La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Eclissi solare sull'Artico (1° agosto 2008) (1° agosto 2008) UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Eclissi solare sull'Artico (1° agosto 2008) (1° agosto 2008) UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO."— Transcript della presentazione:

1 eclissi solare sull'Artico (1° agosto 2008) (1° agosto 2008) UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO

2 I sigillanti costituiscono uno dei presidi inclusi nei programmi di prevenzione della salute orale e nascono dalla esigenza di contrastare l'insorgenza della carie a livello di quelli che sono dei "loci minoris resistentiae" della struttura dentale dei molari e premolari, ovvero dei solchi e delle fessure. scopo è quello di preservare queste superfici rendendole inaccessibili all'impianto di batteri e germi responsabili della insorgenza della carie. costituiscono ancora oggi delle fasce di età a rischio soprattutto per quanto concerne la suscettibilità alla carie di solchi e fessure I SIGILLANTI UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO

3 CENNI STORICI Nei primi del 900 si iniziò ad effettuare lOdontotomia profilattica che consisteva nellotturazione sistematica di solchi e fossette in presenza o meno di carie. Tuttavia tale procedura non poteva essere considerata preventiva, dato che prevedeva lasportazione di considerevole quantità di tessuto dentale sano per creare cavità ritentive per i materiali da otturazione dellepoca (cementi al silicato e amalgama). Inoltre, fu dimostrato che lodontotomia profilattica non riduceva, ma aumentava la probabilità di formazione di carie A metà degli anni 50 furono poste le basi per la Sigillatura con un cambiamento radicale, grazie al contributo di Michael Buonocore – che sviluppò i presupposti delle tecniche adesive – e di Raphael Bowen che propose nuovi monomeri resinosi, componenti dei futuri compositi furono poste le basi per la Sigillatura con un cambiamento radicale, grazie al contributo di Michael Buonocore – che sviluppò i presupposti delle tecniche adesive – e di Raphael Bowen che propose nuovi monomeri resinosi, componenti dei futuri compositi Nel 67 tali innovazioni portarono alla pubblicazione del primo articolo sul successo dellapplicazione delle resine come sigillanti su solchi e fossette Nei primi anni Settanta furono messi a punto da Wilson e Kent i cementi vetro- ionomerici, materiali che ancora oggi vengono considerati in alternativa alle resine composite. I SIGILLANTI UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO

4 Classificazione I sigillanti riconoscono quattro generazioni di materiali da quando sono stati introdotti: I generazione: I generazione: costituita da elementi ottenuti per miscelazione del metil-2-cianoacrilato con il metil- metacrilato ed attivati per mezzo di luce ultravioletta (Ormai hanno solamente valore storico).- II generazione: costituita da elementi in cui il cianoacrilato è sostituito dal dimetacrilato che rappresenta il prodotto di reazione del bisfenolo A con il glicidil-metacrilato (Bis-Gma). Sono autopolimerizzabili (Anche essi sono stati abbandonati). III generazione: Costituita da a) elementi ottenuti per miscelazione di cementi vetroionomerici e recentemente con laggiunta di ACP (fosfato di calcio amorfo) e di AFP (fosfato di fluoro amorfo) che sono riempitivi a nanoparticelle facilmente assorbiti dai tessuti dentali. I cementi vetro-ionomerici però non possiedono le caratteristiche estetiche dei compositi e neanche la loro resistenza allabrasione, con una conseguente breve durata nel tempo. Inoltre sono fragili e tendono a fratturarsi esponendo allambiente orale le porzioni sottostanti non sigillate di solchi e fossette; b) derivati uretani, a differenza dei vetro-ionomeri presentano una maggiore resistenza e durezza. Inoltre venendo incorporato il fluoruro, esso fuoriesce lentamente per diffusione, il quale combinandosi con lo smalto esplica unazione anticarie. IV generazione: costituita da elementi sempre a base di Bis-Gma ma polimerizzabili mediante luce alogena. I materiali fotopolimerizzabili sono più semplici da usare rispetto a quelli autopolimerizzabili poiché possono essere applicati e lasciati scorrere per un periodo più adeguato prima di sottoporli alla luce per la polimerizzazione. costituita da elementi sempre a base di Bis-Gma ma polimerizzabili mediante luce alogena. I materiali fotopolimerizzabili sono più semplici da usare rispetto a quelli autopolimerizzabili poiché possono essere applicati e lasciati scorrere per un periodo più adeguato prima di sottoporli alla luce per la polimerizzazione. I SIGILLANTI UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO

5 In base alla percentuale di riempitivo distinguiamo: sigillanti non riempiti ; In base alla percentuale di riempitivo distinguiamo: sigillanti non riempiti ; sigillanti mediamente riempiti (riempiti intorno al 5%); sigillanti altamente riempiti sigillanti altamente riempiti (riempiti oltre il 50%). I riempitivi sono costituiti da particelle inorganiche provenienti da cristalli di quarzo, vetro borosilicato, vetro di bario, parti colloidali, silicato di bario, silicato di stronzio e alluminio, fluoruro di calcio L'aggiunta di riempitivo ha lo scopo di rendere il prodotto più resistente all'abrasione ma comporta lo svantaggio di una maggiore viscosità e conseguentemente una notevole perizia da parte dell'operatore nel collocarlo in situ.Per evitare questi inconvenienti si sono utilizzati da recente i nanoriempitivi (ACP,AFP). punto di vista cromatico i sigillanti si distinguono in: Sigillanti trasparenti; sigillanti colorati ( Biossido di titanio TiO2) (colore dente,bianchi,rosa). sigillanti opachi. Il vantaggio di poter fruire di prodotti colorati ed opachi è dovuto al fatto che questi sono più visibili e quindi suscettibili ad una più facile e diretta osservazione clinica nel corso del tempo. Classificazione I SIGILLANTI UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO

6 . Una ulteriore classificazione dei sigillanti potrebbe essere effettuata in base alla presenza o meno di fluoro nei composti. Generalmente l'incorporazione del fluoro può avvenire con due metodi: Generalmente l'incorporazione del fluoro può avvenire con due metodi: a) il sale fluorato solubile è aggiunto alla resina non polimerizzata: dopo che il sigillante è stato applicato al dente, il sale dissolve, e gli ioni fluorati vengono rilasciati.- b) un composto organico fluorato viene legato chimicamente alla resina ed il fluoro viene rilasciato dallo scambio con altri ioni. Uno studio effettuato in vitro da Shariati (1989) suggerisce che il rilascio di fluoro potrebbe inibire la demineralizzazione e promuovere al contrario una mineralizzazione dello smalto sottostante provvedendo a lasciare uno strato di fluoro che rende il dente più resistente alla carie qualora il sigillante venga perso. Uno studio effettuato in vitro da Shariati (1989) suggerisce che il rilascio di fluoro potrebbe inibire la demineralizzazione e promuovere al contrario una mineralizzazione dello smalto sottostante provvedendo a lasciare uno strato di fluoro che rende il dente più resistente alla carie qualora il sigillante venga perso. Classificazione I SIGILLANTI UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO

7 . APPLICAZIONI CLINICHE. APPLICAZIONI CLINICHE Classificazione I SIGILLANTI UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO trasparenti colorati

8 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA M.CALTABIANO

9 21 dicembre 2010, giorno del solstizio di inverno


Scaricare ppt "Eclissi solare sull'Artico (1° agosto 2008) (1° agosto 2008) UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO."

Presentazioni simili


Annunci Google