione esterno alla CPU (che non sia la memoria). Input ed Output Units La input/output units sono un complesso insieme di unità di ingresso ed uscita quali terminali, dischi, nastri, modem e ogni tipo di canale di comunicazione esterno alla CPU (che non sia la memoria). Prefetch Unit Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Bus Unit Bus Unit Decode Unit Decode Unit Control Unit Control Unit Arithmetic Logic Unit Arithmetic Logic Unit Registers Registers Registers Registers Data Cache 0 V0 B 0 W0 C 0 X0 D 0 Y0 E 0 Z0 F Output Input

24 D. Menasce23 Arithmetic Logic Unit Arithmetic Logic Unit Registers Registers Registers Registers Data Cache 0 V0 B 0 W0 C 0 X0 D 0 Y0 E 0 Z0 F Bus Unit Bus Unit Control Unit Control Unit Decode Unit Decode Unit Prefetch Unit Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Output Input Main Memory Vediamo ora come una CPU esegue una operazione quale la somma di due numeri: Vediamo ora come una CPU esegue una operazione quale la somma di due numeri: Premendo il tasto si allerta la prefetch unit che un nuovo dato è presente in memoria. Il dato viene prelevato dalla memoria poichè la instruction cache è ancora vuota. La prefetch unit trasporta quindi, tramite la bus unit, il dato in ingresso nella instruction cache, attribuendogli il codice 2=x convenzionale 2=x 2=x

25 D. Menasce24 Arithmetic Logic Unit Arithmetic Logic Unit Registers Registers Registers Registers Data Cache 0 V0 B 0 W0 C 0 X0 D 0 Y0 E 0 Z0 F Bus Unit Bus Unit Control Unit Control Unit Decode Unit Decode Unit Prefetch Unit Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Output Input Main Memory Vediamo, a blocchi, come viene eseguita una operazione quale la somma tra due numeri: Vediamo, a blocchi, come viene eseguita una operazione quale la somma tra due numeri: 2=x Poichè al successivo scattare del clock della CPU, la instruction cache contiene un elemento, la prefetch unit è sollecitata a prelevarlo e fornirlo alla decode unit (sempre tramite lausilio della bus unit) 2=x 2=x 2=x La decode unit trasforma il codice convenzionale 2=x in una stringa di bit e la spedisce alla control unit La control unit è preposta alla decisione di cosa fare con listruzione ricevuta. Poichè si tratta di un operando (un numero su cui operare), esso verrà immagazzinato nella data cache per 2 successive operazioni. In particolare il numero 2 verrà messo X nella locazione indirizzata da X 2 X 2=x

26 D. Menasce25 Arithmetic Logic Unit Arithmetic Logic Unit Registers Registers Registers Registers Data Cache 0 V0 B 0 W0 C 0 X0 D 0 Y0 E 0 Z0 F Bus Unit Bus Unit Control Unit Control Unit Decode Unit Decode Unit Prefetch Unit Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Output Input Main Memory Vediamo, a blocchi, come viene eseguita una operazione quale la somma tra due numeri: Vediamo, a blocchi, come viene eseguita una operazione quale la somma tra due numeri: 2=x A questo punto la prefetch unit va a recuperare dalla memoria il succesivo operando (il valore ), e analogamente al caso 3=y precedente, dopo avergli attribuito il codice arbitrario 3=y, lo spedisce alla control unit, la quale lo identifica come un nuovo operando da memorizzare nella data cache alla locazione y. 2 X 2=x 3=y 2=x

27 D. Menasce26 Arithmetic Logic Unit Arithmetic Logic Unit Registers Registers Registers Registers Data Cache 0 V0 B 0 W0 C 0 X0 D 0 Y0 E 0 Z0 F Bus Unit Bus Unit Control Unit Control Unit Decode Unit Decode Unit Prefetch Unit Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Output Input Main Memory Vediamo, a blocchi, come viene eseguita una operazione quale la somma tra due numeri: Vediamo, a blocchi, come viene eseguita una operazione quale la somma tra due numeri: 2=x A questo punto la prefetch unit va a recuperare dalla memoria il successivo operando (il valore ), e analogamente al caso 3=y precedente, dopo avergli attribuito il codice arbitrario 3=y, lo spedisce alla control unit, la quale lo identifica come un nuovo operando da memorizzare nella data cache alla locazione y. 2 X 2=x 3=y 2=x2=x 3=y 3=y Y

28 D. Menasce27 Arithmetic Logic Unit Arithmetic Logic Unit Registers Registers Registers Registers Data Cache 0 V0 B 0 W0 C 0 X0 D 0 Y0 E 0 Z0 F Bus Unit Bus Unit Control Unit Control Unit Decode Unit Decode Unit Prefetch Unit Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Output Input Main Memory Vediamo, a blocchi, come viene eseguita una operazione quale la somma tra due numeri: Vediamo, a blocchi, come viene eseguita una operazione quale la somma tra due numeri: 2=x 2 X 2=x 3=y 2=x2=x 3 Y Infine la prefetch unit recupera dalla memoria loperatore Il percorso nella CPU fino alla control unit è analogo a quello degli operandi. Poichè si tratta di un operatore, la prefetch unit x+y=z gli assegna il codice convenzionale x+y=z prima di immetterlo nella instruction cache.x+y=z

29 D. Menasce28 Arithmetic Logic Unit Arithmetic Logic Unit Registers Registers Registers Registers Data Cache 0 V0 B 0 W0 C 0 X0 D 0 Y0 E 0 Z0 F Bus Unit Bus Unit Control Unit Control Unit Decode Unit Decode Unit Prefetch Unit Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Output Input Main Memory Vediamo, a blocchi, come viene eseguita una operazione quale la somma tra due numeri: Vediamo, a blocchi, come viene eseguita una operazione quale la somma tra due numeri: 2=x 2 X 2=x 3=y 2=x2=x 3 Y x+y=z Infine la prefetch unit recupera dalla memoria loperatore Il percorso nella CPU fino alla control unit è analogo a quello degli operandi. Poichè si tratta di un operatore, la prefetch unit x+y=z gli assegna il codice convenzionale x+y=z prima di immetterlo nella instruction cache.x+y=z x+y=z La control unit chiederà alla ALU di eseguire loperazione somma, il cui risultato verrà immagazzinato sia in un register (per successive eventuali operazioni) che nella data cache, nella z locazione z. 2+3=5 5 5 Z

30 D. Menasce29 Arithmetic Logic Unit Arithmetic Logic Unit Registers Registers Registers Registers Data Cache 0 V0 B 0 W0 C 0 X0 D 0 Y0 E 0 Z0 F Bus Unit Bus Unit Control Unit Control Unit Decode Unit Decode Unit Prefetch Unit Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Output Input Main Memory Vediamo, a blocchi, come viene eseguita una operazione quale la somma tra due numeri: Vediamo, a blocchi, come viene eseguita una operazione quale la somma tra due numeri: 2=x 2 X 2=x 3=y 2=x2=x 3 Y x+y=z Lultima operazione che esegue la prefetch unit è a questo punto il prelevamento dalla memoria delloperatore All operatore viene assegnato il codice convenzionale print z print z, che viene immesso nella instruction cache con il solito meccanismo di trasporto. 5 5 Z print z

31 D. Menasce30 Arithmetic Logic Unit Arithmetic Logic Unit Registers Registers Registers Registers Data Cache 0 V0 B 0 W0 C 0 X0 D 0 Y0 E 0 Z0 F Bus Unit Bus Unit Control Unit Control Unit Decode Unit Decode Unit Prefetch Unit Instruction Cache Instruction Cache a,a b,b c,c d,d Output Input Main Memory Vediamo, a blocchi, come viene eseguita una operazione quale la somma tra due numeri: Vediamo, a blocchi, come viene eseguita una operazione quale la somma tra due numeri: 2=x 2 X 2=x 3=y 2=x2=x 3 Y x+y=z Lultima operazione che esegue la prefetch unit è a questo punto il prelevamento dalla memoria delloperatore A questo operatore viene assegnato il codice convenzionale print z print z, che viene immesso nella instruction cache con il solito meccanismo di trasporto. 5 5 Z print z Leffetto di questa istruzione è quello di prelevare il valore Z contenuto nel registro Z della Data Cache e di portarlo allunità di output. Il meccanismo fin qui illustrato è solo qualitativamente corretto: le operazioni necessarie per eseguire le operazioni in un computer sono molto più complesse ed elaborate di quanto qui indicato. Un computer moderno in effetti consuma molta energia per produrre i calcoli che gli vengono richiesti….

32 D. Menasce31 I linguaggi di programmazione Abbiamo visto che larchitettura interna di un calcolatore prevede varie componenti collegate tramite un bus interno ( ). Vediamo ora come sia possibile istruire la CPU ad eseguire delle operazioni e a coordinare lattività fra tutte queste componenti: intodurremo il concetto di linguaggio macchina (detto anche assembler) e poi vedremo come questa famiglia di linguaggi si sia evoluta fino a giungere ai moderni linguaggi di alto livello. Assumeremo nei seguenti esempi che la CPU, per ogni ciclo del clock interno, sia in grado di eseguire una sola istruzione alla volta (moderni computer sono in grado di eseguirne diverse in parallelo). Linsieme più fondamentale di operazioni che una CPU sa eseguire è il cosiddetto ciclo di fetch-execute 1) preleva (fetch) la prossima istruzione da eseguire dalla memoria 2) decodifica listruzione da eseguire (detta OPCODE) 3) legge gli (eventuali) operandi dalla memoria 4) esegue le istruzioni e immagazzina i risultati Abbiamo già visto qualche dettaglio ( ) di come questo ciclo viene implementato nellesguire una somma

33 D. Menasce32 Abbiamo visto come i computer siano progettati per manipolare simboli binari soggetti a logica booleana. Una serie di comandi espressi in questa forma costituisce quello che si dice un linguaggio macchina. I comandi dati ad un computer sono espressi in forma di linguaggio, nel senso che esiste una sintassi ben definita che permette a chi programma (un essere umano) di farsi capire da chi è programmato (il computer). è però evidente che una serie di comandi del tipo benchè perfettamente comprensibili dal computer, rendono estremamente difficoltosa la programmazione da parte delluomo. Sebbene i primi computer avessero limitate capacità e quindi questo sistema per dare comandi era relativamente fattibile, apparve ben presto la necessità di migliorare la definizione sintattica del linguaggio per portarla più vicino al linguaggio naturale umano. Il primo passo in questa direzione fu lintroduzione di un linguaggio, detto assembler, che ad ogni istruzione elementare in forma binaria associa un equivalente mnemonico ……... Add Assembler language Machine language Store


Scaricare ppt "D. Menasce1 Queste trasparenze sono disponibili sul sito web dellautore: (selezionare lopzione COURSES) Queste."

Presentazioni simili


Annunci Google